Certificazione e valutazione delle competenze
Download
1 / 13

Certificazione e valutazione delle competenze - PowerPoint PPT Presentation


  • 255 Views
  • Uploaded on

Certificazione e valutazione delle competenze. COSTRUIRE UNA PROVA DI VALUTAZIONE DELLE ABILITA’ ORALI Istituto comprensivo Gattatico-Campegine a.s. 2009-2010.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Certificazione e valutazione delle competenze' - lena


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
Certificazione e valutazione delle competenze

Certificazione e valutazione delle competenze

COSTRUIRE UNA PROVA DI VALUTAZIONE DELLE ABILITA’ ORALI

Istituto comprensivo Gattatico-Campegine

a.s. 2009-2010


Premessa

La riflessione sulla necessità di costruire prove di rilevazione delle competenze in italiano L2 degli studenti stranieri è maturata e si è rafforzata constatando quanto la mancata conoscenza di queste rilevazioni abbia ostacolato, per anni, sia il corretto inserimento degli studenti neo-arrivati nelle classi adeguate al reale livello di padronanza della lingua, sia l’efficace programmazione di interventi specifici volti all’apprendimento e/o al rafforzamento delle competenze in italiano L2.

La necessità di prove diagnostiche di ingresso è requisito indispensabile per una prima valutazione formativa del livello di conoscenza dei diversi alfabeti delle discipline scolastiche (numeri, fonemi e grafemi…) al fine di inserire il nuovo alunno in un contesto-classe che rispetti sia la sua maturità umana sia le sue conoscenze.

In breve tempo, gli alunni neo arrivati acquisiscono formule fisse per la comunicazione immediata con adulti e coetanei. L’analisi di queste conoscenze permette di analizzare il grado di interlingua di ogni alunno, cioè quanto conosce della nuova lingua (italiano L2) rispetto alla lingua standard (italiano scolastico). Il costante e continuo monitoraggio del grado di interlingua via via raggiunto dall’alunno consente al docente di calibrare la programmazione per “velocizzare” il progressivo possesso della nuova lingua.

PREMESSA

Continua …


Certificazione e valutazione delle competenze

Uno strumento indispensabile di riferimento per individuare un livello di conoscenza della lingua è rappresentato dal Quadro comune di riferimento europeo (QCER) che dà indicazioni sui corrispondenti livelli di competenze morfosintattiche e lessicali richieste ai livelli abitualmente attesi dagli studenti di scuola primaria, secondaria di primo grado, secondaria di secondo grado.

Anche l’accertata conoscenza della lingua italiana ad uno dei livelli del framework europeo (comprensione e produzione orali e scritte) è condizione necessaria per predisporre il lavoro didattico.

Il corso di aggiornamento “Certificazione e valutazione delle competenze” (Gruppo di ricerca regionale “Lingue e culture”) ha affrontato le abilità orali per cui il nostro lavoro è focalizzato sulla costruzione di un esempio di task che permette la valutazione secondo i criteri di estensione, interazione, coerenza e fluenza e l’autovalutazione degli alunni coinvolti nell’attività.

ESCI


Task ci presentiamo
TASK: Ci Presentiamo un livello di conoscenza della lingua è rappresentato dal Quadro comune di riferimento europeo (QCER) che dà indicazioni sui corrispondenti livelli di competenze morfosintattiche e lessicali richieste ai livelli abitualmente attesi dagli studenti di scuola primaria, secondaria di primo grado, secondaria di secondo grado.

  • INTERAZIONE GUIDATA TRA DUE ALUNNI: UN ALUNNO ALBANESE

  • E UN ALUNNO INDIANO

  • ITALIANO L2

  • SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO: CLASSE TERZA

  • QCER: LIVELLO A1-A2

ESCI


Descrizione attivita
DESCRIZIONE ATTIVITA’ un livello di conoscenza della lingua è rappresentato dal Quadro comune di riferimento europeo (QCER) che dà indicazioni sui corrispondenti livelli di competenze morfosintattiche e lessicali richieste ai livelli abitualmente attesi dagli studenti di scuola primaria, secondaria di primo grado, secondaria di secondo grado.

  • L’insegnante chiama gli alunni a coppie e consegna loro un foglio con un elenco di funzioni linguistiche da esplicitare/eseguire oralmente,con lo scopo di realizzare un primo processo interattivo/comunicativo.

  • Le funzioni si riferiscono ad un ambito personale:

  • nome

  • provenienza

  • età

  • residenza

  • famiglia

  • Nell’ottica di un’evoluzione linguistica (passaggio dal livello A1 al livello A2) la conversazione può essere ampliata e la traccia arricchita comprendendo ambiti linguistici che riguardano il privato, la casa, la famiglia, gli hobby, i giochi, gli sport…

ESCI


Descrittori delle competenze
DESCRITTORI DELLE COMPETENZE un livello di conoscenza della lingua è rappresentato dal Quadro comune di riferimento europeo (QCER) che dà indicazioni sui corrispondenti livelli di competenze morfosintattiche e lessicali richieste ai livelli abitualmente attesi dagli studenti di scuola primaria, secondaria di primo grado, secondaria di secondo grado.

  • Sa porre e comprendere domande data una traccia.

  • Sa rispondere con parole-concetto e/o brevi frasi memorizzate secondo un repertorio quotidiano, ristretto a dati personali e a situazioni concrete.

ESCI


Criteri di valutazione
CRITERI DI VALUTAZIONE un livello di conoscenza della lingua è rappresentato dal Quadro comune di riferimento europeo (QCER) che dà indicazioni sui corrispondenti livelli di competenze morfosintattiche e lessicali richieste ai livelli abitualmente attesi dagli studenti di scuola primaria, secondaria di primo grado, secondaria di secondo grado.

  • ESTENSIONE:

    • lessico ( uso di vocaboli semplici)

    • Uso di strutture memorizzate

  • INTERAZIONE:

    • Capacità di reazione

  • COERENZA:

    • Connettivi semplici

  • FLUENZA:

    • Pause più o meno lunghe

ESCI


Competenze attese
COMPETENZE ATTESE un livello di conoscenza della lingua è rappresentato dal Quadro comune di riferimento europeo (QCER) che dà indicazioni sui corrispondenti livelli di competenze morfosintattiche e lessicali richieste ai livelli abitualmente attesi dagli studenti di scuola primaria, secondaria di primo grado, secondaria di secondo grado.

  • L’alunno deve saper porre domande e rispondere in contesti analoghi concreti e amicali ( tra pari ).

  • Anche in momenti non strutturati (ricreazione, entrata e uscita da scuola…), l’alunno è in grado di sostenere una semplice interazione verbale legata al suo vissuto personale, riproducendo le funzioni apprese.

ESCI


Valutazione sommativa
VALUTAZIONE SOMMATIVA un livello di conoscenza della lingua è rappresentato dal Quadro comune di riferimento europeo (QCER) che dà indicazioni sui corrispondenti livelli di competenze morfosintattiche e lessicali richieste ai livelli abitualmente attesi dagli studenti di scuola primaria, secondaria di primo grado, secondaria di secondo grado.

  • PUNTEGGIO: 10/10

  • Passmark: 6/10

  • Interazione: 4/10

  • Estensione: 3/10

  • Coerenza: 2/10

  • Fluenza: 1/10

ESCI


Mi autovaluto attivit di autovalutazione dell alunno rispetto al task comprensione orale
MI AUTOVALUTO… un livello di conoscenza della lingua è rappresentato dal Quadro comune di riferimento europeo (QCER) che dà indicazioni sui corrispondenti livelli di competenze morfosintattiche e lessicali richieste ai livelli abitualmente attesi dagli studenti di scuola primaria, secondaria di primo grado, secondaria di secondo grado. (attività di autovalutazione dell’alunno rispetto al task - comprensione orale.)

  • Livello A1

  • Capisco quando mi chiedono:

  • il nome

  • l’età

  • dove abito

  • da dove vengo

  • della mia famiglia

Livello A2

Capisco quando mi chiedono di:

- parlare della mia casa

- dire cosa mi piace fare

- dire cosa non mi piace

ESCI


Mi autovaluto attivit di autovalutazione dell alunno rispetto al task produzione orale
MI AUTOVALUTO… un livello di conoscenza della lingua è rappresentato dal Quadro comune di riferimento europeo (QCER) che dà indicazioni sui corrispondenti livelli di competenze morfosintattiche e lessicali richieste ai livelli abitualmente attesi dagli studenti di scuola primaria, secondaria di primo grado, secondaria di secondo grado. (attività di autovalutazione dell’alunno rispetto al task – produzione orale)

  • Livello A1

  • so salutare

  • so chiedere e dire il nome

  • so chiedere e dire l’età

  • so chiedere e dire dove abito

  • so chiedere e dire da dove vengo

  • so parlare della mia famiglia

  • Livello A2

  • So parlare della mia casa

  • So chiedere e dire cosa mi piace fare

  • So dire cosa non mi piace

ESCI


E stato facile difficile divertente ti piace

Livello A1 – A2 un livello di conoscenza della lingua è rappresentato dal Quadro comune di riferimento europeo (QCER) che dà indicazioni sui corrispondenti livelli di competenze morfosintattiche e lessicali richieste ai livelli abitualmente attesi dagli studenti di scuola primaria, secondaria di primo grado, secondaria di secondo grado.

L’attività è stata facile?

Ti sei divertito?

Ti piace parlare di te?

E’ STATO FACILE, DIFFICILE, DIVERTENTE …TI PIACE …

ESCI


Gruppo di lavoro
GRUPPO un livello di conoscenza della lingua è rappresentato dal Quadro comune di riferimento europeo (QCER) che dà indicazioni sui corrispondenti livelli di competenze morfosintattiche e lessicali richieste ai livelli abitualmente attesi dagli studenti di scuola primaria, secondaria di primo grado, secondaria di secondo grado. DI LAVORO

Benedetta Corradini

Giordana Donelli

Anna Fiaccavento

Pasqualina Latella

Elisabetta Mangi

Michela Piscitelli

ESCI