slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Unione Europea PowerPoint Presentation
Download Presentation
Unione Europea

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 20

Unione Europea - PowerPoint PPT Presentation


  • 103 Views
  • Uploaded on

Unione Europea. Come iniziò ….

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Unione Europea' - omana


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

Unione Europea

Come iniziò …

slide2

Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla drammatica situazione economica e sociale, in alcuni ambienti europei si diffuse la speranza che la ricostruzione potesse costituire un’occasione di cooperazione tra i paesi del continente. Nel 1948, con il compito di coordinare gli aiuti del piano Marshall, nacque l’ Organizzazione europea per la cooperazione economica (OECE), che costituì il primo embrione del processo di integrazione. I rapporti tra paesi europei occidentali si intensificarono con la nascita nel 1949 del Patto Atlantico e del Consiglio d’ Europa, ma fu il piano elaborato da due statisti francesi, Jean Monnet e Robert Schuman, a determinare l’avvio di una collaborazione ancora più stretta. Schuman era convinto che solo la realizzazione di opere concrete, che originasse di fatto l’ unione tra i diversi paesi, potesse determinare il superamento dell’ostacolo rappresentato dalla distanza tra una posizione funzionalista (che privilegiava la collaborazione economica e militare, soprattutto in funzione antisovietica) e una federalista (che spingeva per la creazione immediata di istituzioni europee con poteri sovrani).

slide3

Pur aderendo alla prima, anche per cercare di coinvolgere la Gran Bretagna nel disegno associativo, Schuman lasciò intuire le grandi possibilità che il suo piano apriva all’integrazione politica. Nel maggio del 1950 Schuman propose la creazione di un'autorità comune per regolamentare l'industria del carbone e dell'acciaio; la proposta fu accolta da Germania, Belgio, Italia, Lussemburgo e Paesi Bassi, che insieme alla Francia, firmarono il trattato di Parigi nel 1951, dando vita alla Comunità europea del carbone e dell'acciaio, operativa a partire dal 27 luglio 1952. Il governo britannico, invece, contrario alla natura sopranazionale della CECA, decise di non partecipare all'iniziativa. Nel giugno 1955 i ministri degli Esteri dei sei paesi fondatori della CECA decisero di esaminare la possibilità di ampliare le basi della cooperazione economica: ebbe così inizio il processo che portò alla conclusione dei due trattati di Roma del marzo 1957, istitutivi della Comunità economica europea e della Comunità europea per l'energia atomica. Quest'ultima, che aveva lo scopo di sviluppare la ricerca sull’utilizzo dell’energia nucleare a scopi pacifici, si rivelò però di minor importanza, poiché i singoli governi continuarono a esercitare un pieno controllo sui propri programmi nucleari.

slide4

COME FUNZIONA L’UNIONE EUROPEA:

Per evitare confusioni e problemi, sono state create delle istituzioni che si occupano di fissare le regole e di farle rispettare in tutti i Paesi dell’ Unione. Le quattro istituzioni principali sono: il Consiglio europeo, la Commissione europea, il Parlamento europeo e il Consiglio dei Ministri dell’ Unione europea.

slide5

COMMISSIONE EUROPEA:

“E’ l’organo esecutivo con sede a Bruxelles, in Belgio, e verifica che le leggi siano rispettate da tutti i Paesi membri dell’Unione. E’ formato da 25 Commissari, nominati ogni cinque anni, che non rappresentano il loro Stato di provenienza, ma, ciascuno nella sua materia specifica, (ad esempio cultura o ambiente) lavora nell’ interesse generale dell’ Unione europea.”

slide6

Consiglio

dei ministri dell’

unione europea:

“E’ l’organo decisionale principale dell’ Unione, composto dai ministri dei 25 Stati membri, ma non sempre degli stessi: se ad esempio si deve esaminare un problema relativo all’ambiente, verranno convocati nella sede di Bruxelles i Ministri dell’Ambiente di tutti i Paesi. Il suo Presidente cambia ogni 6 mesi ed è sempre di uno Stato diverso dell’ Unione. Vota le leggi presentate dalla Commissione europea, decide da solo o con il Parlamento per quanto riguarda ad esempio la tutela dei consumatori, l’educazione o la salute.”

slide7

PARLAMENTO EUROPEO

“Viene eletto ogni 5 anni direttamente dai cittadini degli Stati membri. Ha una sede a Strasburgo ed una a Bruxelles. Ne fanno parte i parlamentari, che si riuniscono in base alle loro idee politiche e non a seconda del paese di origine. Ha due funzioni: elabora le leggi assieme al Consiglio dei Ministri dell’ Unione europea e controlla l’attività della Commissione europea.”

slide8

Consiglio

Europeo:

“Si riunisce almeno due volte l’ anno a Bruxelles e vi partecipano, i capi di Stato o di governo dei paesi membri e il presidente della Commissione europea. Una volta riunito, il Consiglio decide, di cosa si dovrà occupare l’ Unione europea nel futuro per aumentare la sua forza e stabilità.”

slide9

Approfondimento:

Tutte le lingue parlate negli Stati membri sono riconosciute come ufficiali. Ogni lingua è infatti una enorme ricchezza che rappresenta la cultura di ciascun Paese, ed è giusto che non vada perduta. Nelle sedi delle istituzioni europee troveremo sempre un gruppo numeroso di interpreti, che garantirà a ciascuno la possibilità di esprimersi nella propria lingua, traducendo per coloro che non la conoscono.

slide10

I

cittadini

europei…

Ogni persona, che ha la nazionalità di uno degli Stati membri, è automaticamente anche cittadino dell’Unione europea: voi continuerete ad essere cittadini italiani, ma tutti voi potrete dire di essere cittadini europei. Tutto questo vuol dire che potremo viaggiare in tutti gli Stati dell’Unione senza bisogno di particolari permessi. Il passaporto è uguale per tutti ed è di colore rosso scuro. Sulla copertina si legge “Unione europea” e sotto il nome del paese d’origine. In particolare, i cittadini europei hanno una possibilità in più di essere aiutati al di fuori della Comunità europea. In caso di difficoltà furto o, malattia ad esempio, un italiano che viaggia in un Paese dove l’Italia non ha un’ambasciata, può andare in quella di qualsiasi altro paese dell’Unione.

slide11

L'arrivo dell' euro :

“Con il trattato firmato nel 1992 a Maastricht, in Olanda, si è dato un nome unico di Unione europea, come noi la conosciamo, a tutto l’insieme della Comunità economiche e delle altre strutture già esistenti. Inoltre, quello di Maastricht è il trattato che ha avuto il merito di dare maggiore importanza all’unione dei popoli europei con la creazione della cittadinanza europea.”Nel 2002, 12 dei 15 Paesi che allora formavano l’Unione europea, (tranne la Svezia, la Danimarca e il Regno Unito che per il momento hanno scelto di mantenere la loro moneta) hanno deciso di usare tutti l’euro come moneta. Cosi, se ci capita di passare in uno di questi 12 Paesi e vogliamo comprare un gelato, sappiamo che potremo usare le stesse monete che avevamo in tasca prima di passare il confine. I 10 Paesi che sono entrati a far parte dell’Unione Europea il 1° maggio 2004 non hanno ancora l’euro perché aspettano di avere un’economia più forte.

slide15

ISLANDA

L’UNIONE EUROPEA DOPO IL 2004…

FINLANDIA

SVEZIA

ESTONIA

NORVEGIA

LETTONIA

IRLANDA

LITUANIA

DANIMARCA

POLONIA

HOLANDA

GRANBRETAGNA

REP-CECA

BELGIO

SLOVACCHIA

GERMANIA

LUXEMBURGO

UNGHERIA

PORTOGALLO

FRANCIA

SLOVENIA

ROMANIA

BULGARIA

SPAGNA

AUSTRIA

ITALIA

TURCHIA

GRECIA

MALTA

PAESI ENTRATI DAL 2004

PAESI CHE ENTRERANNO PRESTO

PAESI A CUI è STATO NEGATO L’ACCESSO

slide16

7-10 maggio 1947: Congresso dell'Aia: riunione dei movimenti federalisti europei

  • 16 aprile 1948: Nasce, allo scopo di coordinare il piano Marshall, l'Organizzazione europea per la cooperazione economica (OECE)
  • 5 maggio 1949: Nasce, con il trattato di Strasburgo, il Consiglio d'Europa
  • 9 maggio 1950: Il piano Schuman suggerisce ai paesi europei di stabilire una politica comune per le industrie del carbone e dell'acciaio
  • 18 aprile 1951: Nasce la Comunità europea del carbone e dell'acciaio (CECA); vi aderiscono Belgio, Francia, Germania, Italia, Lussemburgo e Paesi Bassi
  • 27 maggio 1952: Trattato sulla Comunità europea di difesa (CED)
  • 30 agosto 1954: La Francia respinge il trattato di costituzione della CED
  • 23 ottobre 1954: Nasce l'Unione europea occidentale (UEO)
slide17

25 marzo 1957: Con i trattati di Roma le comunità europee diventano tre: nascono infatti la Comunità economica europea (CEE) e la Comunità europea per l'energia atomica (EURATOM), che vanno ad aggiungersi alla CECA

  • 19 marzo 1958: Robert Schuman viene eletto presidente del Parlamento europeo
  • 3-11 luglio 1958: La conferenza di Stresa pone le basi per una politica agricola comune
  • 20 novembre 1959: Nasce l'Associazione europea di libero scambio (EFTA), con l'intento di promuovere la collaborazione economica tra i paesi europei, compresi i membri della CEE; vi aderiscono Austria, Danimarca, Gran Bretagna, Norvegia, Portogallo, Svezia e Svizzera
  • 14 dicembre 1960: L'OECE diventa Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE)
  • 14 gennaio 1963: Richiesta d'ingresso della Gran Bretagna rifiutata per il veto francese
  • 8 aprile 1965: Vengono istituiti un Consiglio unico e una Commissione unica per le tre comunità
  • 1° luglio 1965: Opponendosi al conferimento di maggiori poteri al Parlamento europeo, la Francia abbandona i lavori del Consiglio
  • 30 gennaio 1966: Con il "compromesso del Lussemburgo", che stabilisce l'obbligo di unanimità per le decisioni importanti, la Francia torna nel Consiglio
slide18

22 gennaio 1972: Danimarca, Gran Bretagna, Irlanda e Norvegia firmano il trattato di adesione alla CEE

  • 24 aprile 1972: Nasce il "serpente monetario europeo"
  • 26 settembre 1972: In Norvegia un referendum boccia l‘ adesione alla CEE
  • 1° gennaio 1973: Con l'adesione di Danimarca, Gran Bretagna e Irlanda i paesi della CEE diventano nove
  • 9-10 dicembre 1974: Creazione del Consiglio europeo, al quale partecipano i capi di stato e di governo dei paesi membri
  • 28 febbraio 1975: Prima Convenzione di Lomé tra la CEE e 46 stati africani, caraibici e del Pacifico (ACP)
  • 4-5 dicembre 1978: Nasce il Sistema monetario europeo; è basato sull'ECU, la moneta unica europea
  • 7-10 giugno 1979: Prime elezioni del Parlamento europeo con suffragio universale
  • 1° gennaio 1981: Ingresso nella CEE della Grecia
  • 8 dicembre 1984: Terza Convenzione di Lomé tra CEE e 65 paesi ACP
  • 14 giugno 1985: Belgio, Germania, Francia, Lussemburgo e Paesi Bassi firmano gli accordi di Schengen, destinati ad abolire i controlli alle frontiere comuni
  • 1° gennaio 1986: Con l'ingresso nella CEE di Spagna e Portogallo, i paesi membri diventano dodici
  • 17-28 febbraio 1986: I paesi membri della CEE firmano l'Atto unico europeo
  • 11 giugno 1986: Le tre istituzioni europee, Parlamento, Consiglio e Commissione, firmano una dichiarazione congiunta contro il razzismo e la xenofobia
  • 1° luglio 1987: Entra in vigore l'Atto unico europeo
slide19

8-9 dicembre 1989: I capi di stato dei paesi membri della CEE, firmano la Carta comunitaria dei diritti sociali fondamentali dei lavoratori

  • 19 dicembre 1989: Quarta Convenzione di Lomé tra CEE e 69 paesi ACP
  • 20 giugno 1990: CEE ed EFTA danno inizio ai negoziati per la formazione di un'Area economica europea
  • 14 aprile 1991: Diventa operativa la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (BERS)
  • 9-10 dicembre 1991: Summit tra i capi di stato e di governo dei paesi membri a Maastricht, nei Paesi Bassi
  • 7 febbraio 1992: Con la firma del trattato sull'Unione Europea, la CEE diventa Unione Europea (UE)
  • 1° novembre 1993: Entra in vigore il trattato sull'Unione Europea
  • 1° gennaio 1994: Con l'istituzione dell'Istituto monetario europeo (Banca centrale europea) ha inizio
  • la seconda fase dell'unione economica e monetari
  • 24-25 giugno 1994: Austria, Finlandia, Svezia e Norvegia firmano il trattato di adesione alla UE
  • 28 novembre 1994: In Norvegia, un referendum respinge nuovamente l'ingresso del paese nell'UE
  • 1° gennaio 1995: Con l'ingresso di Austria, Finlandia e Svezia, i membri dell'UE diventano quindici
  • 26 marzo 1995: Entra in vigore l'accordo di Schengen tra sette paesi dell'UE (Belgio, Francia, Germania, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo, Spagna)
  • 29 marzo 1996: Apertura ufficiale, a Torino, della Conferenza intergovernativa per la riforma del trattato di Maastricht
slide20

14 dicembre 1996: Consiglio europeo di Dublino; patto di crescita e di stabilità in vista della futura zona monetaria europea

  • 15 giugno 1997: Consiglio europeo di Amsterdam; conclusione della Conferenza intergovernativa
  • Dicembre 1997: Inizio dei negoziati per l'ingresso di nuovi membri nell'UE
  • Maggio 1998: Nascita ufficiale dell'euro, la moneta unica europea. Vi aderiscono 11 paesi dell'Unione Europea; Danimarca, Gran Bretagna e Svezia non aderiscono per propria scelta politica, mentre la Grecia non soddisfa i criteri di convergenza stabiliti dal trattato di Maastricht
  • 1° gennaio 1999: Introduzione dell'euro sui mercati finanziari
  • 1° gennaio 2001: L'area dell'euro si estende alla Grecia
  • 1° gennaio 2002: Nei paesi aderenti all'UME entra in circolazione l'euro. Le monete nazionali vengono ritirate secondo piani di sostituzione diversi da paese a paese
  • 1° luglio 2002: L'euro è l'unica moneta in circolazione nei paesi dell'UME
  • 1° maggio 2004: Entrata del resto dei Paesi nell’Unione europea.