slide1 l.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Enrica Giordano Facoltà di scienze della formazione Esempi di interferenze costruttive tra matematica e fisica nella s PowerPoint Presentation
Download Presentation
Enrica Giordano Facoltà di scienze della formazione Esempi di interferenze costruttive tra matematica e fisica nella s

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 34

Enrica Giordano Facoltà di scienze della formazione Esempi di interferenze costruttive tra matematica e fisica nella s - PowerPoint PPT Presentation


  • 153 Views
  • Uploaded on

Enrica Giordano Facoltà di scienze della formazione Esempi di interferenze costruttive tra matematica e fisica nella scuola di base Napoli 1 marzo 2007. Studenti della SMS Cairoli di Milano Prof.sa Paola Bonelli Majorino. http://pctidifi.mi.infn.it/SeCiF/.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Enrica Giordano Facoltà di scienze della formazione Esempi di interferenze costruttive tra matematica e fisica nella s' - mercury


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

Enrica Giordano

Facoltà di scienze della formazione

Esempi di interferenze costruttive tra matematica e fisica nella scuola di base

Napoli 1 marzo 2007

slide2

Studenti della SMS Cairoli di Milano

Prof.sa Paola Bonelli Majorino

slide3

http://pctidifi.mi.infn.it/SeCiF/

http://pctidifi.mi.infn.it/FFC

F21 in progress

slide4

LUCE E VISIONE

http://pctidifi.mi.infn.it/lucevisione

LUCE, COLORE, ENERGIA

http://pctidifi.mi.infn.it/SeT

ASTRONOMIA

http://pctidifi.mi.infn.it/senisquipo/luce/index.htm

ONDE

www.df.unibo.it/ddf/Perc/Onde/Index_Onde.htm

la luce si vede
La luce si vede?

Confondere un modello con la realtà è come andare al ristorante e mangiare il menu (A. Bloch)

La luce non si vede nel suo propagarsi, ma negli occhi entra solo luce

la luce e i modelli
La luce e i modelli

La discretizzazione dello spazio:

  • la propagazione rettilinea e il modello a raggi;
  • la sorgente estesa come insieme di infinite sorgenti puntiformi
  • Figure di luce e di ombra come sezioni degli spazi di luce e di ombra
slide8
Fasci di luce divergenti, forme e dimensioni delle figure di luce e di ombra, variazione della intensità luminosa con la distanza

Quante e quali figure d’ombra per un quadrato

Similitudine/omotetia

T. proiettiva

slide9

Scuola Media Statale "V. Zanelli" Cusano Milanino - classe 3°B a.s. 1998/99

Se si tratta

di luce

a distanza d1 il lato misuraL1=2L e l'area è A1=(2L)2

a distanza d2= 2d1il lato misuraL2=3L e l'area è A2=(3L)2

a distanza d3= 3d1 il lato misura L3=6L e l'area è A3=(4L)2

…………

L’INTENSITA’ LUMINOSA E’ PERTANTO INVERSAMENTE PROPORZIONALE AL QUADRATO DELLA DISTANZA DALLA SORGENTE.

I=k/d2

slide10

Quante e quali figure d’ombre per una lamina quadrata

"Il trapezio l'ombra a forma di trapezio non viene perché il sole manda i lati paralleli perché non si può spostare avanti e indietro come la lampadina"

"Sì perché la lampadina la mettevamo vicina, il sole è lontano"

"Il sole li manda paralleli, perché dritti sono già dritti. Con la lampadina sono dritti ma non paralleli“

(3 elementare, 8-9 anni)

“Mettendo sulla tavoletta di legno una lastrina [al sole] abbiamo osservato che l’ombra cambiava cambiando la posizione della lastrina. Poggiandola su di un vertice e facendola ruotare intorno alla diagonale avevamo sempre un parallelogramma e in una posizione avevamo il rombo ed il segmento. Poggiandola su un lato e ruotandola avevamo tutti i rettangoli e in una certa posizione c’era il quadrato. In un altro movimento si avevano tutti rombi e in mezzo il quadrato. Abbiamo visto che mantenendo fera la lastrina e movendo la tavoletta, la forma dell’ombra non cambiava se muovevamo la tavoletta sullo stesso piano o facendola restare parallela al banco. Se teniamo la lastrina alzata e parallela al banco l’ombra era sempre quadrata”

(1 media, 11-12 anni)

… a studiare le sezioni piane degli spazi d’ombra e dei fasci di luce (proporzionalità diretta ed inversa, trasformazioni geometriche di

figure piane, proiezioni, affinità);

slide11

Sf

Fasci di luce paralleli, forme e dimensioni delle figure di luce e di ombra, variazione della intensità luminosa con ……..

Trasformazione affine

un percorso per lo studio delle funzioni nella scuola secondaria di primo grado
Un percorso per lo studio delle funzioni nella scuola secondaria di primo grado

Mentre veniva affrontato il discorso in matematica, nelle ore di scienze la classe studiava problematiche ambientali (ruolo dell’atmosfera e in particolare dell’ozono rispetto alla radiazione UV) e esplorava sia indoor che outdoor problemi legati alla luce.

slide13

Il concetto di funzione e la sua rappresentazione nel piano cartesiano in seconda-terza media

I ragazzi già hanno usato il piano cartesiano nell’ambito della geometria per rappresentare poligoni, simmetrie ecc.

Possiedono già anche il concetto di corrispondenza, di corrispondenza biunivoca tra gli elementi di due insiemi. Hanno studiato in prima relazioni del tipo “è multiplo di”, “è divisore di”, “è la seconda potenza di ”, ecc.; quindi in generale corrispondenze fra un insieme x e un insieme y di numeri

y a x 2 b x c
y=ax2+bx+c

a,b,c assegnati si fa variare x

Riportando nel piano cartesiano le coppie ordinate (x,y) otteniamo punti che individuano un arco di curva che chiamiamo parabola.

Successivamente si fanno variare i valori dei parametri e ogni volta si costruiscono la tabella e il grafico corrispondente.

slide15

per valori “piccoli” di a la curva è “più larga” o anche “sale meno velocemente”;

Fenomenologia matematica

prof vengono belle curve perch la formula l ha data lei
“Prof vengono belle curve perché la formula l’ha data lei”

Alcuni ragazzi pongono il problema se solo alcune forme algebriche “privilegiate” hanno un corrispondente grafico “con una forma ben precisa”

Lasciar creare molte situazioni soddisfacendo la crescente curiosità di fronte a forme di curve molto diverse.(foglio elettronico ma non solo)Inventando forme algebriche con denominatori, radici quadrate ecc sorgono problemi quali: i punti di infinito, i domini, …su cui si riflette caso per caso.

il ruolo dell esponente della variabile x
il ruolo dell’esponente della variabile x

I ragazzi domandano cosa succede se eliminiamo il primo termine, ax2 .

Esaminiamo quindi le forme:

y = bx+c y = bx y = c

variando i parametri e confrontando le forme ottenute con le precedenti:

“E’ la potenza di x che piega la retta.”

modi base di crescere e decrescere
Modi base di crescere e decrescere

Andamento crescente

la curva 1 A cresce sempre allo stesso modo

la curva 1 B cresce all’inizio meno velocemente e poi progressivamente sempre più velocemente

la curva 1 C cresce all’inizio più velocemente e poi progressivamente sempre meno velocemente

la curva 2 A decresce sempre allo stesso modo

la curva 2 B decresce all’inizio meno velocemente e poi progressivamente sempre più velocemente

la curva 2 C decresce all’inizio più velocemente e poi progressivamente sempre meno velocemente

Andamento decrescente

slide19
Analisi percettiva e descrizione verbale di tratti di curva crescenti e decrescenti nelle funzioni studiate e inventate prima
avvio alle differenze finite
Avvio alle differenze finite

A incrementi x uguali della variabile indipendente corrispondono incrementi y positivi via via decrescenti della variabile dipendente.

A incrementi x uguali della variabile indipendente corrispondono incrementi y positivi uguali della variabile dipendente.

A incrementi x uguali della variabile indipendente corrispondono incrementi y positivi via via crescenti della variabile dipendente.

slide21
Si è poi ampliato lo studio introducendo le seguenti funzioni per approfondire alla luce delle acquisizioni precedenti diversi modi di crescere:

y = ax, y = ax2 y= ax3 …. y= axn

spingendoci anche nello studio delle differenze seconde, terze, ecc.

Ci è sembrato poi interessante condurre anche uno studio approfondito e comparato delle funzioni y = x2 e y = 2x considerando xN per un approccio all’esponenziale.

Si considerano inizialmente per x solo numeri naturali, perché i ragazzi non conoscono la definizione di potenza con esponente razionale (e tanto meno reale).

I ragazzi spesso pensano che non siano poi tanto diversi i valori di n2 e 2n al variare di n.

slide23

Giocando con il foglio elettronico

Funzioni crescenti

E decrescenti

slide24

Tra 0 e 4

studio delle differenze prime (y per x=1),

per y=x2 abbiamo la successione dei numeri dispari;

per y=2n , y= 2n+1-2n = 2n(2-1)= 2n;

la differenza é la successione delle potenze di 2.

slide25

Per analizzare diversi modi di decrescere si sono studiate le funzioni:y = -kx +a, y = k/x y= k/x2scelte perchè sono modi di decrescere caratteristici di varie grandezze fisiche.

Ci concentriamo quindi sull’andamento delle funzioni y=k/x2 y=k/ax (k>0; a>1).

In particolare abbiamo scelto di condurre un attento esame sul modo di decrescere delle funzioni y = 1/x2 e

y = 1/2x, che ci avrebbe aperto la strada alla formalizzazione dello studio della variazione dell’intensità luminosa.

slide26

DALL’ESPERIENZA QUOTIDIANA

A SITUAZIONI SPERIMENTALI CONTROLLATE

A MODELLI E TEORIE

slide27

Partenza da problemi di vita quotidiana e problematiche complesse:

  • il problema del buco dell’ozono.
  • trasparente/opaco?
  • Un foglio di carta è trasparente?
  • Il vetro del box doccia?
  • L’acqua?
  • Trasparente: lascia passare la luce o vedere attraverso?
slide28

Interferenza costruttiva tra matematica e fisica

studio prima qualitativo poi quantitativo delle variazioni dell’intensità luminosa al variare della distanza da una sorgente e al variare dello spessore del materiale attraversato, nel “laboratorio” di fisica

studio delle funzioni esponenziali nel “laboratorio” di matematica

slide29

Dalle esperienze agli esperimenti per scoprire le relazioni quantitative tra variabili e il ruolo dei parametri.

  • L’intensità luminosa di una macchia di luce “raccolta su uno schermo” a una certa distanza da una sorgente dipende da……
  • Sorgente (forma del fascio, intensità, monocromatico,…)
  • Mezzo interposto (natura e spessore)
  • Natura dello schermo
  • Rivelatore/occhio
slide30

La luce di un laser attraversa un numero crescente di lastrine di plexiglass

Dalle relazioni qualitative

alle misure

slide33

Per ogni lastrina l’intensità della luce incidente (trascurando la parte riflessa) coincide con la intensità della luce in uscita dalla lastrina trasparente.

A parità di materiale e spessore ogni lastrina trattiene una percentuale determinata dell’intensità incidente.

L’intensità in uscita da una delle nostre lastrine è circa l’80% di quella incidente Io;

I1=(4/5) Io

I2=(4/5) I1=(4/5)2 Io

………………………………….

In=(4/5) In-1=(4/5)n Io Ix=(4/5)x Io

Cambiando materiale cambia il fattore (4/5) cambiando la sorgente cambia Io (forma fascio)