slide1
Download
Skip this Video
Download Presentation
Acceleratore Lineare per Adroterapia

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 27

Acceleratore Lineare per Adroterapia - PowerPoint PPT Presentation


  • 146 Views
  • Uploaded on

Acceleratore Lineare per Adroterapia. LUIGI PICARDI – UTAPRAD ENEA Frascati. Sommario. Brevi cenni storici Dai piccoli acceleratori di elettroni per IORT agli acceleratori per protoni in ENEA Adroterapia e protonterapia I progetti SPARKLE, ISPAN e TOP IMPLART Conclusioni. Origini.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Acceleratore Lineare per Adroterapia' - neil


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1
Acceleratore Lineare per Adroterapia

LUIGI PICARDI – UTAPRAD ENEA Frascati

slide2
Sommario
  • Brevi cenni storici
  • Dai piccoli acceleratori di elettroni per IORT agli acceleratori per protoni in ENEA
  • Adroterapia e protonterapia
  • I progetti SPARKLE, ISPAN e TOP IMPLART
  • Conclusioni
slide3
Origini

Il laboratorio acceleratori dell’ENEA a Frascati che oggi è incluso nella Unità Tecnica Applicazione delle Radiazioni) (UTAPRAD) è una derivazione del gruppo macchina dell’elettrosincrotrone di Frascati degli anni ’60.-’70

slide4
Acceleratori di Elettroni

Dopo la chiusura del sincrotrone, nel 1974, le competenze di fisica degli acceleratori di particelle presenti nel CNEN (ora ENEA) furono messe a disposizione della innovazione in campo applicativo e, in particolare, medicale.

Lavorando sinergicamente con altri laboratori interni come quelli in Casaccia di Radiobiologia e di Metrologia delle radiazioni e con realtà esterne come ISS, INFN, IRCSS come l’IFO, ed Università,

tali competenze furono trasferite alla Società HITESYS (ex Irvin Systems) di Aprilia. Ciò consentì la realizzazione del sistema per Radioterapia Intraoperatoria (IORT) NOVAC7 (prima macchina installata in un ospedale nel 1997)

slide5
La Radioterapia IntraOperatoria (IORT)

La IORT è una modalità di trattamento radioterapico che consiste nella somministrazione di una dose elevata (circa 1/3 di quella di una RT tradizionale) di radiazione al residuo tumorale o al letto tumorale esposto chirurgicamente tramite un fascio collimato di elettroni.

Peculiarità: possibilità dell’impiego diretto in sala operatoria

slide6
Brevetti IORT

Negli anni ‘80 fu studiata in ENEA una struttura acceleratrice autofocheggiante basata sulla forma e lunghezza delle celle acceleranti, mediante la quale è stato possibile evitare il pesante solenoide di focheggiamento allora presente nei linac per RT:

Questa invenzione fu inclusa nel brevetto principale della realizzazione della IORT (LT94A000012 del 19/9/1994), lasciato totalmente alla Hitesys come asset della ditta.

Il sistema IORT fu corredato di altri due brevetti ENEA, negli anni successivi

“Cavità a Ridotta Corrente Oscura ed Alta Efficienza per Testa Radiante, e Testa Radiante a Corrente Variabile per Apparecchiatura di Radioterapia Intraoperatoria” (RM2002A000283 -20/5/2002)

“Dispositivo per il controllo dosimetrico di un fascio di particelle ionizzanti utilizzabile in particolare per Terapie oncologiche” (BO2003A000140 - 14/03/2003)

slide7
MACCHINE IORT

Accanto alla produzione industriale del Novac 7 da parte della Hitesys, cui attualmente è subentrata la ditta NRT,

l’ENEA, tramite il PROGETTO IORT, finanziato nel 2000 dal MIUR-UE, ha realizzato il sistema IORT-1, prototipo della macchina LIAC attualmente prodotta dalla ditta SORDINA

Piu’ di 40 macchine, tra NOVAC7 e LIAC, sono operative in strutture ospedaliere.

Tali sistemi si stanno diffondendo anche sul mercato estero sia europeo che transoceanico. L’ENEA promuove ulteriori sviluppi.

NOVAC7 LIAC

(NRT) (Sordina)

slide8
Stato attuale Macchine IORT

www.sordina.com

www.newrt.it

Attualmente circa

23 Macchine installate

e funzionanti in

Italia

Spagna

Germania

Svizzera

Sudamerica

Attualmente circa

22 Macchine installate

e funzionanti in

Italia

Grecia

Germania

USA

  • Unico altro competitor in campo interazione: Mobetron della società INTRAOP
  • Mercato in espansione – ottimi risultati riferiti annualmente alla Conf Internaz ISIORT
  • Target principali: TUMORI DELLA MAMMELLA, TUMORI DEL RETTO LOCALMENTE AVANZATI, TUMORI DELLO STOMACO ed altri
slide9
Ulteriori sviluppi in campo IORT

Cavità in Banda S

www.adam-geneva.com

La società ADAM che, collabora anche con la NRT, ha commissionato ad ENEA uno studio per lo sviluppo di sistemi compatti in banda C (5712 MHz) finalizzati a diverse applicazioni tra cui la IORT. La banda C riduce pesi e dimensioni da metà a 1/3.

Cavità in Banda C

LINAC IORT12 in banda C realizzazione presso la TSC di Fiumincino

slide10
Adroterapia e Protonterapia
  • Adroterapia = radioterapia con protoni e ioni
  • Protonterapia = radioterapia con protoni
  • Vantaggio rispetto alle altre tecniche: Selettività spaziale che implica una terapia conformazionale
  • Maggior Risparmio degli organi sani

Picco di Bragg

Assenza di irradiazione oltre una certa profondità

slide11
Protonterapia a modulazione di intensità: IMPT

Mutuando le tecniche radioterapiche più avanzate (IMRT) con fasci di fotoni, si possono ottenere con i protoni concentrazioni di dose ancora più conformi (IMPT).

7 campi con IMRT

2 campi con IMPT

Confronto

tra IMRT e

IMPT

DIFFERENZA TRAIMRT E IMPT

slide14
Diffusione della PT in Italia

Rapporto dell’AIRO del 2004: i tumori trattabili con PT sono 16000/anno

Categoria A (tumori per cui la PT è elettiva):melanoma uveale e i tumori della base cranica e della colonna vertebrale (cordomi, sarcomi e meningiomi)

Categoria B (tumori per cui la PT è vantaggiosa): prostata, polmone, fegato, esofago e distretto cervico-cefalico

… si può stimare come necessario un numero di 4 o 5 centri di

protonterapia distribuiti per bacini di utenza di circa dieci milioni di abitanti nelle diverse aree geografiche del nord, centro e sud dell’ Italia (AIRO – 2004)

slide15
Ostacoli alla diffusione della PT

Gigantismo

Costi di impianto

Costi di gestione

Ritorno economico tardivo

Radioterapia Convenzionale

Area di sviluppo

di un impianto

moderno di

protonterapia

Riduzione di

Costi di impianto

Costi di gestione

Ritorno economico rapido

Adroterapia - CNAO

slide16
Cavità

accoppiante

PMQ

Tank accelerante

RF input

Attività ENEA su acceleratori lineari per protonterapia

1993: L’ENEA partecipa alla Collaborazione Adroterapia (Amaldi 1991)

  • occupandosi dello sviluppo di acceleratori compatti e della dosimetria
  • individuando nello sviluppo degli acceleratori lineari una possibile alternativa alle macchine circolari
  • Lavorando in Collaborazione con CERN e INFN
  • Brevettando (RM95A000564 – 9/8/1995) un acceleratore lineare compatto da 200 MeV comprendente una sezione di tipo SCDTL a 3GHz per protoni
  • 1998-2005La proposta di un acceleratore lineare innovativo da 200 MeV viene accettata dal Progetto TOP (Terapia Oncologica con Protoni) dell’ Istituto Superiore di Sanità

2 Convenzioni ENEA-ISS (2.6 M€)

Realizzazioni: iniettore da 7 MeV e prototipi moduli SCDTL

StrutturaSCDTL

slide17
Il progetto TOP IMPLART (dal 2005)

IMPLART= Intensity Modulated Proton Linear Accelerator for RadioTherapy

  • Modularità: Composto da sottosistemi in sequenza finalizzati ad output sanitari. Costruzione secondo flusso dei finanziamenti e rapido raggiungimento del rimborso dal SSN o da Piani Sanitari Assicurativi.
  • Caratteristiche tecniche:
    • Frequenza RF di 3 GHz -> compattezza, tecnologia nota
    • Acceleratore pulsato, naturalmente adatto alla IMPT (Intensity Modulated ProtonTherapy)-> XYZ-SCAN
    • Fascio di alte qualità ottiche -> Magneti più compatti
  • Iniziativa italiana: Dotato di progetto e di brevetti. La realizzazione del prototipo da parte ENEA , in collaborazione con le imprese interessate (tra cui quelle che realizzano le macchine IORT), può consentire nel futuro la realizzazione di un marchio italiano, oggi assente a livello di mercato internazionale, nel settore degli acceleratori medicali
interesse industriale il progetto sparkle
Interesse industriale: Il progetto SPARKLE
  • Progetto soc. SPARKLE s.r.l – Casarano (Le) – 2008-2009
  • Ciclotrone commerciale IBA Cyclone18/9 per produzione di radioisotopi tradizionali e sperimentali
  • Progettazione e realizzazione di un booster lineare (1 sezione SCDTL) per un ciclotrone commerciale da 18 MeV fino a 24 MeV per facility sperimentale trattamento animali
interesse industriale il progetto ispan
Interesse industriale: Il progetto ISPAN
  • Progetto ISPAN di NRT(Aprilia) a Frascati (2009)
  • La ricerca proposta dalla soc. NRT (Aprilia) in ATI con CECOM (Guidonia) è mirata alla realizzazione di una facility di Irraggiamento Sperimentale con Protoni per modelli cellulari ed ANimali (ISPAN) presso il CR di Frascati (edificio Sincrotrone) e cioè di una facility di radiobiologia basata su acceleratore lineare di protoni.
  • Il programma ISPAN (da circa 1.5 Meuro) approvato dalla FILAS per il triennio 2009-2011 prevede la partecipazione anche di ENEA e ISS.
  • Le aziende NRT e CECOM intravedono l’opportunità della realizzazione delle strutture acceleranti per protonterapia nell’ipotesi di una realizzazione completa del progetto TOP IMPLART.
slide24
IL PROGETTO TOP- IMPLART

Nel 2008 attivazione Progetto TOP-IMPLART (Intensity Modulated Proton Linear Accelerator for RadioTherapy) con ISS e IFO

slide25
TOP IMPLART versione finale

Il progetto prevede a regime 3 sale di trattamento una per i tumori semi-profondi e due per i tumori profondi. I trattamenti verranno effettuati senza l’uso del Gantry, ma con il paziente sistemato su di un dispositivo sedia/lettino in corso di sviluppo in collaborazione con un’industria pugliese (ITEL).

conclusioni 1
Conclusioni - 1
  • L’ENEA ha indirizzato le sue competenze nel campo degli acceleratori verso il settore delle macchine medicali
  • Tramite il trasferimento del Know-how all’industria L’ENEA ha promosso la diffusione della tecnica IORT e la espansione di due industrie italiane leader internazionali nel campo
  • Una strada analoga si sta percorrendo nel più complesso campo della protonterapia verificando che c’è una risposta adeguata da parte del mondo industriale il quale intravede buone prospettive di mercato.
slide27
Conclusioni-2
  • Quello che stiamo verificando con una certa soddisfazione in realtà è infatti una discreta capacità di fare sistema tra
    • Ricerca pubblica: ENEA/ISS/IFO
    • Aziende coinvolte (NRT, ecc)
    • Istituzioni: Regione/FILAS/Distretto Tecnologico delle Bioscienze
  • L’analisi del progetto di sperimentazione e la sua approvazione vengono poi seguite da un momento di collaborazione delle tre realtà per l'avvio e il proseguimento del progetto stesso.
ad