progetto riabilitativo di un paziente a bassa responsivita
Download
Skip this Video
Download Presentation
PROGETTO RIABILITATIVO DI UN PAZIENTE A BASSA RESPONSIVITA’

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 14

PROGETTO RIABILITATIVO DI UN PAZIENTE A BASSA RESPONSIVITA’ - PowerPoint PPT Presentation


  • 110 Views
  • Uploaded on

PROGETTO RIABILITATIVO DI UN PAZIENTE A BASSA RESPONSIVITA’. 1) “ IL MEDICO HA UN RUOLO ATTIVO RISPETTO A QUESTO PROGETTO O SVOLGE ESCLUSIVAMENTE UNA FUNZIONE DI SUPERVISORE?” 2) SCOPO: “ … DEFINIRE GLI OBIETTIVI, LE STRATEGIE E LE LOGICHE CHE I SINGOLI

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'PROGETTO RIABILITATIVO DI UN PAZIENTE A BASSA RESPONSIVITA’' - manchu


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
progetto riabilitativo di un paziente a bassa responsivita

PROGETTO RIABILITATIVO DI UN PAZIENTE A BASSA RESPONSIVITA’

1) “ IL MEDICO HA UN RUOLO ATTIVO RISPETTO

A QUESTO PROGETTO O SVOLGE

ESCLUSIVAMENTE UNA FUNZIONE DI

SUPERVISORE?”

2) SCOPO: “ … DEFINIRE GLI OBIETTIVI, LE

STRATEGIE E LE LOGICHE CHE I SINGOLI

PROFESSIONISTI UTILIZZANO … AL FINE DI

MASSIMIZZARE IL POTENZIALE DI RECUPERO

NEUROLOGICO DI OGNI PAZIENTE”

slide2
DETERMINAZIONE ED INSERIMENTO DI FATTORI FAVORENTI E/O RIMOZIONE DI EVENTUALI FATTORI INTERFERENTI SUL RECUPERO DEL CONTATTO CON L’AMBIENTE

LA NUTRIZIONE PUO’ SVOLGERE UN RUOLO DI

PRIMARIA IMPORTANZA, RAPPRESENTANDO IN TAL

MODO UN’ARMA FORMIDABILE A DISPOSIZIONE

DELLA NEURORIABILITAZIONE

ipotesi montescano

IPOTESI MONTESCANO

LA NUTRIZIONE MODIFICA ALLA BASE LE

ALTERAZIONI METABOLICHE CEREBRALI INDOTTE

DALL’EVENTO INDICE

RIABILITAZIONE METABOLICA

VELOCIZZAZIONE E MIGLIORE QUALITA’ DEL

RECUPERO CEREBRALE

come utilizzare la nutrizione nel paziente con g c l a

COME UTILIZZARE LA NUTRIZIONE NEL PAZIENTE CON G.C.L.A.

1) COME MEZZO PER LA SOPRAVVIVENZA:

a) Apporti di nutrienti per il funzionamento dell’organismo

b) Riduzione dell’incidenza e correzione delle complicanze

c) Potenziamento del Recupero Generale

d) Riduzione della mortalità

come utilizzare la nutrizione nel paziente con g c l a1

COME UTILIZZARE LA NUTRIZIONE NEL PAZIENTE CON G.C.L.A

2) COME MEZZO PER CAMBIARE SPECIFICAMENTE IL

METABOLISMO

DI ORGANI/ TESSUTI

Cambiamento della struttura / funzione

Potenziamento del recupero di una specifica funzione

nutrizione

NUTRIZIONE

POTENZIAMENTO DEL RECUPERO DEL CONTATTO CON

L’AMBIENTE, PER MEZZO DI:

INSERIMENTO DI FATTORI RIMOZIONE DI

FAVORENTI FATTORI INTERFERENTI

AZIONE DIRETTA SUL CERVELLO: AZIONE INDIRETTA SUL CERVELLO:

nutrizione1

NUTRIZIONE

AZIONE DIRETTA AZIONE INDIRETTA

SUL CERVELLO: SUL CERVELLO :

a) Adeguatezza degli apporti nutrizionali a) Riduzione complicazioni cliniche

(infezioni - decubiti)

b) Supplementazione con b) Riduzione /non Aminoacidi ramificati peggioramento delle

Ipoaminoacidemie

c) (Supplementazione con Vitamine - c) Riduzione del Minerali - Elementi traccia)? depauperamento della massa e dello stato funzionale del tessuto muscolare scheletrico

a adeguatezza degli apporti nutrizionali nella g c l a

A) ADEGUATEZZA DEGLI APPORTI NUTRIZIONALI NELLA G.C.L.A.

( Paziente a 64 ± 32 giorni dall’ evento acuto)

APPORTO ENERGETICO : 32.3 Kcal /Kg /die

APPORTO PROTEICO :  1.2 g / Kg / die

B) SUPPLEMENTAZIONE CON AMINOACIDI RAMIFICATI :

20 gr. / die per via venosa periferica

effetti della nutrizione sul recupero cognitivo della g c l a

EFFETTI DELLA NUTRIZIONE SUL RECUPERO COGNITIVO DELLA G.C.L.A.

DRS

_____________________________________________   

PRE - 15 GIORNI POST -  (POST-PRE)

GRUPPO

TRATTAMENTO 21 ± 2.1 14.7 ± 3.1 - 6.3

GRUPPO

CONTROLLO 19.2 ± 1.6 16.4 ± 3.3 - 2.8

effetti della nutrizione sul recupero cognitivo dello stato vegetativo

EFFETTI DELLA NUTRIZIONE SUL RECUPERO COGNITIVO DELLO STATO VEGETATIVO

DRS

_______________________________________________________

  

PRE - 15 GIORNI POST-  (POST-PRE)

GRUPPO

TRATTAMENTO 24 ± 1.9 19.5 ± 2.5 - 4.5 ± 1

GRUPPO

CONTROLLO 23.8 ± 1.8 22.5 ± 3.3 - 1.3 ± 1.9

effetti della nutrizione sul recupero cognitivo dello stroke ischemico

EFFETTI DELLA NUTRIZIONE SUL RECUPERO COGNITIVO DELLO STROKE ISCHEMICO

PUNTO CHIAVE : RAPPORTO CARBOIDRATI / PROTEINE

_____________________MMT______________________

PRE 21 GIORNI POST  (POST-PRE)

GRUPPO

TRATTAMENTO

( CHO /PROT < 2.5) 21.8 ± 4.6 25.2 ± 3.7 + 3.4 ± 1.99

GRUPPO

CONTROLLO

( CHO /PROT  2.5) 24.2 ± 2.2 25.7 ± 2.2 + 1.56 ± 1.35

GRUPPO

CONTROLLO

(CHO / PROT > 2.5)

meccanismi centrali della nutrizione alla base del recupero del contatto con l ambiente

MECCANISMI CENTRALI DELLA NUTRIZIONE ALLA BASE DEL RECUPERO DEL CONTATTO CON L’AMBIENTE

IPOTESI MONTESCANO

ADEGUATEZZA NUTRIZIONE + SUPPLEMENTAZIONE CON AMINOACIDI RAMIFICATI

MIGLIORAMENTO MIGLIORAMENTO MIGLIORAMENTO

ATTIVITA’ ENERGETICA DELLE SINTESI SECREZIONE

NEURONALE PROTEICHE INSULINA

slide13
MIGLIORAMENTO MIGLIORAMENTO MIGLIORAMENTOATTIVITA’ ENERGETICA DELLE SINTESI SECREZIONENEURONALE PROTEICHE INSULINA  

MIGLIORAMENTO DI:PROCESSI DI MIGLIORAMENTO

RIPARAZIONE DEL RECUPERO

 SPROUTING E COGNITIVO

RIMODELLAMENTO

DEI CIRCUITI ELETTRICI

. Alterazioni dell’omeostasi

ionica

. Alterazione della

Neurotrasmissione

. Alterazioni dei Processi

di Sintesi

. Alterazioni del trasporto cellulare

slide14
ATTIVITA’ SCIENTIFICA VALIDATA

CAMBIAMENTO DELL’OPERATIVITA’ CLINICA

PROTOCOLLO SEMINARI FORMAZIONE CAMBIO MENU’: INFORMAZIONE INFUSIONE :

NUTRIZIONALE CONTINUA : PZ/FAMILIARI: AMINOACIDI

STRUTTURATO MEDICI BRESAOLA RAMIFICATI

( BOSELLI, SIMFER 2005 INFERMIERI

TONNO . LETTERA

CALATRONI, SIMFER 2005 ) DIREZIONE SCIENTIFICA

TACCHINO . SEMINARIO

POLLO QUINDICINALE

3 RESEARCH NURSES

TROTA . MATERIALE

MERLUZZO DIDATTICO

PARMIGIANO 

TALEGGIO (TUTTO IN CARTELLA)

ad