caso n 13 l.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
CASO N. 13 PowerPoint Presentation
Download Presentation
CASO N. 13

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 22

CASO N. 13 - PowerPoint PPT Presentation


  • 294 Views
  • Uploaded on

CASO N. 13. B.A. anni 50 Biopsia in cluster di microcalcificazioni in retroareolare destra (R3). B3: Lesione ad incerto potenziale di malignità

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'CASO N. 13' - mairead


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide10

B3: Lesione ad incerto potenziale di malignità

Lesioni che hanno aspetto istologico di benignità sull’agobiopsia, ma di cui è nota l’etreogeneità intralesionale o l’aumentato rischio (seppur basso di malignità).

La maggior parte delle lesioni B3 richiedono l’escissione chirurgica, ma tutti questi casi andrebbero discussi in un incontro preoperatorio multidisciplinare.

slide11
Neoplasia lobulare intraepiteliale (LIN)

Una proliferazione epiteliale di piccole cellule regolari dentro un lobulo moderatamente disteso (neoplasia lobulare intraepiteliale o LIN, raggruppando iperplasia lobulare atipica e carcinoma lobulare in situ) dovrebbe essere classificata come B3. Queste lesioni non hanno necessariamente lo stesso management come la diagnosi di DCIS impone; pur tuttavia un’escissione chirurgica è raccomandabile.

La neoplasia lobulare intraepiteliale è spesso un aspetto incidentale in un’agobiopsia effettuata per una lesione radiologicamente identificata e la discussione multidisciplinare è essenziale per stabilire la rappresentatività del campione agobioptico.

Un LIN pleomorfo può essere classificato come B5 (in situ).

slide12
Talora, può essere impossibile classificare una proliferazione epiteliale a piccole cellule nei dotti e/o nei lobuli come LIN o DCIS: in questi casi la E-caderina può aiutare nella diagnosi differenziale e può essere opportuno assegnare una categoria superiore B4 o B5.
slide15

B4 sospetto per malignità: campioni con problemi tecnici quali crush o biopsie fissate in maniera insufficiente con aspetti di probabile carcinoma ma su cui non è possibile effettuare una diagnosi definitiva di malignità vanno classificati come B4.

slide16
DiagnosiMinuti frammenti di parenchima mammario con neoplasia lobulare in situ (LIN2). Non sono presenti microcalcificazioni.B4
slide22

Parenchima mammario inviato come “microcalcificazioni retroareolari mammella destra”DiagnosiNeoplasia lobulare intraepiteliale (LIN2).La lesione è presente in tutte le inclusioni.Coesiste iperplasia duttale usuale florida e iperplasia a cellule colonnari.