slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
GESTIRE LA DEMENZA ALZHEIMER GARANTENDO LA GIOIA DI VIVERE NEL MALATO E NEL CAREGIVER A.R.G.O. Alzheimer Riabilitazi PowerPoint Presentation
Download Presentation
GESTIRE LA DEMENZA ALZHEIMER GARANTENDO LA GIOIA DI VIVERE NEL MALATO E NEL CAREGIVER A.R.G.O. Alzheimer Riabilitazi

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 37

GESTIRE LA DEMENZA ALZHEIMER GARANTENDO LA GIOIA DI VIVERE NEL MALATO E NEL CAREGIVER A.R.G.O. Alzheimer Riabilitazi - PowerPoint PPT Presentation


  • 274 Views
  • Uploaded on

GESTIRE LA DEMENZA ALZHEIMER GARANTENDO LA GIOIA DI VIVERE NEL MALATO E NEL CAREGIVER A.R.G.O. Alzheimer Riabilitazione Gestione Ospitalità.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'GESTIRE LA DEMENZA ALZHEIMER GARANTENDO LA GIOIA DI VIVERE NEL MALATO E NEL CAREGIVER A.R.G.O. Alzheimer Riabilitazi' - montego


Download Now An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

GESTIRE LA DEMENZA ALZHEIMER GARANTENDO LA GIOIA DI VIVERE NEL MALATO E NEL CAREGIVERA.R.G.O.Alzheimer Riabilitazione Gestione Ospitalità

slide2

ATTENZIONE PER LA PERSONA E IL SUO FAMILIARE SONO STATE E SONO AL CENTRO DI TUTTO CIO’ CHE E’ STATO FATTO E VIENE FATTO PER L’ORGANIZZAZIONE DI ARGO A PARTIRE DAL NOME STESSO DEL CENTRO.“La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.” (Gabriel Garcia Marquez)

Argo era il fedele cane di Ulisse, unico al

suo ritorno a riconoscerlo e averne

mantenuto memoria.

LO STESSO COMPITO DEI CAREGIVERS

slide3

La VISION

  • Il Centro Alzheimer vuole essere:
  • un centro aperto,un centro di accoglienza, una casa che si rivolge a persone affette da demenza e malati di Alzheimer in un clima di familiarità, dove si valorizzano gli aspetti emotivi, affettivi ed empatici della relazione;
  • una struttura di sollievo per le famiglie che vivono con persone affette da demenza o dal morbo di Alzheimer;
  • un centro che raccoglie persone motivate che credono nel valore della vecchiaia come risorsa e non come malattia, specializzate e preparate per offrire assistenza e sostegno alla persona malata di demenza ed alla sua famiglia;
  • un servizio a“regia pubblica” inserito in un territorio ben definito e in rete con gli altri servizi, una comunità nella comunità, che risponde concretamente ad un bisogno dei cittadini;
  • un centro con un’identità flessibile, capace di ripensarsi al variare dei bisogni;
  • un punto di incontro e di riferimento per i familiari, sia per un supporto che per un eventuale accoglimento del malato, per le associazioni di volontariato, per gli operatori, attraverso la formazione, per la rete dei servizi.
slide4

Le FINALITÀ e gli OBIETTIVI

La missione del Centro Alzheimer è quella di promuovere il benessere della persona anziana malata di demenza sotto tutti gli aspetti (fisico, mentale/cognitiva, sociale/relazionale), migliorando la qualità del suo vivere quotidiano e favorendo quanto più possibile la permanenza al proprio domicilio. Per questo il Centro intende offrire un supporto concreto alle famiglie, per poter affrontare le fasi più acute e problematiche della malattia.

  • Per realizzare la mission e per dare concretezza ai valori di riferimento il Centro Alzheimer si prefigge di:
  • valorizzare l’identità e le risorse della persona malata;
  • mantenere le capacità residue (psico-fisiche) rallentandone la perdita;
  • mantenere e valorizzare le relazioni ed il rapporto con i familiari;
  • offrire sicurezza, protezione e serenità sia a livello ambientale che di cura;
  • coinvolgere il più possibile i volontari;
  • aprire dei canali di dialogo e di confronto strutturati fra i diversi soggetti che operano nel servizio e con il servizio (comuni dell’ambito, distretto sanitario, presidio ospedaliero, familiari, volontari, ecc.);
  • costruire un modello assistenziale specializzato per la gestione (valutazione, progettazione, assistenza) e cura delle demenze e della malattia di Alzheimer in particolare (integrando ed innovando i modelli già sperimentati);
  • contribuire al processo di informazione e formazione in sinergia con gli altri servizi del territorio.
slide5

Da un punto di vista operativoL’intera struttura e gli ambienti che contiene nascono nella prospettiva di creare un luogo in cui il malato possa muoversi in piena libertà e con i minori pericoli possibili, soprattutto per quelli legati alle fughe e alla loro gestione . La giornata è organizzata secondo ritmi che apparentemente sembrano molto rilassati e poco strutturati, mentre in realtà sono scanditi da piani di lavoro che si articolano in momenti che servono ad attivare l’energia dei pazienti e momenti che l’abbassano, riducendo i comportamenti aggressivi e di agitazioneSe da una parte questo è possibile attraverso le attività che il personale mette in atto durante la giornata, dall’altra parte la possibilità nasce anche attraverso la divisione degli spazi della struttura stessa e dalle risposte architettoniche e di arredo che sono state fatte nel tempo.

caratteristiche di ammissione
Caratteristiche di ammissione
  • Presenza di disturbi comportamentali (CMAI)
  • Capacità di deambulazione

Concetto di TEMPORANEITA’

da 6 mesi ad un anno

valutabile tramite UVD

(unità di valutazione distrettuale)

mattina
Mattina
  • Sveglia entro le 09.30 con dolcezza
  • Colazione preparata con l’ospite
  • Spuntino metà mattina a base di frutta, iogurt o alimenti
  • Idratazione a base di thè, succo di frutta, acqua evitando prodotti come sciroppi poichè eccessivamente dolci e prodotti con elementi non naturali
  • Attività e/o uscite
  • Cura di sé per prepararsi al pranzo
  • Preparazione delle tavole con gli ospiti
  • Pranzo a base di prodotti calibrati secondo la dieta stabilita dal dietista in collaborazione alla cuoca per preservare i gusti dei nostri ospiti, il mantenimento di piatti locali solleticando anche con il gusto la memoria esperienziale passata. Attenzione alla guarnizione del piatto e ai tempi di somministrazione.
  • Appuntamento del caffè …
pomeriggio
Pomeriggio
  • Riposo post-prandiale
  • Momento del rosario per chi lo desidera insieme alle volontarie della Chiesa
  • Idratazione
  • Attività
  • Spuntino metà pomeriggio a base di iogurt o alimenti dolci preparati con gli ospiti
  • Attività e/o uscite
  • Cura di sé per prepararsi alla cena
  • Preparazione delle tavole
  • Cena con uguali modalità del pranzo
  • Preparazione per la notte
  • Momento di comunità con video, chiacchiere tra ospiti e personale prima di andare a dormire (calle 09.30 in poi a seconda delle necessità)
regole condivise da chi opera ad argo
“Regole” condivise da chi opera ad ARGO
  • Elasticità e flessibilità
  • Osservazione
  • Pazienza
  • Fantasia
  • Complicità e dialogo
  • Mettersi in gioco
  • Uso del Sorriso
  • Collaborazione con il familiare e

le associazioni/territorio

OSPITE

slide11
Elasticità è flessibilità perché è necessario che ogni giorno chi si prende cura di un malato di Alzheiemer, si ricordi che tutto quello programmato può non essere fattibile e conseguentemente deve modificare ogni aspetto di ciò ceh dovrà mettere in pratica per poterlo fare stare al meglio

Piani di lavoro dettagliati che gettano

basi di quello che si deve mettere in

pratica ed entro cui muoversi, MA su cui

entra in gioco la capacità del professionista

di giungere agli obiettivi elencati secondo

procedure differenti (flessibilità)

slide12
Osservazione perché chi opera all’interno della struttura, facente parte di qualsiasi comparto (assistenziale, infermieristico,igiene ambientale, cucina, trasporto centro diurno)e i singoli professionisti (dietista, psicologo, fisioterapista, podologo) sono tenuti ad osservare ciò che accade alla persona e all’ambiente, al fine di rilevare aspetti e caratteristiche fondamentali alla gestione dell’ospite e di tutte le sue sfaccettature

Incontri finalizzati a spiegare come

osservare e brain-storming per la

valutazione dei singoli casi e stesura

PAI secondo tutte le informazioni

raccolte

slide13
Pazienza, perché lavorare con persone che hanno problemi mentali è spesso logorante e può portare a spesso ad avere scatti e modalità inappropriate ance senza volerlo (caregiver). La pazienza, non a caso, è la virtù dei forti e per custodire al meglio il benessere dei nostri ospiti, spesso si chiede al personale di avere grande forza quindi

Molta pazienza

slide14
Fantasia, perché solo con questa si può essere in grado di entrare nel mondo di chi ci circonda e rendergli la giornata sempre diversa e piena di scoperte, anche se magari le azioni sono spesso simili ma cambia la modalità di attuarle

Scambi di idee e messaggi

sulle consegne per attivare/condividere

modalità nuove che danno risultato

nella gestione dell’ospite, al singolo

professionista

slide15
Complicità nel condividere i momenti della giornata tra colleghi, nella comprensione delle problematiche e dei possibili aspetti negativi che colgono durante la gestione dell’ospite, e che non consentono di riuscire ad aiutarli nell’immediato

Dialogo

e

porta aperta tra colleghi

e responsabili

slide16
Mettersi in gioco, perché ogni giorno nella professione che ci vede coinvolti è necessario che ogni parte della persona sia dentro a ciò che fa nell’aiutare l’altro mettendo a vista le proprie debolezze e le proprie capacità con le quali costruire i percorsi

Non avere paura di osare e provare nuove strategie

sulla base di ciò che la propria personalità

ci indica di fare

SEMPRE con la condivisione del gruppo

e ADERENZA agli obiettivi della struttura

slide17
Uso del sorriso, perché per ogni persona che non sta bene il viso sorridente e i lineamenti rilassati favoriscono già miglioramento del proprio stare. A maggior ragione, con i nostri ospiti sorridere, li predispone a farci ritenere figure che non vogliono fargli del male ma amichevoli che desiderano, se viene permesso, aiutarli nella loro giornata

Imparare a lasciare fuori

dalla porta i propri problemi

come se si dovesse entrare in scena

a teatro per una commedia!

slide18
Collaborare con il familiare, le associazioni e mantenere relazioni con il territorio, è necessario per permettere all’ospite che ogni parte di ciò che è stato sia sempre presente e ci possa essere intersezione tra le componenti che volgono al suo benessere

Familiare: per la propria storia e abitudini

Associazioni: per aiutarci a rendere le loro

giornate ancora più diverse

Territorio: permettere che possa ancora farne

Parte traendone beneficio ed entusiasmo e

Facendo capire che nulla deve spaventare

Anche se non lo si ri-conosce

slide19

PERSONALE

FAMILIARE

IP

MMG

ASSOCIAZIONI

E

TERRITORIO

slide21

GINNASTICA

DIVERTENTE

IL SORRISO

DEI BAMBINI

slide22

FESTA

IN

FAMIGLIA

COMPLEANNO

CON

AMICI

slide23

MUSICOTERAPIA

BRICOLAGE

slide25

DALLA RACCOLTA

ALLA PRODUZIONE

un po di dati
UN PO’ DI DATI….
  • Il Centro ARGO di San Canzian d’Isonzo, attivo da quattro anni, ad oggi permane l’unico Centro Residenziale per Alzheimer nel Friuli, ovvero che accoglie le richieste di inserimento definitivo per pazienti affetti da sindrome di Alzheimer, rispetto ad altri centri che hanno per il momento attivato solo ed unicamente il servizio di Centro Diurno.
un po di dati1
UN PO’ DI DATI….
  • Dall’apertura ad oggi, si è verificato un incremento delle domande che richiedono i servizi di centro diurno e residenzialità, creando una graduatoria e tempi di attesa sempre più lunghi.
un po di dati2
UN PO’ DI DATI….
  • Il riscontro sul territorio è buono, soprattutto perché l’attività che viene svolta da parte del personale all’interno del centro, consente di mantenere l’ospite costantemente al centro dell’attenzione, senza mai lasciarlo in disparte. Se da un lato i numeri ridotti di utenza consentono una maggior possibilità di gestione, dall’altro le problematiche derivanti dalla patologia vengono mantenute sotto controllo grazie a modalità e attività specifiche attivate nel tempo.
un po di dati3
UN PO’ DI DATI….
  • Sono stati attivati momenti settimanali di “uscite per la città” completate da gite mensili definite “gita lunga”, alla scoperta di luoghi che fanno parte della memoria remota dei nostri ospiti residenti in questo territorio (gita al Castello di Miramare, gita allo Zoo di Lignano, gita al mare a Grado..). La possibilità di mantenere il contatto con la realtà esterna reale, permette ai malati di Alzheimer di mantenere maggiormente il desiderio di essere in ordine, di vestirsi, di entusiasmarsi per ciò che li circonda riportando alla memoria, molto spesso, avvenimenti accaduti in questi luoghi di visita.
un po di dati4
UN PO’ DI DATI….
  • Le attività svolte all’interno del centro (cucina-terapia, costruzione di puzzle, orto-terapia, momento-benessere, pomeriggio-cinema, canto, ballo…) hanno permesso di assistere a diminuzioni elevate di aspetti quali wandering, comportamenti aggressivi rilevati all’ingresso, parziale miglioramento della capacità verbale e dell’autonomia personale, aumento della capacità di gestione sfinterica.
un po di dati5
UN PO’ DI DATI….
  • Sono stati attivati percorsi di volontariato con la Scuola Superiore per “Operatori dei Servizi Sociali” al fine di fare conoscere a futuri operatori di assistenza la realtà di questa patologie.
  • Un momento particolare riguarda il Rosario, grazie alla collaborazione innescata con un gruppo di parrocchiane che si recano in struttura per recitarlo oltre alla presenza una volta al mese del Parroco, che recita la S.Messa.
un po di dati6
UN PO’ DI DATI….
  • A settembre 2008 è stato inaugurato il Giardino Alzheimer, un luogo ideale per stimolare a livello sensoriale e, allo stesso tempo, per creare uno spazio di relax in cui gli ospiti amano sostare in solitudine o in gruppo.
  • In questo luogo ogni senso viene stimolato: la vista, per i colori di fiori e piante; il tatto,grazie all’angolo tattile con elementi da “manipolare”; l’olfatto, grazie al percorso aromatico; il gusto, per i prodotti dell’orto da gustare una volta maturi (ad es. i pomodori); l’udito, grazie allo scrosciare dell’acqua della fontana e gli uccellini che si posano tra gli alberi. Il giardino Alzheimer nasce perciò con una finalità terapeutica dove il malato, in sicurezza, riceve una stimolazione mentale e fisica appropriata.
un po di dati7
UN PO’ DI DATI….
  • GESTIONE ALVO

in tre anni di servizio del centro ARGO si sono praticati una media di 10 clismi, permettendo ai singoli ospiti di poter evitare operazioni invasive e consentendo l’evacuazione in modo naturale mediante l’aiuto della tipologia di alimentazione, uso di lassativi orali e olio emulsionato con i frullati.

slide34
MMSE ovvero capacità cognitiva degli ospiti.

La media dei MMSE effettuati in struttura porta la visione di un punteggio pari a

9,4 rispetto alle persone in cui è somministrabile (RISPETTO A OTTOBRE 2008 IN

CUI LA MEDIA ERA DI 15,2)

OTTOBRE 2008

OTTOBRE 2009

slide35
Valutazione del disturbo comportamentale, mediante la somministrazione del

CMAI (Cohen Mansfield).

Scala di valutazione composta da 29 item con punteggio che va da 0 (mai) a 6

(evento che accade più volte all’ora).

OTTOBRE 08

OTTOBRE 09

slide36

TERAPIA

ORTOTERAPIA

MENTE

USCITE

MUSICA

ALIMENTAZIONE

SOLLIEVO

E

BENESSERE

ANCHE DEL FAMILIARE

CORPO

slide37
Cio’ che ARGO ogni giorno cerca di fare per i propri ospiti è……

……CERCARE UN SENSO

PER LA LORO VITA….

. . OGGI ! ! !