Università degli studi di Pavia Facoltà di :Lettere e Filosofia, S cienze politiche, - PowerPoint PPT Presentation

slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Università degli studi di Pavia Facoltà di :Lettere e Filosofia, S cienze politiche, PowerPoint Presentation
Download Presentation
Università degli studi di Pavia Facoltà di :Lettere e Filosofia, S cienze politiche,

play fullscreen
1 / 18
Università degli studi di Pavia Facoltà di :Lettere e Filosofia, S cienze politiche,
159 Views
Download Presentation
lore
Download Presentation

Università degli studi di Pavia Facoltà di :Lettere e Filosofia, S cienze politiche,

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. Università degli studi di Pavia Facoltà di :Lettere e Filosofia, Scienze politiche, Giurisprudenza, Economia Corso di laurea in: Comunicazione Innovazione Multimedialità Tesi di laurea Dalla paleotelevisione alla digitalizzazione Laureanda:Relatore: Agostino Sara Antonio Margoni Correlatore: Stefano Colloca

  2. La nascita della Tv -1953 : nacque la Televisione in Italia -1975: avvenne la vera rivoluzione

  3. Varietà Il miracolo della presa di potere della televisione avvenne con «Un, Due, Tre» nel 1964 con Ugo Tognazzi e Raimondo Vianello.

  4. Tv Verità Rai 3 diede vita alla tv verità. Sotto questa etichetta vengono ad includersi programmi come « Chi l’ha visto?» o «Un giorno in pretura» .

  5. Fiction e format La fiction rappresenta un’importante macroarea della programmazione televisiva. Il format è la principale modalità di distinzione tra i diversi prodotti di fiction. Si possono distinguere alcune grandi famiglie: -Serie -Serial -Miniserie -Film per la televisione

  6. TV Reality Il nuovo oggetto dell’informazione è il gossip. Non ci muoviamo più in una dimensione pubblica o politica ma privata. -Le star degli anni 50 /60 erano: - Le star di oggi sono:

  7. L’infotainment -«Infotainment» nasce dalla sintesi delle parole «informazione» e «intrattenimento». - «Tv del dolore»: Si prediligono contenuti che possono suscitare forti emozioni nel pubblico per fare dei sentimenti delle persone comuni l’oggetto dello spettacolo televisivo.

  8. Dall’analogico al digitale La trasmissione digitale costituisce una tappa di capitale importanza nello sviluppo tecnologico dei sistemi televisivi. I vantaggi si riassumono in tre principali fattori: - Il potenziamento del servizio televisivo in termini di quantità e qualità. -L’offerta di una serie di servizi aggiuntivi interattivi accessibili tramite il televisore. -Sostituzione dei mezzi analogici con una nuova generazioni di device digitali.

  9. La tv per bambini -«Istruire divertendo» : ebbe origine negli anni 60. -Svago familiare: anni Settanta.

  10. - Il mercato dei ragazzi: anni 80/90. - La televisione multimediale per i ragazzi: nuovo millennio.

  11. Audience Questo grafico ha come fonte Auditel ed è stato eseguito da Media Consultants nel 2013 per studiare il cambiamento dell’ascolto televisivo dal 2008 al 2012. Le emittenti che hanno subito un calo in questi anni sono: Canale 5 e Italia 1( 4%), Rai 1 e Rai 2 ( 3%) Rai 3(2%). Quelle che invece hanno rilevato un aumento di ascolti sono: La 7 (1%) e i Satellitari (7%).

  12. Carosello Reloaded Erede dello storico carosello soppresso nel 1977. Rilanciare e stimolare la voglia di fare pubblicità, beneficiando della multimedialità.

  13. Media events Eventi dotati di un’esistenza propria e indipendente dalla televisione ma che vedono accresciuto il loro significato grazie al fatto che la tv li diffonde. I tre script fondamentali a cui si riconducono i principali eventi sono: -La conquista -La competizione -L’incoronazione

  14. Il Palinsesto La scelta di produrre o acquistare per poi mandare in onda un programma è influenzata da: -Il budget -L’evoluzione storica della rete -La linea editoriale -Video on demand: Telespettatore  Prosumer ( producer+ consumer).

  15. L’immagine come medium Il messaggio è il medium: Secondo McLuhan il contenuto della televisione è l’immagine. Il messaggio non è significativo se separato dal medium che lo esprime. Più che il contenuto conta il mezzo di comunicazione prescelto.

  16. Questionario Ho proposto questo questionario per capire in che modo le persone hanno percepito l’enorme cambiamento che ha subito la tv e lo sviluppo di Internet che ci ha assalito negli ultimi anni e che ancora non si è fermato. Il sondaggio è stato fatto a cinquanta persone, metà di sesso maschile e metà di sesso femminile con un target di età che parte dai 18 fino ad arrivare ai 50 anni.

  17. Questionario - Acquisto mediante comunicazione commerciale televisiva e via Internet. -Attenzione dei consumatori concentrata sulla tv e Internet. -Le nuove tecnologie hanno cambiato l’ascolto televisivo. -Prevalenza dell’immagine e cambiamento del linguaggio.

  18. Conclusioni + Internet e Tv saranno sempre più integrate. Il media planner avrà il dovere di compiere una scelta più mirata in base alle esigenze di comunicazione e d’integrazione su entrambi i mezzi e questo consentirà di rendere ancora più efficaci le loro pianificazioni.