L’ORGANIZZAZIONE DI EVENTI COME STRUMENTO DI COMUNICAZIONE AZIENDALE. IL CASO NADINE. - PowerPoint PPT Presentation

l organizzazione di eventi come strumento di comunicazione aziendale il caso nadine n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
L’ORGANIZZAZIONE DI EVENTI COME STRUMENTO DI COMUNICAZIONE AZIENDALE. IL CASO NADINE. PowerPoint Presentation
Download Presentation
L’ORGANIZZAZIONE DI EVENTI COME STRUMENTO DI COMUNICAZIONE AZIENDALE. IL CASO NADINE.

play fullscreen
1 / 19
L’ORGANIZZAZIONE DI EVENTI COME STRUMENTO DI COMUNICAZIONE AZIENDALE. IL CASO NADINE.
205 Views
Download Presentation
magda
Download Presentation

L’ORGANIZZAZIONE DI EVENTI COME STRUMENTO DI COMUNICAZIONE AZIENDALE. IL CASO NADINE.

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. L’ORGANIZZAZIONE DI EVENTI COME STRUMENTO DI COMUNICAZIONE AZIENDALE. IL CASO NADINE. Tesi di Laurea di Sharon Angelica Sali Mat. 363831/91

  2. L’evento “L’evento è un’attività che consente di raggiungere un target in un preciso luogo e tempo, una riunione dove si indirizzano dei messaggi e si svolgono attività ricreative” Behrer e Larsson (2001);

  3. Obiettivi di un evento Caratteristiche di un evento • Comunicazione • Lancio di un prodotto • Promozione di servizi • Limitatezza nel tempo • Dinamicità • Evoluzione • Unicità • Capacità di coinvolgiemnto • Memorabilità

  4. Event Manager Organizzatore di un evento Figura multidimensionale Esperto degli elementi creativi, tecnici e logistici che contribuiscono al successo di un evento.

  5. Event Manager Definire i contenuti degli eventi. Curare l’immagine dell’evento e il suo coordinamento logistico. Gestire i fornitori

  6. L’evento come strategia comunicativa per l’impresa Possibilità di massimi risultati con budget minimo Si basa sull’intreccio di molteplici flussi comunicativi

  7. Nadine • Caratteristiche del marchio: • Target donna tra i 20 e i 50 anni • Fascia di prezzo media • Produzione italiana • Vendita in franchising Noto marchio di abbigliamento nato a Milano nel 1990 grazie all’intuizione di due giovani imprenditori : Clemente e Alberto Halfon.

  8. Primo luogo di contatto tra azienda e cliente Trasmette messaggi Suscita interesse e coinvolgimento nell’utente Mezzo di comunicazione duttile, sintetico ed efficace La vetrina : zona di contatto

  9. Vetrina vivente : dall’idea all’evento

  10. Vetrina vivente : dall’idea all’evento Idea strutturata. Fase pre – progettuale dell’evento. Informare sulla nuova collezione Incremento delle vendite Attirare l’attenzione del pubblico Incentivare la decisone di acquisto Distinguersi ed essere ricordati

  11. Vetrina vivente : dall’idea all’evento La vetrina vivente dà un valore aggiunto alla vetrina tradizionale. Stupisce il cliente Attira l’attenzione Suscita interesse nel prodotto Veloce da realizzare Minimo investimento economico Nuovo a Pavia

  12. Vetrina vivente : dall’idea all’evento Fase progettuale dell’evento “L’atmosfera del punto vendita è uno strumento di marketing capace di influenzare gli individui nelle decisioni di acquisto” Koetler

  13. Vetrina vivente : dall’idea all’evento 17 marzo, anniversario dell’Unità di Italia per omaggiare un marchio made in Italy.

  14. Vetrina vivente : dall’idea all’evento Utilizzo di tutti i mezzi di pubblicità ritenuti adeguati a budget e tipologia di evento: Newsletter Sms Social Network

  15. Risultati Grande successo Numero elevato di clienti Obiettivi raggiunti

  16. Conclusioni Contesto economico ed esigenze di mercato in continua mutazione rendono l’evento uno strumento di comunicazione sempre più efficace. Esso infatti unisce linguaggio universale e forte capacità di coinvolgimento.

  17. Conclusioni “L’evento è la nuova via per comunicare nell’era multimediale. L’evento in tutte le sue varianti è un irrinunciabile passe-partout per soddisfare le esigenze di un’impresa che vuole comunicare la propria filosofia, i propri prodotti e il proprio management.” Mauro Pecchenino

  18. GRAZIE PER L’ATTENZIONE