slide1 n.
Download
Skip this Video
Download Presentation
Avv. Claudio Fontanella Pordenone, 24 ottobre 2014

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 21

Avv. Claudio Fontanella Pordenone, 24 ottobre 2014 - PowerPoint PPT Presentation


  • 118 Views
  • Uploaded on

Contratto a tempo determinato nel settore metalmeccanico e contrattazione collettiva dopo il jobs act. Avv. Claudio Fontanella Pordenone, 24 ottobre 2014. Il nuovo limite quantitativo:

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Avv. Claudio Fontanella Pordenone, 24 ottobre 2014' - magee-sandoval


Download Now An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

Contratto a tempo determinato nel settore metalmeccanico e contrattazione collettiva dopo il jobs act

Avv. Claudio Fontanella

Pordenone, 24 ottobre 2014

slide2

Il nuovo limite quantitativo:

« Fatto salvo quanto disposto dall'articolo 10, comma 7, il numero complessivo di contratti a tempo determinato stipulati da ciascun datore di lavoro ai sensi del presente articolo non può eccedere il limite del 20 per cento del numero dei lavoratori a tempo indeterminato in forza al 1° gennaio dell'anno di assunzione.

Per i datori di lavoro che occupano fino a cinque dipendenti è sempre possibile stipulare un contratto di lavoro a tempo determinato. »

Avv. Claudio Fontanella

Pordenone, 24 ottobre 2014

slide3

Art. 10 comma 7 D. Lgs. 368/01:

« La individuazione, anche in misura non uniforme, di limiti quantitativi di utilizzazione dell’istituto del contratto a tempo determinato stipulato ai sensi dell’art. 1, comma 1, è affidata ai contratti collettivi nazionali di lavoro stipulati dai sindacati comparativamente più rappresentativi… »

Avv. Claudio Fontanella

Pordenone, 24 ottobre 2014

slide4

Art. 2 bis, comma 2, del D.L. n. 34/2014:

« in sede di prima applicazione del limite percentuale (…) conservano efficacia, ove diversi, i limiti percentuali già stabiliti dai vigenti contratti collettivi nazionali di lavoro »

Avv. Claudio Fontanella

Pordenone, 24 ottobre 2014

slide5

Il CCNL può solo rideterminare la % di legge o prevedere un diverso sistema di limiti quantitativi?

Le clausole di contingentamento dei CCNL in corso valgono sempre o devono avere la medesima funzione del limite legale?

Il limite legale è elevabile/modificabile con accordo aziendale?

Avv. Claudio Fontanella

Pordenone, 24 ottobre 2014

slide6

Circ. Min. Lav. 18/2014 e prime osservazioni di Confindustria:

- il rinvio al CCNL è privo di particolari «vincoli», il CCNL ha ampia facoltà di deroga;

Avv. Claudio Fontanella

Pordenone, 24 ottobre 2014

slide7

- Ministero del Lavoro: « non è necessaria l’introduzione di nuove clausole limitatrici, giacchè continuano a trovare applicazione quelle già esistenti alla data di entrata in vigore del Decreto »

- Confindustria: « devono ritenersi ancora applicabili le clausole contrattuali che impongono un limite complessivo al ricorso al contratto a tempo determinato (anche prevedendo congiuntamente un limite alla somministrazione) » viceversa « clausole contrattuali che prevedono limiti quantitativi specifici, perché legati a ben individuate causali, devono ritenersi superate »

Avv. Claudio Fontanella

Pordenone, 24 ottobre 2014

slide8

Il rinvio è alla contrattazione collettiva di livello nazionale, sia per il Ministero del Lavoro che per Confindustria i limiti sono previsti dalla legge o dal contratto di livello nazionale salvo delega di quest’ultimo alla contrattazione di secondo livello

Avv. Claudio Fontanella

Pordenone, 24 ottobre 2014

slide9

L’esercizio dell’autonomia contrattuale nel settore

Avv. Claudio Fontanella

Pordenone, 24 ottobre 2014

slide10

- Il CCNL Metalmeccanico non prevedeva «tetti»

- Per gli anni 2014 e 2015 il limite legale del 20% è da computarsi in termini di media nell’arco dell’anno (1° gennaio – 31 dicembre). - Dalla base di computo dei lavoratori in forza a tempo indeterminato sono espressamente esclusi gli apprendisti.

- Fino a tutto il 31 dicembre 2015 (scadenza del CCNL) la contrattazione aziendale può individuare limiti quantitativi diversi ove per l’esecuzione di un’opera, di un servizio, di una commessa o di un appalto sia necessario superare il limite del 20% anche in termini di media annua.

- Per Federmeccanica (v. nota 26 settembre 2014 Prot 39/14/R/RES) l’accordo è valido se approvato dalla maggioranza dei componenti della RSU eletta in osservanza del TU 10 gennaio 2014

Avv. Claudio Fontanella

Pordenone, 24 ottobre 2014

slide11

Fatta salva la possibilità, stabilita dall’art. 2 bis comma 3 D.L. 34/2014, per le aziende che al 21 marzo avevano in corso rapporti a tempo determinato in supero del limite introdotto dalla legge di stabilire in via alternativa con accordo aziendale:

- un termine più lungo di rientro nel 20% rispetto al 31 dicembre 2014.

- una % più elevata ma solo fino al 31 dicembre 2014

Avv. Claudio Fontanella

Pordenone, 24 ottobre 2014

slide12

Sintesi della disciplina di settore

  • Contratto acausale
  • b) Limite di durata del singolo contratto a t. determinato: 36 mesi; limite attraverso la successione di soli contratti a tempo determinato in mansioni equivalenti: 36 mesi; limite al contratto a tempo determinato in mansioni equivalenti nel caso di utilizzo del lavoratore anche attraverso periodi di missione in somministrazione: 44 mesi
  • c) Intervallo di un solo giorno tra un contratto a t. determinato e un altro nei casi di assunzione di lavoratori in sostituzione di lavoratori assenti, assunzione di lavoratori in cassa integrazione, iscritti alle liste di mobilità o percettori dell’Aspi

Avv. Claudio Fontanella

Pordenone, 24 ottobre 2014

slide13

Molti CCNL (Industria Tessile, Occhialeria aziende industriali, Chimica aziende industriali, Industria turistica, Cemento) prevedono clausole di contingentamento riferite a specifiche causali e delegano alla contrattazione di secondo livello la possibilità di elevare i limiti quantitativi:

Quid Iuris?

Avv. Claudio Fontanella

Pordenone, 24 ottobre 2014

slide14

Una possibile soluzione

Avv. Claudio Fontanella

Pordenone, 24 ottobre 2014

slide15

Avv. Claudio Fontanella

Pordenone, 24 ottobre 2014

slide16

I possibili interventi a livello aziendale espressamente previsti

dal D.Lgs. 368/2001

Avv. Claudio Fontanella

Pordenone, 24 ottobre 2014

slide17

Art. 3. Divieti

Lett. b) salva diversa disposizione degli accordi sindacali, presso unità produttive nelle quali si sia proceduto, entro i sei mesi precedenti, a licenziamenti collettivi ai sensi degli articoli 4 e 24 della legge 23 luglio 1991, n. 223, che abbiano riguardato lavoratori adibiti alle stesse mansioni cui si riferisce il contratto di lavoro a tempo determinato…………….

Art. 5 commi 3 e 4

Le disposizioni di cui all’art. 5 commi 3 e 4 D.Lgs 368/01, c.d. «intervalli», non trovano applicazione in relazione alle ipotesi individuate dai contratti collettivi, anche aziendali, stipulati dalle OO.SS. dei lavoratori (N.B. NO RSU) e dei datori di lavoro comparativamente più rappresentative sul piano nazionale

Art. 5 comma 4 bis

Il limite temporale di 36 mesi in caso di successione di contratti a termine per lo svolgimento di mansioni equivalenti opera fatte salve diverse disposizioni di contratti collettivi stipulati a livello nazionale, territoriale o aziendali con le OO.SS. comparativamente più rappresentative sul piano nazionale (N.B. NO RSU)

Art. 5 comma 4 quater

Il diritto di precedenza opera «fatte salve diverse disposizioni di contratti collettivi stipulati a livello nazionale, territoriale o aziendale con le OO.SS. più rappresentative sul piano nazionale»

Avv. Claudio Fontanella

Pordenone, 24 ottobre 2014

slide18

La disposizione di cui all’art. 5 comma 4 bis appare, dopo il Jobs act, in potenziale contrasto con la normativa comunitaria, in quanto la normativa italiana:

  • non richiede ragioni obiettive per la giustificazione del rinnovo dei suddetti contratti o rapporti
  • non fissa un tetto al numero dei rinnovi
  • fissa una durata massima totale solo in via sussidiaria rispetto alla contrattazione collettiva

Avv. Claudio Fontanella

Pordenone, 24 ottobre 2014

slide19

2 possibili interpretazioni:

- il demando alla contrattazione collettiva è tacitamente abrogato per incompatibilità con la nuova disposizione

- il limite dei 36 mesi opera in tutti i casi in cui la contrattazione collettiva non fissi un limite diverso, non essendo possibile escludere per accordo una durata massima

Avv. Claudio Fontanella

Pordenone, 24 ottobre 2014

slide20

Con la Circolare n. 18 del 2014 il Ministero del lavoro afferma che le ragioni di stagionalità ai fini dell’esclusione del lavoratore dal computo relativo al limite quantitativo possono essere individuate dalla contrattazione collettiva anche aziendale. (contra Confindustria nota del 7/08/2014 secondo cui: «resta fermo il contenuto dell’art. 5 comma 4 ter del D.Lgs. 368/2001 che demanda solo alla contrattazione di livello nazionale»)

Avv. Claudio Fontanella

Pordenone, 24 ottobre 2014

slide21

Le opportunità offerte dalla contrattazione di prossimità

(art. 8 D.L. 138 del 2011)

- I possibili interventi della contrattazione aziendale ammessi dal D.Lgs. 368/2001 possono essere realizzati con la sottoscrizione del contratto di prossimità da parte della sola maggioranza della RSU

- Escludere o modulare diversamente il limite quantitativo

- Escludere l’operatività del divieto di ricorrere a c. a termine ex art. 3 lett. c del D. Lgs. 368/2001

(da valutare la compatibilità con l’ammortizzatore sociale)

- Elevare il numero di proroghe

Avv. Claudio Fontanella

Pordenone, 24 ottobre 2014