slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Incontro semestrale sui diritti di informazione tra la DRU e OOSS PowerPoint Presentation
Download Presentation
Incontro semestrale sui diritti di informazione tra la DRU e OOSS

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 15

Incontro semestrale sui diritti di informazione tra la DRU e OOSS - PowerPoint PPT Presentation


  • 105 Views
  • Uploaded on

Incontro semestrale sui diritti di informazione tra la DRU e OOSS. Milano, 19 Aprile 2013. Incontro OO.SS. Annuale 19 Aprile 2013. Diritti Informazione. Andamento Aziendale Strategia aziendale del Business plan a 5 anni Strategia HR Dati Occupazione. Contrattazione Integrativa

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Incontro semestrale sui diritti di informazione tra la DRU e OOSS' - lemuel


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide2

Incontro OO.SS. Annuale 19 Aprile 2013

Diritti Informazione

  • Andamento Aziendale
  • Strategia aziendale del Business plan a 5 anni
  • Strategia HR
  • Dati Occupazione

Contrattazione Integrativa

Aziendale

(CIA)

  • Lavori e filosofia del CIA – prossimi passi
  • Protocollo Relazioni Sindacali
  • Metodo di lavoro
slide3
Overwiev generale del turn around

Conbipel oggi

  • Conbipel è il quarto operatore italiano nel settore delle vendite retail di abbigliamento e vanta una notorietà del marchio pari al 90%.
  • Attualmente Conbipel gestisce 149 punti vendita, nel corso degli ultimi 4 anni la rete è stata notevolmente ristrutturata attraverso: a) la chiusura di 25 punti vendita poco profittevoli, b) l’apertura di 20 nuovi negozi e c) la ristrutturazione di 24 negozi esistenti con elevato potenziale di sviluppo.

Conbipel e il suo Turn around 2008-2011

  • L’importante processo di turn around industriale posto in essere ha portato solo parzialmente i risultati previsti a causa principalmente dell’impatto negativo che la crisi internazionale e italiana ha avuto su tale processo e sul mercato di riferimento.
  • La prima fase del nostro turn around è stata caratterizzata da un processo di revisione e ristrutturazione dei processi per la ricerca della stabilità necessaria. La crisi internazionale e i risultati conseguiti hanno comportato la necessità di effettuare una rivisitazione del piano industriale con le banche di riferimento

La ristrutturazionedegliorganici

  • Il Gruppo ha ad oggi un organico costituito da 1.276 FTE, con una nuova struttura manageriale con consolidata esperienza nel settore retail.
  • Nei 5 anni di Turn around Conbipel con le OOSS hanno realizzato importanti piani di ristrutturazione con il ricorso ad ammortizzatori sociali finalizzati alla riduzione dei costi da un lato e all’ottimizzazione organizzativa dall’altro . Oggi il costo del lavoro dei negozi è rientrato in parametri accettabili con un incidenza media che rispetta i criteri di budget, per la sede la struttura organizzativa è tarata su una taglia superiore di negozi .
slide4
Overwiev sul mercato di riferiemnto 1/2

Indagine sulla fiducia dei consumatori Italia

Andamento dei consumi in Italia

Fonte: ISTAT

Fonte: ISTAT

Fonte: ISTAT, Le prospettive per l’economia italiana nel 2012-2013, Novembre 2012

  • L’indice che misura la fiducia dei consumatori Italiani è ai minimi storici. Il dato relativo al 2012 è inferiore rispetto a quello del 2009 per circa 28 pp.
  • La Società ha osservato che il mercato ha presentato un elevato livello di volatilità e un alto grado di reattività delle vendite alle decisioni di politica economica attuate dal Governo (aumento IVA, altri interventi fiscali, elezioni anticipate, ecc.).
  • Nel corso del 2012 i consumi in Italia sono stati fortemente penalizzati dalla dinamica del reddito disponibile, in deterioramento a causa della politica di bilancio nazionale restrittiva, del peggioramento delle condizioni del mercato del lavoro e della stabilizzazione dell’inflazione su livelli relativamente elevati. L’ISTAT stima pertanto una contrazione dei consumi privati nel 2012 pari al 3,2%.
  • Le previsioni ISTAT per il 2013 ipotizzano la spesa dei consumatori ancora in calo (-0,7%) a seguito delle persistenti difficoltà sul mercato del lavoro e della debolezza dei reddito nominali.
slide5
Overwiev sul mercato di riferimento 2/2

Andamento dei principali competitors (quota di mercato)

Conbipel rispetto al mercato di riferimento

%

OVS + UPIM

1,6%

105

-3,2%

Benetton

100

Trend medio annuale Fatturato Conbipel

Zara

95

VenditeConbipel

Conbipel

Trend medio annuale Fatturato Mercato

90

H&M

Motivi

85

Piazza Italia

80

FY08

FY09

FY10

FY11

FY12

FY13

Fonte:SITA Ricerche

Fonte: SITA Ricerche

  • Conbipel negli ultimi 4 anni ha mantenuto una quota di mercato pressoché costante.
  • Nello stesso periodo di riferimento si assiste ad una riduzione della quota di mercato da parte degli operatori di più grande dimensione ("OVS + Upim" e "Benetton").
  • "Zara" e "H&M" registrano una crescita costante e "Piazza Italia" ha incrementato la propria quota di mercato soprattutto negli ultimi anni.
  • Conbipel negli ultimi 5 esercizi ha registrato un trend delle vendite negativo; la decrescita media annua risulta però inferiore di 1,5 punti percentuali rispetto a quella registrata dal totale mercato dell’abbigliamento italiano (retail + negozi indipendenti) nello stesso periodo di riferimento.
  • Nel periodo Conbipel ha quindi guadagnato quote dell’intero mercato dell’abbigliamento italiano principalmente a discapito di negozi indipendenti.

Mercato totale abbigliamento Italia

slide6
Il 2012 fattori critici e di successo

Fatti principali

OPPORTUNITA’

dell’anno

  • Siamo stati capaci di invertire il trend in corso d’anno con azioni coraggiose ma vincenti
  • Il nostro tasso di mark down (saldi) è più aggressivo lasciando spazio a maggiori ricavi per Conbipel
  • Il nostro IntakeMargin (margine in ingresso) è migliorato permettendoci maggior equilibrio tra spese finanziarie, stock, saldi e costi di importazione
  • Le grandi campagne scontate hanno aperto nuovi mercati di clienti fidelizzati ed hanno contribuito positivamente al risultato annuale
    • Ad oggi il database loyal della Società è composto da circa 1,5 mln di clienti, ciò consente di guidare le vendite e di incentivare i consumi in maniera meno dispersiva permettendo una migliore gestione dello sconto ed un aumento degli utili anche con ricavi in regressione sia verso il budget che verso lo scorso anno
  • La qualità del prodotto donna è migliorata così come la programmazione delle fasi della collezione
  • Il Conbi Uomo è oggi una certezza sia per il livello qualitativo e di stile che di redditività
  • Le concession progrediscono a 2 cifre in particolare quella della bigiotteria e degli accessori (borse e portafogli)
  • Il costo del lavoro è stato monitorato ottimizzando le incidenze anche nei negozi più difficili
  • Il turn over della sede è stato monitorato e le tasks ripartite tra le varie aree . Esistono alcune sofferenze ma localizzate in quelle aree dove le dimissioni si sono concertate.
  • Una politica piu aggressiva sulle negoziazioni di affitto ha scongiurato perdite di margine ed ha posto le basi per una piu ampia azione strategica di lungo periodo

Fatti Principali

DA MONITORARE

dell’anno

  • I flussi merce verso i negozi non sono ancora ottimizzati. Esistono ancora alcuni gap tra allocazione e necessità di store
  • Le campagne saldi di una volta stanno lasciando spazio a saldi costanti tutto l’anno e ciò sta cambiando il modello economico di Conbipel. Zara per esempio ha adottato una differente politica di comunicazione ma con gli stessi attributi
  • Non ci sono soldi per investire in nuove location in un momento in cui potrebbe essere indispensabile farlo sia per anticipare il mercato sia per servire alla strategia di lungo periodo. Aperture solo con un pay back rapido
  • Il piano delle concession non è ancora ottimizzato e finalizzato e ciò non consente di blindare il modello economico sul reparto calzature
  • Il costo del lavoro della sede continua a rappresentare un problema per il conto economico, essendo tarato su una taglia aziendale superiore a quella attuale .
slide7
Stima dei risultati di Conbipel relativi al FY13

Conto consolidato FY13F rispetto a FY12

  • Nel 2012 si registrano ricavi per € 224,1 mln; con una flessione rispetto all’anno precedente
  • pari a € 8,1 mln. Tale risultato è dovuto ad un calo delle vendite lorde
  • Nonostante la riduzione dei ricavi si registra un incremento del GrossMargin grazie alla
  • crescita dell’IntakeMargin (+5 punti percentuali rispetto al FY12)
  • Il Management ha inoltre intrapreso un processo di ottimizzazione dei costi con una riduzione
  • dei costi di € 6,0 mln rispetto l’anno precedente.
  • L’EBITDA del FY13 (2012) è stimato pari a circa € 11,2 mln con un aumento pari a € 11,0 mln
  • rispetto all’esercizio precedente e di € 25,0 mln rispetto al 2007 anno dell’acquisizione
slide8
Sintesi sull’investimento in formazione

Corsi di formazione effettuati

Formazione commerciale

Progetto Linee Morbide

Formazione Tecnica

Strumenti/processi

Formazione Induction

Per neo assunti

Ore totali

6.060 ore

4.204ore

963 ore

Persone totali

1.187 persone

1.187 persone

1.751 persone

Obiettivi raggiunti

43.000 clienti fidelizzati oltre budget

+ 3,8mln€ di fatturato

Nuovo sistema Nota spese e portale HR

slide9
Il business plan futuro- linee guida
  • Ricavi LFL: crescita pari a zero nel FY14 ed una crescita annua pari a 1,5% per i successivi anni.
  • Nuove aperture: 53 aperture di nuovi negozi di cui 40 secondo il nuovo store concept Uomo e 13 secondo l’attuale storeconcept ridotto/regolare. Nel FY15 sono previste 16 aperture, 17 nel FY16 e 20 nel FY17.
  • Nuovi mercati delle concession verranno esplorati per dare spazio a nuove fonti di utile ottimizzando gli spazi

Ricavi

Intake Margin

  • Le Linee Guida prevedono un incremento dell’Intake Margin di ulteriori 3 punti

Sconto

  • Il Management della Società prevede una graduale diminuzione dello sconto
  • Personale di vendita: le Linee Guida prevedono un mantenimento dell’incidenza del costo del personale di vendita sui ricavi netti anche a seguito dell’apertura dei nuovi negozi Uomo che presentano un incidenza lievemente maggiore rispetto ai negozi standard.
  • Personale di sede: per il costo del personale di sede è prevista una diminuzione in linea con la taglia dell’azienda

Personale

Marketing

  • Le Linee Guida prevedono un progressivo incremento delle spese di marketing a supporto della riduzione dello sconto.

Investimenti

  • tutti gli investimenti per nuovi negozi saranno concentrati nel triennio FY15 – FY17.
slide11
Dati occupazionali – ripartizione per livelli

Azione costo medio:

1mln € di risparmio

slide12
Dati occupazionali – dati variabili

I maggiori costi del decreto liberalizzazioni sono stati compensati da azioni di contenimento dei costi su altre voci

slide13
Aggiornamento Strumenti Riduzione Costo Lavoro

Accordo 4 luglio 2012

* Al 31/03/2013 di cui 15 già sottoscritto Verbale Mobilità fine CIGS

Giornate Solidarietà Gennaio – Marzo 2013

HQ 7 gg

WH 2 gg

slide14
Aggiornamento Gestione Esuberi

Punurati Vendita in chiusura

50 % risorse ricollocate ad oggi

slide15
L’agenda del CIA
  • Aggiornamento della piattaforma
  • Necessità aziendali
    • Welfare
    • Banca ore
    • Lavoro domenicale e festivo
    • Clausole flessibili
    • Produttività
  • Calendario di lavoro; quali argomenti da trattare? in quali tempi?