slide1 l.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Corso di Aggiornamento in Bioetica ed Etica medica La Medicina nel rispetto della dignità della persona umana PowerPoint Presentation
Download Presentation
Corso di Aggiornamento in Bioetica ed Etica medica La Medicina nel rispetto della dignità della persona umana

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 56

Corso di Aggiornamento in Bioetica ed Etica medica La Medicina nel rispetto della dignità della persona umana - PowerPoint PPT Presentation


  • 152 Views
  • Uploaded on

Corso di Aggiornamento in Bioetica ed Etica medica La Medicina nel rispetto della dignità della persona umana. L’etica personalista Andrea Virdis Istituto di Bioetica Facoltà di Medicina e Chirurgia “A. Gemelli” Università Cattolica del Sacro Cuore - Roma andrea.virdis@rm.unicatt.it.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Corso di Aggiornamento in Bioetica ed Etica medica La Medicina nel rispetto della dignità della persona umana' - moya


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

Corso di Aggiornamento in Bioetica ed Etica medica

La Medicina nel rispetto della dignità della persona umana

L’etica personalista

Andrea Virdis

Istituto di Bioetica

Facoltà di Medicina e Chirurgia “A. Gemelli”

Università Cattolica del Sacro Cuore - Roma

andrea.virdis@rm.unicatt.it

Repubblica di San Marino – 3 aprile 2009

cosa bene fare
Cosa è bene fare?
  • I grandi passi della medicina(Rianimazione; Trapianti; Fecondazione artificiale; Diagnosi prenatale; Genetica…) pongono l’uomo di fronte a nuove possibilità e nuovi dilemmi.
  • La scienza sperimentale amplia lo spettro di possibilità nell’ambito della cura e della manipolazione dell’uomo, divenendo sempre più “arte del possibile”.
  • Le nuove possibilità portano dei rischi, sollevano degli interrogativi, richiedono responsabilità…

Non tutto ciò che è tecnicamente possibile è di per sé moralmente accettabile

che cosa bene fare
Che cosa è bene fare?

Una domanda fondamentale

cosa bene fare alla ricerca di un criterio per l agire morale
Cosa è bene fare?... alla ricerca di un criterio per l’agire morale…
  • Unanime riconoscimento della necessità di porre la questione etica riguardo alle scienze della vita
  • Panorama diversificato di modelli etici di riferimento e di teorie sulla fondazione del giudizio etico (“politeismo etico”)
  • L’esigenza di una vera fondazione meta-etica della bioetica
  • “Tolleranza etica” non equivale a “indifferenza etica”
      • È necessario promuovere un confronto sulle motivazioni razionali di ogni posizione etica, alla ricerca di basi comuni
cosa bene fare alla ricerca di un criterio per l agire morale5
Cosa è bene fare?... alla ricerca di un criterio per l’agire morale…
  • Pluralismo etico:
    • antropologia di riferimento
        • Chi è persona?
        • Che cosa è la dignità?
    • fondazione del giudizio etico
        • Giustificazione
        • Gerarchia di valori
  • A quali valori occorre riferirsi per fondare il giudizio etico su ciò che è lecito e ciò che lecito non è?

Cognitivismo

Non-cognitivismo

le radici del non cognitivismo
Le radici del non-cognitivismo

David Hume (1711-1776)

In ogni sistema di morale in cui finora mi sono imbattuto, ho sempre trovato che l'autore per un po' ragiona nel modo più consueto e afferma l'esistenza di Dio, o fa delle osservazioni sulle cose umane; poi, tutto a un tratto, scopro con sorpresa che al posto delle abituali copule ‘è’ e ‘non è’ [is or is not] incontro solo delle proposizioni che sono collegate con un ‘deve’ o un ‘non deve’ [ought, or anought not]; si tratta di un cambiamento impercettibile, ma che ha, tuttavia, la più grande importanza. Infatti, dato che questi ‘deve’ e ‘non deve’ esprimono una nuova relazione o una nuova affermazione, è necessario che siano osservati e spiegati... ma poiché gli Autori non seguono abitualmente questa precauzione, mi permetto di raccomandarla ai lettori, e sono convinto che un minimo di attenzione a questo riguardo rovescerà tutti i comuni sistemi di morale e ci farà capire che la distinzione tra il vizio e la virtù non si fonda semplicemente sulle relazioni tra gli oggetti e non viene percepita mediante la ragione

D. HUME, Trattato sulla natura umana (1739), Laterza, Bari 1971, parte III, sezione I, I.

le radici del non cognitivismo7
Le radici del non-cognitivismo

George Edward Moore (1873-1958)

“Se mi si chiede “Che cos’è il bene?”, la mia risposta è che il bene è bene, e null’altro. O se mi si domanda “Come si può definire il bene?”, la mia risposta è che esso non si può definire [...] Ciò che io sostengo è che “buono” è una nozione semplice, proprio com’è una nozione semplice “giallo”; e che, come non c’è alcun mezzo di spiegare a qualcuno che già non lo sappia che cosa sia il giallo, così non c'è modo di spiegargli che cosa sia il bene. […] Si può dare la definizione di un cavallo, perché un cavallo ha molte diverse proprietà e qualità, che, tutte, si possono enumerare. Ma quando si siano enumerate tutte, e quando si sia ridotto il cavallo ai suoi termini più semplici, questi ultimi a loro volta non potranno essere ulteriormente definiti”

Moore G.E., Principia Ethica (1903), Milano: Bompiani, 1964, Cap. V, § 99.

non cognitivismo
Non-cognitivismo
  • La “legge di Hume”e la fallacia naturalistica: non è legittimo ricavare una norma (e quindi un imperativo, un dover essere) da un fatto
  • Empirismo e neoempirismo: soltanto gli enunciati descrittivi (e non quelli prescrittivi) possono essere veri o falsi.
  • I fatti sono conoscibili, descrivibili con il verbo all’indicativo (is) e sono dimostrabili scientificamente (verificazione – falsificazione);
  • i valori e le norme morali sono semplicemente presupposti e danno luogo a giudizi prescrittivi (ought) indimostrabili
    • non è possibile dedurre direttamente dalla descrizione dei fatti empirici delle norme morali
    • indebito il passaggio dal “IS” al “OUGHT”, dal ”essere” al “dover essere”)
  • Negazione della metafisica
cosa bene fare alla ricerca di un criterio per l agire morale9
Cosa è bene fare?... alla ricerca di un criterio per l’agire morale…
  • Come superare questa “grande divisione”?
  • Dare il corretto significato della parola “essere”:
    • essere come fattualità empirica
    • essere come “natura”, in senso metafisico

Cognitivismo

È possibile fondare razionalmente e oggettivamente i valori e le norme morali

Non-cognitivismo

I valori non possono essere oggetto di conoscenza

(fatti naturali ≠ valori morali)

cognitivismo
Cognitivismo
  • Il passaggio dall’essere al dover essere è illegittimo se l’essere è concepito come un ente statico, analogo a quello matematico e si ha una concezione meccanicistica e riduttiva dell’universo, ma se fuoriusciamo da queste strettoie, con sguardo metafisico possiamo cogliere le essenze e la natura della realtà, cioè il suo orientamento teleologico.
  • La conoscenza e i livelli di astrazione (“dalla quantità alla qualità”). La prospettiva metafisica.
  • Si delinea, pertanto, un’altra via, il finalismo di derivazione aristotelico-tomista, che cerca di uscire dallo schematismo della “grande divisione”.
  • Per realizzare la nostra identità personale dobbiamo sapere qual è il nostro bene, il nostro fine. Questo fine (dover essere) è individuato dalla ragione come Fondamento, il quale non è semplicemente all’origine degli enti, ma ne è anche l’attuale condizione necessaria di esistenza, ovvero di conservazione nell’essere.
quale etica per la bioetica
Quale etica per la bioetica?
  • Modello liberal-radicale (non-cognitivista)
  • Modello utilitarista (non-cognitivista)
  • Modello sociobiologista (cognitivista)
  • Modello personalista (cognitivista)
modello liberal radicale non cognitivista
Modello liberal-radicale (non cognitivista)
  • Soggettivismo morale: neoilluminismo, liberalismo etico, esistenzialismo nichilista, scientismo neopositivista, emotivismo, decisionismo
  • La morale non si può fondare né sui fatti né sui valori oggettivi e trascendenti, ma solo sulla scelta “autonoma” del soggetto
    • Principio di autonomia inteso nel suo senso forte
    • La libertà come punto di riferimento supremo e decisivo
      • è lecito ciò che è liberamente voluto, accettato e che non lede la libertà altrui (quando è rivendicabile)
john stuart mill 1806 1873
John Stuart Mill (1806-1873)

“Il principio è che l'umanità è giustificata, individualmente o collettivamente, a interferire sulla libertà d'azione di chiunque soltanto al fine di proteggersi: il solo scopo per cui si può legittimamente esercitare un potere su qualunque membro di una comunità civilizzata, contro la sua volontà, è per evitare danno agli altri. Il bene dell'individuo, sia esso fisico o morale, non è una giustificazione sufficiente. Non lo si può costringere a fare o non fare qualcosa perché è meglio per lui, perché lo renderà più felice, perché, nell'opinione altrui, è opportuno o perfino giusto. Questi sono buoni motivi per discutere, protestare, persuaderlo o supplicarlo, ma non per costringerlo o per punirlo in alcun modo nel caso si comporti diversamente. Perché la costrizione o la punizione siano giustificate, l'azione da cui si desidera distoglierlo deve essere intesa a causare danno a qualcun altro. Il solo aspetto della propria condotta di cui ciascuno deve rendere conto alla società è quello riguardante gli altri: per l'aspetto che riguarda soltanto lui, la sua indipendenza è, di diritto, assoluta. Su se stesso, sulla sua mente e sul suo corpo, l'individuo è sovrano”

J. Stuart Mill, On liberty, (1859)

modello liberal radicale non cognitivista14
Modello liberal-radicale (non cognitivista)
  • Il giudizio sul bene e sul male dipende dalla coscienza o dalle preferenza del soggetto (opinioni, sentimenti, esperienze vissute, ecc.)
  • L’etica soggettivista è, quindi:
      • Relativa;
      • Individuale;
      • Privata.
  • La conseguenze in ambito bioetico sono ad esempio:
      • La legittimazione dell’eutanasia come scelta buona perché autodeterminata del soggetto
      • Aborto…
      • Antiproibizionismo
      • “Libertà” di ricerca
etica senza verit

Etica “ senza verità”…

Uberto Scarpelli (1924-1993)

Egli, partendo dalla netta distinzione tra l’essere e il doveressere, afferma:

“Nell’etica non c’è verità (…): la stessa varietà storica dei principi morali convince che essi son frutto di processi culturali, sociali e personali, e non sono riconducibili ad un’astratta e metastorica zona della verità immediatamente intuibile da ogni intelletto”

U. SCARPELLI, L’etica senza verità, Il Mulino 1982.

etica della libert

…etica “della libertà”

Ogni uomo, però, sviluppa (a partire dal suo condizionamento organico e culturale) la capacità di scegliere tra bene e male e, soprattutto, di scegliere il criterio stesso della scelta, cioè di scegliere un’etica e il fondamento per quest’etica.

“Un’etica è dunque sempre e radicalmente individuale (…). Non c’è ragione definitiva per cui la mia risposta debba valere per altri: posso soltanto presentare argomentando la mia risposta perché ciascuno giudichi se e fino a che punto possa diventare risposta sua. Ognuno segue nell’etica la sua strada, ognuno può offrire persuasione,

ognuno deve infine decidere per sé stesso”

Scarpelli assegna così un ruolo decisivo al principio della tolleranza

max charlesworth 1925
Max Charlesworth (1925 - )

“Noi abbiamo, in quanto agenti morali, il diritto di controllare e determinare il corso della nostra vita e decidere come vivremo (impegnandoci, naturalmente, a non infrangere il diritto degli altri a fare lo stesso). Questo è ciò che si intende per autonomia individuale. Il diritto all’autonomia o autodeterminazione è infatti il fondamento di tutti gli altri diritti umani, poiché non avrebbe senso parlare di “diritti” a meno che non si sia capaci di decidere per noi stessi e di essere responsabili delle nostre vite (…). Questo diritto all’autonomia morale porta con sé un diritto ulteriore, relativo al controllo della durata della propria vita e della modalità della morte”

Bioethics in a Liberal Society (1993), L'etica della vita. I dilemmi della bioetica in una società liberale, Donzelli, Roma, 1996

il modello liberale nella forma del contrattualismo
Il modello liberale nella forma del contrattualismo
  • Nasce dalla necessità di conciliare la fondazione individualistica della norma morale con una “etica pubblica” (soggettivismo della maggioranza)
  • Diffuso soprattutto nei Paesi anglosassoni
  • Partendo dal rifiuto della metafisica (è impossibile giungere a verità universali e a norme etiche valide per tutti) propone una forma di accordo intersoggettivo (contrattualismo)
    • ampliare la sfera delle libertà personali per il maggior numero di persone
il contrattualismo di h t engelhardt

Il contrattualismo di H.T. Engelhardt

L’incipit del suo “Manuale di Bioetica” inizia con questa premessa:

“Il pluralismo morale è una realtà di fatto e di principio”

Egli prende atto, cioè, delle profonde controversie che esistono in campo morale. Ritiene che esse possono essere risolte in 4 modi:

“1) con la forza, 2) con la conversione di una parte alla concezione dell’altra, 3) con una corretta argomentazione razionale, 4) mediante un accordo...”

il contrattualismo di h t engelhardt20

Il contrattualismo di H.T. Engelhardt

Non è possibile una morale sostanziale, l’assenso su ciò che è bene e male, ma è possibile la condivisione all’interno di “comunità morali” nelle quali si instaurano rapporti tra “amici morali”: nella consapevolezza che le comunità morali, amicali solo all’interno, sono estranee le une alle altre. Gli amici morali di una comunità sono gli stranieri morali per un’altra comunità.

Tra le comunità morali è possibile solo concordare procedure formali ed estrinseche di negoziazione per la risoluzione di controversie bioetiche: stipulazione di contratti o accordi. Il proceduralismo appare come l’unico mezzo affinché gli stranieri morali possano collaborare.

il contrattualismo di h t engelhardt21

Il contrattualismo di H.T. Engelhardt

Secondo questa visione, è persona solo l’“agente morale”, ossia colui che è in grado di stipulare un contratto, di esprimere un consenso e un permesso, di partecipare in modo attivo alla vita morale, dunque un soggetto autocosciente, capace di razionalità e di autodeterminazione.

Gli individui che non sono in grado di dare il proprio consenso diventerebbero “oggetti” della beneficenza degli “agenti morali”, che potrebbero decidere di proteggerli, ma potrebbero anche decidere di sacrificarli in vista della realizzazione di altri beni.

modello liberal radicale non cognitivista22
Modello liberal-radicale (non cognitivista)

Critica

  • Elementi di parziale verità, ma non tutta la verità sull’uomo:
    • Libertà solo per alcuni: chi può farla valere ed esprimerla
      • Persona è chi è capace di accordi intersoggettivi
          • Persone, non-persone (es. l’embrione), non più persone (es. il paziente in SVP).
    • Libertà “da” vincoli e costrizioni, ma non libertà “per” un progetto di vita e di società
    • Libertà senza responsabilità
modello liberal radicale non cognitivista23
Modello liberal-radicale (non cognitivista)

… critica

  • Libertà ideologica
  • I comportamenti non sarebbero scelti perché buoni, ma buoni perché scelti;
  • Le azioni non sarebbero veramente buone o cattive, migliori o peggiori, ma solo diverse;
  • Si rinuncia a giustificare le proprie scelte in maniera razionale (comunicabile).
  • È un etica contraddittoria
  • È un etica “del potere”
modello utilitarista non cognitivista
Modello utilitarista(non cognitivista)
  • La bioetica utilitarista è una teoria morale consequenzialistica in quanto giustifica gli enunciati morali sulla base della valutazione delle conseguenze che produce un’azione e non sulla base dell’agente o dell’atto in sé
  • Il calcolo dell’utile come benessere (unico movente dell’atto) deve tenere in considerazione in modo eguale gli interessi di ogni individuo (egualitarismo) e massimizzare gli interessi di tutti gli individui coinvolti considerati nel loro insieme.
  • La centralità ed esclusività dell’utile quale categoria etica è considerata un postulato auto-evidente
  • Il principio base è:
    • Valutare le conseguenze di un’azione in base al rapporto costi/benefici
    • Massimizzare il piacere – minimizzare il dolore
slide25
Massimizzare il piacere – minimizzare il dolore:
    • La persona è un essere senziente.
  • La bioetica utilitarista delinea diversi livelli di soggettività e statuto personale in base ai diversi livelli di coscienza:
    • dal livello minimale (possesso della capacità di avere sensazioni piacevoli e spiacevoli nell’immediatezza del presente, dunque possesso del sistema nervoso centrale quale condizione neurofisiologica necessaria),
    • al livello intermedio (possesso della capacità di elaborazione complessa delle sensazioni, mediante confronto, comparazione e scelta preferenziale, nel presente e nel futuro)
    • o al livello massimo (o decisione autonoma dell’individuo).
  • La soggettività personale si esprime e scompare (improvvisamente o gradatamente), cresce o decresce in base al livello di coscienza: è persona chi percepisce, chi elabora percezioni, chi decide autonomamente.
l utilitarismo di peter singer

L’utilitarismo di Peter Singer

P. Singer ritiene che il principale criterio-guida nella valutazione dell'eticità delle nostre azioni è quello dell'accrescimento del piacere, in opposizione al dolore o alla sofferenza, nell'uomo come negli animali non-umani

“… chiunque sappia riflettere con lucidità si renderà conto che la pratica medica moderna è diventata incompatibile con la credenza nell’uguale valore di ogni vita umana”

“… è giunto il momento per un’altra rivoluzione copernicana … e poiché bandirà la tendenza a vedere negli esseri umani il centro dell’universo morale, andrà incontro alla fiera opposizione di coloro che non intendono accettare questo schiaffo al nostro orgoglio umano … ma alla fine la svolta ci sarà”

(P. Singer, Ripensare la vita – la vecchia morale non serve più, 1994)

l utilitarismo di peter singer27

L’utilitarismo di Peter Singer

Nella prospettiva singeriana, la bioetica utilitaristica si identifica con la “bioetica della qualità della vita” in contrapposizione alla “bioetica della sacralità/santità della vita”.

In questo senso, gli utilitaristi intendono proporre una morale “nuova” che, subordinando il valore della vita alla presenza di qualità misurabili, si contrappone alla morale tradizionale che ritiene la vita un valore assoluto a prescindere dalle qualità, ossia vietando qualsiasi atto di uccisione diretta e intenzionale di una vita innocente.

sovrapponibilit fra esseri umani e persone
Sovrapponibilità fra esseri umani e persone?

esseri

non

umani

persone

esseri

umani

modello utilitarista non cognitivista29
Modello utilitarista(non cognitivista)

Critica

  • Il rapporto costi/benefici è valido quando è riferito ad uno stesso valore e a beni omogenei e “gerarchizzabili”
  • La persona umana e i suoi valori non sono mai “negoziabili” in base a calcoli quantitativi
  • È difficile (impossibile?) prevedere tutte le conseguenze di un atto, per poi effettuarne un bilanciamento
  • Persone e non-persone.
  • Il problema degli “esseri senzienti” e l’accusa di specismo
modello utilitarista non cognitivista30
Modello utilitarista(non cognitivista)

Critica

  • Nella logica del calcolo della massimizzazione del piacere e della minimizzazione del dolore la vita ha valore solo subordinatamente alla presenza di condizioni di piacevolezza, ossia di un certo livello di “qualità della vita”, misurata in funzione del benessere.
  • La vita umana e non umana nella quale la sofferenza prevale si ritiene “non valga la pena di essere vissuta”.
  • Il “diritto a non soffrire inutilmente” finisce con il coincidere con un “dovere” di sopprimere la vita sofferente o che può soffrire, o che causa o può causare troppa sofferenza agli altri, nel presente e nel futuro.
modello sociobiologista cognitivista
Modello sociobiologista (cognitivista)
  • Etica puramente descrittiva
    • la società evolve producendo valori e norme, che sono mutevoli e funzionali al suo sviluppo
    • analogia con l’evoluzione degli esseri viventi
    • evoluzionismo di C. Darwin + sociologismo di M. Weber + sociobiologismo di Heinsenk e Wilson
    • l’uomo non sarebbe sostanzialmente diverso dalle altre forme di vita
    • diritto e morale sono l’espressione culturale dell’adattamento della spinta evolutiva
    • l’etica avrebbe il ruolo di mantenere l’equilibrio evolutivo
il darwinismo sociale

Il darwinismo sociale

“L’uomo ricerca con cura il carattere, la genealogia dei suoi cavalli, del suo bestiame e dei suoi cani, prima di accoppiarli; ma quando si tratta del suo proprio matrimonio, di rado o meglio mai, si prende tutta questa briga.

Eppure l’uomo potrebbe mediante la selezione fare qualcosa non solo per la costituzione somatica dei suoi figli, ma anche per le loro qualità intellettuali e morali. I due sessi dovrebbero star lontani dal matrimonio, quando sono deboli di mente e di corpo; ma queste speranze sono utopie, e non si realizzeranno mai, neppure in parte finché le leggi dell’ereditarietà non saranno completamente conosciute.

Chiunque coopererà in questo intento renderà un buon servigio all’umanità.

Il progresso del benessere del genere umano è un problema difficile da risolvere; quelli che possono evitare una grande povertà per i loro figli dovrebbero astenersi dal matrimonio, perché la povertà non è soltanto un gran male, ma tende ad aumentare poiché provoca l’avventatezza del matrimonio.

D’altra parte come ha notato Galton (1822-1911), se i prudenti si astengono dal matrimonio, mentre gli avventati si sposano, i membri inferiori della società tenderanno a soppiantare i migliori”.

Charles Darwin, L’Origine dell’uomo (1871),

il sociobiologismo di edward o wilson

Il sociobiologismo di Edward O. Wilson

E. Wilson ritiene di poter trattare le questioni morali alla stregua di un argomento di biologia: evoluzionismo, determinismo e meccanicismo sono alla base della sua proposta.

“Gli scienziati e i cultori di discipline umanistiche dovrebbero considerare insieme la possibilità che sia giunto il momento di togliere temporaneamente l’etica dalle mani dei filosofi e di biologizzarla.”

modello sociobiologista cognitivista34
Modello sociobiologista(cognitivista)

Critica

  • Evoluzionismo e “riduzionismo” antropologico dati per scontati
  • Non è possibile alcuna unità stabile o universalità di valori (essi sono provvisori)
  • 2 meccanismi ritenuti necessari: adattamento e selezione
  • è giustificato l’eugenismo, sia attivo che passivo
  • Errata interpretazione del rapporto natura-cultura
ritorniamo alla nostra domanda cosa bene fare
Ritorniamo alla nostra domanda: Cosa è bene fare?
  • “Cosa è bene fare?” significa sempre “Cosa è bene per l’uomo?”… ovvero… “Cosa è in linea con il rispetto della sua dignità?”
  • È la persona umana al centro della valutazione etica, “punto di riferimento e di misura tra il lecito e il non lecito”, nel senso che nell’esperienza morale l’uomo “è chiamato” ad essere quello che è, a realizzarsi in quanto persona umana (in questo consiste la vita etica)
  • È nell’uomo, pertanto, che dovrà ricercarsi il fondamento etico delle azioni

La risposta del personalismo

modello personalista cognitivista
Modello personalista (cognitivista)

La centralità del concetto di persona nel pensiero filosofico… e in bioetica

L’elaborazione di questo concetto è il tentativo dell’uomo di comprendere e rappresentare se stesso e i propri simili, stabilendo – al contempo – il significato e il valore delle relazioni interpersonali.

Il concetto di persona presuppone un convincimento: che l’uomo “sporge” (emerge) dalla natura-ambiente, si percepisce come soggetto autonomo e trova in se stesso (nel suo essere) la fonte della propria dignità

il concetto di persona
Il concetto di persona

Prósopon

Il dogma trinitario

Angeli

… uomo (uso analogico del termine persona-umana)

modello personalista cognitivista38
Modello personalista (cognitivista)
  • La persona
    • Significati in uso del termine “persona”:
      • Psicologico (avente personalità)
      • Giuridico (soggetto di diritti)
      • Morale (titolare di dignità)
      • Ontologico (possessore di un particolare modo d’essere)
modello personalista cognitivista39
Modello personalista (cognitivista)

Una premessa

  • Di “personalismo”, storicamente, si parla in una triplice accezione:
    • personalismo “relazionale-comunicativo” (Apel, Habermas)
      • valore della soggettività e della relazione intersoggettiva
    • personalismo “ermeneutico” (Gadamer)
      • ruolo chiave della coscienza soggettiva nell’interpretazione della realtà
    • personalismo “ontologico” (Tommaso d’Aquino)
      • non si nega il precedente, ma si pone a fondamento della soggettività un’esistenza ed un’essenza costituita nell’unità corpo-spirito
      • La persona è sostanza individua di natura razionale (Boezio)
personalismo ontologico
Personalismo ontologico
  • esso vuole affermare uno statuto oggettivo (ontologico) ed esistenziale della persona
    • La razionalità, la libertà, ecc. sono caratteristiche che dipendono dall’essere stesso della persona (e la persona può manifestarle o non-manifestarle)
  • Lo statuto ontologico della persona umana si riconosce (non si attribuisce) ad ogni essere umano, in quanto sostanziale.
  • Affermando lo statuto ontologico della persona se ne riconosce la rilevanza assiologica (il valore).
personalismo ontologico42
Personalismo ontologico
  • L’uomo è persona perché è l’unico essere in cui la vita diviene capace di auto-riflessione (=ragione); di autodeterminazione (=libertà); di cogliere il senso delle cose (=coscienza).
  • Ragione, libertà e coscienza non sono riducibili alle “leggi dell’evoluzione”, ma derivano dall’anima razionale (spirituale) che informa e dà vita al corpo.
  • Differenza sostanziale uomo/animale; Irriducibilità dell’uomo a “parte della società” (egli ne è origine e fine).
  • La persona è un corpo spiritualizzato, una unitotatiltà corporeo-spirituale il cui valore è dato da ciò che è e non solo dalla possibilità delle le scelte che fa.
  • In ogni scelta la persona impegna ciò che è, la sua esistenza e la sua essenza, il suo corpo e il suo spirito
  • Consapevolezza razionale che ogni essere umano possiede un eguale e intrinseco valore, che chiamiamo dignità.
personalismo ontologico conseguenze etiche
Personalismo ontologico: conseguenze etiche
  • Persona significat id quod est perfectissimum in tota natura, scilicet subsistens in rationali natura(Tommaso d’Aquino, S. Th. I, q.29, a.3)
    • Chi è massimamente perfetto non può non essere riconosciuto e rispettato semper et pro semper, in ogni circostanza di tempo e di luogo, cioè in modo assoluto. Nessun valore arbitrario - neanche il superamento di tutte le malattie - può sostituire il valore di ogni singola persona.
  • La persona impone l’imperativo categorico di agire in modo da trattare l’umanità, in sè e negli altri, sempre come fine e mai soltanto come mezzo(Kant, Fondamenti della metafisica dei costumi)
    • l’essere perfettissimum in tota natura resiste a qualsiasi tentativo di abbassarlo alla condizione di semplice strumento.
  • l’uomo è “la sola creatura in terra che Iddio abbia voluto per se stessa”(Gaudium et spes, n. 24).
    • Anche la prospettiva teologica afferma il primato dell’essere e della dignità della persona, e per tanto il valore assoluto della norma personalista.
personalismo ontologico conseguenze etiche44
Personalismo ontologico: conseguenze etiche
  • Il bonum, il valore ultimo che misura l’agire morale, viene inteso come promozione dell’essere e della preziosità (o dignità) della persona in quanto persona.
  • L’essere e la dignità della persona sono, quindi, valori assoluti. Di conseguenza, la bioetica personalista pone come primum principium il rispetto incondizionato dell’inviolabilità della persona (e quindi della vita umana) e la tutela della sua libera espressione, in primis sul versante dei diritti umani.
  • Riassumendo, possiamo affermare che la persona, dal suo concepimento fino alla sua morte naturale, deve essere sempre:
      • punto di riferimento ultimo in ogni decisione
      • sempre fine, mai mezzo
      • metro di misura per giudicare ciò che moralmente è lecito o illecito
personalismo ontologico conseguenze etiche45
Personalismo ontologico: conseguenze etiche
  • Non è mai consentita:
    • La discriminazione (trattare un qualsiasi essere umano come una cosa sprovvista di valore, o come un esemplare irrilevante della specie umana, o come un oggetto che ancora deve conquistarsi il diritto ad essere riconosciuto come persona);
    • La strumentalizzazione (usare un qualsiasi essere umano per fini diversi dal bene proprio dello stesso individuo);
    • L’oppressione (agire nei confronti di un qualsiasi essere umano mortificando o non tenendo conto della sua irrinunciabile autonomia e libertà).
la natura dell uomo
La “natura” dell’uomo

1. corpo-anima / materia–forma

  • anima = forma sostanziale del corpo
  • il corpo è “umano” perché animato da un’anima spirituale
  • unità dell’attività umana (fisico-spirituale) contro ogni dualismo

2. “io sono il mio corpo” (non in senso esaustivo) - G. Marcel

3. “ogni elemento del corpo umano è umano ed esiste come tale, in virtù dell’esistenza immateriale dell’anima umana. Il nostro corpo, le nostre mani, i nostri occhi esistono in virtù dell’esistenza della nostra anima” - J. Maritain

4. La persona è un corpo spiritualizzato, una unitotatiltà corporeo-spirituale che vale per quello che è e non soltanto per le scelte che fa

5. In ogni scelta la persona impegna ciò che è, la sua esistenza e la sua essenza, il suo corpo e il suo spirito

la corporeit umana
La corporeità umana

Conseguenze etiche

la vita fisica è un bene primario o fondamentale

non è un bene assoluto (lo è, ad es. in prospettiva trascendente, la vita eterna)

precede tutti gli altri beni relativi

solo il raggiungimento del bene spirituale e trascendentale della persona può rendere accettabile il rischio della vita fisica (es. martirio)

il primo bene che la segue gerarchicamente è la sua integrità

i beni della vita relazionale (affettivi e sociali) sono subordinati ai due precedenti

ogni “mercificazione” del corpo è un’offesa alla dignità della persona

alcuni corollari 1
Alcuni corollari(1)

persona e società

la persona non è una “parte” della società

la società non è un “organismo vivente” (concezione organicistica)

la persona sta all’origine della società e prevale sugli interessi della collettività

l’individuo non esaurisce mai tutto se stesso nelle relazioni con la società

la giusta nozione di “bene comune”

non: la media statistica dei beni dei singoli individui (concezione quantitativa)

ma: il bene che si realizza in ciascun componente della società in maniera sufficiente e giusta

alcuni corollari 2
Alcuni corollari (2)

persona, salute e malattia

insufficienza di concetti puramente “organicistici” di salute

Problematicità dei concetti “ideologici” di salute

SALUTE (OMS)

“La salute è uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non consiste soltanto in un’assenza di malattie e di infermità”

pregi e limiti di questa definizione

4 dimensioni della salute/malattia:

dimensione organica

dimensione psichica e mentale

dimensione ecologico-sociale

dimensione etica

i principi della bioetica personalista
I principi della bioetica personalista
  • Il principio di difesa della vita fisica
  • Il principio terapeutico
  • Il principio di libertà e responsabilità
  • Il principio di socialità e sussidiarietà
1 il principio della difesa della vita fisica
1 - Il principio della difesa della vita fisica

La tutela della vita umana: la vita umana fisica è valore fondamentale su cui si fondano e si sviluppano tutti gli altri valori della persona

D’altra parte, la vita umana fisica non esaurisce tutto il valore della persona, non è il bene supremo, assoluto che invece rinvia al trascendente

Un intervento sulla vita fisica è un intervento sulla persona, un danno è un danno alla persona

La promozione della salute

“diritto alla salute”

Educazione all’accettazione del limite (dolore, morte)

2 il principio terapeutico criteri per una corretta applicazione
2 - Il principio terapeutico:criteri per una corretta applicazione

Un intervento sul corpo umano è giustificato quando è il suo scopo è quello di salvaguardare il tutto o la vita del soggetto

Un intervento sul corpo umano è consentito alle seguenti condizioni:

Intervento sulla parte malata o causa attiva di malattia

Assenza di alternative

Ragionevole possibilità di successo (R/B)

Il consenso dell’interessato o dell’avente diritto

3 il principio di libert e responsabilit
3 - Il principio di libertà e responsabilità

Libertà da e libertà per

Rem ponderare

Res-pondere

Responsabilità individuale (verso se stessi)

Responsabilità sociale (verso gli altri)

Responsabilità professionale (verso particolari categorie di persone)

Responsabilità nei confronti della vita

4 il principio di socialit sussidiariet 1
4 - Il principio di socialità/sussidiarietà. 1

Impegna di ogni singola persona a realizzare se stessa nella partecipazione alla realizzazione del bene dei propri simili.

La propria vita e quella altrui come un bene non soltanto personale, ma anche sociale, dunque impegno della comunità a promuovere il bene comune promuovendo il bene di ciascuno. La vita e la salute di ognuno dipendono anche dall'aiuto degli altri.

Per la sussidiarietà, la comunità deve da un lato aiutare di più dove più grave è la necessità (curare di più chi è più bisognoso di cure e spendere di più per chi è più malato), dall'altro non deve soppiantare o sostituire le iniziative libere dei singoli e dei gruppi, ma garantirne il funzionamento.

il principio di socialit sussidiariet 2
Il principio di socialità/sussidiarietà. 2

Esempi di implicazioni per la bioetica:

Giustificazione del dono di organi e tessuti, che pur comporta una certa mutilazione nel donatore. Sperimentazione non-terapeutica.

Le opere assistenziali (ospedali, case di cura, lebbrosari) frutto del senso del servizio fraterno dei sani verso i malati.

In termini di giustizia sociale, obbligo della comunità a garantire a tutti i mezzi per accedere alle cure necessarie, anche a costo di chiedere sacrifici maggiori a chi meglio può sostenerli.

In nome del principio di sussidiarietà, non si dovrà mai sottrarre la cura di assistenza al malato più sofferente o più grave.