slide1
Download
Skip this Video
Download Presentation
LE NOVITA’ LEGISLATIVE IN TEMA DI RISPARMIO ENERGETICO. OPPORTUNITA’ PER LE IMPRESE.

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 33

LE NOVITA’ LEGISLATIVE IN TEMA DI RISPARMIO ENERGETICO. OPPORTUNITA’ PER LE IMPRESE. - PowerPoint PPT Presentation


  • 89 Views
  • Uploaded on

LE NOVITA’ LEGISLATIVE IN TEMA DI RISPARMIO ENERGETICO. OPPORTUNITA’ PER LE IMPRESE. Ing. Mario Gamberale. ALCUNI DATI. I consumi finali di energia nel settore civile evidenziano nel periodo 2000-2004 un aumento del 10\%;

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'LE NOVITA’ LEGISLATIVE IN TEMA DI RISPARMIO ENERGETICO. OPPORTUNITA’ PER LE IMPRESE.' - mira


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1
LE NOVITA’ LEGISLATIVE IN TEMA DI RISPARMIO ENERGETICO.

OPPORTUNITA’ PER LE IMPRESE.

Ing. Mario Gamberale

slide2
ALCUNI DATI
  • I consumi finali di energia nel settore civile evidenziano nel periodo 2000-2004 un aumento del 10%;
  • La quota predominante dei consumi energetici del civile è da attribuire al settore residenziale, anche se va aumentando negli ultimi anni il peso del terziario: tra il 1995 e il 2003 il residenziale si contrae dal 71% al 65%, parallelamente il terziario cresce dal 29% al 35% circa;
  • In termini di funzione d’uso la domanda energetica del settore, nel 2003, è prodotta per il 67% dal riscaldamento, per il 15% da usi elettrici obbligati, per il 12% dalla produzione di acqua calda e per il rimanente 6% dagli usi cucina.

Fonte: elaborazione ENEA su dati MAP

slide3
ALCUNI DATI

Fonte: ENEA Rapporto Energia Ambiente 2004 – Elaborazione ENEA su dati AEA 2003

slide4
ALCUNI DATI

Fonte: ENEA Rapporto Energia Ambiente 2004 – Elaborazione ENEA su dati AEA 2003

slide5
ALCUNI DATI
  • L’intensità energetica del settore terziario è passata da 20,2 tep/milioni di euro nel 2002 a 22,3 tep/milioni di euro nel 2003, con un incremento del 10,1%.

Fonte ENEA su dati MAP

slide6
Obiettivi di Kyoto

Ridurre le emissioni di CO2 associate agli edifici aumentandone la prestazione energetica complessiva

Come?

Con INTERVENTI DIRETTI

ACCESSO A INCENTIVI:

DEFISCALIZZAZIONE

CONTO ENERGIA

T.E.E.

Con INTERVENTI INDIRETTI

EDIFICIO AD ”EMISSIONI ZERO“

slide7
Con INTERVENTI DIRETTI

PER L’EDILIZIA RESIDENZIALE:

PER L’EDILIZIA INDUSTRIALE:

RISPETTO DELLA NORMATIVA

(Dlgs. 311/06)

INTERVENTI RETROFIT DI

EFFICIENZA ENERGETICA

STANDARD ENERGETICI

PIU’ ELEVATI

ACCESSO A INCENTIVI:

DEFISCALIZZAZIONE (Finanziaria 2007)

CONTO ENERGIA

T.E.E.

slide8
Con INTERVENTI INDIRETTI

PER L’EDILIZIA RESIDENZIALE:

PER L’EDILIZIA INDUSTRIALE:

CASA AD “EMISSIONI ZERO”

EDIFICIO AD “EMISSIONI ZERO”

IMPATTO AMBIENTALE NULLO:

=

slide9
Fase preliminare: BILANCIO KYOTO

Valutazione delle emissioni associate all’edificio, suddivise per voci di consumo:

  • Energia termica
  • Energia elettrica
  • Trasporti
  • Carta
  • Acqua

Civile

Industriale

1

slide10
INTERVENTI DIRETTI
  • Isolamento dell’involucro
  • Infissi efficienti
  • Schermature esterne sui vetri
  • Orientamento e forma edificio

INTERVENTI DI EFFICIENZA DELL’INVOLUCRO

  • Efficienza dei processi industriali
  • Caldaia a condensazione
  • Pompa di calore
  • Pannelli radianti
  • Teleriscaldamento
  • VMC + recuperatori di calore

INTERVENTI DI EFFICIENZA DEGLI IMPIANTI

Civile

Industriale

  • Solare fotovoltaico
  • Solare termico
  • Eolico
  • Geotermia
  • Co/tri- generazione
  • Biomassa

SFRUTTAMENTO DELLE F.E.R.

2

slide11
INTERVENTI DIRETTI: LA NORMATIVA VIGENTE

PANORAMA NORMATIVO

  • Direttive comunitarie di indirizzo e obbligatorie (2002/91/CE)
  • Leggi nazionali (legge 10/91, Dlgs 311/06)
  • Leggi regionali di promozione del risparmio energetico e delle f.e.r. in edilizia (Toscana, Lombardia, Emilia Romagna)
  • Regolamenti Edilizi Comunali fortemente orientati alla sostenibilità: misure cogenti e volontarie per realizzare edifici energeticamente performanti
  • Meccanismi di incentivazione: defiscalizzazione, Conto Energia, T.E.E., Certificati Verdi, bandi in conto capitale (DM 20 luglio 2004)
  • Certificazione Energetica
  • Linee Guida

Civile

slide12
INTERVENTI DIRETTI: LA NORMATIVA VIGENTE

NOVITA’ NORMATIVE DEL 2006/2007

  • Dlgs 311/2006 (modifiche ed integrazioni al Dlgs 192/2005);
  • Finanziaria 2007;
  • Conto Energia per il solare fotovoltaico;
  • Bandi del Ministero dell’Ambiente e delle Regioni finalizzati ad incentivare l’installazione di impianti per lo sfruttamento delle f.e.r.
  • Linee Guida (Certificazione energetica obbligatoria)

Civile

slide13
INTERVENTI DIRETTI: LA NORMATIVA VIGENTE

IL DLGS 311/06

  • Limiti di trasmittanza massima dell’involucro più restrittivi e livello obiettivo al 2010. Resi più restrittivi i limiti di trasmittanza massima di chiusure verticali opache, vetrate, basamento e copertura ed introdotto un nuovo livello obiettivo al 2010;
  • Obbligo del solare termico e del fotovoltaico sui nuovi edifici pubblici e privati. Potenziato l’obbligo già introdotto per i nuovi edifici pubblici dal Dlgs.192 di realizzare impianti solari termici per produrre acqua calda sanitaria per coprire almeno il 50% del fabbisogno di ACS; Per il FV necessario decreto attuativo;
  • Obbligo di installazione di sistemi frangisole esterni fissi o mobili. Misura correttiva di quanto già previsto nel Dlgs.192 che prevedeva in alternativa l’installazione di frangisole interni;
  • Certificazione energetica. Nelle more della definizione degli strumenti attuativi introdotta la qualificazione energetica degli edifici.

Civile

slide14
INTERVENTI DIRETTI: LA NORMATIVA VIGENTE

LA FINANZIARIA 2007

  • Il principale strumento di incentivazione introdotto è la defiscalizzazione per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici e la promozione del solare termico. La legge potenzia la norma preesistente:
  • Obbligo di impianti fotovoltaici nei nuovi edifici (0,2 kW per edificio);

Civile

Industriale

  • Estendendo la percentuale ammessa in detrazione fiscale dal 36% al 55% per alcuni specifici interventi;
  • Riducendo il periodo di recupero del bonus fiscale dai 10 anni preesistenti a 3 anni;
  • Introducendo la detrazione anche per le aziende.
slide15
INTERVENTI DIRETTI: LA NORMATIVA VIGENTE

LA FINANZIARIA 2007 (1)

Defiscalizzazioni per interventi di efficienza energetica ed

utilizzo di fonti rinnovabili:

Civile

Industriale

(*)con spese documentate entro il 31/12/2007 in 3 quote annuali di pari importo

slide16
INTERVENTI DIRETTI: LA NORMATIVA VIGENTE

LA FINANZIARIA 2007 (2)

Civile

Industriale

slide17
INTERVENTI DIRETTI: LA NORMATIVA VIGENTE

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA

  • Offre strumenti ed indicatori che consentono di comparare le prestazioni energetiche degli edifici in condizioni standard;
  • Garantisce una maggiore trasparenza nel mercato immobiliare;
  • Offre uno strumento per orientare le politiche e le strategie di incentivazione dell’efficienza energetica;
  • Valorizza e premia gli investimenti sull’efficienza energetica (+ qualità energetica = maggiore valore di mercato)

Civile

slide18
INTERVENTI DIRETTI: LA NORMATIVA VIGENTE

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA

Civile

slide19
INTERVENTI DIRETTI: LA NORMATIVA VIGENTE

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA

Civile

slide20
INTERVENTI DIRETTI: INCENTIVI

INTERVENTI

INCENTIVI

  • Fotovoltaico
  • Solare termico
  • Caldaia a biomassa
  • Impianto microeolico
  • Impianto mini-idroelettrico

Conto Energia

Defiscalizzazioni

Bandi reg.e naz.

T.E.E.

Bandi reg.e naz.

T.E.E.

Certificati Verdi

Civile

Industriale

slide21
INTERVENTI DIRETTI: INCENTIVI

INTERVENTI

INCENTIVI

  • Efficienza processi industriali
  • Efficienza impianti termici (Caldaia a condensazione, pompa di calore, pannelli radianti)
  • Efficienza impianti elettrici (motori elettrici, lampadine)
  • Cogenerazione, telerisc./raffrescamento

T.E.E.

Defiscalizzazioni

T.E.E.

Defiscalizzazioni

T.E.E

T.E.E.

Civile

Industriale

slide22
INTERVENTI DIRETTI: INCENTIVI

Conto Energia

  • Il Conto Energia è il meccanismo di incentivazione che prevede l’introduzione di una tariffa incentivante per l’elettricità prodotta da impianti fotovoltaici (DM 19 febbraio 2007).
  • Le nuove tariffe premiano impianti progettati in modo integrati nel contesto architettonico e urbanistico.

Civile

Industriale

slide23
INTERVENTI DIRETTI: INCENTIVI

Conto Energia

Civile

Industriale

slide24
INTERVENTI DIRETTI: INCENTIVI

Conto Energia

Civile

Industriale

slide25
INTERVENTI DIRETTI: INCENTIVI

I DM del 20 luglio 2004

  • Avviano un meccanismo di promozione dell’efficienza energetica negli usi finali con un obiettivo di promozione progressivo in cinque anni che porterà nel 2009 risparmi pari a 1,6 MTEP nel settore elettrico e 1,3 MTEP nel settore gas, attivando investimenti sul territorio superiori ai 2 Miliardi di €.
  • Obbligo di risparmio in capo ai distributori di energia elettrica e di gas e parallelamente l’istituzione di un meccanismo di scambio di titoli di efficienza energetica a cui possono accedere le società che operano nel settore dei servizi energetici (ESCO).

Civile

Industriale

slide26
INTERVENTI DIRETTI: INCENTIVI

I DM del 20 luglio 2004: elettrico

Obiettivi nazionali di risparmio annuoe i distributori elettrici soggetti all’obbligo

Enel Distribuzione S.p.a., Roma

(circa 90% del risparmio da conseguire)

AC.E.GA.S S.p.a, Trieste

Azienda Energetica S.p.a., Bolzano

AEM Distribuzione Energia Elettrica S.p.a, Milano

AEM Torino Distribuzione S.p.a., Torino

AMPS S.p.a., Parma

ASM Brescia S.p.a., Brescia

ACEA Distribuzione S.p.a, Roma

DEVAL S.p.a., Aosta

Meta S.p.a, Modena

Civile

Industriale

1,6 MTEP = 7,27 TWh elettrici(Consumo elettrico annuo Liguria 6,9 TWh)

slide27
INTERVENTI DIRETTI: INCENTIVI

I DM del 20 luglio 2004: gas

Obiettivi nazionali di risparmio annuoe i distributori gas soggetti all’obbligo

AC.E.GA.S. S.p.a., Trieste

AGAC S.p.a., Reggio Emilia

A.G.E.S. S.p.a., Pisa

AGSM Rete Gas S.r.l., Verona

A.M.Gas S.p.a., Bari

AMG Energia S.p.a., Palermo

AMGA, Azienda Mediterranea Gas e Acqua S.p.a.

AMPS S.p.a., Parma

A.P.S., Azienda Padova Servizi S.p.a., ASCO Piave S.p.a., Pieve di Soligo ASM Brescia S.p.a., Brescia

Azienda Energia e Servizi S.p.a, Torino

Compagnia Napoletana di Illuminazione e Scaldamento col Gas S.p.a., Napoli

Consiag Reti S.r.l., Prato ;

FiorentinaGas S.p.a., Firenze

Civile

Industriale

1,3 MTEP = 1,4 miliardi m3 gas naturale

slide28
INTERVENTI DIRETTI: INCENTIVI

INTERVENTI AMMISSIBILI PER ACQUISIZIONE DEI T.E.E.

  • Interventi sugli impianti elettrici
  • rifasamento presso l’utenza finale;
  • sistemi elettronici di regolazione in frequenza;
  • motori a più alta efficienza;
  • sistemi automatici di accensione, spegnimento
  • generazione elettrica:
    • fotovoltaico
    • cogenerazione/trigenerazione
  • Interventi sulle apparecchiature
  • sistemi illuminanti più efficienti
  • dispositivi a basso consumo in stand-by
  • riduzione del consumo in stand-by;
  • posizionamento in stand-by;
  • spegnimento automatico di apparecchiature in stand-by;
  • sistemi per la riduzione consumi acs

Civile

Industriale

  • Interventi sugli impianti termici
  • sostituzione di scaldacqua elettrici;
  • sistemi per la riduzione delle esigenze di acqua calda;
  • sistemi di telegestione;
  • termoregolazione e contabilizzazione del calore;
  • utilizzo di calore di recupero;
  • pompe di calore elettriche o a gas;
  • geotermia;
  • impiego di combustibili di natura vegetale;
  • solare termico per acqua calda sanitaria
  • Interventi sull’involucro
  • isolamento termico degli edifici;
  • miglioramento della trasmittanza delle superfici vetrate;
  • vetri selettivi,
  • architettura bioclimatica
  • protezioni solari esterne
slide29
AEEGGME

TEP risparmiati

Tariffa

Elettrica / Gas

TEP risparmiati

__

__

TEE

__

__

__

TEE

__

Recupero

(100€/TEP)

DISTRIBUTORI

con più di

100.000 utenti

E.S.Co.

BORSA

__

__

TEE

__

__

__

TEE

__

Obbligo

Risparmio

energetico

X TEP

__

__

TEE

__

Risparmio

energetico

TEP risparmiati

INTERVENTI DIRETTI: INCENTIVI

IL MERCATO DEI T.E.E

Civile

Industriale

slide30
INTERVENTI DIRETTI: INCENTIVI

TEE e Certificati Verdi

Industriale

slide31
INTERVENTI INDIRETTI

NEUTRALIZZAZIONE DELLE EMISSIONI DI CO2 RESIDUE

  • Acquisto di Energia Verde certificata;
  • Acquisto di Crediti di emissione provenienti da progetti ad alto profilo ambientale finalizzati alla riduzione della CO2, sia in Italia che all’estero;
  • Adesione a programmi di forestazione che prevedono la piantumazione di alberi in parchi e aree urbane.

Civile

Industriale

slide32
INTERVENTI INDIRETTI

EDIFICIO AD EMISSIONI ZERO

  • Acquisto di Energia Verde
  • Acquisto di Crediti di CO2
  • Adesione a programmi di forestazione

Queste 3 azioni:

Per azzerare la quota di CO2 rimanente rispetto a quella

iniziale calcolata con il Bliancio Kyoto e quella compensata

con gli interventi diretti

Civile

Industriale

L’EDIFICIO PRODUCE

ZERO EMISSIONI

t CO2

Emissioni evitateattraverso interventi diretti

Emissioni da neutralizzareattraverso l’acquisto deicrediti di emissione

slide33
INTERVENTI INDIRETTI

BAT (BEST AVAILABLE TECHNOLOGIES)

Adozione delle migliori tecniche

disponibili (BAT):

  • INFISSI AD ALTE PRESTAZIONI (U=2 W/Kmq)
  • SISTEMI DI SCHERMATURA ESTERNI, MOBILI O FISSI
  • PANNELLI ISOLANTI DI SPESSORI DI CIRCA 8 -10 CM
  • SOLARE TERMICO
  • SOLARE FOTOVOLTAICO
  • CALDAIE A CONDENSAZIONE
  • PANNELLI RADIANTI
  • CALDAIE A BIOMASSA
  • nel processo produttivo
  • nel sistema economico

Civile

Industriale

Diffusione delle BAT:

  • diffusione delle BAT nel settore ambientale attraverso l’organizzazione di convegni e seminari
  • trasferimento tecnologico delle BAT attraverso la partecipazione a progetti Europei
ad