Logistica, trasporto e distribuzione
Download
1 / 26

Palermo, 18-19 marzo 2005 - PowerPoint PPT Presentation


  • 103 Views
  • Uploaded on

Logistica, trasporto e distribuzione internazionale delle merci nel Mediterraneo Autostrade del Mare: il ruolo della Sicilia Fabio Capocaccia Amministratore Delegato RAM. Palermo, 18-19 marzo 2005. Contesto di riferimento Il sistema europeo dei collegamenti internazionali.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Palermo, 18-19 marzo 2005' - oki


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
Slide1 l.jpg

Logistica, trasporto e distribuzione

internazionale delle merci nel Mediterraneo

Autostrade del Mare: il ruolo della Sicilia

Fabio Capocaccia

Amministratore Delegato RAM

Palermo, 18-19 marzo 2005


Contesto di riferimento il sistema europeo dei collegamenti internazionali l.jpg
Contesto di riferimentoIl sistema europeo dei collegamenti internazionali

Lo sviluppo dei collegamenti internazionali nell’ambito dell’Unione Europea e delle relazioni Est - Ovest passa attraverso due principali linee di intervento:

Reti di Trasporto TEN-T (Trans-European Network - Transport) relative ai collegamenti fra Paesi UE

Corridoi Paneuropei relativi ai collegamenti con i Paesi non Ue

Il Consiglio Europeo e la Commissione Europea per dare maggior impulso allo sviluppo delle reti di trasporto transeuropee (TEN–T) hanno individuato, su indicazione della Rapporto “Van Miert”, un elenco di progetti prioritari comprendente anche il Progetto Europeo di Autostrade del Mare.


Reti ten t l.jpg

Contesto di riferimento

Reti TEN-T

La TEN-T è costituita da: infrastrutture di trasporto (strade ed autostrade, ferrovie, porti, aeroporti) che siano:

Gli obiettivi della Rete Transeuropea di Trasporto (TEN - T) sono:

  • di dimensioni europee

  • già esistenti o in programma

  • a supporto di correnti di traffico internazionali

  • favorire gli scambi

  • allineare le economie dei Paesi membri


Reti ten t autostrade del mare l.jpg

Contesto di riferimento

Reti TEN-T – Autostrade del Mare

Il rilancio delle “Autostrade del Mare” all’interno del sistema infrastrutturale europeo ha trovato un impulso forte e concreto nella ridefinizione dei progetti prioritari proposta dal Gruppo Van Miert all’interno dell’Unione Europea

Vengono infatti destinati 1,8 Miliardi di € al Progetto “Autostrade del Mare” che interessa fortemente l’Italia per le direttrici del Sud Europa.


Corridoi paneuropei l.jpg

Contesto di riferimento

Corridoi Paneuropei

  • Particolare importanza assumono i 10 Corridoi paneuropei di trasporto previsti dall’UE* che costituiscono il prolungamento ad est della rete TEN-T, in vista dell’allargamento dell’Unione.

  • I collegamenti, multimodali ed interconessi, uniranno:

  • Helsinki – Varsavia

  • Berlino – Mosca

  • Berlino – Kiev

  • Dresda – Istanbul

  • Venezia – Kiev

  • Danzica – Zilina

  • Via Fluviale del Danubio

  • Bari – Varna

  • Helsinki– Alessandropoli

  • Salisburgo - Salonicco

* Con il prossimo allargamento ad Est dell’Unione tratti di corridoi divengono reti transeuropee.

Questo accade, per quanto interessa il nostro Paese, per il corridoio 5 e per il corridoio 8.



Costituzione di ram il percorso istituzionale l.jpg
Costituzione di RAM – Il percorso istituzionale Mediterraneo

2001

11/2003

06/2003

03/2004

04/2004

Costituzione

RETE AUTOSTRADE MEDITERANEE S.p.A.

Libro Bianco della Commissione

“La politica Europea del trasporto fino al 2010: il momento delle scelte”

Decisione del Consiglio Europeo “Un’iniziativa per la crescita e l’occupazione”

Approvazione

Orientamenti

Comunitari per lo sviluppo reti TEN-T

Piano generale dei Trasporti e della logistica

Rapporto “Van Miert” alla Commissione

Costituzione dellasocietà di scopo per la partecipazione al Progetto Europeo “Autostrade del Mare”

Il Progetto Europeo “Autostrade del Mare” è definitivamente approvato quale progetto prioritario

Sul piano Europeo e sul piano nazionale è indicato come obiettivo strategico per lo sviluppo delle infrastrutture di comunicazione la realizzazione delle “Autostrade del Mare”

Il progetto “Autostrade del Mare” viene inserito tra i cd. progetti “Quick Start”

Il progetto Europeo “Autostrade del Mare” viene inserito tra i progetti TEN prioritari


Missione l.jpg

Promuovere e sostenere l’attuazione Mediterraneo del Programma Autostrade del Mare” finalizzato alla creazione di un sistema integrato di servizi di trasporto.

Missione

La società opera sulla base di una convenzione con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Obiettivi specifici individuati nella Convenzione:

  • elaborare il master plan dell’intervento;

  • coordinare lo sviluppo del Programma;

  • promuovere e favorire l’approvazione dei Progetti a livello nazionale e comunitario;

  • promuovere azioni di Scouting dei potenziali partner finanziari ed imprenditoriali;

  • svolgere il ruolo di “Facilitatore di Sistema” anche attraverso il coordinamento operativo di tutti i soggetti pubblici e privati coinvolti;

  • dare attuazione al programma, identificando e gestendo le risorse finanziare, mediante l’attivazione degli interventi affidati ai singoli concessionari;

  • svolgere attività di coordinamento e supporto alla progettazione a all’attuazione di piani, programmi ed interventi promossi da enti pubblici e privati.

Per la realizzazione dei citati obiettivi, la società assicura competenze specialistiche e rapidità d’azione per la realizzazione dei programmi e per supportare lo sviluppo di nuovi accordi bilaterali/multilaterali tra l’Italia e i Paesi Partner del Mediterraneo.


Governance l.jpg

La Governance di “Rete Autostrade Mediterranee”, prevista nella Convenzione con il Ministero delle Infrastrutture, è assicurata da:

Governance

Consiglio di amministrazione composto da 9 membri.

Regole di Corporate Governance del Gruppo Sviluppo Italia.

Convenzione S.I. – M.I.T.

Ministero Economia

Sviluppo Italia

Ministero

Infrastrutture Trasporti

100%

CDA RAM

95%

Rete Autostrade

Mediterranee

5%

Sviluppo Italia

Aree Produttive


Slide10 l.jpg

Gruppo di lavoro Mediterraneo prevista nella Convenzione con il Ministero delle Infrastrutture, è assicurata da:

1.Il contesto Comunitario

Iniziativa comune di Italia, Francia e Spagna per lo sviluppo del trasporto marittimo

in relazione alla riunione dei Ministri dei Trasporti del 7 dicembre 2001

Dichiarazione di Livorno, firmata da Italia, Francia e Spagna durante la riunione

del 15 febbraio 2002

Dichiarazione congiunta del Consiglio dei Trasporti di Gijon del 31 maggio/

1-2 giugno 2002

Accordo, durante la Presidenza italiana dell’Unione Europea, con Slovenia, Grecia e Malta

Documento finale del gruppo di esperti di Italia, Francia, Spagna, Grecia e Portogallo,

sull’iniziativa di cooperazione per lo sviluppo del trasporto marittimo a corto raggio,

Napoli, 4-5 luglio 2003


Slide11 l.jpg

Gruppo di lavoro Mediterraneo prevista nella Convenzione con il Ministero delle Infrastrutture, è assicurata da:

2. Definizioni“The trans-European network of motorways of the sea is intended to concentrate flows of freight on sea-based logistical routes in such a ways as to improve existing maritime links or to establish new viable, regular and frequent maritime links for the transport of the goods between Member States so as to reduce road congestion and/or improve access to peripheral and island regions and States. Motorways of the sea should not exclude the combined transport of persons and goods, provided that freight is predominant”Decisione n.° 884/2004/EC del Parlamento Europeo e del Consiglio del 29 Aprile 2004: Articolo 12a – Autostrade del Mare

La definizione è stata accolta con l’inserimento di “intermodal” dopo le parole

“sea-based logistical”


Slide12 l.jpg

Gruppo di lavoro Mediterraneo prevista nella Convenzione con il Ministero delle Infrastrutture, è assicurata da:

3. Fasi per il progressivo trasferimento delle merci da tutto strada a strada+mare

  • Camion su strada

  • Camion su Autostrade del Mare (accompagnato)

  • Semi-rimorchi su Autostrade del Mare (non accompagnato)

  • Container su navi feeder (+ strada)

Inizialmente le fasi ii), iii), sono considerate prioritarie.

La fase iv) verrà considerata in un secondo tempo.


Slide13 l.jpg

Gruppo di lavoro Mediterraneo prevista nella Convenzione con il Ministero delle Infrastrutture, è assicurata da:

4. Metodologiaa.Punti di partenza per il Progetto 21 (Autostrade del Mare):- TEN-T (Transeuropean Transport Networks)- PEC (Pan-European Corridors)- SIAD (Specific Industrial/Agricultural Districts)b. Le Autostrade del Mare verranno considerate come la prosecuzione amare di TEN-T, PEC e SIAD.c. Per facilitare l’identificazione dei porti viene introdotto il concetto di “port cluster”: un gruppo di porti facilmente raggiungibile da TEN-T, PEC e SIAD. Vengono, inoltre, raccolti dati statistici sulla domanda di traffico al fine di giustificare un collegamento.


Slide14 l.jpg

Gruppo di lavoro Mediterraneo prevista nella Convenzione con il Ministero delle Infrastrutture, è assicurata da:

4. Azionia.Le linee guida per il piano del Mediterraneo occidentale discendono dai punti precedentib. Vengono stabiliti opportuni contatti con operatori pubblici e privati, anche attraverso gli SSS Promotion Centersc. Vengono presi in considerazione i colli di bottiglia: procedure amministrative, servizi portuali e nautici, procedure di ispezione, collegamenti con l’entroterra, etc, con il supporto dei National Focal Pointsd. Con riferimento alla Dichiarazione di Amsterdam, quality label, safety and security, compatibilità ambientale, procedure doganali vengono accettate compatibilmente con l’efficienza e la fluidità della catena del trasportoe. Sistemi informativi: one-stop-shops, possibilmente coordinati a livello infra-comunitario, con un sistema di call center integrato; Galileo, presentazione di una proposta comune dei Paesi Membri per il tracking and tracing dei camion e delle navi nel Mediterraneo.f. Necessità che la EC approvi l’introduzione da parte dei Paesi membri di incentivi orientati sia agli operatori del trasporto e della logistica (Dichiarazione di Napoli), sia agli autotrasportatori al fine di accrescere il grado di occupazione delle linee esistenti e di creare nuove linee.


Call center integrato l.jpg
Call center integrato prevista nella Convenzione con il Ministero delle Infrastrutture, è assicurata da:

Fornire all’autotrasporto e ai caricatori / ricevitori un servizio H24 per l’orientamento dei carichi sulla modalità marittima e per la gestione degli incentivi (bonus ambientale)

  • Prestazioni – Informazioni in tempo reale su:

  • Partenza / arrivo nave

  • Ritardi

  • Disponibilità di stiva

  • Alternative di percorso marittime e terrestri

  • Stato del traffico sulle autostrade, sui raccordi e nei terminal

  • Prezzi, sconti e modalità di accesso al bonus ambientale

  • Prenotazioni e acquisto passaggi

  • Perfezionamento di pratiche amministrative afferenti al trasporto via mare.


Incentivi ecobonus l.jpg

  • La legge 265/02 istituisce un contributo diretto a favore dell’autotrasporto commisurato alla “compensazione dei costi esterni non sostenuti del trasporto su strada relativamente alle tratte marittime individuate”.Alla società RAM potrà essere affidata dal MIT la gestione dell’ecobonus.

  • La gestione dell’incentivo denominato ecobonus presuppone la conoscenza approfondita dei seguenti dati:

  • - tratta marittima in miglia marine e chilometri;

  • - tratta alternativa terrestrein chilometri;

  • - costo attribuito al personale;

  • - costo/km della tratta terrestre per categoria di mezzi (costi diretti: carburanti,pedaggi);

  • - costo/km della tratta terrestreper categoria di mezzi(costi indiretti: usura mezzo, assicurazione, tasse, usura pneumatici, consumo lubrificanti);

  • - costo/km della tratta terrestre(costi esterni: inquinamento, congestione, incidentalità).

  • L'attuazione della legge 265/02 dovrà essere armonizzata con i provvedimenti attuativi della Legge Regionale n° 11 del 5 luglio 2004 - Regione Sicilia

Incentivi: ecobonus


Slide17 l.jpg

www.mare-tir.it dell’autotrasporto commisurato alla “compensazione dei costi esterni non sostenuti del trasporto su strada relativamente alle tratte marittime individuate”.

www.mare-tir.it

Lo strumento operativo di RAM che

consente all’autotrasporto di accedere

ad informazioni aggiornate sulle

alternative di transito offerte dalle

linee marittime delle AdM


Slide18 l.jpg

www.mare-tir.it dell’autotrasporto commisurato alla “compensazione dei costi esterni non sostenuti del trasporto su strada relativamente alle tratte marittime individuate”.


Slide19 l.jpg

www.mare-tir.it dell’autotrasporto commisurato alla “compensazione dei costi esterni non sostenuti del trasporto su strada relativamente alle tratte marittime individuate”.- Confronto tratta terrestre/tratta marittima


Slide20 l.jpg

Masterplan nazionale: monitoraggio infrastrutture dell’autotrasporto commisurato alla “compensazione dei costi esterni non sostenuti del trasporto su strada relativamente alle tratte marittime individuate”.

Scheda informativa in corso di compilazione

  • Il master plan viene suddiviso in tre principali filoni ed anche in alcune fasi per consentire una sua completa e coerente redazione.

  • Per la parte infrastrutture la fase 0 consente di compilare la spina dorsale del documento ed una prima stima delle opere in corso o in itinere o da progettare/programmare per il programma “autostrade del mare”, per l’intero panorama nazionale.

  • La fase 1 consentirà di approfondire priorità, vincoli ed anche di completare la ricognizione con il panorama delle connessioni internazionali e comunitarie.


Slide21 l.jpg

Masterplan nazionale: monitoraggio linee dell’autotrasporto commisurato alla “compensazione dei costi esterni non sostenuti del trasporto su strada relativamente alle tratte marittime individuate”.

Scheda informativa in corso di compilazione

  • Il master plan viene suddiviso in tre principali filoni ed anche in alcune fasi per consentire una sua completa e coerente redazione.

  • Per la parte servizi, oltre al monitoraggio delle linee esistenti si valuteranno anche le nuove rotte e tutte le altre misure, dirette ed indirette, utili a potenziare o rendere più efficiente il sistema.


Slide22 l.jpg

Masterplan nazionale: monitoraggio linee dell’autotrasporto commisurato alla “compensazione dei costi esterni non sostenuti del trasporto su strada relativamente alle tratte marittime individuate”.

  • Porto Partenza

  • Porto Arrivo

  • merci: Mpasseggeri: Pmerci/pass: M/P

  • navi

  • m.l. stiva

  • capacità pax

  • capacità auto/anno

  • capacità mezzi/anno

  • m.l. stiva/ settimana

  • distanza in km

  • tempo in h

  • viaggi a/r a settimana

  • frequenza annua

  • Salerno

  • Messina

  • M/P

  • cartour

  • 2.040

  • 96

  • 453

  • 133280

  • 28.560

  • 289

  • 7 h 30'

  • 14

  • 700

  • Salerno

  • Catania

  • M/P

  • prometheus

  • 2.120

  • 960

  • 316587

  • 118720

  • 24.000

  • 378

  • 9 h 15'

  • 12

  • 600

  • Salerno

  • Palermo

  • M/P

  • Eurostar Salerno

  • 2.250

  • nd

  • 56000

  • 21000

  • 4.500

  • 308

  • 8 h 30'

  • 2

  • 100

  • Genova

  • Palermo

  • M/P

  • excellent, la superba, la suprema

  • 2.250-2.500

  • 2.253-3.000

  • 392000

  • 147000

  • 33.250

  • 791

  • 20 h

  • 14

  • 700

  • Livorno

  • Palermo

  • M/P

  • victory

  • 2.100

  • 950

  • 156800

  • 58800

  • 12.600

  • 656

  • 19 h

  • 6

  • 300

  • Civitavecchia

  • Palermo

  • M/P

  • excellent, excelsior, suprema

  • 2.250-2.500

  • 2.253-3.000

  • 168000

  • 63000

  • 14.250

  • 460

  • 12 h

  • 6

  • 300

  • Livorno

  • Trapani

  • M/P

  • Seaterns

  • nd

  • 44800

  • 44800

  • 11.200

  • 645

  • 22 h

  • 8

  • 400

  • Formia

  • Trapani

  • M

  • 3.900

  • 371

  • nd

  • 6

  • 300

  • Genova Voltri

  • Termini Imerese

  • M

  • strada corsara

  • 1.800

  • 179200

  • 67200

  • 14.400

  • 770

  • nd

  • 8

  • 400

  • Genova Voltri

  • Catania

  • M

  • strada maestra

  • 1.800

  • nd

  • 990

  • nd

  • nd

  • nd

  • Genova Voltri

  • Napoli

  • M

  • strada gigante

  • 2.200

  • nd

  • 650

  • nd

  • nd

  • nd

  • Civitavecchia

  • Termini Imerese

  • M

  • strada maestra

  • 1.800

  • 134400

  • 47040

  • 10.800

  • 400

  • 6

  • 300

  • Genova

  • Termini Imerese

  • M

  • via tirreno

  • 1.650

  • 74

  • 164267

  • 61600

  • 13.600

  • 770

  • 27 h

  • 8

  • 400

  • Livorno

  • Catania

  • M

  • via tirreno

  • 1.650

  • 74

  • 82133

  • 30800

  • 9.600

  • 854

  • 35 h 30'

  • 4

  • 200

  • Napoli

  • Palermo

  • M e M/P

  • florio, rubattino

  • 1.471

  • 625

  • 128140

  • 48053

  • 10.297

  • 309

  • 10 h 15'

  • 7

  • 350

  • Ravenna

  • Catania

  • M

  • exp ravenna

  • 1.650

  • 74

  • 164267

  • 61600

  • 11.900

  • 1.138

  • 36 h

  • 8

  • 400

  • Venezia

  • Catania

  • M

  • exp catania

  • 1.650

  • 74

  • 41067

  • 15400

  • 2.400

  • 1.204

  • 48 h

  • 2

  • 100

  • Napoli

  • Catania

  • M/P

  • 119583

  • 28.700

  • 413

  • 11 h 30'

  • 14

  • 700

  • Napoli

  • Palermo

  • M

  • snav sicilia

  • 950

  • 105000

  • 25.200

  • 309

  • 10 h 30'

  • 14

  • 700

  • TOTALI

  • 1.142.876

  • 259.157

  • 139

  • 6.950

  • Porto Partenza

  • Porto Arrivo

  • n° mezzi effettivi/anno

  • n° auto effettive/anno

  • indice di riempimento

  • tariffa andata 14 ml/pieno

  • tariffa andata 14 m/l vuoto

  • operatore

  • Salerno

  • Messina

  • 89000

  • 29000

  • € 317,00

  • nd

  • Caronte

  • Salerno

  • Catania

  • € 403,00

  • nd

  • Caronte

  • Salerno

  • Palermo

  • € 364,00

  • nd

  • Grimaldi Napoli

  • Genova

  • Palermo

  • 86000

  • 106000

  • € 503,00

  • nd

  • Grimaldi Genova

  • Livorno

  • Palermo

  • 17000

  • 24000

  • € 310,00

  • nd

  • Grimaldi Genova

  • Civitavecchia

  • Palermo

  • 25000

  • 6000

  • € 331,00

  • nd

  • Grimaldi Genova

  • Livorno

  • Trapani

  • 7260

  • nd

  • € 618,60

  • € 450,60

  • Italtrag

  • Formia

  • Trapani

  • 10000

  • nd

  • € 394,80

  • € 294,00

  • Saem

  • Genova Voltri

  • Termini Imerese

  • 46000

  • 28000

  • € 583,00

  • € 459,80

  • Strade Blu

  • Genova Voltri

  • Catania

  • € 800,00

  • € 608,20

  • Strade Blu

  • Genova Voltri

  • Napoli

  • € 657,20

  • € 440,20

  • Strade Blu

  • Civitavecchia

  • Termini Imerese

  • € 481,20

  • € 369,20

  • Strade Blu

  • Genova

  • Termini Imerese

  • 54000

  • 97000

  • € 644,51

  • € 497,00

  • Tirrenia div. Adriatica

  • Livorno

  • Catania

  • € 580,20

  • € 415,38

  • Tirrenia div. Adriatica

  • Napoli

  • Palermo

  • € 402,78

  • € 316,93

  • Tirrenia navigazione

  • Ravenna

  • Catania

  • 41000

  • 15000

  • € 747,59

  • € 574,04

  • Tirrenia div. Adriatica

  • Venezia

  • Catania

  • € 764,89

  • € 591,35

  • Tirrenia div. Adriatica

  • Napoli

  • Catania

  • 181500

  • 203500

  • € 450,00

  • TTT lines

  • Napoli

  • Palermo

  • € 372,49

  • € 273,37

  • Snav

  • TOTALI

  • 556.760

  • 508.500


Slide23 l.jpg

Mappa linee italiane dell’autotrasporto commisurato alla “compensazione dei costi esterni non sostenuti del trasporto su strada relativamente alle tratte marittime individuate”.


Slide24 l.jpg

Masterplan nazionale: semplificazione adempimenti e normative

Scheda informativa in corso di compilazione

- snellimento burocrazie

- normative ad hoc

  • Il master plan viene suddiviso in tre principali filoni ed anche in alcune fasi per consentire una sua completa e coerente redazione.

  • Per la parte normative, vengono studiati metodi e sistemi per la semplificazione degli adempimenti esistenti o delle specifiche normative per rendere fluida la fruizione delle “autostrade del mare” da parte degli operatori del trasporto.


Evoluzione capacit di trasporto e traffico effettivo l.jpg
Evoluzione capacità di trasporto e traffico effettivo normative

N° mezzi

1 MEZZO PESANTE = 12 METRI LINEARI

49%

Load factor


Masterplan nazionale tavolo di coordinamento enti concessionari l.jpg

Per la definizione degli interventi da realizzare e l’individuazione dei soggetti attuatori, RAM promuoverà la costituzione di un tavolo di coordinamento al quale siederanno gli attori coinvolti nel percorso di pianificazione / realizzazione delle opere:

Masterplan nazionale: Tavolo di Coordinamento Enti Concessionari

Autorità Portuali

Anas

RFI

Gestori del servizio ferroviario

AISCAT

Province / Regioni

RAM opererà a supporto dei soggetti attuatori, svolgendo la funzione di facilitatore di sistema.

Su indicazione del Tavolo di Coordinamento, RAM potrà svolgere anche la funzione di soggetto attuatore.