piani integrati di salute e salute dei lavoratori n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
PIANI INTEGRATI DI SALUTE e salute dei lavoratori PowerPoint Presentation
Download Presentation
PIANI INTEGRATI DI SALUTE e salute dei lavoratori

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 24

PIANI INTEGRATI DI SALUTE e salute dei lavoratori - PowerPoint PPT Presentation


  • 128 Views
  • Uploaded on

Siena, 16 dic 2005. PIANI INTEGRATI DI SALUTE e salute dei lavoratori. Mauro Valiani. . …”egli vede il mondo come un “sistema dei sistemi”, in cui ogni sistema singolo condiziona gli altri e ne è condizionato”. ( I. Calvino – Lezioni americane Mondadori, 1993 ). PIANI INTEGRATI DI SALUTE.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'PIANI INTEGRATI DI SALUTE e salute dei lavoratori' - olinda


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide2

.…”egli vede il mondo come un “sistema dei sistemi”, in cui ogni sistema singolo condiziona gli altri e ne è condizionato”.

(I. Calvino – Lezioni americane

Mondadori, 1993)

piani integrati di salute
PIANI INTEGRATI DI SALUTE

“…strumenti di programmazione integrata delle

politiche sociali e sanitarie e delle loro connessioni

con quelle relative ai settori, in primo luogo

ambientali e territoriali, che abbiano comunque

influenza sullo stato di salute della popolazione.

Il PIS scaturisce da un procedimento di concertazione

al quale partecipano i soggetti istituzionali e quelli

rappresentativi della comunità locale e delle forze sociali; è

coerente con l’impostazione regionale della programmazione

integrata, che sta alla base del programma regionale di

sviluppo e si allinea alle direttive dell’OMS sullo sviluppo

della salute nelle comunità”.

(P S R 2005-2007, par. 4.2.2.)

slide4

LINEE GUIDA

  • PER LA REALIZZAZIONE DEI PIS
  • (delib GR 682/04)
  • Il PIS costituisce la modalità di espressione delle funzioni di governo della Società della Salute attraverso un modello integrato di programmazione per obiettivi di salute
  • Il PIS si compone di azioni progettate (PROGRAMMI E PROGETTI OPERATIVI) relative a problemi di rilievo sociale e pertinenza locale, con specifici e valutabili obiettivi di salute, attraverso le quali orientare l’operatività dei servizi e valorizzare le potenzialità del contesto sociale e istituzionale
  • …tali attività vengano realizzate e gestite sulla base di PATTI TERRITORIALI tra la SdS e altri soggetti pubblici e privati che partecipino all’attuazione del PIS...
  • La realizzazione del PIS è COMPITO DEI COMUNI ASSOCIATI…
  • La definizione dei progetti del PIS è compito delle strutture tecniche dell’Azienda ASL e delle strutture tecniche dei comuni coordinate secondo le modalità tecnico/organizzative individuate dalla C.d.S.
  • Il PROFILO DI SALUTE è un documento tecnico realizzato in modo integrato da esperti dedicati…
  • - l’IMMAGINE DI SALUTE è una rappresentazione problematica connotata, emerge dalla collaborazione di soggetti tecnici e politici…
slide7

Empoli, 12 nov 2004

IV Confer Servizi Socio Sanitari USL 11

…”è emerso che il lavoro di costruzione dei PIS consiste, sinteticamente, in “tre sfide”:

  • governare la domanda, anche attraverso una “sfida al mercato”
  • incrementare l’integrazione socio sanitaria
  • incidere sui determinanti di salute (sanitari e, soprattutto, extrasanitari)”…
slide9

consumare prestazioni o produrre salute?

Promozione Salute

Popolazione

Individuo

Trattamento

slide10

n. addetti medio imprese toscane: 4.01

  • (Italia: 4.75) (dati INAIL 2002)
la sicurezza in toscana
LA SICUREZZA IN TOSCANA
  • Pur registrando una crescente sensibilità ed attenzione, gli obiettivi reali di prevenzione e di sicurezza nei luoghi di lavoro stentano ancora ad affermarsi pienamente ed a diventare patrimonio delle imprese ed in generale del mondo del lavoro…- le indagini …. dimostrano che si è fatta molta strada e che un numero rilevante di imprese ha iniziato a dare piena applicazione alla vigente normativa.- L’adempimento, il rispetto delle norme, è ottemperato in molti casi più dal punto di vista formale che sostanziale e il modello partecipativo di prevenzione del DLgs 626/94, fatica a consolidarsi e a funzionare…(atti Consiglio Regionale, 20 giugno 2005)
psr 2005 07 obiettivi strategici
PSR 2005-07OBIETTIVI STRATEGICI
  • Gli Obiettivi di Salute
  • La Partecipazione: servizi territoriali per le Comunità Locali
  • L’Appropriatezza: i livelli ed i tempi appropriati di erogazione dell’assistenza
  • La Programmazione
  • L’Efficienza: l’evoluzione del Sistema delle Aziende
  • 12 Progetti Speciali di interesse reg.le

(tra cui: n.11 - La salute nei luoghi di lavoro: i rischi emergenti)

psr 05 07 azione di piano la prevenzione per la salute
PSR 05-07 Azione di PianoLA PREVENZIONE PER LA SALUTE
  • Gli assi strategici:
  • Appropriatezza delle prestazioni
      • - Miglioramento continuo della qualità
      • - EBP
      • - Flussi informativi
  • 2. Piani Integrati di Salute
  • Gli ambiti operativi… tra cui:
  • AZIONE PROGRAMMATA Lavoro e Salute
uno dei 12 progetti speciali di interesse regionale salute luoghi di lavoro i rischi emergenti

UNO DEI 12 PROGETTI SPECIALI DI INTERESSE REGIONALE…“SALUTE LUOGHI DI LAVORO: I RISCHI EMERGENTI”

Lavoro irregolare

Lavoratori stranieri

Le nuove tipologie di contratto

Il lavoro dei giovani

Organizzazione del lavoro e ergonomia

Regolarità degli appalti

Responsabilità sociale d’impresa

Formazione

Comunicazione

consiglio regionale toscano 20 giugno 2005
Consiglio Regionale Toscano 20 giugno 2005

OTTO PROGETTI PRIORITARI:

  • Osservatorio Regionale
  • Monitoraggio Attività dei Servizi
  • Coordinamento interistituzionale
  • Sicurezza Cantieri Edili
  • Regolarità appalti
  • “Progetto Lucchini”
  • Rete regionale RLS
  • Tutela nuovi rapporti di lavoro
slide16

Dipartimento della Prevenzione

INTERLOCUTORI E “PORTATORI DI INTERESSI”

Ist

.

ni

Scolastiche

Media

Ministeri

.

I.S.S

Agenzia

Reg

. Sanità

Forze dell’Ordine

ARPAT

Regione

INPS

Sindacati

INAIL

A. USL Dipartimento

Prevenzione

Sindaci e strutture

Direzione del Lavoro

Comunali

“Area Vasta” e

altre AAUSL

VVFF

Università

Circondario

Associaz

. Imprenditori

Ass.ni professionisti

e Commercianti

ISPESL

Autorità Giudiziaria

Associaz

. Cittadini

Provincia

e Consumatori

UVAC

CCIAA

Ist

..

Zooprofilat Sper

Lavoratori/RLS

Imprenditori

.

obiettivi di salute dei lavoratori e progetti integrati
“obiettivi di salute dei lavoratori” e progetti integrati…
  • Buone Pratiche in Edilizia (…nuovi ospedali)
  • Piano Integrato Ansaldo-Breda
  • Piano Rischio Chimico e sperim. “Algoritmo”
  • Patto per la salute lavoratori Valdinievole
  • Piano Regionale Vigilanza integrata Edilizia
  • Protocollo d’Intesa USL 11 (“più sicurezza e salute nei luoghi di lavoro”)
  • ……………….
  • ……
slide18

Empoli, 14 nov 2005PROTOCOLLO D’INTESAPER LA PROMOZIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO (2005-07)“Più Salute e Sicurezza sul Lavoro”

1 – INCREMENTARE E RIORIENTARE LA VIGILANZA, SVILUPPARE LE AZIONI DI PREVENZIONE PER PIANI MIRATI, SOSTENERE LE RISORSE PER I SERVIZI PUBBLICI

2 – POTENZIARE IL SISTEMA DI GESTIONE AZIENDALE DELLA SICUREZZA, IL RUOLO DEI DATORI DI LAVORO, LA PARTECIPAZIONE DEI LAVORATORI E IL DIALOGO SOCIALE

3 – RAFFORZARE LA “RETE DEI PREVENTORI” SUL TERRITORIO, POTENZIARE L’INFORMAZIONE E LA CULTURA DELLA PREVENZIONE

slide19
le parti firmatarie:

Regione Toscana–Assessore Diritto alla Salute,

Conferenza dei Sindaci Azienda USL 11,

Conferenza dei Sindaci Valdarno Inferiore,

Circondario Empolese Valdelsa, Provincia di Pisa,

Direzione Provinciale del Lavoro, Associazione

Conciatori, Consorzio Conciatori, ASSA,

Confartigianato Firenze, CNA, API Pisa, API

Firenze, Associazione Industriali Firenze, Unione

Industriali Pisa, ARPAT, CGIL, CISL, UIL, Azienda

USL 11 Empoli.

slide20

ACCORDO DI PROGRAMMA

…tra la Società della Salute e

Azienda USL 11 relativamente

alle attività di prevenzione

collettiva del Dipartimento

della Prevenzione…

slide21

segnalazioni di problemi/richieste di intervento

(il caso della USL 11)

  • = al 5.11.05
  • =di cui 9 x cantieri e 7 rischio chimico
  • = di cui 29 x problemi canne fumarie
un operatore nuovo
…un operatore nuovo…

(I.Cavicchi, Sanità, Il Mulino, 2005)

problemi aperti e criticita
PROBLEMI APERTI E CRITICITA’…
  • salute/lavoro precario (lavoro nero)
  • +conoscenza stato di salute dei lavoratori(…lavoro
  • femminile, rischi psicosociali…)e valorizz. Medici Compet.
  • 3. Piani Integrati e campagne di informazione
  • comunicazione di massa
  • 4. Valutazione degli esiti
  • 5. ambiente di Lavoro / ambiente di Vita
  • 6. Politiche Regionali / Politiche Nazionali
  • 7. Promozione Salute / Prevenzione Rischi Occupaz.
  • 8. Piani di prevenzione di Comparto e/o “Filiera”
  • 9. Valori e codice etico
slide24

“Safety first, quality second,

costs third”

(Proclama del più grande proprietario di miniere USA negli anni trenta. Per le stesse miniere di carbone americane tra il 1910 e il 1940 si riporta un numero di morti sul lavoro sei volte superiore a quello delle miniere francesi)