Il quadro europeo della valutazione universitaria
Download
1 / 14

Il quadro europeo della valutazione universitaria - PowerPoint PPT Presentation


  • 103 Views
  • Uploaded on

Il quadro europeo della valutazione universitaria. Perché valutare?. Per “fare” qualità. Per coinvolgere gli Stakeholders (Parti Interessate). Per confrontare gli obiettivi con i risultati. Informazione. Valutazione. Consapevolezza. Orientamento. Qualità.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Il quadro europeo della valutazione universitaria' - max


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

Perch valutare
Perché valutare?

Per “fare” qualità

Per coinvolgere gli Stakeholders (Parti Interessate)

Per confrontare gli obiettivi con i risultati

Informazione

Valutazione

Consapevolezza

Orientamento

Qualità

Corso per Autovalutatori 2002-2003


Gli stakeholders parti interessate
Gli Stakeholders (Parti Interessate)

Persona o gruppo di persone aventi un interesse nelle prestazioni o nel successo di un’organizzazione

  • Clienti

    • Fornitori

      • “Azionisti”

        • Dipendenti

          • Società

Corso per Autovalutatori 2002-2003


  • Magna Charta

  • Progetto Pilota Europeo

  • Sorbona

  • Bologna

  • Salamanca

  • Praga

Si armonizzano i sistemi di istruzione comunitari

Qualità

“Al centro del processo di innovazione”

Nascono iniziative di valutazione governative

Agenzie nazionali indipendenti coordinate dal governo

Agenzie nazionali indipendenti coordinate dalle Conferenze dei rettori

Corso per Autovalutatori 2002-2003


I modelli

  • Improve quality by assessment

  • Standard Base

  • Provide public (good) information

  • Benchmarking

Corso per Autovalutatori 2002-2003


Valutazione i principi base
Valutazione: i principi base

1995

Un progetto pilota europeo

Individua principi comuni ai metodi di valutazione

Alla base di tutti gli approcci di valutazione successivamente introdotti

Autonomia e indipendenza della metodologia e delle procedure utilizzate

Autovalutazione

Valutazione esterna (peer rewiew)

Pubblicazione rapporto finale

Corso per Autovalutatori 2002-2003


L’evoluzione normativa in Italia

L. 537/93

Istituisce i Nuclei di Valutazione (NdV)

Istituisce Osservatorio per la Valutazione (OpV) del Sistema Universitario

Prevede l’emanazione di regolamenti per i NdV e l’OpV

L. 59/97

Prevede relazione tecnica del NdV per l’istituzione di nuove facoltà e corsi

D.P.R 25/98

L. 370/99

Regolamenta i NdV interna agli atenei

Istituisce il Comitato di Valutazione nazionale in sostituzione dell’OpV

Regolamenta il Comitato di Valutazione Nazionale e ne nomina i componenti

D.M. 4/4/00

Corso per Autovalutatori 2002-2003


Le esperienze nazionali 1
Le esperienze nazionali (1)

Ha coinvolto 32 università, 94 corsi di diploma, oltre 5000 studenti

Campus

( 1995 –2000)

Il modello di valutazione adottato ha previsto una valutazione di tipo qualitativo e quantitativo

  • Il processo di valutazione si è articolato nelle seguenti fasi:

  • Autovalutazione su lista di controllo e stesura del rapporto

  • Valutazione esterna da parte di esperti con visita in loco e stesura del rapporto

  • Questionari sull’applicazione della metodologia

  • Rapporto finale predisposto da una Cabina di Regia

Corso per Autovalutatori 2002-2003


Le esperienze nazionali (2)

Sperimentazione della Collegio dei Presidi della Facoltà di Ingegneria

SI.N.A.I.

(2000)

Propone una valutazione dei corsi basata sulla valutazione della didattica e dell’organizzazione, integrate in una procedura unica

Modello finalizzato all’accreditamento

Definisce obiettivi di apprendimento, individua i mezzi per raggiungere gli obiettivi, punta su un’organizzazione credibile e metodi di valutazione appropriati

  • Il processo si articola nelle seguenti fasi:

  • Autovalutazione (didattica e qualità apprendimento su obiettivi definiti) e predisposizione rapporto

  • Valutazione esterna da parte di esperti con visita in loco e stesura del rapporto

  • Accreditamento del corso di studio, sulla base del possesso di requisiti minimi e concessione del marchio “accreditato SINAI” per una durata di 5 anni

Corso per Autovalutatori 2002-2003


Le esperienze nazionali (3)

Gruppo di Lavoro del Comitato Nazionale per la valutazione del Sistema Universitario (MIUR), istituito nel 2000, per la definizione di opportunità, procedure e metodologie generali per l’accreditamento dei corsi

CNVSU

Rapporto finale pubblicato nel luglio 2001: Proposta di Modello informativo per la Gestione in Qualità di Corsi di Studi Universitari di I livello

Definisce una serie di raccomandazioni e proposte

  • Il piano di implementazione, attualmente allo studio anche in accordo con la CRUI, prevede due fasi

  • Definizione e verifica dei requisiti minimi che una istituzione universitaria o un corso di studi deve possedere per offrire un livello di formazione adeguato

  • Accreditamento dei requisiti minimi relativi alle caratteristiche qualitative del processo formativo e della qualità del prodotto finale della formazione

L’attivazione definitiva prevede il coinvolgimento e la responsabilizzazione delle università sulla base di una procedura di autovalutazione e valutazione esterna

Corso per Autovalutatori 2002-2003


Valutazione e Accreditamento

Strumenti di garanzia della qualità

Valutazione

Analizza aree di forza e di debolezza della formazione universitaria

Fornisce indicazioni per migliorare la qualità

Accreditamento

Fornisce indicazioni per adeguarsi agli standard qualitativi

Misura la rispondenza a standard predefiniti

Corso per Autovalutatori 2002-2003


Il contributi dei cds
Il contributi dei CdS

Il Modello di valutazione CampusOne vuole essere DINAMICO ed evolversi nei tre anni di progetto

Contributo “critico” dei CdS

FONDAMENTALE PER IL MIGLIORAMENTO

Corso per Autovalutatori 2002-2003


Perch siamo a questo corso
Perché siamo a questo corso?

  • Per conoscere la metodologia di valutazione dei CdS ispirata al progetto CampusOne

  • Per imparare a “fotografare” la realtà del vostro CdS attraverso la tecnica dell’autovalutazione

  • Per imparare anche un metodo (descritto nel modello CampusOne) che permette di migliorare il funzionamento del CdS

Corso per Autovalutatori 2002-2003


Raccomandazioni
Raccomandazioni

  • Al vostro ritorno “a casa” dovrete diffondere quello che avrete imparato a tutto il personale del CdS

  • Per svolgere l’autovalutazione, non dovrete lavorare da soli, ma creare un gruppo di lavoro di 5-6 persone (il Gruppo di Autovalutazione) che coinvolga tutti gli “attori” del vostro CdS (docenti, manager didattico, studenti, personale non docente)

  • Il metodo per il miglioramento del CdS dovrà essere applicato da tutto il CdS e non solo da voi

Corso per Autovalutatori 2002-2003


ad