slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Dott. B. Pinamonti SC Cardiologia AOU OORR- Trieste PowerPoint Presentation
Download Presentation
Dott. B. Pinamonti SC Cardiologia AOU OORR- Trieste

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 34

Dott. B. Pinamonti SC Cardiologia AOU OORR- Trieste - PowerPoint PPT Presentation


  • 179 Views
  • Uploaded on

IN QUALE MOMENTO DEL PERCORSO DIAGNOSTICO SI INSERISCE L’ECOCARDIOGRAFIA TRANSTORACICA E TRANSESOFAGEA ?. Dott. B. Pinamonti SC Cardiologia AOU OORR- Trieste. E. I. CERTA Anatomia patologica:

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Dott. B. Pinamonti SC Cardiologia AOU OORR- Trieste' - marla


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

IN QUALE MOMENTO DEL PERCORSO DIAGNOSTICO SI INSERISCE L’ECOCARDIOGRAFIA TRANSTORACICA E TRANSESOFAGEA?

Dott. B. Pinamonti

SC Cardiologia

AOU OORR- Trieste

slide5
E. I. CERTA

Anatomia patologica:

Microorganismi accertati con esame colturale o istologico in una vegetazione / embolo originato da una vegetazione / ascesso intracardiaco

Lesioni anatomopatologiche compatibili con vegetazioni o ascesso intracardiaco (esame istologico)

Clinica:

2 cr. maggiori

1 c. maggiore + 3 c.minori

5 c. minori

E.I POSSIBILE

1 c. maggiore + 1 c. minore

3 c. minori

CRITERI DIAGNOSI E.I.

  • E.I. ESCLUSA
  • Diagnosi alternativa in grado di spiegare l’evidenza dei segni
  • Risoluzione della sindrome con terapia antibiotica di durata pari o inferiore a 4 giorni
  • Nessuna evidenza di endocardite infettiva all’indagine chirurgica o autoptica dopo una terapia antibiotica di durata pari o inferiore a 4 giorni

Li. Clin Infect Dis 2000; 30: 633-38.

slide8

VEGETAZIONI

Localizzazioni preferenziali

  • Endocardite su valvola aortica:
    • versante ventricolare delle cuspidi lungo il margine libero
    • versante ventricolare del lembo mitralico anteriore oppure setto interventricolare (jet lesion)
  • Endocardite su valvola mitralica:
    • Versante atriale dei lembi lungo il margine libero
    • Parete libera dell’atrio sinistro nel punto d’impatto del jet di rigurgito (jet lesion)
slide9
SENSIBILITA’ ECO TT: 40 – 63 %
  • SENSIBILITA’ ECO TE: 90 – 100 %
  • FALSI NEGATIVI
    • Vegetazioni di piccole dimensioni /Precoce embolizzazione
    • Esame troppo precoce
    • Qualità immagini eco scadente
  • FALSI POSITIVI
    • Cicatrici
    • Alterazioni mixomatose
    • Verruche di Lambl
  • (l’aspetto eco non permette di distinguere se vegetazione infettiva o sterile)

ESC Guidelines 2009Evangelista Heart 2004;90:614

clinical features remain important for the diagnosis of infective endocarditis in the modern era
Clinical features remain important for the diagnosis of infective endocarditis in the modern era.

Studio caso-controllo: 108 paz. inviati in Ecocardiografia per sospetta EI: 29 paz. con diagnosi finale di EI (casi); controlli 79 paz.

Ecoc TT:

  • The sensitivity, specificity, and positive and negative predictive values of transthoracic echocardiography (TTE) for detection of IE in clinically suspected cases were 71%, 98%, 57% and 99%, respectively

Predittori indipendenti di EI:

  • pregressa chirurgia valvolare (OR 13,3, 90%CI 3.2-55.6 )
  • emocolture positive (OR 17,2, 90%CI 4.9-58.8)
  • manifestazioni emboliche (OR 11,4, 90%CI 3.0-43.5)
  • un soffio nuovo-cambiato- variabile (OR 10,3, 90%CI 2.8-38.5 )
  • splenomegalia (OR 18,2, 90%CI 3.6-90.9)

La Clinica guida alla diagnosi (e alla terapia) dell’EI prima dell’eco TT

Clinical features at presentation continue to be important for the diagnosis of IE. Features such as positive blood cultures, signs of embolism and a changing heart murmur should be used to guide investigation and treatment of IE prior to echocardiography, or when TTE is negative.

Todd AJ. QJM. 2006 Jan;99(1):23-31.

slide11
“Echocardiography should be performed in all cases ofsuspected IE “(I, A)… ma su cosa si basa il sospetto?

Endocardite Infettiva

Condizioni cliniche predisponenti

  • 500 paz. inviati per eco TT per escludere EI
  • 43 paz. avevano effettivamente EI
  • il 48% dei paz. inviati non aveva elementi clinici sospetti per EI (cioè anomalie strutturali cardiache congenite, nota cardiopatia reumatica, recente terapia parenterale, protesi valvolare, accesso venoso centrale, febbre Tc > 38,5°C, terapia antibiotica recente, emocolture positive, fenomeni vascolari /embolici)

K Greaves. Heart 2003; 89: 273-275.

slide13
Diagnosi di EI : CLINICA

Ecocardio: NON UTILE per screening

Paz. con bassa probabilità clinica: l’eco fornisce uno scarso contributo diagnostico

Sospetto clinico intermedio/alto  eco TT

Protesi valvolari/ immagini non adeguate / probabilità ecoc. Intermedia  eco TE

Eco TT e TE: concordanza dell’83% nella stima della probabilità dell’EI e del 96% nel riscontro di vegetazioni

La scelta della t. antibiotica non dipende dall’eco

“echocardiography has a low diagnostic yield in patients with a low clinical probability of endocarditis, who constitute the majority of patients in whom it is requested to “rule out” the condition”

J.R.Lindner. Circulation 1996; 93: 730-736.

slide14

Infective endocarditis. AHA scientific statement. Circulation 2005;111:e 394.

*High-risk echocardiographic features: vegetazione di grandi dimensioni e/o mobile, insufficienza valvolare, sospetto di estensione perivalvolare, o disfunzione ventricolare secondaria.

High initial patient risks= protesi valvolari cardiache, cardiopatie congenite, precedente EI, nuovo soffio, scompenso cardiaco o altre manifestazioni di EI.

Rx = terapia antibiotica

ecocardiografia per la stratificazione del rischio embolico
Ecocardiografia per la stratificazione del rischio embolico

Studio Multicentrico Prospettico Europeo

    • 387 paz. con diagnosi certa di EI (Duke), età media 57 a
    • Eventi embolici totali 34,1%
    • Eventi embolici dopo inizio t.antibiotica 7,3%
    • Mortalità a 1 anno 20,6%

Fattori di rischio per Fenomeni Embolici

    • EI S. aureus o S.bovis
    • Vegetaz. > 10 mm
    • Ampia mobilità delle vegetaz.

ECO  caratterizzazione delle vegetazioni

  • Vegetazioni > 15 mm versus < 10 mm: rischio relativo di mortalità a 1 anno pari a 1,8 (p 0.02)
  • ECO  individuare paz. con maggior rischio embolico  trattamento più aggressivo

Thuny. Circulation 2005; 112:69-75

endocardite infettiva trieste 2005 2009
Endocardite Infettiva, Trieste, 2005-2009
  • METODI
    • arruolati i pazienti consecutivi valutati in Ecocardiografia nel periodo 2005-2009 per sospetta EI, che presentavano dati clinico-strumentali-laboratoristici compatibili con EI certa/possibile.
  • RISULTATI
    • CARATTERISTICHE GENERALI
    • N= 55 paz. (30M/18F)
    • Età media : 65 +/- 10 anni (range 47-82)
    • Diabete mellito : 11/55
    • Etilismo : 9/55
    • Epatopatia: 5/55
    • Insufficienza renale cronica: 8/55
    • Chemioterapia: 0/16
    • Terapia immunosoppressiva: 1 paz. trattata con steroidi per pemfigoide
endocardite infettiva
ENDOCARDITE INFETTIVA

Reparti di provenienza

slide24

EI Trieste 2005-2009

  • CARDIOPATIA PREESISTENTE
  • Anamnesi di reumatismo articolare acuto: 6
  • Prolasso della mitrale: 7
  • Aorta bicuspide: 7
  • Coartazione aortica: 1
  • Stenosi valvolare aortica: 6
  • Stenosi mitralica: 4
  • Insufficienza aortica: 5
  • Insufficienza mitralica: 8
  • Insufficienza tricuspidalica: 3
  • Post riparazione mitralica: 2
  • Pst anuloplastica tricuspidale: 5
  • Protesi valvolare cardiaca: 11 6 su mitrale, 5 su aorta
  • 4 biologiche, 7 meccaniche
slide25

EI Trieste 2005-2009

Febbre all’ingresso:

  • > 3 settimane 21( 38 %)
  • < 3 sett. 11 (20 %)
  • < 1 sett 10 (18 %)
  • Assente 13 (24%)

Presentazione clinica:

soffio cardiaco 45

EPA/SCA 12

alterazioni stato mentale/neurologiche 12

artrite/spondilite 5

splenomegalia 10

petecchie 1

manifestazioni cutanee 1

alterazioni retiniche 2

slide26

EMOCULTURE :

LABORATORIO: Leucocitosi 24 (43,6%)

↑ VES 46/55 (83%)

↑ PCR 50/55 (90%)

slide27

Sede delle vegetazioni: Valvola nativa 45/55

Protesi/plastica 10/55

Cateteri endocavitari 0

slide28

DIAGNOSI ECOCARDIOGRAFICA

EcoTranstoracico: eseguito in 55 paz diagnostico in 64%

EcoTransesofageo: eseguito in 45 paz (82%), diagnostico in 100%

%

slide29

- Splenica: 6

Complicanze sistemiche: Emboliche: 22

Aneurismi micotici: 0

Emorragiche: 6

Insufficienza renale: 22

- Renale: 2

- Cerebrale: 10

- Arto periferico: 7

- Coronarie: 1

Complicanze Cardiache: - Aritmie: 15

- Patologia ischemica: 5

- SCA: 25

- Ascesso Perivalvolare:5

- Perforazione valvolare: 12

- Rottura corda tendinea: 7

- Distacco Protesi: 2

- Pericardite: 0

slide30

TERAPIA

Medica 24 paz (43,6%)

Medica-chirurgica 31 paz (56,7%)

Penicillina 6

Oxacillina 11

Ampi/amoxi 26

Piperacillina 4

Vancomicina 31

Teicoplanina 5

Linezolid 2

Cefalo III gen. 12

Claritromicina 2

Terapia antibiotica:

Cotrimossazolo 1

Levofluoxacina 6

Ciprofluoxacina 12

Rifampicina 18

Gentamicina 44

Imipenem 5

Metronidazolo 3

Clindamicina 1

Fluconazolo

ruolo clinico dell ecocardiografia nell endocardite infettiva conclusioni i
RUOLO CLINICO DELL’ECOCARDIOGRAFIA NELL’ENDOCARDITE INFETTIVA CONCLUSIONI (I)
  • Nel sospetto clinico di endocardite infettiva l’ecocardiografia è un esame fondamentale e deve essere eseguito con il carattere di urgenza
  • L’eco da approccio transtoracico è sufficiente per escludere la diagnosi quando è negativo se la qualità delle immagini è ottimale, non vi è un profilo clinico di rischio elevato e in assenza di valvulopatia strutturale e protesi valvolare
ruolo clinico dell ecocardiografia nell endocardite infettiva conclusioni ii
RUOLO CLINICO DELL’ECOCARDIOGRAFIA NELL’ENDOCARDITE INFETTIVA CONCLUSIONI (II)
  • L’eco transesofageo deve essere eseguito con il carattere di urgenza in tutti i casi di endocardite sospetta quando non venga esclusa dall’eco transtoracico, specie in presenza di protesi valvolari o cateteri endocavitari
  • L’eco TE va eseguito anche nei casi con eco TT diagnostico di endocardite per la sua maggior sensibilità nella diagnosi di complicanze
ruolo clinico dell ecocardiografia nell endocardite infettiva conclusioni iii
RUOLO CLINICO DELL’ECOCARDIOGRAFIA NELL’ENDOCARDITE INFETTIVA CONCLUSIONI (III)
  • L’eco TT (ed.ev.TE) va ripetuto dopo alcuni giorni se l’esame iniziale era negativo ma persiste il sospetto clinico di endocardite
  • L’eco TT (ed. ev. TE) è utile nel follow-up dei pazienti con endocardite a completamento del ciclo di terapia antibiotica e, con il carattere di urgenza, se intervengono complicazioni cliniche