slide1 l.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
PowerPoint Presentation
Download Presentation

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 66

- PowerPoint PPT Presentation


  • 191 Views
  • Uploaded on

PROGETTI ED ATTIVITA’ INTEGRATIVE REALIZZATI NELL’AMBITO DELLA LINGUA INGLESE NEGLI ANNI SCOLASTICI 2001/2006. Docente Referente Progetti Lingue Straniere Prof.ssa Elvira D’Angelo. INDICE. PRESENTAZIONE GENERALE I PROGETTI RINGRAZIAMENTI. PRESENTAZIONE GENERALE.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about '' - libitha


Download Now An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

PROGETTI ED ATTIVITA’ INTEGRATIVEREALIZZATI NELL’AMBITO DELLA LINGUA INGLESENEGLI ANNI SCOLASTICI 2001/2006

Docente Referente

Progetti Lingue Straniere

Prof.ssa Elvira D’Angelo

indice
INDICE
  • PRESENTAZIONE GENERALE
  • I PROGETTI
  • RINGRAZIAMENTI
presentazione generale
PRESENTAZIONE GENERALE

Nel panorama delle iniziative e dei cambiamenti che hanno riguardato il campo dell’istruzione negli ultimi anni, l’ambito disciplinare delle lingue straniere è stato, certamente, tra i più interessati anche se, in particolare nella scuola secondaria, “travagliato”.

Dopo aver vissuto, infatti, in occasione della costituzione della Unione Europea, gli entusiasmi alimentati dalla spinta propulsiva verso la ricerca, la progettazione e la sperimentazione di nuovi percorsi didattico-educativo-formativi finalizzati all’incentivazione all’apprendimento delle lingue straniere ed all’acquisizione di una competenza linguistico-comunicativa (Lingua 2000), vi è stata, almeno per quanto riguarda il nostro Paese, una battuta d’arresto che ha, prevalentemente, interessato l’insegnamento della lingua inglese nella scuola media inferiore.

presentazione generale4
PRESENTAZIONE GENERALE

Ciò, come detto, in controtendenza rispetto alle spinte che sono pervenute e pervengono dalla Commissione Europea a supporto della crescita di una integrazione e identità comunitaria.

In questo excursus, la Scuola Media “Ugo Foscolo” si segnala tra quelle che hanno risposto tempestivamente ai molteplici mutamenti programmatici che si sono succeduti in questi anni istituendo, ad esempio, la figura di un docente responsabile dell’area progettuale che è andato ad affiancarsi al coordinatore della disciplina.

La particolare sensibilità verso lo studio delle lingue straniere, attestata, tra l’altro, dalla presenza di un laboratorio linguistico, oltre che di uno multimediale, ha permesso di rispondere in maniera incisiva alle diverse linee di orientamento metodologico-didattico valorizzando l’importanza della dimensione progettuale sia in ambito curricolare che extra-curricolare come attività integrativa dell’offerta formativa.

presentazione generale5
PRESENTAZIONE GENERALE

Le iniziative promosse in questi anni hanno avuto la finalità generale, quindi, di migliorare l’attività didattica dell’insegnamento delle lingue straniere, concretizzandosi in progetti totalmente centrati sull’alunno e basati sulla considerazione che la libertà da vincoli e restrizioni programmatiche, che è alla base di attività progettuali ed integrative - in particolare se sviluppate nell’ambito di classi aperte - può dar vita ad un’esperienza didattica stimolante, creativa, motivante e coinvolgente, per qualsiasi tipo di plateascolastica, facendo registrare al docente ricadute socio-educative particolarmente positive e gratificanti.

In tale ottica i progetti sono stati prevalentemente organizzati su percorsi di tipo modulare, secondo una strategia didattica basata su un insegnamento flessibile e personalizzato teso a stimolare lo studente ad un apprendimento gradualmente più consapevole e autonomo e teso al problem solving.

presentazione generale6
PRESENTAZIONE GENERALE

Dal punto di vista strettamente linguistico è stato valorizzato il fattoche l’uso di linguaggi specifici nell’ambito delle attività progettuali consente di consolidare e potenziare le competenze linguistiche acquisite in ambito curricolare secondo i parametri indicati dal frameworkeuropeo.

Data la particolare eterogeneità del bacino di utenza della scuola, si sono utilizzate metodologie non convenzionali, incentrate, in particolare, sulla valorizzazione dei linguaggi multimediali ed iconografici – dal disegno, alla fotografia, alla grafica – accanto a quelli strettamente linguistici. Rilevante è stata anche l’attenzione posta sulla dimensione musicale che, nel caso della lingua inglese, costituisce sempre un elemento di forte coinvolgimento per gli allievi.

Sotto il profilo contenutistico, infine, si sono prevalentemente privilegiati temi legati all’attualità.

presentazione generale7
PRESENTAZIONE GENERALE

Tenendo conto che questo ciclo quinquennale ha avuto inizio con l’attentato alle Twin Towers e che è stato di lì accompagnato da eventi socio-politici di forte impatto emotivo anche sui più giovani, il leit motiv che ha fatto da filo conduttore all’intera attività didattica di questi anni è stato improntato ai valori della Pace, della Solidarietà, della Difesa dei Diritti Umani. Non a caso il lavoro conclusivo si è concretizzato in un rapporto di intensa e proficua collaborazione con l’Associazione E. I. P (Scuola Strumento di Pace).

presentazione generale8
PRESENTAZIONE GENERALE

Pur nella loro specificità didattica i progetti sono stati realizzati rispettando alcune importanti finalità, obiettivi e metodologie trasversali, come:

  • Ampliamento degli orizzonti culturali attraverso la conoscenza della civiltà e della cultura di altri popoli.
  • Educazione alla convivenza civile ed acquisizione di un atteggiamento di apertura e condivisione nei confronti di culture altre.
  • Maturazione e sviluppo armonico della personalità attraverso l’acquisizione di conoscenze, abilità, competenze e di un metodo di studio autonomo.
  • Sviluppo della capacità di socializzazione e di interazione nell’ambito di attività a classi aperte.
  • Incremento delle capacità espressivo-comunicative attraverso una lingua diversa dalla propria.
presentazione generale9
PRESENTAZIONE GENERALE
  • Sviluppo delle competenze comunicative di ricezione ,interazione e produzione orali e scritte in L2 rispondenti ai livelli del Framework europeo.
  • Approccio didattico pluri/interdisciplinare nel quale la lingua inglese viene riconosciuta come lingua veicolare per spaziare in più ambiti della conoscenza (lingua come mezzo).
  • Consapevolezza che l’uso di linguaggi specifici incontrati in ambito progettuale consente di consolidare e potenziare le competenze linguistiche acquisite in ambito curricolare (lingua come fine).
  • Valorizzazione di metodologie basate sull’utilizzo delle nuove tecnologie e dei linguaggi multimediali nella didattica delle lingue straniere.
i progetti

TOGETHER FOR PEACE – A Glance at the U.S.A.

(Lingua 2000 - a.s. 2001/02)

CINEFORUM AND MORE

(Riforma Moratti - a.s. 2003/04 – 2004/05)

WOMEN, WOMEN…JUST WOMEN

(Festa della Donna 2005 - a.s. 2004/05)

FAST FOOD/MEDITERRANEAN DIET

(Concorso E.I.P. - a.s. 2005/2006)

I PROGETTI

(Scegliere un progetto cliccando sull’immagine)

together for peace insieme per la pace
“TOGETHER FOR PEACE”(INSIEME PER LA PACE)

(a testimonianza dei tragici eventi che hanno segnato la storia degli USA e del mondo all’indomani dell’11 settembre)

together for peace
“TOGETHER FOR PEACE”

Scheda Sintetica

  • DENOMINAZIONE: TOGETHER FOR PEACE - A Glance at the U.S.A..
  • RESPONSABILE PROGETTO: Prof.ssa Elvira D’ANGELO
  • FINALITÀ:
  • consentire l’acquisizione di competenze linguistiche attraverso l’uso di strumenti informatici e telematici.
  • educare ai valori della Solidarietà, della Pace, della Difesa dei Diritti Umani.
  • OBIETTIVI COMPORTAMENTALI:
  • Sviluppo della capacità di socializzazione, interazione, cooperazione nell’ambito di attività a classi aperte
  • OBIETTIVI DIDATTICI:
  • acquisizione di competenze comunicative rispondenti ai livelli del Framework europeo (basic- indipendent, proficient user).
  • approccio interdisciplinare dello studio della lingua.
  • sviluppo di attività trasversali quali: analizzare, memorizzare, fare inferenze.
together for peace13
“TOGETHER FOR PEACE”

Scheda Sintetica

  • METODOLOGIE:
  • Sul piano metodologico è stato utilizzato il “cooperative learning” che prevede:
  • collaborazione attiva tra gli studenti ed interdipendenza positiva;
  • abilità sociali (confronto, negoziazione, dibattito);
  • strategie didattiche coinvolgenti e stimolanti (discussione e negoziazione) incentivi (voti, attestati).
  • Sono stati proposti moduli di apprendimento con precisi obiettivi quali:
  • approccio ad un’alfabetizzazione informatica di base in lingua inglese;
  • approccio alla lettura di quotidiani e siti web: testate giornalistiche britanniche e statunitensi;
  • attenzione alla dimensione musicale anglofona con ricerca, selezione, studio dei brani più significativi di artisti mondiali che si sono espressi sul tema della Pace e della Difesa dei Diritti Umani.

DESTINATARI:

Alunni delle classi terze con competenze di base in lingua inglese omogenee.

DOCENTI COINVOLTI:

Prof.ssa Elvira D’Angelo; Dott.ssa Veronica Wilson - lettrice madrelingua.

together for peace14
“TOGETHER FOR PEACE”

Scheda Sintetica

PRODOTTI FINALI:

  • n. 2 CD contenenti:
    • compilation con canzoni sulla Pace dagli anni ‘60 ad oggi.
    • reportage fotografico dei nomi più rappresentativi di rilevanza mondiale che si sono adoperati per la Pace e laDifesa dei Diritti umani
  • Cartellonistica sul tema suddivisa in tre moduli:
    • Personaggi,
    • Associazioni,
    • Artisti e Testi Musicali.

Il tutto è stato prodotto in veste informatica con materiale tratto prevalentemente da INTERNET.

TEMPI/DURATA:

Il progetto ha previsto la partecipazione di tre gruppi di allievi ciascuno dei quali ha preso parte ad un ciclo di n. 40 ore di lezione extra-curricolari così suddivise: n.20 ore di corso base; n. 20 ore di training con docente madrelingua e di alfabetizzazione informatica.

LUOGHI:

Sede centrale Scuola Foscolo.

together for peace15
“TOGETHER FOR PEACE”

Scheda Sintetica

RISORSE UMANE:

  • Assistente agli impianti tecnici Sig. Pasquale Brusciano

BENI E SERVIZI: Aula informatica, Laboratorio Linguistico, Sala Video.

CERTIFICAZIONI: Interna secondo i parametri indicati dallo European Framework.

slide16

TOGETHER FOR PEACE

In seguito agli eventi tragici che hanno sconvolto il mondo dopo l’11 settembre, quest’anno, il corso di Lingua 2000 per la lingua inglese della Scuola Foscolo è stato incentrato sul tema della Pace.

La scelta di questa tematica ci sembrata più che doverosa, indispensabile, per noi che studiamo non solo la lingua, ma anche la cultura e la civiltà degli Stati Uniti d’America.

L’attacco alle Twin Towers dell’11 settembre ha, infatti, generato orrore e paure. Il clima di guerra che da quel momento si vive nel mondo intero ha spinto tutti e, in particolare, noi ragazzi a capire di più. Ma anche ad agire: contro la guerra, per la pace.

L’iniziativa del nostro corso di Lingua 2000 ha contribuito, quindi, a far crescere in noi la consapevolezza e la voglia di pace e di giustizia. Il modo che abbiamo scelto è un modo semplice, ma efficace. Abbiamo voluto documentare l’impegno concreto per la pace: di uomini, di associazioni e di artisti. Ecco perchè si sono costruiti moduli diversi nel contenuto ma con un unico fine: quello di illustrare, attraverso le immagini, brevi testi e brani musicali, la storia della lotta per la pace nel mondo. Una storia lunga, che abbiamo ricostruito prevalentemente attraverso testimonianze legate al mondo anglosassone e statunitense, che sentiamo di dover riprendere e continuare anche noi, nel nostro piccolo, per quel che siamo in grado di fare.

Il lavoro svolto non è certo esauriente, ma è rappresentativo delle voci ed esperienze che si sono espresse sul tema.

Nello svolgimento dell’intero progetto ha rivestito una fondamentale importanza l’esperienza nei laboratori linguistico ed informatico. Il corso ci ha visti impegnati ad acquisire le abilità necessarie per l’utilizzo delle nuove tecnologie tra cui Internet. Abbiamo, per questa ragione, riservato un settore di questa mostra alla presentazione di tutti gli studenti che hanno preso parte al corso ed al materiale di contenuto informatico che abbiamo utilizzato ed elaborato.

Ci sembra, infine, importante sottolineare un aspetto che ha reso ancora più completo e proficuo il corso di Lingua 2000, e, cioè, l’esperienza con l’insegnante madrelingua che ci ha consentito, per la prima volta, di sperimentare un approccio diretto alla lingua parlata.

A questo punto non ci resta altro da fare che immaginare di essere tutti al grande Concerto della Pace che sta per avere inizio a Ground Zero di New York dove si trova il nostro inviato. Non mancate!

I ragazzi e le ragazze di

31 Maggio 2002 “Together for Peace”

L’Invito alla Manifestazione

“TOGETHER FOR PEACE”

slide17

L’Invito alla Manifestazione

“TOGETHER FOR PEACE”

together for peace18

Mahatma GANDHI

N. MANDELA

M. LUTHER KING

J.F. KENNEDY

“TOGETHER FOR PEACE”

PEOPLE FOR PEACE

together for peace19

Madre Teresa

Papa

GIOVANNI PAOLO II

Papa GIOVANNI XXIII

DALAI LAMA

“TOGETHER FOR PEACE”

PEOPLE FOR PEACE

slide20

Amnesty International

UNICEF

E.I.P.

Scuola strumento di pace

ASSOCIATIONS FOR PEACE

“TOGETHER FOR PEACE”

slide21

JOHN LENNON e YOKO ONO

JOHN LENNON

SONGS FOR PEACE

Two, one two three four Ev'rybody's talking about Bagism, Shagism, Dragism, Madism, Ragism,

Tagism This-ism, that-ism, is-m, is-m, is-m. All we are saying is give peace a chance All we are saying is give peace a chance C'mon Ev'rybody's talking about Ministers, Sinisters, Banisters and canisters Bishops and Fishops and Rabbis and Pop eyes, And bye bye, bye byes.

All we are saying is give peace a chance All we are saying is give peace a chance Let me tell you now Ev'rybody's talking about Revolution, evolution, masturbation, flagellation, regulation, integrations, meditations, United Nations, Congratulations. All we are saying is give peace a chance All we are saying is give peace a chance

“TOGETHER FOR PEACE”

Ev'rybody's talking about John and Yoko, Timmy Leary, Rosemary, Tommy Smothers, Bobby Dylan, Tommy Cooper, Derek Taylor, Norman Mailer, Alan Ginsberg, Hare Krishna, Hare, Hare Krishna All we are saying is give peace a chance All we are saying is give peace a chance etc.

Give Peace a Chance

slide22

JOHN LENNON

SONGS FOR PEACE

Imagine there's no heavenIt's easy if you tryNo hell below usAbove us only skyImagine all the peopleLiving for today... Imagine there's no countriesIt isn't hard to doNothing to kill or die forAnd no religion tooImagine all the peopleLiving life in peace... You may say I'm a dreamerBut I'm not the only oneI hope someday you'll join usAnd the world will be as one Imagine no possessionsI wonder if you canNo need for greed or hungerA brotherhood of manImagine all the peopleSharing all the world... You may say I'm a dreamerBut I'm not the only oneI hope someday you'll join usAnd the world will live as one

“TOGETHER FOR PEACE”

Imagine

slide23

JOHN LENNON

SONGS FOR PEACE

So this is Christmasand what have you done another year overa new one just begunand so this XmasI hope you have funthe near and the dear onethe old and the young.A merry merry Christmasand happy New Yearlet's hope it's a good onewithout any fear.And, so this is Christmas (war is over)for weak and for strong (if you want it)for rich and the poor ones(War is over now)the road is so longand so happy Christmasfor black and for whitefor the yellow and red oneslet's stop all the fight.A merry merry Christmasand happy New Yearlet's hope it's a good onewithout any fear.And, so this is Christmasand what have we doneanother year overa new one just begunand, so happy Christmaswe hope we have funthe near and the dear onethe old and the young.

“TOGETHER FOR PEACE”

Marry Christmas

A merry merry Christmasand happy New Yearlet's hope it's a good onewithout any fear.(War is over if you Want it war is over now)

slide24

THE BEATLES

SONGS FOR PEACE

“TOGETHER FOR PEACE”

Love, love, love [x3]

There's nothing you can do that can't be doneNothing you can sing that can't be sungNothing you can say but you can learn how to play the gameIt's easy

Nothing you can make that can't be madeNo one you can save that can't be savedNothing you can do but you can learn how to be you in timeIt's easy

[Chorus x2]All you need is love [x2]All you need is love, loveLove is all you need

Nothing you can know that isn't knownNothing you can see that isn't shownNowhere you can be that isn't where you're meant to beIt's easy

[Chorus x2]

Yesterday*She loves you*, yeah yeah yeah [x2]

All you need is love

together for peace25

BOB DILAN

“TOGETHER FOR PEACE”

SONGS FOR PEACE

Blowing in the wind

How many times

must a man look up

before he can see the sky?

Yes, 'n' how many ears

must one man have

before he can hear people cry?

Yes, 'n' how many deaths

will it take till he knows

that too many people have died?

The answer, my friend,

is blowin' in the wind,

the answer is blowin' in the wind.

How many years

can a mountain exist

before it's washed to the sea?

Yes, 'n' how many years

can some people exist

before they're allowed to be free?

Yes, 'n' how many times

can a man turn his head

Pretending he just doesn't see?

The answer, my friend,

is blowin' in the wind,

the answer is blowin' in the wind.

How many roads

must a man walk down

before you call him a man?

Yes, 'n' how many seas

must a white dove sail

before she sleeps in the sand?

Yes, 'n' how many times

must the cannon balls fly

before they're forever banned?

The answer, my friend,

is blowin' in the wind,

the answer is blowin' in the wind.

together for peace26

U2

“TOGETHER FOR PEACE”

SONGS FOR PEACE

Sunday bloody Sunday

Yes...I cant believe the news todayOh, I cant close my eyes and make it go awayHow long...How long must we sing this song? How long? how long...cause tonight...we can be as oneTonight...Broken bottles under childrens feetBodies strewn across the dead end streetBut I wont heed the battle callIt puts my back upPuts my back up against the wallSunday, bloody sundaySunday, bloody sundaySunday, bloody sunday (Sunday, bloody sunday...)(allright lets go!)And the battles just begunTheres many lost, but tell me who has wonThe trench is dug within our heartsAnd mothers, children, brothers, sisters torn apart

Sunday, bloody Sunday(2)

How long...How long must we sing this song? How long? how long...

cause tonight...we can be as oneTonight...Tonight...

unday, bloody sunday (tonight)TonightSunday, bloody sunday (tonight)(come get some!)Wipe the tears from your eyesWipe your tears away(2)

(sunday, bloody sunday)I wipe your blood shot eyes(sunday, bloody sunday)Sunday, bloody sunday (sunday, bloody sunday) (2)

(here I come!)And its true we are immuneWhen fact is fiction and tv realityAnd today the millions cryWe eat and drink while tomorrow they dieThe real battle yet begun (sunday, bloody sunday)To claim the victory jesus won (sunday, bloody sunday)On...Sunday bloody sundaySunday bloody sunday...

together for peace27

MICHAEL JACKSON

“TOGETHER FOR PEACE”

SONGS FOR PEACE

Heal the world

Spoken Intro:Think about the generations and to say we want to make it a betterworld for our children and our children's children. So that they knowit's a better world for them; and think if they can make it a better place

We Could Fly So HighLet Our Spirits Never DieIn My HeartI Feel You Are AllMy BrothersCreate A World WithNo FearTogether We'll CryHappy TearsSee The Nations TurnTheir SwordsInto Plowshares

We Could Really Get ThereIf You Cared EnoughFor The LivingMake A Little SpaceTo Make A Better Place...Heal The World …Heal The World ….Heal The World …

There Are People DyingIf You Care EnoughFor The LivingMake A Better PlaceFor You And For MeThere Are People Dying

If You Want To Know WhyThere's A Love ThatCannot LieLove Is StrongIt Only Cares ForJoyful GivingIf We TryWe Shall SeeIn This BlissWe Cannot FeelFear Or DreadWe Stop Existing AndStart Living

Then It Feels That AlwaysLove's Enough ForUs GrowingSo Make A Better WorldMake A Better World...

Heal The World

…And The Dream We WereConceived InWill Reveal A Joyful FaceAnd The World WeOnce Believed InWill Shine Again In GraceThen Why Do We KeepStrangling LifeWound This EarthCrucify Its SoulThough It's Plain To SeeThis World Is HeavenlyBe God's Glow

There's A Place InYour HeartAnd I Know That It Is LoveAnd This Place CouldBe MuchBrighter Than TomorrowAnd If You Really TryYou'll Find There's No Need To CryIn This Place You'll FeelThere's No Hurt Or SorrowThere Are WaysTo Get ThereIf You Care EnoughFor The LivingMake A Little SpaceMake A Better Place...

Heal The WorldMake It A Better PlaceFor You And For MeAnd The Entire Human RaceThere Are People DyingIf You Care EnoughFor The LivingMake A Better PlaceFor You And For Me

slide28

JOAN BAEZ

SONGS FOR PEACE

We shall overcome We shall overcome We shall overcome some day Oh, deep in my heart I do believe We shall overcome some day We'll walk hand in hand We'll walk hand in hand We'll walk hand in hand some day Oh, deep in my heart I do believe We shall overcome some day We shall all be free We shall all be free We shall all be free some day Oh, deep in my heart I do believe We shall overcome some day We are not afraid We are not afraid We are not afraid some day

Oh, deep in my heart I do believe We shall overcome some day We are not alone We are not alone We are not alone some day Oh, deep in my heart I do believe We shall overcome some day The whole wide world around The whole wide world around The whole wide world around some day Oh, deep in my heart I do believe We shall overcome some day We shall overcome We shall overcome We shall overcome some day Oh, deep in my heart I do believe We shall overcome some day

“TOGETHER FOR PEACE”

We shall overcome

slide29

DIRE STRAIGHT

SONGS FOR PEACE

“TOGETHER FOR PEACE”

These mist covered mountains Are a home now for me But my home is the lowlands And always will be Some day you'll return to Your valleys and your farms And you'll no longer burn To be brothers in arm Through these fields of destruction Baptism of fire I've watched all your suffering As the battles raged higher And though they did hurt me so bad In the fear and alarm You did not desert me My brothers in arms

There's so many different worlds So many different suns And we have just one world But we live in different ones

Now the sun's gone to hell And the moon's riding high Let me bid you farewell Every man has to die But it's written in the starlight And every line on your palm We're fools to make war On our brothers in arms

Brothers in arms

slide30

PINK FLOYD

SONGS FOR PEACE

“TOGETHER FOR PEACE”

Tell me true tell me why was Jesus crucifiedis it for this that daddy died?was it for you? was it me?did i watch too much t.v.?is that a hint of accusation in your eyes?if it wasn't for the nipsbeing so good at building shipsthe yards would still be open on the clydeand it can't be much fun for thembeneath the rising sunwith all their kids committing suicidewhat have we done maggie what have we donewhat have we done to englandshould we shout should we scream"what happened to the post war dream?"oh maggie maggie what have we done?

Brothers in arms

slide31

Torna al Menu

SONGS FOR PEACE

There comes a time, when we need a certain callwhen the world must come together as one.There are people dying, and it's time to lend a hand to life the greatest gift of all.We can't go on pretending day by dayThat someone, somewhere will soon make a change.We are all part of God's great big familyAnd the truth you know, love is all we need

We are the world, we are the childrenWe are the ones who make a brighter daySo let's start givingThere's a choice we're makingWe're saving our own livesIt's true we'll make a better day, just you and me.

We'll send them your heartso they know that someone caresand their lives will be stronger and free.As God has shown usby turning stone to breadso we all must lend a helping handWe are the world, we are the children…

“TOGETHER FOR PEACE”

We are the world

When you're down and out there seems no hope at allBut if you just believe there's no way we can fallLet us realize hat a change will only comeWhen we stand together as oneWe are the world, we are the children…

slide33

Scheda Sintetica

DENOMINAZIONE PROGETTO: “CINEFORUM … AND MORE”

DOCENTE REFERENTE:

Prof.ssa Elvira D’ANGELO

FINALITÀApproccio allo studio della lingua inglese con metodologie innovative ed anticonvenzionali ed una tematica coinvolgente come quella del mondo dei cartoons e dei fumetti Disney.

OBIETTIVI COMPORTAMENTALI:

Sviluppo della capacità di socializzazione ed interazione nell’ambito di attività interclasse.

OBIETTIVI DIDATTICI:

Consolidamento e potenziamento delle competenze comunicative di ricezione, interazione, produzione orali e scritte in L2 acquisite in ambito delle attività didattiche tenute in orario curricolare.

“CINEFORUM AND MORE”

slide34

Scheda Sintetica

METODOLOGIA E CONTENUTI:

Approccio non convenzionale allo studio della lingua, basato essenzialmente sull’utilizzo di sussidi audiovisivi e multimediali.

Stimolo alla creatività con la manipolazione di immagini e testi estrapolati dai cartoons per l’ideazione, la progettazione, la realizzazione di strisce di fumetti.

Spazio musicale: ascolto e ripetizione di colonne sonore e ritornelli dei cartoons: Tematica prescelta: Disney’s World.

TIPO DI PROGETTO:

Extracurricolare.

DESTINATARI:

Allievi delle prime classi. L’adesione al corso di tipo opzionale, rivolto ad alunni in entrata nella scuola media, non ha richiesto alcun livello di competenza di base in lingua inglese. È stata pertanto sperimentata un’attività didattica a “classe aperta” con allievi molto eterogenei sia dal punto di vista del background socio-culturale che cognitivo.

“CINEFORUM AND MORE”

slide35

Scheda Sintetica

PRODOTTO FINALE

Lavori di grafica, individuali o di gruppo, raffiguranti vignette o strisce di un fumetto del mondo Disney.

TEMPI/DURATA:

n. 30 incontri circa di n. 2 ore cad. da tenersi nel periodo: ottobre 2004/maggio 2005.

LUOGHI:

Sede centrale Scuola Foscolo.

RISORSE UMANE:

Collaboratore per servizio assistenza agli impianti tecnici Sig. Pasquale Brusciano

BENI E SERVIZI:

Sala Video; Laboratorio linguistico; Laboratorio informatico.

“CINEFORUM AND MORE”

slide36

Scheda Sintetica

RISULTATI:

Il corso è stato portato a termine da 24 dei 26 alunni iscritti facendo registrare un risultato più che soddisfacente sia dal punto di vista degli obiettivi comportamentali che didattici. I lavori realizzati sono stati presentati in una mostra di fine anno. Agli allievi è stato rilasciato un attestato di partecipazione da inserire nel “portofolio” personale.

“CINEFORUM AND MORE”

slide37

Ilcorso “Cineforum” …and more nasce come risposta alla drastica riduzione di ore destinate all’insegnamento della lingua inglese operata dalla Riforma Moratti. Il monte ore risulta, infatti, oggi decisamente insufficiente all’acquisizione delle competenze linguistiche previste dalle linee didattiche e programmatiche vigenti.

In tale ottica, il primo obiettivo che ci si e’ posti stato quello di approntare un corso che non sia sovrapposto ma integri quelli tenuti in orario curricolare.

Inoltre, rivolgendosi ad alunni di prima media e venendo svolto in orario pomeridiano, particolare attenzione stata dedicata al taglio didattico: coinvolgente ed in grado di catturare l’attenzione degli allievi in un clima di “entertainment”.

Si e’ perciò prescelta come tematica che farà da filo conduttore all’intero corso, quella del mondo fantastico dei “Cartoons” della Disney, notoriamente amati dai bambini di questa età, integrati con film, sempre della Disney, di ambientazione anglosassone o statunitense (es. Mary Poppins).

Inserito nel progetto di “Educazione ai Linguaggi Visivi”, il corso avrà come finalità quello di far sperimentare agli allievi un approccio allo studio della lingua di tipo multimedialeprevedendo, infatti, proiezioni video, l’utilizzo del laboratorio linguistico e dell’aula informatica. Il ricorso al materiale cartaceo sarà limitato alla realizzazione di cartellonistica con sketches e strisce tratti dai “cartoons”.

Scheda di Presentazione

“CINEFORUM AND MORE”

slide38

Torna al Menu

L’Esposizione dei Prodotti degli Allievi

“CINEFORUM AND MORE”

slide40

Scheda Sintetica

DENOMINAZIONE: “WOMEN, WOMEN…JUST WOMEN”

DOCENTE REFERENTE: Prof.ssa Elvira D’ANGELO

FINALITA’:

Ampliare gli orizzonti culturali attraverso la conoscenza della civiltà e della cultura di altri popoli.

Sensibilizzare alle problematiche legate alla Difesa dei Diritti Umani.

OBIETTIVI COMPORTAMENTALI:

Maturazione della personalità attraverso il confronto di sistemi linguistici e civiltà diversi.

Sviluppo di una disponibilità alla convivenza civile ed alla multiculturalità.

OBIETTIVI DIDATTICI:

Sviluppo delle competenze comunicative di ricezione, interazione e produzione orali e scritte in L2.

Riconoscimento dell’inglese come lingua veicolare e strumento indispensabile per la conoscenza del mondo mass- mediologico e multimediale (CLIL).

WOMEN, WOMEN…JUST WOMEN

slide41

Scheda Sintetica

METODOLOGIE:

“Cooperative Learning” basato su: l’interdipendenza positiva, la responsabilità individuale e di gruppo, l’interazione attiva e propositiva.

Lavoro di tipo iconografico con ricerca, raccolta, selezione di materiale fotografico estrapolato, prevalentemente da quotidiani e riviste.

Elaborazione al computer di brevi didascalie alle immagini.

TIPO DI PROGETTO:

Curricolare.

DESTINATARI:

Allievi delle classi: II – III E; II – IIIB.

DOCENTI COINVOLTI:

Prof.ssa Elvira D’ANGELO; Prof. Assunta IACCHEO (lettere sez. E); Prof.ssa Marisa SAPIO (lettere sez. B).

WOMEN, WOMEN…JUST WOMEN

slide42

Scheda Sintetica

PRODOTTO FINALE:

Reportage fotografico con didascalie descrittive proposto in una cartellonistica a struttura modulare suddivisa in quattro blocchi di immagini:

- 2 per i Paesi in via di sviluppo (sfondo verde)

- 2 per i Paesi industrializzati (sfondo azzurro)

TEMPI/DURATA:

gennaio-febbraio 2005. Esposizione 8 marzo 2005.

LUOGHI:

Succursale Foscolo.

BENI E SERVIZI:

Aula informatica.

WOMEN, WOMEN…JUST WOMEN

slide43

Scheda Sintetica

RISULTATI:

Il progetto, svolto in orario curricolare, ha impegnato quattro classi, anche se con diversa intensità, essendo fortemente eterogeneo sia il background socio-culturale che il livello di preparazione di base degli allievi.

Costruita su una documentazione fotografica raccolta prevalentemente dalla docente nel corso di un attento lavoro di ricerca svolto nel tempo, l’attività ha suscitato l’interesse di tutti gli allievi, dimostrando come tematiche coinvolgenti poste con metodologie e tecniche didattiche innovative e diverse facciano presa anche e, forse soprattutto, su alunni di solito meno motivati e partecipi, consentendo l’acquisizione di competenze linguistiche in maniera più spontanea e diretta.

WOMEN, WOMEN…JUST WOMEN

slide44

WOMEN, WOMEN…JUST WOMEN

In the post-feminist era

Images from the variegated “Women Universe”

Lo scoppio dei conflitti bellici in Afghanistan e in Iraq ha portato gli osservatori a focalizzare l’attenzione su questioni che si erano appannate o, anche, ritenute ormai sostanzialmente e a torto, risolte nelle società occidentali. Tra tutte, ha assunto particolare rilevanza quella del ruolo delle donne e dei rapporti tra generi: nella politica, nelle istituzioni e nei sistemi di relazione sociali.

Le inchieste giornalistiche, soprattutto quelle televisive, hanno mostrato come la violenza cieca che le guerre inevitabilmente comportano fanno spesso dimenticare quella che quotidianamente, e nel più assoluto silenzio, le culture alimentano e giustificano. Nel lavoro svolto l’assenza dei più elementari diritti e del rispetto della dignità umana e’ non solo documentata in maniera eclatante dalla pratica orribile dell’infibulazione e dalla schiavitù sessuale, ma da usi e costumi che mortificano le donne in ampie aree del pianeta. Pertanto, proprio quando le conquiste della cultura femminista, e dei suoi veri o presunti eccessi, erano date per scontate e una nuova fase si apriva, sono venute alla luce tradizioni e condizioni di vita inconcepibili soprattutto per le nuove generazioni.

Scheda di Presentazione

WOMEN, WOMEN…JUST WOMEN

slide46

Il Contenuto dei Poster

I POSTER (green – Developing countries):

WOMEN SLAVES – AFRICA – To this day, selling of humans still goes on. In particular, women are subjected to this barbaric custom being sold by their families for a handful of coins.

BRIDES OF THE DESERT – A girl gets ready for her wedding according to the customs of her people.

MASAI GIRLS– AFRICA – Some girls wear their traditional clothes of the Masai tribe.

CAMBODIAN WOMAN – CAMBODIA – A woman with her child; she is wearing a head and face cover made up by a blue net.

LONG-NECK KAREN TRIBE – THAILAND – In order to keep the tourists coming, the tribes continue to make their women wear steel rings around their necks for stretching. Originally, this custom was an expression of beauty and social status. Today it’s only an horrible custom.

WOMEN, WOMEN…JUST WOMEN

slide47

Il Contenuto dei Poster

II POSTER – (green – Developing countries):

WANGARI MATAAI : KENYA-AFRICA. Environment Prime Minister. Winner of the Nobel Prize for PEACE in 2004.

PALESTINIAN WOMAN – In front of her home destroyed by the bombings.

DESERT BRIDE – (SPOSA DEL DESERTO)

ENSLAVED WOMEN IN AFRICA – (DONNE SCHIAVE IN AFRICA)

LONG-NECK KAREN TRIBE. (See poster I)

GIRL WAITING INFIBULATION. AFRICA - In its modern use of the word, infibulation is the practice of surgical closure of the female labia majora by sewing them together. These practices have been widely condemned by other cultures as barbaric and cruel. It contributes, infact, to the development of many serious organ damages.

TALEBAN WOMEN – AFGHANISTAN –Here you can see this group of Taleban women, who are voting for the very first time dressed in their traditional “burka”.

PIGMIES – AFRICA – Image of women from a Pigmy tribe receiving aid from two Italian volunteers.

ZULU’ - AFRICA – In order to stop the spreading of diseases such as AIDS, this tribe’s girls undergo controls by the old women of the village and receive their certificate proving their physical condition of virginity.

WOMEN, WOMEN…JUST WOMEN

slide48

Il Contenuto dei Poster

III Poster (Blue) – Industrialised Countries:

WANGARI MATAAI : KENYA-AFRICA. Environment Prime Minister. Winner of the Nobel Prize for PEACE in 2004.

CONDOLEEZA RICE: USA – President Bush’s Aide. She is the U.S. Secretary of State, a very important office. The fact that she is a woman and black shows how much women have progressed in civil rights in the U.S.

HILARY CLINTON: USA – Wife of ex-President Bill Clinton, she is also a very important and famous lawyer. Today, she is Senator and one day may even become the future president of the USA.

GIULIANA SGRENA: Journalist for the Manifesto newspaper, she was held hostage in Irak and released after more than 30 days of imprisonment. She fought for a peaceful resolution of the crisis.

CARLY FIORINA: USA – Unknown to the general public, she is well known among managers and capitalists. In fact, she was top manager of the HP company.

CAMILLA PARKER BOWLES: UNITED KINGDOM – She has married Prince Charles of England and may become the future Queen of the United Kingdom.

WOMEN, WOMEN…JUST WOMEN

slide49

Il Contenuto dei Poster

III Poster (Blue) – Industrialised Countries:

ELIZABETH II OF ENGLAND: UNITED KINGDOM – Queen since 1952, “She reigns but does not rule”. She is the head of the State and of the Anglican Church and symbolises the traditional power of the British Monarchy. Although She has no political influence, remains a symbol of continuity and stability and represents history and traditions. Heir to the throne will be her first born Charles.

PRINCESS MASAKO with the little Aiko: JAPAN – A very modern woman for Japanese standards. She graduated in Political Science and later married Prince Akihito. She accepted only after various proposals. She gave birth to a girl after a very long time, little Akiko, who may some day become the future Empress of Japan if changes are made to the Constitution.

CHERIE BLAIRE: UNITED KINGDOM – Wife of the Prime Minister Tony Blair, she is also a very famous lawyer. It is surprising how she can manage both her public and private life. She has in fact four children, the youngest of which born when she was 45.

LAURA BUSH: USA – Wife of the President, she holds an important role as First Lady; she appears to be very conservative, more than her predecessors.

WOMEN, WOMEN…JUST WOMEN

slide50

Il Contenuto dei Poster

IV POSTER – (Blue – Industrialised Countries):

BRITNEY SPEARS: UK. – Blonde, blue-eyed, very pretty, she is a very famous singer.

JOJO : USA – A Singer.

IRENE PIVETTI: ITALY – She is the woman of transformation. From President of the Chamber of Deputies to a gritty show woman in variety shows.

CATHERINE ZETA JONES: IRELAND-USA – Famous for having married the actor Michael Douglas, she is today a very popular actress and model.

ALBA PARIETTI: ITALY – She is not an actress, or singer, or ballerina or even a true show girl. Nonetheless, she is often on gossip in news and as a guest on many TV shows.

DEMI MOORE: USA – Gourgeous, after a troublesome adolscence, she has grown up to become one of the most wanted American actresses. Her starring in the movie “Ghost” remains memorable.

CLAUDIA SHIFFER: FRENCH – One of the most highly paid models in France.

WOMEN, WOMEN…JUST WOMEN

slide51

Torna al Menu

Il Contenuto dei Poster

IV POSTER – (Blue – Industrialised Countries):

IRENE SINCLAIR: GUAYANA - Ninety-six year old Model from Guayana residing in London, she has been chosen by the Dove group for a publicity campaign that goes against the classical model of perfect beauty to what is much closer to that of common women.

NICOLE KIDMAN: SWEDEN – One of the most beautiful and capable actresses of Modern moviemaking, she is also one of the most overpaid testimonials for the cosmetic and perfume industry.

KATE MOSS: An international magazine has elected her as the most elegant woman of the world in 2004.

JENNIFER ANISTON: USA – Famous actress, mainly, for having married the millionaire actor Brad Pitt (and, then, divorced).

WHOOPI GOLDBERG: USA – One of the best and most esteemed black actresses in recent years. Her movie ‘Sister Act’ is memorable.

GEISHA/NO-GEISHA: Even one of the most traditional countries such as Japan must open up to sweeping changes in society and customs. Women are focused on obtaining more freedom and independence; the figure of the Geisha stereotype is on its way to extinction.

DIVERS: ATHENS 2004 – Extraordinary example of women in sports.

WOMEN, WOMEN…JUST WOMEN

slide53

PROGETTO “E. I. P.”

(Scuola Strumento di Pace)

XXXV CONCORSO A PREMI PER LE SCUOLE

“CULTURE E CITTADINANZA: “ODORI, SAPORI, COLORI, VALORI

SUONI E VOCI SEGNI E SIMBOLI, QUALI RADICI E TESTIMONIANZE”

a.s.: 2005/2006

L’INIZIATIVA

“FAST FOOD/MEDITERRANEAN DIET”

slide54

Scheda Sintetica

DENOMINAZIONE DEL PROGETTO:

FAST FOOD/MEDITERRANEAN DIET (L’alimentazione nel messaggio pubblicitario)

DOCENTE REFERENTE:

Prof.ssa ELVIRA D’ANGELO

FINALITÀ:

- Evidenziare l’utilità dello studio e della conoscenza della lingua inglese come strumento per ampliare

i propri orizzonti culturali in qualsiasi ambito disciplinare anche attraverso modalità non convenzionali: iconografiche e informatiche accanto a quelle strettamente linguistiche.

- Educare ad un’alimentazione sana.

OBIETTIVI COMPORTAMENTALI E TRASVERSALI:

- Sviluppare atteggiamenti di apertura e condivisione nei confronti di culture altre attraverso il confronto tra tradizioni alimentari diverse - in particolare quella statunitense e britannica e quella mediterranea.

- Correggere cattive abitudini alimentari.

“FAST FOOD/MEDITERRANEAN DIET”

slide55

Scheda Sintetica

OBIETTIVI DIDATTICI:

Sviluppare competenze comunicative di ricezione, interazione e produzione orale e scritta in L2 attraverso lo studio di argomenti di tipo interdisciplinare, con particolare attenzione al linguaggio

pubblicitario.

Favorire lo studio autonomo anche grazie all’utilizzo delle tecnologie multimediali.

TIPO DI PROGETTO:

Curricolare

DESTINATARI:

Classe III G.

DOCENTI COINVOLTI:

Elvira D’Angelo (Inglese), Paola Celano (lettere), Annamaria Napolitano (storia, geografia), Lina Polese (scienze), Maria Colella (tecnica), Carla Rossi Bussola (disegno), Grazia Femiano (sostegno).

PRODOTTO FINALE:

Poster con messaggio pubblicitario ideato e realizzato sia in forma grafica che multimediale con lo slogan: “FAST FOOD/MEDITERRANEAN DIET”.

“FAST FOOD/MEDITERRANEAN DIET”

slide56

Scheda Sintetica

PRODOTTO FINALE:

Poster con messaggio pubblicitario ideato e realizzato sia in forma grafica che multimediale con lo slogan: “FAST FOOD/MEDITERRANEAN DIET”.

TEMPI/DURATA:

Fase intensiva (preliminare alla realizzazione del poster) n. 24 ore circa (gennaio-febbraio

2006 –data di scadenza per la partecipazione al Concorso-).

Fase di approfondimento e consolidamento delle conoscenze e competenze acquisite a livello interdisciplinare,

n. 24 ore (marzo-aprile 2006).

LUOGHI:

Sede centrale e succursale.

RISORSE UMANE

Consulente di informatica esterno Dott. Salvatore Salatiello.

Collaboratore per servizio assistenza agli impianti tecnici Sig. Pasquale Brusciano.

“FAST FOOD/MEDITERRANEAN DIET”

slide57

Scheda Sintetica

BENI E SERVIZI:

Laboratori di informatica delle due sedi della scuola, laboratorio linguistico.

RISULTATI:

Il lavoro realizzato a fine progetto, risultato tra quelli vincitori, e’ stato premiato dalla Giuria esaminatrice EIP nel corso della cerimonia tenutasi a Roma il 17 maggio 2006, con una coppa e riconoscimenti per la scuola, gli allievi e la docente referente.

“FAST FOOD/MEDITERRANEAN DIET”

slide58

La Brochure dell’Evento

“FAST FOOD/MEDITERRANEAN DIET”

slide59

Il Prodotto: I POSTER

“FAST FOOD/MEDITERRANEAN DIET”

slide60

Il Prodotto: I POSTER

“FAST FOOD/MEDITERRANEAN DIET”

slide61

La Premiazione

(Roma, 17 maggio 2006)

Foto a destra, da sinistra:

Paola Tantucci Presidente Ass.E.I.P. - Italia

Salvatore Maglitto Vicepreside Scuola Foscolo

Elvira D’Angelo Docente Referente

Isa Rampone Vicepresidente E.I.P.

Fausto Rondinella Assistente Amm. SMS Foscolo

Gli Alunni: Marco Scarpino

Daniela Mammalella

Federica Abate

“FAST FOOD/MEDITERRANEAN DIET”

slide62

Torna al Menu

La Premiazione

(A Napoli … in Presidenza)

“FAST FOOD/MEDITERRANEAN DIET”

Da sinistra a destra nella foto:

Fausto Rondinella (Ass. Amm.)

Stella Taranto (Dirigente Scolastico)

Erminia Bagnoli (Docente di Lettere)

Elvira D’Angelo (Docente Referente)

Salvatore Maglitto (Vicario)

ringraziamenti
RINGRAZIAMENTI

A conclusione di questo ciclo di lavoro un ringraziamento vivissimo va al Dirigente Scolastico Prof.ssa Stella TARANTO per il sostegno costante offerto a questa iniziativa come a tutte quelle da me proposte e realizzate negli anni di servizio alla “Foscolo”.

Elvira D’ANGELO

ringraziamenti64
RINGRAZIAMENTI

Si ricordano altresì per lo stimolante e proficuo contributo offerto al percorso personale e professionale svolto in questi anni con scambi culturali, ideologici, professionali:

Francesco AMORETTI

(Docente Comunicazione Politica.- Univ. Salerno)

Erminia BAGNOLI

(Docente Lettere S.M.S. Foscolo - Napoli)

Giuseppe D’ANGELO

(Docente Informatica Ist. Giordani – Napoli; Project Manager)

Ciro GIORDANO

(Lettore madrelingua - U.S.A.)

Elisa RAMPONE

(Ex Docente Chimica Ist. Fermi - Napoli; Vicepresidente Ass. “E.I.P.” Italia)

ringraziamenti65
RINGRAZIAMENTI

Per un breve ma intenso rapporto di creativa e feconda collaborazione professionale:

Carla BIFULCO

(Docente Lingua e Civiltà Inglese - Liceo Genovesi – Napoli)

Elvira D’ANGELO (elvira.dangelo@hotmail.it)

slide66

RINGRAZIAMENTI

In a Year of Wars…

…We fight for Peace