la conversione ecologica potr affermarsi solo se apparir socialmente desiderabile l.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
La conversione ecologica potrà affermarsi solo se apparirà socialmente desiderabile PowerPoint Presentation
Download Presentation
La conversione ecologica potrà affermarsi solo se apparirà socialmente desiderabile

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 16
nizana

La conversione ecologica potrà affermarsi solo se apparirà socialmente desiderabile - PowerPoint PPT Presentation

114 Views
Download Presentation
La conversione ecologica potrà affermarsi solo se apparirà socialmente desiderabile
An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author. While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. La conversione ecologica potrà affermarsi solo se apparirà socialmente desiderabile Alex Langer

  2. La trasformazione delle città La motorizzazione di massa ha contribuito a determinare la progressiva perdita di ruolo degli spazi pubblici: la strada, il viale, la piazza, il parco, hanno perso la loro dimensione comunitaria

  3. Agire per il cambiamento è possibile Non è poi tanto difficile cominciare subito a fare qualcosa di sensato: azioni graduali, progressive ma concrete, in una direzione che si può immaginare, comunicare, condividere.

  4. I percorsi casa-scuola: perchè? Se siamo adulti responsabili, abbiamo il diritto e il dovere di provare a migliorare subito la realtà in cui viviamo. E se lo facciamo accanto a bambini e ragazzi, saremo più forti e convincenti.

  5. La città dei ragazzi Vivere la dimensione cittadina in tutta la sua pienezza non è solo un compito conoscitivo, ma soprattutto un fatto di progettualità. Tutta mia la cittànon è soltanto uno slogan per i ragazzi, ma un modo per riappacificarsi con il proprio habitat quotidiano.

  6. CONTIAMOCI

  7. Bambini e ragazzi In quarta e quinta elementare e spesso anche prima i bambini desiderano vedere riconosciute le loro competenze di utenti della strada e sono ben contenti che venga loro accordata fiducia. Coinvolti in esperienze di educazione alla mobilità, si impegnano sul piano della progettazione partecipata a individuare e comprendere le criticità, a immaginare insieme agli adulti soluzioni.

  8. La scuola La scuola gioca un ruolo socio-educativo a tutto tondo: l’educazione alla mobilità assume oggi un vero e proprio approfondimento di base. Gli educatori, gli insegnanti possono cogliere tutte le valenze pedagogiche e le implicazioni sul curriculo.

  9. Le famiglie Responsabilizzare i ragazzi gradualmente abituandoli a prendere decisioni vere, traendo dall’osservazione diretta sulla strada quegli apprendimenti esperienziali indispensabili quando i figli saranno più grandi e si muoveranno sul ciclomotore

  10. L’amministrazione comunale L’ente locale riveste un ruolo determinante per garantire il successo all’iniziative di promozione e consolidamento della mobilità scolastica ciclo-pedonabile sicura. Un impegno per ridurre l’inquinamento atmosferico, per la moderazione del traffico e per favorire l’autonomia dei bambini, che coinvolge sinergicamente i diversi settori dell’A.C.

  11. La comunità: cittadini, commercianti, nonni, il servizio sanitario di base (pediatri, medici) Partecipare alla gestione del territorio, occuparsi di migliorare la vita dei giovani, significa esercitare il principio della cittadinanza attiva e di agire sul futuro migliorando la qualità dell’ambiente e delle relazioni umane

  12. COME SI FA’ 1 Si costituisce un Gruppo di progetto promotore interistituzionale: scuola, comitato genitori, rappresentanti ente locale, associazioni, altri. 2 La scuola inserisce il progetto nel POF e nomina almeno due referenti incaricati di coordinare i lavori all’interno della scuola e di essere individuati come punti di riferimento per l’esterno. Gli insegnanti sono tutti coinvolti e i referenti sono almeno due per dividersi i compiti, alleggerire l’impegno e garantire continuità. 3 Il Comune dà vita a un gruppo intersettoriale (educazione, traffico e mobilità –vigilanza urbana, lavori pubblici, salute, verde e arredo urbano, decentramento, statistica) che periodicamente si incontra per raccordare le diverse azioni dell’ente locale; l’Amministrazione individua un referente, incaricato di coordinare i lavori all’interno del Comune e di essere punto di riferimento per l’esterno.

  13. 4 Prima azione: condivisione delle idee e stesura di una traccia progettuale che comprende preliminarmente un’analisi del contesto. 5 Raccolta dati sulla mobilità, l’ambiente e la vita dei bambini, anche attraverso i questionari che compilano bambini e genitori.

  14. 6 Quantificazione dati, preparazione di tabelle e grafici, produzionedi una mappa delle criticità.7 A scuola le classi preparano una mappa dei flussi casa scuola da incrociare con quella delle criticità percepite dai genitori.8 Lavoro di analisi e commento assieme ai ragazzi.9 Presentazione dello stato dell’arte nel corso di un’assemblea di genitori e lancio del progetto, alla presenza dei ragazzi coinvolti, dei genitori del gruppo di progetto degli insegnanti e del dirigente scolastico, dei rappresentanti dell’amministrazione comunale, con il contributo di un pediatra, delle associazioni eventualmente coinvolte e dei rappresentanti della Polizia municipale e di chi altri è opportuno invitare. L’assemblea serve a sancire pubblicamentel’impegno reciproco a collaborare per raggiungere gli obiettivi individuati.

  15. 10 Dopo l’assemblea si produce un documento che sancisce un patto di adesioneal progetto che viene inviato a tutte le famiglie. 11 Il progetto c’è. È arrivato finalmente il momento dell’azione. La scuola, le famiglie, i volontari (associazioni, nonni) in collaborazione con la Polizia Municipale, per un periodo adeguato alle necessità, si occupano di accrescere le competenze e le abilità di bambini e ragazzi in quanto pedoni e ciclisti. Il comune pianifica la messa in sicurezza alcuni punti della viabilità ritenuti pericolosie si occupa della segnaletica, che può essere ideata anche con i ragazzi. Tutti insieme intraprendono azioni comunicative per informare abitanti e automobilisti del progetto in corso.

  16. 12 Si concordano percorsi e modalità organizzative. I bambini e i ragazzi vanno a scuola a piccoli gruppi, a piedi, in bicicletta o con mezzi pubblici, da soli o accompagnati da un genitore o un altroadulto volontario. www.camina.it