slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
EDILTEK 2011 LABORATORIO DI RICERCA LA SICUREZZA – I GIOVANI – IL FUTURO PowerPoint Presentation
Download Presentation
EDILTEK 2011 LABORATORIO DI RICERCA LA SICUREZZA – I GIOVANI – IL FUTURO

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 67

EDILTEK 2011 LABORATORIO DI RICERCA LA SICUREZZA – I GIOVANI – IL FUTURO - PowerPoint PPT Presentation


  • 115 Views
  • Uploaded on

EDILTEK 2011 LABORATORIO DI RICERCA LA SICUREZZA – I GIOVANI – IL FUTURO. “CONGLOMERANDO IMPARO”. A cura della 4A e della 4B Geometri. INDICE. LA SICUREZZA NEI CANTIERI STRADALI Definizione di cantiere stradale Tipologie di cantieri stradali

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'EDILTEK 2011 LABORATORIO DI RICERCA LA SICUREZZA – I GIOVANI – IL FUTURO' - maida


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

EDILTEK 2011

LABORATORIO DI RICERCA

LA SICUREZZA – I GIOVANI – IL FUTURO

“CONGLOMERANDO IMPARO”

A cura della 4A e della 4B Geometri

slide2

INDICE

  • LA SICUREZZA NEI CANTIERI STRADALI
  • Definizione di cantiere stradale
  • Tipologie di cantieri stradali
  • Le figure della sicurezza
  • Dispositivi di Protezione Individuale (D.P.I.)
  • Segnalamento di un cantiere
  • I rischi di un cantiere stradale
  • Macchine ed attrezzature di un cantiere stradale
  • Documentazione di un cantiere stradale
  • IL CONGLOMERATO BITUMINOSO
  • Inerti
  • Leganti bituminosi
  • Produzione
  • Modalità di posa
  • Il solido stradale
  • Il bitume espanso
  • INNOVAZIONE TECNOLOGICA
  • I vantaggi
  • Iterlow-T
  • RIUTILIZZAZIONE DEL MANTO STRADALE
  • Riciclo in loco
  • Riciclo in stazione fissa
slide4

LA

SICUREZZA

NEI

CANTIERI

STRADAL

I

SI PUÒ DEFINIRE CANTIERE STRADALE UN’ANOMALIA DELLA SEDE STRADALE ED OGNI TIPO DI OSTACOLO CHE PUÒ TROVARSI AL SUO INTERNO.

DEFINIZIONE DI CANTIERE STRADALE

tipologie di cantieri stradali

LA

SICUREZZA

NEI

CANTIERI

STRADAL

I

IN BASE ALLA DURATA :

CANTIERI LA CUI DURATA NON SUPERA I 2 GIORNI

CANTIERI LA CUI DURATA E’ COMPRESA TRA 2 E 7 GIORNI

CANTIERI LA CUI DURATA SUPERA I 7 GIORNI

IN BASE ALLO SPOSTAMENTO:

CANTIERI FISSI

CANTIERI MOBILI

TIPOLOGIE DI CANTIERI STRADALI
cantieri in base alla durata

LA

SICUREZZA

NEI

CANTIERI

STRADAL

I

CANTIERI IN BASE ALLA DURATA
  • DURATA>7 GIORNI
  • DURATA < 2 GIORNI
  • 2GIORNI <DURATA<7 GIORNI

COMPORTANO L’UTILIZZAZIONE DI SEGNALI MOBILI

COMPORTANO L’UTILIZZAZIONE DI SEGNALI PARZIALMENTE FISSI

COMPORTANO L’UTILIZZAZIONE DI SEGNALI FISSI ED ANCHE DI SEGNALETICA ORIZZONTALE DI COLORE GIALLO

cantieri in base allo spostamento

LA

SICUREZZA

NEI

CANTIERI

STRADAL

I

CANTIERI IN BASE ALLO SPOSTAMENTO
  • CANTIERE FISSO
  • CANTIERE MOBILE

SONO QUELLI CHE NON SUBISCONO ALCUNO SPOSTAMENTO DURANTE LA MEZZA GIORNATA E COMPORTANO IL POSIZIONAMENTO DI UNA SEGNALETICA DI AVVICINAMENTO, DI POSIZIONE E DI FINE PRESCRIZIONE.

SONO CARATTERIZZATI DA UNA VELOCITA’ MEDIA DI AVANZAMENTO DEI LAVORI, CHE PUO’ VARIARE DA CENTINAIA DI METRI AL GIORNO A CHILOMETRI L’ORA, PERCIO’ DEVE ESSERE ACCURATAMENTE PRESEGNALATO E SEGNALATO.

le figure della sicurezza

LA

SICUREZZA

NEI

CANTIERI

STRADAL

I

PREPOSTO

DATORE DI LAVORO

LAVORATORE

LE FIGURE DELLA SICUREZZA
slide9

LA

SICUREZZA

NEI

CANTIERI

STRADAL

I

OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO (art.18 D. Lgs . 81/08)

OBBLIGHI DEL PREPOSTO (art.19 D. Lgs . 81/08)

Adottare ed aggiornare le misure di prevenzione ai fini della salute e sicurezza del lavoro; affidare a ciascun lavoratore compiti confacenti alla sua salute e capacità; fornire idonei D.P.I. (Dispositivi di Protezione Individuali); informare e formare ciascun lavoratore sui rischi specifici presenti in cantiere utilizzando gli strumenti informativi; adottare misure affinché soltanto lavoratori che abbiano ricevuto una formazione specifica accedano a zone che li espongono a rischi gravi; designare preventivamente i lavoratori incaricati del primo soccorso, delle misure di prevenzione incendi e dell’evacuazione dai luoghi di lavoro; sottoporre i lavoratori alla sorveglianza sanitaria a cura del medico competente; dotare i lavoratori di tessera di riconoscimento completa dei dati dell’impresa e del nominativo del lavoratore e della sua fotografia.

Vigilare sull’osservanza da parte dei lavoratori degli obblighi normativi, delle disposizioni aziendali, delle procedure di sicurezza contenute nei documenti di cantiere, dell’uso dei D.P.I e dell’esposizione della tessera di riconoscimento. In caso di persistente inosservanza riferire ai propri superiori; verificare che solamente i lavoratori che hanno ricevuto una specifica formazione accedano a zone che li espongono a rischi gravi; dare istruzioni ai lavoratori in caso di pericolo grave ed immediato affinché abbandonino le zone di pericolo ed astenersi dal richiedere agli stessi di riprendere l’attività se le situazioni di rischio permangono; segnalare al Datore di Lavoro o al Dirigente le deficienze dei mezzi, attrezzature di lavoro, dei D.P.I. ed ogni altra situazione di pericolo nell’ambito della formazione ricevuta; frequentare i corsi di formazione.

OBBLIGHI DEL LAVORATORE (art.20 D. Lgs . 81/08)

Prendersi cura della propria sicurezza e salute e di quella delle altre persone presenti sul luogo di lavoro, sulle quali ricadono gli effetti delle sue azioni od omissioni; osservare le disposizioni impartite dal datore di lavoro, dai dirigenti e dai preposti in materia di salute e sicurezza sul lavoro e protezione collettiva ed individuale; utilizzare correttamente le attrezzature di lavoro, le sostanze pericolose,

i mezzi di trasporto ed i D.P.I. resi disponibili; segnalare ogni deficienza che interessi mezzi e dispositivi al preposto, al dirigente o al datore di lavoro; partecipare ai programmi di informazione e formazione e sottoporsi ai controlli sanitari disposti dal medico competente.

abbigliamento ad alta visibilita calzature otoprotettori casco occhiali guanti maschere faccial i

LA

SICUREZZA

NEI

CANTIERI

STRADAL

I

ABBIGLIAMENTO AD ALTA VISIBILITA’

CALZATURE

OTOPROTETTORI

CASCO

OCCHIALI

GUANTI

MASCHERE FACCIALI

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (D.P.I.)

abbigliamento ad alta visibilit

LA

SICUREZZA

NEI

CANTIERI

STRADAL

I

Da cosa protegge:

• consente di essere visti

Quando deve essere usato:

• sempre nei lavori stradali

ABBIGLIAMENTO AD ALTA Visibilità

CASCO

Da cosa protegge:

• da proiezioni di materiali solidi e consente una maggiore visibilità del lavoratore

Quando deve essere usato:

• sempre nei lavori stradali

calzature

LA

SICUREZZA

NEI

CANTIERI

STRADAL

I

Da cosa proteggono:

• da schiacciamenti delle dita e di parte del collo del piede, perforazioni sotto la pianta del piede da parte di elementi perforanti o taglienti, da abrasioni, ferite o altro su tutto il piede

Quando devono essere usatE:

• sempre

CALZATURE

OTOPROTETTORI

Da cosa proteggono:

• dall’esposizione al rumore e quindi

dalla perdita di capacità uditiva

Quando devono essere usati:

• quando si utilizzano macchine ed

attrezzi rumorosi, quando si lavora in

ambienti rumorosi

occhiali

LA

SICUREZZA

NEI

CANTIERI

STRADAL

I

Da cosa proteggono:

• da perforazioni dell’occhio conseguenti alla proiezione di schegge di vari materiali, da irritazioni o corrosioni dell’occhio conseguenti al contatto con sostanze irritanti o corrosive, da radiazioni durante la saldatura e l’applicazione di guaine bituminose.

Quando devono essere usatI:

• quando si usano macchine o attrezzi da taglio o da perforazione, quando si usano sostanze chimiche, quando si effettuano saldature.

OCCHIALI

MASCHERE FACCIALI

Da cosa proteggono:

• dall’inalazione di sostanze pericolose,

presenti sotto forma di polvere, fumi,

vapori. Le sostanze possono essere irritanti, nocive e possono causare danni all’apparato respiratorio o altri effetti, anche gravi.

Quando devono essere usate:

• ogni volta che vi è presenza di sostanze pericolose.

La maschera e il filtro devono essere

adatti al tipo di inquinante e alla sua

pericolosità

guanti

LA

SICUREZZA

NEI

CANTIERI

STRADAL

I

Da cosa proteggono:

• da tagli, schiacciamenti e abrasioni delle mani

Quando devono essere usatI:

• ogni volta che si maneggiano materiali pesanti, con parti taglienti o abrasive, quando si impiegano macchine o attrezzi manuali.

Il tipo di guanto deve essere adatto al tipo di lavoro.

GUANTI
segnalamento di un cantiere

LA

SICUREZZA

NEI

CANTIERI

STRADAL

I

IL CANTIERE STRADALE PUO’ COMPORTARE LA VARIAZIONE DELLA SEDE STRADALE, PERCIO’ E’ OPPORTUNO SEGNALARLO IN MODO EVIDENTE.

POSSIAMO DISTINGUERE I SEGNALI STRADALI IN DIVERSI TIPI:

PERICOLO

PRESCRIZIONE

INDICAZIONE

COMPLEMENTARI

LUMINOSI

ORIZZONTALI

SEGNALAMENTO DI UN CANTIERE
il senso unico alternato

LA

SICUREZZA

NEI

CANTIERI

STRADAL

I

Qualora il cantiere comporti un restringimento della carreggiata a doppio senso di marcia e la larghezza della strettoia E’ inferiore a 5,60m occorre istituire il transito a senso unico alternato che può essere regolato in tre modi:

• transito alternato a vista

• transito alternato da movieri

• transito alternato PER mezzo DI semafori

IL SENSO UNICO ALTERNATO
slide17

LA

SICUREZZA

NEI

CANTIERI

STRADAL

I

TRANSITO ALTERNATO A VISTA

TRANSITO ALTERNATO DA MOVIERI

Sono posizionati i segnali di “dare precedenza nel senso unico alternato” dalla parte in cui il traffico incontra l’ostacolo e “diritto di precedenza nel senso unico alternato” dalla parte in cui la circolazione è meno intralciata dai lavori. Tale tipo di segnalamento è da utilizzare solo nei cantieri i cui estremi non siano distanti più di 50 m e dove il traffico è modesto.

Richiede due movieri muniti di paletta, posti alle estremità della strettoia, i quali presentano al traffico uno la faccia verde, l’altro la faccia rossa della paletta. Il funzionamento di questo sistema è legato al buon coordinamento dei movieri, che può essere stabilito a vista o con apparecchi radio ricetrasmittenti o tramite un terzo moviere intermedio munito anch’esso di paletta. Le palette sono circolari del diametro di 30 cm e munite di manico di 20 cm di lunghezza con rivestimento in pellicola rifrangente verde da un lato e rosso dall’altro.

TRANSITO ALTERNATO PER MEZZO DI SEMAFORI

Se non è possibile ricorrere ai due sistemi precedenti a causa della lunghezza della strettoia o a causa della scarsa visibilità, il senso unico alternato viene regolarizzato tramite un impianto semaforico comandato a mano o in automatico. La messa in funzione di un impianto semaforico per transito alternato deve essere autorizzata dall’ente proprietario della strada o concessionario.

slide18

LA

SICUREZZA

NEI

CANTIERI

STRADAL

I

TRANSITO ALTERNATO DA MOVIERI

TRANSITO ALTERNATO DA SEMAFORI

TRANSITO ALTERNATO A VISTA

la sicurezza dei pedoni

LA

SICUREZZA

NEI

CANTIERI

STRADAL

I

Devono essere adeguatamente protetti anche i pedoni, per questo ogni cantiere, mezzi e macchine operatrici, devono essere sempre delimitati con recinzioni, barriere, parapetti. Se non c’è marciapiede o questo è completamente occupato dal cantiere occorre delimitare o proteggere un corridoio di transito pedonale, lungo il lato o i lati prospicienti il traffico veicolare, della larghezza di almeno un metro. Detto corridoio può consistere in un marciapiede costruito temporaneamente sulla carreggiata, oppure in una striscia di carreggiata protetta, sul lato del traffico, da barriere o da un parapetto segnalati dalla parte della carreggiata.

LA SICUREZZA DEI PEDONI
i rischi di un cantiere stradale

LA

SICUREZZA

NEI

CANTIERI

STRADAL

I

Investimento degli addetti ai lavori e degli utenti della strada da parte dei mezzi in transito in prossimità del cantiere

Investimento, colpi o urti causati dai mezzi d’opera di cantIERE

Caduta, colpi o urti da parte del materiale movimentato con mezzi meccanici

Caduta all’interno degli scavi e seppellimento per frana di parte del fronte scavo

Esposizione a prodotti pericolosi

Esposizione a rumore e vibrazioni

I RISCHI DI UN CANTIERE STRADALE
slide21

LA

SICUREZZA

NEI

CANTIERI

STRADAL

I

Il lavoratore deve indossare l’abbigliamento ad alta visibilità e i D.P.I. opportuni.

La segnaletica stradale deve essere posata e mantenuta in modo corretto.

Il cantiere deve essere ben delimitato.

Tutte la manovre di mezzi d’opera devono avvenire in presenza di un lavoratore a terra che fornisca le indicazioni al conducente e ad eventuali pedoni e veicoli in transito.

Investimento degli addetti ai lavori e degli utenti della strada da parte dei mezzi in transito in prossimità del cantiere
investimento colpi o urti causati dai mezzi d opera di cantiere

LA

SICUREZZA

NEI

CANTIERI

STRADAL

I

Il lavoratore deve indossare l’abbigliamento ad alta visibilità e i D.P.I. opportuni.

Il lavoratore non deve lavorare o passare nel raggio di azione di un mezzo in movimento o in lavorazione.

Investimento, colpi o urti causati dai mezzi d’opera di cantIERE
caduta colpi o urti da parte del materiale movimentato con mezzi meccanici

LA

SICUREZZA

NEI

CANTIERI

STRADAL

I

Il lavoratore deve indossare l’abbigliamento ad alta visibilità e i D.P.I. opportuni.

Il Lavoratore non deve transitare nel raggio interessato dalla movimentazione e dal sollevamento dei materiali.

Il lavoratore può avvicinarsi al mezzo di sollevamento solo quando questo è fermo, il materiale è stato posato a terra o si è stabilizzato e quindi non vi sono rischi di caduta e

di oscillazioni del carico.

Le macchine devono avere i requisiti di sicurezza presenti dalla vigente normativa.

Il lavoratore deve seguire le istruzioni fornite dal datore di lavoro, dal preposto e dal manuale d’uso e di manutenzione della macchina; prima di utilizzare le macchine, deve verificare il loro stato di manutenzione e la loro integrità.

Caduta, colpi o urti da parte del materiale movimentato con mezzi meccanici
caduta all interno degli scavi e seppellimento per frana di parte del fronte scavo

LA

SICUREZZA

NEI

CANTIERI

STRADAL

I

Il lavoratore deve indossare l’abbigliamento ad alta visibilità e i D.P.I. opportuni.

L’area di cantiere deve essere recintata.

Lo scavo deve essere chiuso con recinzioni, parapetti o tavole.

Le pareti dello scavo devono essere protette con opportuni sistemi per evitarne il franamento.

L’area prospiciente lo scavo deve essere pulita, non bisogna depositare materiale presso i bordi dello scavo.

Il lavoratore deve eseguire lo scavo così come previsto nel POS.

Caduta all’interno degli scavi e seppellimento per frana di parte del fronte scavo
esposizione a prodotti pericolosi

LA

SICUREZZA

NEI

CANTIERI

STRADAL

I

Il lavoratore deve indossare i necessari D.P.I. che devono essere mantenuti puliti.

Il lavoratore deve visionare la scheda di sicurezza della sostanza (allegata al POS) e l’etichetta presente sulla confezione.

I prodotti devono essere conservati negli imballaggi originari.

Esposizione a prodotti pericolosi
esposizione a rumore e vibrazioni

LA

SICUREZZA

NEI

CANTIERI

STRADAL

I

Il lavoratore deve indossare i necessari D.P.I. che devono essere mantenuti puliti.

Il lavoratore deve segnalare al preposto eventuali malfunzionamenti delle macchine

Esposizione a rumore e vibrazioni
macchine e attrezzature di un cantiere stradale

LA

SICUREZZA

NEI

CANTIERI

STRADAL

I

MACCHINE ( BETONIERE, AUTOGRU, etc.)

ATTREZZATURE (FLESSIBILE, SALDATRICE, etc.)

MACCHINE E ATTREZZATURE DI UN CANTIERE STRADALE
macchine del cantiere

LA

SICUREZZA

NEI

CANTIERI

STRADAL

I

AUTOBETONIERA

AUTOCARRO

AUTOGRU

BETONIERA

CALDAIA PER BITUME

COMPATTATORE A PIATTO VIBRANTE

DUMPER

ESCAVATORE

PALA MECCANICA

RIFINITRICE

RULLO COMPRESSORE

SCARIFICATRICE

SPAZZOLA ASPIRATRICE

MACCHINE DEL CANTIERE
autocarro

LA

SICUREZZA

NEI

CANTIERI

STRADAL

I

Rischi evidenziati dall’ analisi dei pericoli durante il lavoro:

• urti, colpi, impatti, compressioni, olii minerali e derivati, stritolamento, polveri, fibre, vibrazioni, calore e fiamme.

Dispositivi di Protezione Individuale

• guanti, calzature di sicurezza, casco, indumenti protettivi.

AUTOCARRO

AUTOGRU

Rischi evidenziati dall’ analisi dei pericoli durante il lavoro:

• contatto con linee elettriche aeree, urti, colpi, impatti, compressioni, punture, tagli, abrasioni, rumore, olii minerali e derivati.

Dispositivi di Protezione Individuale

• guanti, calzature di sicurezza, casco, otoprotettori, indumenti protettivi.

caldaia per bitume

LA

SICUREZZA

NEI

CANTIERI

STRADAL

I

Rischi evidenziati dall’ analisi dei pericoli durante il lavoro:

• urti, colpi, impatti, compressioni, calore, fiamme, rumore, bitume (fumi, gas/vapori, allergeni), oli minerali e derivati.

Dispositivi di Protezione Individuale

• calzature di sicurezza, maschera per la protezione delle vie, respiratorie, otoprotettori, guanti, indumenti protettivi.

CALDAIA PER BITUME

RIFINITRICE

Rischi evidenziati dall’ analisi dei pericoli durante il lavoro:

• calore, fiamme, incendio, scoppio, catrame, fumo, rumore, stritolamento, olii minerali e derivati.

Dispositivi di Protezione Individuale

• guanti, calzature di sicurezza, copricapo, indumenti protettivi, casco, maschera per la protezione delle vie respiratorie

scarificatrice

LA

SICUREZZA

NEI

CANTIERI

STRADAL

I

Rischi evidenziati dall’ analisi dei pericoli durante il lavoro:

• rumore, olii minerali e derivati, calore, fiamme, cesoiamento, stritolamento, investimento.

Dispositivi di Protezione Individuale

• copricapo, calzature di sicurezza, otoprotettori, indumenti protettivi, casco, guanti.

SCARIFICATRICE

RULLO COMPRESSORE

Rischi evidenziati dall’ analisi dei pericoli durante il lavoro:

• vibrazioni, rumore, olii minerali e derivati, ribaltamento, incendio.

Dispositivi di Protezione Individuale

• copricapo, calzature di sicurezza, otoprotettori, indumenti protettivi, casco, guanti.

attrezzature del cantiere

LA

SICUREZZA

NEI

CANTIERI

STRADAL

I

CANNELLO

FLESSIBILE

GRUPPO ELETTROGENO

VERNICIATURA SEGNALETICA STRADALE

MARTELLO DEMOLITORE

POMPA IDRICA

POMPA SPRITZ-BETON

SALDATRICE ELETTRICA

SCALE A MANO

TAGLIASFALTO

TRAPANO ELETTRICO

TRIVELLATRICE

UTENSILI A MANO

ATTREZZATURE DEL CANTIERE
cannello ad aria calda

LA

SICUREZZA

NEI

CANTIERI

STRADAL

I

Rischi evidenziati dall’ analisi dei pericoli durante il lavoro:

• Calore, elettricità, gas e vapori.

Dispositivi di Protezione Individuale

• guanti termoresistenti o ignifughi e calzature di sicurezza.

CANNELLO AD ARIA CALDA

SALDATRICE ELETTRICA

Rischi evidenziati dall’ analisi dei pericoli durante il lavoro:

• Calore, elettricità, gas, vapori e radiazioni ( non ionizzanti).

Dispositivi di Protezione Individuale

• Casco, guanti, calzature di sicurezza, maschera, gambali e grembiule protettivo.

tagliasfalto a disco

LA

SICUREZZA

NEI

CANTIERI

STRADAL

I

Rischi evidenziati dall’ analisi dei pericoli durante il lavoro:

• urti, colpi, impatti, compressioni, punture, tagli, abrasioni, vibrazioni, scivolamenti, cadute a livello, calore, fiamme, rumore, investimento, oli minerali e derivati.

Dispositivi di Protezione Individuale

• Guanti, calzature di sicurezza, copricapo, otoprotettori, casco e indumenti protettivi.

TAGLIASFALTO A DISCO

VERNICIATURA SEGNALETICA STRADALE

Rischi evidenziati dall’ analisi dei pericoli durante il lavoro:

• Rumore, gas, vapori, investimento, allergeni, nebbie e incendio.

Dispositivi di Protezione Individuale

• Copricapo, calzature di sicurezza, guanti, maschera a filtri, otoprotettori, indumenti protettivi.

gruppo elettrogeno

LA

SICUREZZA

NEI

CANTIERI

STRADAL

I

Rischi evidenziati dall’ analisi dei pericoli durante il lavoro:

• Rumore, elettricità, gas, olii minerali e derivati, incendio.

Dispositivi di Protezione Individuale

• Calzature di sicurezza, guanti, otoprotettori, indumenti protettivi.

GRUPPO ELETTROGENO

UTENSILI A MANO

Rischi evidenziati dall’ analisi dei pericoli durante il lavoro:

• Urti, colpi, impatti, compressioni, punture, taglie abrasioni.

Dispositivi di Protezione Individuale

• Casco, guanti, occhiali e calzature di sicurezza.

documentazione di un cantiere stradale

LA

SICUREZZA

NEI

CANTIERI

STRADAL

I

Per istituire e per eseguire dei lavori in un cantiere stradale è necessario avere la seguente documentazione:

Piano Operativo di Sicurezza (POS)

Piano di Sicurezza e Coordinamento (PSC)

Manuali d’uso e manutenzione delle macchine presenti nel cantiere

Schede di sicurezza delle sostanze usate

Eventuali autorizzazioni per uso di suolo pubblico

AUTORIZZAZIONE IN DEROGA PER IL SUPERAMENTO DEI LIMITI DI IMPATTO ACUSTICO

DOCUMENTAZIONE DI UN CANTIERE STRADALE
slide37

LA

SICUREZZA

NEI

CANTIERI

STRADAL

I

CONTENUTI MINIMI DEL PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS)

1. DATI IDENTIFICATIVI DELL’IMPRESA E DEL CANTIERE

2. TIPOLOGIA DEL CANTIERE, ATTIVITÀ E SINGOLE LAVORAZIONI SVOLTE IN CANTIERE DALL’IMPRESA ESECUTRICE E DAI LAVORATORI AUTONOMI SUBAFFIDATARI

3. NOMINATIVI

4. DESCRIZIONE DELL’ATTIVITÀ DI CANTIERE E MISURE DI SICUREZZA

5. MISURE DI SICUREZZA INTEGRATIVE DEL PSC ADOTTATE IN RELAZIONE AI RISCHI CONNESSI ALLE PROPRIE LAVORAZIONI IN CANTIERE

6. INFORMAZIONE E FORMAZIONE

CONTENUTI MINIMI DEL PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (PSC)

1. ANAGRAFICA DI CANTIERE

2. INDIVIDUAZIONE DEI SOGGETTI CON COMPITI DI SICUREZZA

3. MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE IN RIFERIMENTO ALL’AREA DI CANTIERE

4. MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE IN RIFERIMENTO ALL’ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE

5. MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE IN RIFERIMENTO ALLE SINGOLE LAVORAZIONI

6. PRESCRIZIONI OPERATIVE, MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE E DPI IN RIFERIMENTO ALLE INTERFERENZE TRA LE LAVORAZIONI

7. USO COMUNE DELLE ATTREZZATURE

8. MODALITÀ ORGANIZZATIVE DELLA COOPERAZIONE E DEL COORDINAMENTO, DELLA RECIPROCA INFORMAZIONE FRA DATORI DI LAVORO, COMPRESI I LAVORATORI AUTONOMI

9. ORGANIZZAZIONE PREVISTA PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE NEL CASO IN CUI IL SERVIZIO SIA DI USO COMUNE, RIFERIMENTI TELEFONICI, DELLE STRUTTURE PRESENTI SUL TERRITORIO

10. DURATA PREVISTA DELLE LAVORAZIONI, DELLE FASI, E SOTTOFASI CHE COSTITUISCONO IL CRONOPROGRAMMA CON L’ENTITÀ PRESUNTA UOMINI-GIORNO.

11. STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

12. AGGIORNAMENTO

il conglomerato bituminoso

IL

CONGLOMERATO

BITUMINOSO

Il conglomerato bituminoso è un conglomerato artificiale costituito da una miscela di aggregati (materiali rocciosi di diversa granulometria quali filler, sabbia e pietrisco) e un legante di tipo bituminoso. Nei conglomerati cosiddetti a bitume modificato si prevede anche l'aggiunta di polimeri (resine sintetiche) che influenzano le caratteristiche fisiche e/o chimiche del materiale. Viene utilizzato di norma per la realizzazione delle superfici carrabili (strade, piste di atterraggio, ecc.). Il conglomerato bituminoso viene chiamato comunemente, anche se erroneamente, asfalto, che invece si può considerare un conglomerato bituminoso naturale.

IL CONGLOMERATO BITUMINOSO
inerti

IL

CONGLOMERATO

BITUMINOSO

Nel confezionamento di conglomerati bituminosi vengono impiegati inerti di origine naturale oppure provenienti dalla frantumazione delle rocce, aventi granulometria variabile. Quelli naturali sono la ghiaia e la sabbia provenienti da depositi naturali, mentre quelli artificiali sono pietrischi e graniglie che si ottengono per estrazione dalle cave e successiva frantumazione.

Si parla di:

tout-venant se gli inerti sono già granulometricamente assortiti in natura;

misto granulare se invece l'assortimento degli inerti è ottenuto da miscelazione artificiale.

I materiali molto fini che hanno il compito di riempire gli spazi lasciati liberi dagli aggregati più grossi vengono chiamati filler o additivi.

INERTI
leganti bituminosi

IL

CONGLOMERATO

BITUMINOSO

Come il cemento nei conglomerati cementizi, i leganti bituminosi hanno la funzione di legare gli inerti fra di loro. I leganti bituminosi possono essere:

bitumi naturali: si presentano come materiale impregnante di molte rocce sedimentarie(arenarie, calcari,ecc.) oppure sotto forma di vene o sacche nel sottosuolo o ancora come affioramenti superficiali alimentati da vene sotterranee.

bitumi artificiali: sono un sottoprodotto della distillazione frazionata del petrolio. Sono meno protetti dall’invecchiamento dei precedenti poiché presentano una minore percentuale di asfalteni;

bitumi liquidi: ottenuti dai precedenti semisolidi con l’aggiunta di solventi;

emulsioni bituminose: si ottengono disperdendo bitume puro, in percentuale del 50-65%, in acqua calda; venendo a contatto con la superficie da trattare l’acqua evapora e il bitume si coagula formando una pellicola;

asfalti: derivano dalla frantumazione di rocce calcaree naturali impregnate intimamente di bitume. Tali rocce sono dette rocce asfaltiche;

catrami: si ottengono dal raffreddamento dei vapori che si liberano durante la distillazione secca del litantrace.

LEGANTI BITUMINOSI
produzione

IL

CONGLOMERATO

BITUMINOSO

I conglomerati bituminosi vengono prodotti in appositi impianti. I vari ingredienti vengono mescolati a caldo (150 °C circa). Per primo vengono mescolate le varie pezzature degli inerti fino a ottenere la curva granulometrica richiesta, successivamente si spruzza il bitume e, nel caso di bitumi additivati, le resine sintetiche. Il conglomerato viene successivamente trasportato fino al luogo di posa mediante macchine stenditrici mantenendo la miscela a una temperatura adatta alla lavorazione.

PRODUZIONE
modalita di posa

IL

CONGLOMERATO

BITUMINOSO

Come accennato precedentemente il conglomerato bituminoso è un materiale che viene impastato e posato a caldo. Di norma le temperature che devono raggiungere i conglomerati variano da 130 a 150 °C; nel caso di bitumi modificati tali temperature possono essere maggiori. I conglomerati bituminosi non vanno sottoposti a temperature eccessivamente elevate poiché si potrebbero danneggiare le proprietà leganti del bitume ma, poiché la lavorabilità del materiale è garantita dalla sua temperatura, questa non deve essere neppure troppo bassa per non compromettere le caratteristiche finali del conglomerato posato. Il periodo ideale di preparazione e di posa della miscela bituminosa è pertanto quello che va da marzo a novembre, a condizione che le condizioni meteorologiche siano buone, ovvero con livelli di umidità non troppo elevati.

MODALITA’ DI POSA
il solido stradale

IL

CONGLOMERATO

BITUMINOSO

Con questo termine vengono indicati i vari strati con la quale si assicura la trasmissione dei carichi dinamici transitanti dalla superficie della strada al terreno naturale con il minimo di deformabilità e di usura della sede stradale.

IL SOLIDO STRADALE
il solido stradale1

IL

CONGLOMERATO

BITUMINOSO

Gli strati tipo sono:

la fondazione che ha il compito di diffondere i carichi agenti al terreno naturale sottostante con il minimo di deformabilità. Può essere realizzato in diverse maniere: misto granulare con o senza presenza di cemento (misto cementato);

lo strato di base viene realizzato impiegando gli stessi materiali usati per lo strato di fondazione, ed è lo strato di supporto della pavimentazione e ha il compito di assorbire la maggior parte delle azioni flessionali indotte dal traffico stradale;

la pavimentazione che può essere rigida, come quella in calcestruzzo, o flessibile, come quella in macadam o in conglomerato bituminoso

IL SOLIDO STRADALE
il solido stradale2

IL

CONGLOMERATO

BITUMINOSO

La pavimentazione si suddivide nei due strati seguenti:

tappetino di usura o strato di usura: è la parte superficiale della sovrastruttura stradale ed è, pertanto, quella a contatto diretto con il traffico stradale e con gli agenti atmosferici. La sua funzione è quella di assorbire i carichi superficiali e trasmetterli agli strati sottostanti, offrire aderenza agli pneumatici dei veicoli e allo stesso tempo garantire l'impermeabilità.

binder o strato di collegamento: è il bitumato più interno, che collega lo strato di base con il tappetino di usura, e ha il compito di trasmettere i carichi verticali alla fondazione senza deformazioni permanenti.

IL SOLIDO STRADALE
il bitume espanso

IL

CONGLOMERATO

BITUMINOSO

Questo tipo di bitume è caratterizzato dalla presenza di un solo tipo di granulometria degli aggregati e l’inserimento di bolle d’aria e acqua.

Di conseguenza la densità è minore rispetto a un bitume normale e c’è un incremento della capacità drenante.

IL BITUME ESPANSO
processo di formazione del bitume espanso

IL

CONGLOMERATO

BITUMINOSO

T=100° C – il vapore generato causa un’immediata ed esplosiva espansione;

La bolla, ostacolata dalla tensione superficiale esercitata dal bitume, si espande con pressione sempre minore.

PROCESSO DI FORMAZIONE DEL BITUME ESPANSO
processo di formazione del bitume espanso1

IL

CONGLOMERATO

BITUMINOSO

rotore di fresatura - miscelazione

BITUME ESPANSO

In fase di fresatura l’acqua viene spruzzata all’interno della camera di miscelazione e miscelata con il fresato al fine di ottenere il contenuto di umidità “ottimo” per la compattazione e per l’idratazione del cemento.

ACQUA

PROCESSO DI FORMAZIONE DEL BITUME ESPANSO
processo di formazione del bitume espanso2

IL

CONGLOMERATO

BITUMINOSO

Stabilizzatrice

Impianto mobile

PROCESSO DI FORMAZIONE DEL BITUME ESPANSO

Macchina da laboratorio

il processo di schiumatura

IL

CONGLOMERATO

BITUMINOSO

Rapporto di espansione (ERm): misura l’espansione rapporto tra il massimo volume raggiunto allo stato schiumoso e il volume finale del legante, esaurito il processo di schiumatura.

Tempo di semitrasformazione (T1/2): misura la stabilità cioè il tempo, espresso in secondi, intercorso tra Vmax e Vmax/2.

Funzione di schiuma: descrive il collasso della schiuma curva di decadimento nel tempo

IL PROCESSO DI SCHIUMATURA

La schiuma “migliore” è quella che riesce ad ottimizzare sia l’espansione (ERm ) che il tempo di semitrasformazione (T1/2)

ERm, T1/2= f (viscosità, TB , % W)

innovazione tecnologica

INNOVAZIONE

TECNOLOGICA

Lo sviluppo di nuove tecnologie che permettono la produzione di conglomerati tiepidi ecosostenibili e convenienti per il produttore stesso, ha portato ITERCHIMICA, azienda che produce e commercializza additivi chimici per le pavimentazioni stradali, a sviluppare una tecnologia, denominata Iterlow-T , per la produzione di conglomerati bituminosi a bassa energia (Conglomerati Bituminosi Tiepidi) che, rispetto alle tradizionali tecniche a caldo, arrivano a ridurre di 40° le temperature di processo, dando luogo a un sensibile risparmio energetico e a un cospicuo abbattimento delle emissioni con evidenti vantaggi in termini ambientali e di condizioni di lavoro.

INNOVAZIONE TECNOLOGICA
i vantaggi

INNOVAZIONE

TECNOLOGICA

Minor consumo energetico (Tinerti = 120 °C);

Aumento della produzione oraria d’impianto (fino al 15 %);

Riduzione delle emissioni in atmosfera;

Trasporto dei conglomerati a distanze maggiori limitando i problemi logistici

I VANTAGGI
iterlow t

INNOVAZIONE

TECNOLOGICA

Iterlow-T permette di ottimizzare il processo sfruttando le caratteristiche chimico-fisiche del bitume al fine di ottenere una miscela composita estremamente lavorabile durante tutto il processo produttivo fino alla sua compattazione, in modo da acquisire rapidamente le caratteristiche meccaniche richieste per sopportare le sollecitazioni indotte dal traffico stradale.

ITERLOW-T
iterlow t1

INNOVAZIONE

TECNOLOGICA

La diminuzione delle temperature di processo comporta anche una minore usura dei mezzi utilizzati nell'ambito del processo di produzione, specie nell'impianto di confezionamento, nel quale anche il fenomeno di invecchiamento del bitume, associato alla sua ossidazione e alla perdita di sostanze aromatiche, risulta ridotto o quantomeno contenuto rispetto alle tradizionali miscele a caldo.

ITERLOW-T
tipologie di riciclo

RIUTILIZZAZIONE

DEL

MANTO

STRADALE

Riciclo in loco

Riciclo in stazione fissa

TIPOLOGIE DI RICICLO
riciclo in loco

RIUTILIZZAZIONE

DEL

MANTO

STRADALE

Questo metodo è molto vantaggioso nel caso ci sia un cantiere stradale di dimensioni rilevanti tali per cui il risparmio sul trasporto giustifica l’apposizione di una stazione nelle prossimità.

RICICLO IN LOCO
riciclo in loco1

RIUTILIZZAZIONE

DEL

MANTO

STRADALE

  • VANTAGGI TECNICI:
  • Possibilità di impiego nel nuovo manto del 70%
  • Risparmio sulle materie prime del 75%
  • Risparmio sul costo del materiale del 15% - 20%.
RICICLO IN LOCO
  • VANTAGGI AMBIENTALI:
  • 33% in meno di energia e 75% in meno di materie prime vergini
  • minori emissioni di CO2
  • 80% in meno di polveri emesse e 90% in meno di idrocarburi policiclici aromatici.
riciclo in loco2

RIUTILIZZAZIONE

DEL

MANTO

STRADALE

  • SVANTAGGI:

Questo metodo, seppur molto conveniente dai predetti punti di vista, può essere solo applicato per cantieri stradali di rilevanti dimensioni, per cui il risparmio sulle spese di trasporto del fresato, giustifica la posizione di una stazione nei pressi del cantiere. Inoltre presenta notevoli difetti per quanto concerne la produzione.

RICICLO IN LOCO
riciclo in stazione fissa

RIUTILIZZAZIONE

DEL

MANTO

STRADALE

Questo tipo di impianto viene utilizzato nel caso non ci sia un flusso continuo di fresato, bensì delle quantità non rilevanti, per cui esso può essere utilizzato sia dalle grandi imprese sia da quelle più piccole.

RICICLO IN STAZIONE FISSA
riciclo in stazione fissa1

RIUTILIZZAZIONE

DEL

MANTO

STRADALE

  • VANTAGGI AMBIENTALI:
  • 33% in meno di energia
  • 75% in meno di nuove materie prime
  • minori emissioni di CO2, quantificabili in 1.000 t per ogni anno di lavoro di un impianto
  • emissioni di polveri ridotte dell’80%
  • emissioni di idrocarburi policiclici aromatici (IPA) ridotte del 90%
  • dal punto di vista economico, sono possibili risparmi sul costo di esecuzione dal 15 al 30%.
RICICLO IN STAZIONE FISSA
riciclo in stazione fissa2

RIUTILIZZAZIONE

DEL

MANTO

STRADALE

  • SVANTAGGI :
  • Questo processo ha come svantaggio il fatto che il fresato va pre-riscaldato e la percentuale che si può rimmettere nella miscela è solo del 20%, ma sono in sviluppo nuove tecnologie come il tamburo essicatore rigeneratore che permette l’impiego del 70% di fresato. Aumentando però le percentuali di riciclato diminuisce la qualità del prodotto finale.
RICICLO IN STAZIONE FISSA
riciclo

RIUTILIZZAZIONE

DEL

MANTO

STRADALE

  • CONCLUSIONI:
  • L’asfalto riciclato seppur molto conveniente dal punto di vista tecnico, ambientale ed economico (risparmio del 30% su 1 mc) , non gode delle stesse proprietà qualitative di un conglomerato bituminoso di nuova fattura.
RICICLO
bibliografia

D.M. 10.07.02 “Disciplinare tecnico relativo agli schemi segnaletici, differenziati per categoria di strada, da adottare per il segnalamento temporaneo”.

  • INAIL “La sicurezza sul lavoro nei cantieri stradali”, Edizioni 2010 e 2011
  • INAIL “La sicurezza sul lavoro nei cantieri stradali”, Manuale operativo
  • Siti internet
BIBLIOGRAFIA