la natura innaturale della matematica n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
La natura innaturale della matematica PowerPoint Presentation
Download Presentation
La natura innaturale della matematica

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 28

La natura innaturale della matematica - PowerPoint PPT Presentation


  • 146 Views
  • Uploaded on

La natura innaturale della matematica. Laura Catastini. Parole, parole, parole…. La memoria a breve termine e la costruzione di un senso.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'La natura innaturale della matematica' - parry


Download Now An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
parole parole parole
Parole, parole, parole….

La memoria a breve termine e la costruzione di un senso

slide3
Se i palloncini scoppiassero, il suono non raggiungerebbe più la sua meta, perché il tutto verrebbe a trovarsi troppo lontano dal piano giusto. Anche una finestra chiusa impedirebbe al suono di arrivare dove deve arrivare, poiché la maggior parte degli edifici tende ad essere ben isolata. Dato che l’intera operazione dipende da un flusso continuo di elettricità, se il cavo si rompesse, questo anche creerebbe dei problemi. Naturalmente l’individuo potrebbe urlare, ma la voce umana non arriva così lontano. Un ulteriore problema è che una corda dello strumento potrebbe rompersi. Se ciò succedesse non ci sarebbe più accompagnamento al messaggio. È chiaro che la situazione migliore richiederebbe una minore distanza. Allora ci sarebbero meno problemi potenziali. Meglio di tutto sarebbe se ci fosse contatto faccia a faccia.
immagini vedere gi pensare
immagini(vedere è già pensare)

linguaggio naturale(siamo naturalmente logici?)

ragionamento
RAGIONAMENTO

Per Piaget il pensiero dell’adulto ha la forma della logica formale aristotelica, cioè il pensiero adulto è “naturalmente” logico

logica pragmatica
Logica “pragmatica”

Il nostro pensiero comune è sicuramente retto da regole logiche ben definite, che sono però diverse da quelle della logica aristotelica. Nella deduzione naturale, cioè quella che si impara fin da piccoli nella conversazioni, il soggetto usa, ad esempio, tuttele conoscenze in suo possesso sul contenuto delle affermazioni o delle domande poste, anche quelle esterne all’argomento in questione. Nella logica formale invece si possono usare solo le informazioni interne a ciò che si dice.

inferenze naturali
Inferenze naturali

Il linguaggio, la comunicazione linguistica e il pensiero deduttivo sono strettamente intrecciati tra loro . Consideriamo il seguente dialogo

– Sai se Roberto è tornato?

– Ho visto la sua macchina sotto casa

La risposta sembra incongrua con la domanda, ma innesca una cascata di deduzioni, immediate, che fanno concludere che probabilmente Roberto è tornato. La conversazione si avvale di regole implicite, non codificate, apprese dagli interlocutori con la pratica, che rende la risposta appropriata Tali inferenze spontanee sono necessarie per un corretto svolgimento della comunicazione e del ragionamento tra i dialoganti, ma sono assolutamente scorrette da un punto di vista formale perché usano informazioni “esterne”

il comportamento razionale e la logica naturale
Il comportamento razionale e la logica naturale
  • Le conversazioni razionali producono (e si reggono sulle) implicazioni conversazionali. Queste sono implicazioni non espresse che si creano in un discorso quando si pensa che sia osservato il principio di cooperazione
  • Osservare il principio di cooperazione e le massime significa comportarsi razionalmente nell’interazione con gli altri.
implicazioni conversazionali
Implicazioni conversazionali
  • Supponiamo che A e B stiano parlando di un amico comune C, che ora lavora in banca. A chiede come vada il nuovo lavoro di C e B risponde:« Oh, piuttosto bene, mi pare, i colleghi gli piacciono e non è ancora stato arrestato.»
  • L’informazione contenuta dalla risposta di B consta di due soli elementi: a C piacciono i nuovi colleghi e non è ancora stato arrestato. Formalmente ciò non permette alcuna inferenza
  • Sempre formalmente “e non è ancora stato arrestato” può essere aggiunto alla fine di qualunque proposizione , creando proposizioni composte ma nessuna implicazione:
slide13
Dal punto di vista conversazionale si “dice” (e si capisce) di più che da quello formale . Infatti la massima della QUANTITA’ chiede di dare informazioni pertinenti al discorso che si sta svolgendo, per cui il dire che “C non è ancora stato arrestato” è pertinente solo se, per esempio, C fosse di abitudine disonesto e potesse quindi cadere in tentazione. Ciò permette all’interlocutore di dedurre quest’ultima implicazione.
esempi di implicatura conversazionale
A: Ho finito la benzina

B: dietro l’angolo c’è un garage

(B infrangerebbe la massima «sii pertinente» a meno che non pensi che il garage è aperto, che venda benzina ecc., dunque B implica che il garage è aperto, che venda benzina ecc.)

A: Non trovo la mia penna preferita

B: Ieri ho visto un buco nel tuo zaino

A: Dove abita C?

B: Da qualche parte nel sud della Francia

(per la seconda massima della qualità, si deduce che B non sa dove abita C cosa non deducibile da un punto di vista strettamente formale)

«Paolo deve incontrare una donna, stasera»

(implica di norma che la persona che Paolo incontrerà non è sua moglie, né sua sorella, né una qualunque collega di lavoro, per le massime della modalità e della quantità.)

A: Rossi si è rotto una gamba

B: Non posso muovermi dal posto di lavoro.

(per la massima della pertinenza, si deduce che Rossi ha bisogno di essere trasportato da qualche parte.)

Esempi di implicatura conversazionale
esempi di risposte con logiche diverse
Esempi di risposte con logiche diverse

SCUSI, SA CHE ORE SONO?

  • Sono le dieci e mezzo -

(logica conversazionale)

  • SI -

(logica formale, del matematico)

tornando a tutti gli italiano sono uomini qualche uomo biondo
Tornando a “tutti gli italiano sono uomini - qualche uomo è biondo…”
  • La conclusione che di solito viene data al sillogismo è “qualche italiano è biondo” che non è accettabile dal punto di vista formale.
  • Infatti la conclusione accettabile di un sillogismo è una proposizione che deve essere vera in tutte le situazioni nelle quali sono vere le premesse, usando esclusivamente le conoscenze che sono contenute in esse e non quelle che noi abbiamo del mondo.
  • Tenendo conto di questo, esaminiamo i casi possibili, illustrati nella slide seguente:
slide17
Stando strettamente e unicamente alle notizie INTERNE alle premesse, tra le situazioni possibili che le verificano, abbiamo quella illustrata a sinistra, nella quale gli italiani sono compresi nell’insieme degli uomini, e hanno anche una intersezione con l’insieme dei biondi. In questo caso la conclusione “qualche italiano è biondo” sarebbe verificata.
  • Ma tra i casi possibili che possiamo aver dalle premesse c’è anche quello a destra, nel quale gli italiani stanno nell’insieme degli uomini, come vuole la prima premessa, ma non hanno alcuna intersezione con i biondi. Anche questo secondo caso verifica le premesse, ma la conclusione proposta “qualche italiano è biondo”, in questo caso sarebbe falsa.
  • La conclusione allora non può essere accettata e la risposta è
  • “IL SILLOGISMO NON AMMETTE CONCLUSIONE ACCETTABILE”
esempi di sillogismi costruiti su inferenze pragmatiche e sulla difficolt a falsificare
Esempi di sillogismi costruiti su inferenze pragmatiche e sulla difficoltà a falsificare
  • Sillogismo di Bush(Corriere.it 2002) All’indomani delle grandi manifestazioni per la pace Bush afferma che la guerra all’Iraq è l’ultima cosa che si deve fare (per dare ragione ai pacifisti), ma non fare nulla è peggio. L’agenzia continua informando che Bush indica una data a breve termine per la guerra
  • Quindi:
  • La guerra all’Iraq è l’ultima cosa che si deve fare
  • Non fare nulla è peggio
  • Qual è l’inferenza indotta da queste due premesse, in stile conversazionale?
  • Queste due premesse che possiamo accettare come entrambe vere, sembrano implicare con logica conseguenza, che allora è meglio fare la guerra.
  • La cosa, ragionandoci sopra, è evidentemente scorretta infatti la negazione del “non fare nulla” non è “fare la guerra”. Oltre alla guerra infatti si possono fare moltissime altre cose come, ad esempio, quelle proposte dall’asse franco tedesco, dalle Nazioni unite, ecc, ecc.
  • La struttura sillogistica che soggiace a queste affermazioni mette chiaramente in luce la scorrettezza della conclusione che implicitamente si vuole sollecitare.
slide19
Se non si fa nulla non si fa la guerra (affermazione vera)
  • Si deve fare qualcosa (non fare nulla è peggio) (affermazione vera)
  • Conclusione scorretta si deve fare la guerra.

Più formalmente:

A è fare qualcosa, non-A è non fare nulla

B è fare la guerra, non-B è non fare la guerra

  • Se non-A allora non-B
  • A
  • allora (conclusione scorretta) B

La struttura di questa truffa logica si ritrova spesso. Della stessa natura è lo slogan

  • Se non giochi non vinci

Che sembra implicare che se giochi vinci.

  • Sillogismo di Tremonti:(31 ottobre 2003) dal Corriere.it 7/12/03
  • ”Siamo gli unici ad aver riformato lavoro e pensioni”
il vero per ipotesi
Il “vero per ipotesi”
  • Una regola implicita, quando si è alle prese con la risoluzione di un problema scolastico, è quella di basare il proprio ragionamento sulle premesse menzionate nella domanda, ignorando ogni conoscenza pratica dell’argomento, ma ciò che succede “ragionando” con un’altra persona è esattamente l’opposto. Le persone normalmente concordano nel trovare insensato ignorare ciò che sanno.

SE SONO IN AEREO NON SONO TRANQUILLO

SONO TRANQUILLO

Quindi………..

slide21
Ancora sul ruolo del “vero”
  • Ogni carrozziere è giocatore di scacchi
  • Nessun archeologo è carrozziere

C’è subito qualcuno che protesta che suo zio è carrozziere ma non sa giocare a scacchi. D’altra parte se cerchiamo

premesse “sensate”:

  • Nessun attaccapanni è un animale
  • Ogni animale è un ente che respira

………

slide22
Per noi quella conclusione è giusta

perché è vera, mentre la conclusione

corretta

“qualche ente che respira non è un

attaccapanni”

sembra imprecisa e generica.

“Sembra meno vera” mi è stato detto una

volta

slide26

“Possono immagine e applicazione entrare in collisione? Ebbene, lo possono nella misura in cui l’immagine fa prevedere un impiego diverso…”(Ricerche, Wittgenstein)

  • Il pensiero che echeggia nel vedere, a volte, si scontra con lo sviluppo del modello stesso. Ecco alcune immagini del “contare”:
slide27

“Il contar parti in I è la stessa cosa che contar punti in IV?”

“Il contar parti in I è la stessa cosa che contar parti in IV? E in cosa consiste la differenza? […] C’inquieta l’analogia tra il contar punti e il contar parti, e il fallimento di questa analogia

slide28

In questo, nel contar come «una» la parte indivisa, c’è qualcosa di strano; invece, non incontriamo nessuna difficoltà nel veder come immagine del 2 la superficie bipartita. Qui si sarebbe molto più propensi a contare 0, 2,3, ecc. e questo corrisponde alla successione delle proposizioni: «Il quadrato è indiviso», «il quadrato è diviso in due parti», ecc.” L.Wittgenstein, Grammatica Filosofica