BIOREATTORI
Download
1 / 40

BIOREATTORI - PowerPoint PPT Presentation


  • 176 Views
  • Uploaded on

BIOREATTORI. Reazioni senza variazione di volume e a temperatura costante (reattori con controllo della temperatura). REAZIONI CATALIZZATE DA ENZIMI. p 1 -p 0 =a(s 0 -s 1 ). Ritenzione dell’enzima nel reattore mediante una membrana porosa sullo scarico (enzima relativamente grande).

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'BIOREATTORI' - morrisa


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

Bioreattori 1327613

Reazioni senza variazione di volume e a temperatura costante (reattori con controllo della temperatura)

REAZIONI CATALIZZATE DA ENZIMI


Bioreattori 1327613

p (reattori con controllo della temperatura)1-p0=a(s0-s1)


Bioreattori 1327613

Ritenzione dell’enzima nel reattore mediante una membrana porosa sullo scarico (enzima relativamente grande).


Bioreattori 1327613

CONVERSIONE NEL REATTORE AGITATO CONTINUO porosa sullo scarico (enzima relativamente grande).

Effetto inibente del substrato


Bioreattori 1327613

Per ottenere la stessa conversione in un solo reattore agitato, è necessario un volume di reattore V>(V1+V2+V3):


Bioreattori 1327613

IMMOBILIZZAZIONE DEGLI ENZIMI agitato, è necessario un volume di reattore V>(V1+V2+V3):

Quando l’enzima viene alimentato al reattore in soluzione, esso lascia il reattore insieme al prodotto; si ha quindi perdita di enzima.

L’enzima può anche rappresentare una impurezza indesiderabile, che deve essere rimossa.

Per evitare tali inconvenienti, l’enzima può essere immobilizzato, in modo da essere trattenuto dentro il reattore.

Vi sono vari metodi possibili di immobilizzazione.


Bioreattori 1327613

Metodi chimici agitato, è necessario un volume di reattore V>(V1+V2+V3):

1 - Ancoraggio covalente su un supporto solido insolubile in acqua.

I supporti solidi possono essere di diversa natura: vetri e ceramiche porose, acciaio inossidabile, sabbia, carbone, ossidi metallici e vari composti polimerici.

Gli enzimi vengono immobilizzati di solito attraverso i loro gruppi amminici o carbossilici che, ovviamente non devono essere né quelli essenziali per l’attività catalitica, né vicini ad essi.

Il processo consiste in 2 fasi:

Attivazione del supporto

Attacco dell’enzima



Bioreattori 1327613

Le particelle di enzima reticolato sono gelatinose e non hanno le proprietà meccaniche richieste per molte applicazioni.

Migliori proprietà meccaniche sono ottenute adsorbendo l’enzima su un supporto e quindi reticolando l’enzima adsorbito:


Bioreattori 1327613

Metodi fisici hanno le proprietà meccaniche richieste per molte applicazioni.

1 - Inclusione in fibre spugnose o in fibre cave

2 - Inclusione in un gel polimerico

Con questa tecnica un enzima è addizionato ad una soluzione di monomero, quindi si innesca la polimerizzazione.


Bioreattori 1327613

3 - Incapsulazione hanno le proprietà meccaniche richieste per molte applicazioni.

Gli enzimi sono intrappolati in piccole capsule, di diametro fino a 300 mm (microincapsulazione), circondate da una membrana porosa che consente il passaggio di substrato e prodotto, ma non dell’enzima (l’enzima, internamente, si trova in soluzione).

L’immobilizzazione dell’enzima comporta in genere una sua maggiore stabilità nei riguardi di quegli agenti che provocano la perdita della conformazione nativa dell’enzima attraverso un suo “srotolamento” (pH, T, agitazione, ecc.).


Bioreattori 1327613

Diffusione e reazione nella particella hanno le proprietà meccaniche richieste per molte applicazioni.

Nel caso di enzima immobilizzato in un supporto, il substrato deve diffondere attraverso il supporto per raggiungere il sito catalitico. Ciò comporta un gradiente di concentrazione del substrato entro la particella.

Quando v è funzione crescente di S (cinetica di Michaelis-Menten), la velocità di reazione all’interno della particella sarà inferiore a quella corrispondente a S=S0 (esterno particella).

Pertanto la quantità di substrato convertito per unità di tempo e di volume entro la particella sarà inferiore a quella che si avrebbe senza gradiente di concentrazione.


Bioreattori 1327613

  • Ureasi hanno le proprietà meccaniche richieste per molte applicazioni. (da bacillus) usi analitici, trattamenti di acque, rene artificiale.


Bioreattori 1327613

  • Di gran lunga più utilizzati sono gli enzimi idrolitici (idrolisi dell’amido, della cellulosa, dei grassi, delle proteine). Sono coinvolti nei settori più diversi:

  • Produzione di detersivi

  • la proteasi degrada le proteine insolubili in frammenti che possono essere rimossi o disciolti dal detergente;

  • l’a-amilasi attacca l’amido rompendo i legami 1,4 dando destrine solubili:

  • la lipasi idrolizza i trigliceridi dando acidi grassi, digliceridi, monogliceridi e glicerolo (più degradato è il grasso, più facile è la sua rimozione dal tessuto per l’aumentata idrofilicità).

  • Degradazione degli alimenti;

  • Trattamento delle acque di scarico;

  • Lavorazione dell’amido;

  • Maturazione della frutta colta acerba;

  • Lisi delle cellule morte;

  • Maturazione della carne e dei formaggi,….


Bioreattori 1327613

  • Settore medico (idrolisi dell’amido, della cellulosa, dei grassi, delle proteine). Sono coinvolti nei settori più diversi:

  • Glucosidasi – analisi del glucosio nel sangue e nelle urine;

  • Lisozima – trattamento di ulcerazioni, morbillo, sclerosi multipla, alcune malattie della pelle, infezioni post-intervento;

  • Ialuronidasi – facilita la diffusione di composti che vengono iniettati insieme ad essa (antibiotici, adrenalina, eparina, anestetici locali).


Bioreattori 1327613

PROCESSI DI PRODUZIONE (idrolisi dell’amido, della cellulosa, dei grassi, delle proteine). Sono coinvolti nei settori più diversi:

CONVERSIONE DELL’AMIDO

L’amido, materiale di riserva delle piante, è costituito da una frazione di amilosio (circa 20%), che è un polimero dell’a-glucosio con legami glicosidici 1-4, e da una frazione di amilopectina (circa 80%), di composizione simile all’amilosio, ma con ramificazioni a-1-6 mediamente ogni 25 unità di glucosio.

Il processo di conversione consiste nella idrolisi (depolimerizzazione) dei legami glicosidici, per la produzione di zuccheri semplici.


Bioreattori 1327613

  • Diversi enzimi, prodotti da batteri e muffe sono in grado di idrolizzare (depolimerizzare) l’amido; i più noti sono:

  • a-amilasi - agisce idrolizzando casualmente i legami a-1-4. Quando ottenuto dal Bacillus licheniformis, in presenza di ioni Ca2+ è stabile anche a temperature piuttosto elevate (90-110°C).

  • b-amilasi – Attacca i legami a-1-4 delle catene amilosiche con formazione di unità maltosiche a partire dalle estremità (la rottura si ferma a 2 o 3 unità glicosidiche dai punti di reticolazione 1-6).

  • Glucoamilasi (o amiloglucosidasi) - è un enzima in grado di idrolizzare sia il legame 1-4, sia quello 1-6, anche se quest’ultimo molto lentamente.

  • Pullulanasi – mostra attività specifica solo per i legami 1-6 (a pH 4.5 e T= 60°C).


Bioreattori 1327613

Il processo può suddividersi in 3 stadi: idrolizzare (depolimerizzare) l’amido; i più noti sono:

Liquefazione

Saccarificazione

Isomerizzazione


Bioreattori 1327613

1 - LIQUEFAZIONE DELL’AMIDO idrolizzare (depolimerizzare) l’amido; i più noti sono:

L’amido, sospeso in acqua al 30-40%, viene dapprima gelatinizzato e quindi predepolimerizzato (destrinizzazione) mediante a-amilasi (man mano che si idrolizzano i legami a1-4 si riduce la viscosità del gel, operazione che viene detta appunto “liquefazione”).


Bioreattori 1327613

2 - SACCARIFICAZIONE idrolizzare (depolimerizzare) l’amido; i più noti sono:

Quando l’amido liquefatto viene ulteriormente demolito per idrolisi, si ottiene una notevole varietà di prodotti dolcificanti (saccarificazione).

Così, impiegando una serie di enzimi comprendenti b-amilasi e pullulanasi per la dereticolazione, è possibile produrre sciroppi con tenori di maltosio vicini all’80%.

Uno sciroppo con un tenore di glucosio del 95-97% può essere ottenuto per trattamento successivo con a-amilasi e glucoamilasi.


Bioreattori 1327613

Il idrolizzare (depolimerizzare) l’amido; i più noti sono:maltosio, o zucchero di malto, è un disaccaride composto da due unità di glucosio con una connessione α(1-4).


Bioreattori 1327613

3 – ISOMERIZZAZIONE DEL GLUCOSIO idrolizzare (depolimerizzare) l’amido; i più noti sono:

Il prodotto che si ottiene isomerizzando il glucosio a fruttosio ad opera della glucosio-isomerasi ha un potere dolcificante simile allo sciroppo di saccarosio ed ha trovato largo impiego nella fabbricazione di bevande analcoliche.

La costante di equilibrio della reazione di isomerizzazione Glucosio  Fruttosio alla temperatura di processo è all’incirca unitaria, pertanto il prodotto contiene glucosio e fruttosio approssimativamente nel rapporto 1:1.

glucosio

fruttosio


Bioreattori 1327613

Nelle condizioni operative ottimali idrolizzare (depolimerizzare) l’amido; i più noti sono:per assicurare elevata attività e stabilità dell’enzima (pH7.5, T=55-60 °C) il glucosio ed il fruttosio sono piuttosto instabili e si decompongono facilmente ad acidi organici e sottoprodotti di colore scuro.

Per superare questo problema, il tempo di reazione viene tenuto breve facendo passare il glucosio in modo continuo attraverso una colonna contenente l’enzima immobilizzato (enzima in particelle da 0.3-1 mm).