slide1 l.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Prof. Lanfranco Senn Direttore del CERTeT – Università Bocconi Roma, 19 Luglio 2006 PowerPoint Presentation
Download Presentation
Prof. Lanfranco Senn Direttore del CERTeT – Università Bocconi Roma, 19 Luglio 2006

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 14

Prof. Lanfranco Senn Direttore del CERTeT – Università Bocconi Roma, 19 Luglio 2006 - PowerPoint PPT Presentation


  • 125 Views
  • Uploaded on

Presentazione dello studio CERTeT in collaborazione con Assaereo Il rapporto fra vettori ed aeroporti: analisi e valutazione del sistema di regolazione in Italia. Prof. Lanfranco Senn Direttore del CERTeT – Università Bocconi Roma, 19 Luglio 2006. Aspetti principali.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Prof. Lanfranco Senn Direttore del CERTeT – Università Bocconi Roma, 19 Luglio 2006' - lilika


Download Now An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

Presentazione dello studio CERTeT in collaborazione con AssaereoIl rapporto fra vettori ed aeroporti: analisi e valutazione del sistema di regolazione in Italia

Prof. Lanfranco SennDirettore del CERTeT – Università Bocconi

Roma, 19 Luglio 2006

slide2

Aspetti principali

  • L’importanza di un sistema di regolazione degli aeroporti efficiente
  • I driver dell’evoluzione del rapporto fra vettori ed aeroporti
  • I quattro effetti negativi derivanti dall’inefficiente sistema di regolazione in Italia
  • Le novità introdotte dalla legge 248/2005 “requisiti di sistema”
  • L’importanza di una corretta applicazione dei principi della nuova normativa
slide3

L’importanza di un sistema di regolazione efficiente

  • Un sistema di tariffazione delle infrastrutture aeroportuali equo ed efficiente è strumentale per il raggiungimento di una rilevante serie di obiettivi di policy
  • Allocazione efficiente di risorse
  • Prevenzione di forme di abuso di posizione dominante da parte di società di gestione aeroportuale o da parte di fornitori di servizi in regime di monopolio o oligopolio
  • Riduzione della distorsione della concorrenza fra le compagnie aeree utilizzatrici dell’aeroporto e fra aeroporti.
  • In un contesto economico liberalizzato come quello delineato a livello UE, nel confronto fra i vettori che operano in regime di concorrenza e gli aeroporti che sono monopoli locali, una efficiente regolazione risulta fondamentale per perseguire l’obiettivo ultimo che è la massimizzazione del benessere dei passeggeri
slide4

I driver economici dell’evoluzione del rapporto fra vettori ed aeroporti in Italia

  • Pressione della concorrenza  riduzione dei prezzi attraverso la ricerca di efficienza e selezione delle imprese  riduzione dei costi unitari per i vettori, che si è trasferita sugli yields a beneficio dei passeggeri
  • Il peso in termini assoluti e relativi dei diritti aeronautici regolamentati sul prezzo dei biglietti è nel contempo salito; ciò è in parte anche dovuto all’introduzione dei contributi alla sicurezza
  • La concorrenza fra aereo e AV/AC dovrebbe comportare un pari trattamento fra le due modalità per quanto riguarda l’attribuzione dei costi di utilizzo dell’infrastruttura e per la sicurezza
  • Gli sforzi delle società di gestione aeroportuale sono stati indirizzati principalmente verso l’incremento delle attività commerciali complementari al trasporto aereo
  • Il ROS (Return On Sale) per alcuni aeroporti italiani è incredibilmente elevato: ad esempio per SEA 29,07 e AdR 25,70 (insieme valgono il 62,5% dei ricavi delle società di gestione aeroportuale italiane)
slide6

L’ineguale concorrenza fra trasporto aereo e AV/AC

La comparazione non include i costi delle infrastrutturecentralizzate e i costi di assistenza al volo

slide7

Gli effetti di unaregolazione inefficienteUna notevole eterogeneità dei diritti fra aeroporti

A distanza di vari anni dalla delibera CIPE 86/2000 si è ancora in una fase di stallo per l’adozione di diritti aeronautici orientati ai costi. Le differenze nei valori dei diritti aeronautici regolamentati per WLU, che sono compresi fra i 4,79 Euro per WLU della società di gestione di Napoli agli 8,75 Euro per WLU di Venezia, non appaiono essere giustificate. La tabella successiva evidenzia la notevole eterogeneità fra gli scali italiani dei valori dei diritti aeronautici.

slide8

Gli effetti di unaregolazione inefficienteL’introduzione di nuovi diritti non correlati ai costi

E’ da evidenziare come dal 2002, anno di introduzione completa dei contributi alla sicurezza (passeggeri e bagagli di stiva) la differenza fra costi e ricavi si è andata ampliando, l’incidenza dei costi di produzione sul totale dei ricavi è scesa dal 87,1% al 74,4%, con un evidente incremento della redditività delle società di gestione.

slide9

Gli effetti di unaregolazione inefficienteAssenza di performance benchmarking edi considerazione delle economie di scala

Nel caso in cui venisse applicato un sistema di diritti aeroportuali a livello italiano paragonabile a quello dell’aeroporto di Napoli gestito da GESAC si passerebbe da una media di 7,53 Euro per WLU ad una di 4,79 Euro per WLU (dati relativi al 2004), con il risultato di liberare risorse pari a 300 milioni di Euro, che un mercato regolato in maniera differente potrebbe allocare in maniera più efficiente. Nel settore sono presenti economie di densità e di scala: all’incremento del traffico dovrebbe corrispondere una riduzione dei costi

slide10

Gli effetti di unaregolazione inefficienteAssenza di performance auditing edi considerazione delle economie di apprendimento

Nel settore delle società di gestione aeroportuale sono evidenti anche le economie di apprendimento. Le principali società di gestione aeroportuale hanno ridotto i propri costi di produzione nel periodo 2000- 2004. Ma questo non si è riflesso in una riduzione dei diritti aeronautici, come invece prevede la delibera CIPE 86/2000

slide11

Gli aspetti formali dellalegge 248/2005 (1)

  • La nuova norma, frutto di un lungo confronto fra governo e parti sociali avviato dal governo sin dal gennaio 2004, interviene sul calcolo dei diritti aeroportuali (diritti di approdo e partenza, di sosta, di imbarco passeggeri, di imbarco e sbarco merci, contributi alla sicurezza), che complessivamente valgono oltre 820 milioni di Euro l’anno (dati 2004), ed è caratterizzata da tre aspetti formali positivi:
  • a) semplifica le norme pre-esistenti
  • b) elimina alcune consuetudini non più giustificabili
  • c) istituisce dei meccanismi di penalizzazione
  • È stato correttamente eliminato ogni riferimento ai seguenti obiettivi:
  • Allineamento ai livelli medi europei
  • Differenziazione tra gli scali aeroportuali in funzione delle dimensioni di traffico di ciascuno
  • Applicazione, per ciascuno scalo, di livelli tariffari differenziati in relazione all’intensità del traffico nei diversi periodi della giornata
slide12

Gli aspetti sostanziali della legge 248/2005 (2)

  • il calcolo dei diritti aeroportuali rimane ancorato ai criteri stabiliti dal CIPE che tengono conto – tra l’altro – dell’inflazione programmata e degli obiettivi di recupero di produttività assegnati ai gestori
  • È ridotto del 75% il canone di concessione pagato dai gestori aeroportuali: il risparmio di 45 milioni di Euro derivante va direttamente a ridurre i diritti aeroportuali corrisposti dai vettori (nessun impatto sui gestori aeroportuali)
  • Lo Stato riconosce anche al vettore la responsabilità della sicurezza aeroportuale relativa al controllo di bagagli e passeggeri: pertanto i corrispettivi devono essere ripartiti tra gestori e vettori
  • Viene eliminata la consuetudine dell’applicazione delle royalties da parte dei gestori aeroportuali ai vettori legate, in particolare, alle forniture di carburanti (ma anche quelle relative all’handling di rampa, al catering, etc)
  • È soppressa la maggiorazione del 50% dei diritti aeroportuali applicata nei casi di approdo o partenza nelle ore notturne
slide13

Aspetti critici della Legge 248/05Il percorso amministrativo

  • La legge 248/2005 non interviene sul percorso amministrativo di determinazione dei costi dei servizi resi dai gestori aeroportuali fissata dalla Delibera 86/2000, che prevede i seguenti passaggi per arrivare ad una conclusione:
  • la definizione della dinamica tariffaria fra la società di gestione e l’ENAC (contratto di programma)
  • la valutazione da parte del Ministero dei Trasporti;
  • l’esame della proposta da parte del Nucleo consulenza Attuazione linee guida Regolazione Servizi di pubblica utilità (NARS) del Ministero dell’Economia e delle Finanze
  • l’approvazione del contratto di programma da parte del CIPE
  • la determinazione del livello dei corrispettivi con decreti, a seconda dei casi, ministeriali o interministeriali, soggetti ovviamente alla registrazione della Corte dei Conti.
  • Le attuali procedure non considerano il possibile ruolo di supporto tecnico dell’AGCM (come in UK e AU) e, in ogni caso, i tempi di attuazione della nuova regolazione rischiano di essere molto lunghi
slide14

Osservazioni conclusivesull’applicazione della Legge 248/05

  • Una buona regolazione del rapporto fra vettori ed aeroporti è necessaria per due motivi:
  • Per la generazione di una nuova domanda di traffico, attraverso lo sviluppo competitivo del trasporto aereo in Italia e la tutela dei diritti dei passeggeri
  • Per la razionalizzazione e l’efficientamento dell’offerta aeroportuale, fornendo un quadro corretto e certo entro il quale gli enti locali possono collocare le loro scelte di privatizzazione e i gestori aeroportuali le loro scelte di investimento in infrastrutture e in promozione dello sviluppo del traffico