slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
OMOGENEITA’ METODO PowerPoint Presentation
Download Presentation
OMOGENEITA’ METODO

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 22

OMOGENEITA’ METODO - PowerPoint PPT Presentation


  • 111 Views
  • Uploaded on

Linguaggio, attenzione, modi di apprendere, nuove conoscenze…, alunni di diversa nazionalità…, alunni dotati… Alunni e studenti con Bisogni Educativi Speciali. Crisi dei concetti di:. OMOGENEITA’ METODO. Roberto Medeghini – Salò 2014. 1. Omogeneità vs Differenze

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'OMOGENEITA’ METODO' - larya


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide2

Linguaggio, attenzione, modi di apprendere, nuove conoscenze…, alunni di diversa nazionalità…, alunni dotati… Alunni e studenti con Bisogni Educativi Speciali

Crisi dei concetti di:

  • OMOGENEITA’
  • METODO

Roberto Medeghini – Salò 2014

slide3

1. Omogeneità

vs

Differenze

Spartiacque culturale e teorico della didattica

2. COME SI INTERPRETANO LE DIFFERENZE?

Un diverso modo di leggere le differenze rappresenta un altro spartiacque culturale e teorico della didattica

Roberto Medeghini - Salò 2014

slide4

Prima lettura

Problema «interno» alla persona

normalità/deficit NORMA

abilità/inabilità ABILISMO

Seconda lettura

1. Le differenze come modo originale e personale di porsi nelle relazioni e nell’apprendimento

2. Le barriere alla partecipazione e all’apprendimento

La domanda rilevante è:

« Quali sono le barriere che impediscono la partecipazione e l’apprendimento?»

Roberto Medeghini - Salò 2014

Roberto Medeghini – Salò 2014

slide5

Insegnante-studente- studenti

Insegnante-Alunni-Contesto classe

I

N

T

E

R

A

Z

I

O

N

I

Insegnante

Alunno

Natura del compito e processi cognitivi richiesti

Roberto Medeghini , Salò 2014

punti di partenza
Punti di partenza

Roberto Medeghini - Salò 2014

slide7

NON SOLO CONTENUTI

I PROCESSI DI APPRENDIMENTO E IL LORO IMPATTO

Roberto Medeghini , Salò 2014

slide8

I PROCESSI COGNITIVI(Neisser U., 1962)

Percezione, Memoria, attenzione, linguaggio, ragionamento, problem solving, immagini mentali, apprendimento

Roberto Medeghini , Salò 2014

slide10

Esempio: Espressioni

  • Lo studente non si ricorda come procedere.
  • Non ha studiato le regole?
  • Ma nel caso in cui abbia studiato ed è in difficoltà in fase di applicazione?
  • Funzioni coinvolte nelle espressioni:
  • Visuo-spaziali: Segni
  • Memoria : recupero di regole e procedure
  • Sequenze: gestione
  • Calcolo: recupero di fatti arimetici: calcolo
  • TENER SOTTO CONTROLLO TUTTI GLI ASPETTI
  • AFFATICAMENTO : CADUTE ATTENTIVE, ERRORI

Roberto Medeghini- Salò 2014

ricadute
RICADUTE
  • Affaticamento
  • Attenzione
  • Tempi di prestazione dilatati
  • Confusione per eccesso di informazioni
  • Elevata frustrazione

Ricadute sulla comprensione, composizione ed esecuzione

sulla percezione della propria competenza

Roberto Medeghini - Salò 2014

slide12

DURANTE LA SPIEGAZIONE

TEMPI DI ELABORAZIONE TENUTA ATTENTIVA

Richiesta di recupero informazioni termini, procedure apprese in precedenza

Il docente procede nella spiegazione di concetti nuovi

Lo studente sta ancora cercando di recuperare le conoscenze precedenti

sovraccarico di memoria

Oppure propone troppe informazioni

Lo studente perde la spiegazione… e se deve prendere anche

gli appunti…

Roberto Medeghini- Salò 2014

slide13

SFONDI

La gestione del carico cognitivo

Elaborazione tempi : utilizzo di organizzatori anticipati, sequenze di unità di apprendimento e tempo fra le unità, sequenze accompagnate da sintesi con esempi e termini di riferimento, tempi di stabilizzazione fra insiemi di informazioni, sovrapposizioni e ridondanze da evitare.

Tenuta attentiva

Gestione carico elaborativo e controllo temporale delle unità di lavoro: controllo della quantità di informazioni e di esercizi, controllo della durata del tempo da utilizzare, controllo quantità di richieste simultanee ( prendere appunti, svolgere un esercizio…) e loro relazione col tempo , utilizzo di strumenti facilitatori. È centrale la riduzione della quantità degli esercizi.

Memorizzazione

Stabilizzazione e recupero: esercizio e ripasso distribuito, utilizzo di pezzi registrati , distribuzione del carico di lavoro e delle interrogazioni o compiti in classe, riduzione dell’ambiguità .

Roberto Medeghini- Salò 2014

slide14

LA QUANTITÁ DEGLI ESERCIZI È UNA VARIABILE SIGNIFICATIVA PER L’APPRENDIMENTO E LA VALUTAZIONE?

(vedi anche per compiti)

Privilegiare l’apprendimento distribuito

Attenzione al livello di significatività e complessità dell’esercizio.

Significatività in relazione all’obiettivo (conoscenza, applicazione, comprensione, analisi, valutazione);

Complessità (conoscenza, applicazione, comprensione, analisi, valutazione, abilità riproduttive/convergenti, divergenti).

Roberto Medeghini – Salò 2014

slide15

COSTRUZIONE DI PROVE PER TUTTI

  • Presenza di item di diversa complessità
  • Ordinamento degli item per livello di complessità e significatività rispetto all’obiettivo
  • es. complessità rispetto al contenuto (memorizzare, conoscere, comprendere, analizzare, valutare) e significatività («…mi dà più informazioni per la valutazione…?»)
  • Tipologie degli item
  • V/F
  • completamento
  • completamento con termini
  • scelta multipli
  • risposta aperta
  • 4. Combinazione fra tipologie
  • Roberto Medeghini, Salò 2014
slide16

MEDIATORI DIDATTICI

(supporti, facilitatori, strumenti compensativi…)

devono tener conto degli effetti e delle ricadute che hanno sul carico cognitivo e sull’apprendimento

Effetto dell’attenzione divisa: copiare dalla lavagna, appunti, spiegazioni, lettura del testo: posizionamento immagini

L’ostacolo della ridondanza: es. spiegazione

L’eccesso degli stimoli:es., ascolto-audio-visivo. Aumento dell’effetto dell’attenzione divisa e del carico cognitivo

La fissità dei mediatori: i mediatori non cambiano di senso e di utilità con l’aumentare dell’abilità

Roberto Medeghini, Salò 2014

.

slide17

RISCHI PDP

  • LA STANDARDIZZAZIONE DEL PdP: genericità, limitato agli strumenti compensativi e dispensativi, scarsa attenzione al supporto attentivo, alla velocità di elaborazione, alle tipologie delle prove e alla percezione del sé…
  • LA CENTRATURA SULL’INSEGNANTE la scelta dei mediatori e degli strumenti compensativi viene fatta senza un riferimento alle specificità delle difficoltà, ma sulla percezione del docente e sul suo obiettivo. Non sempre uno strumento che viene reputato facilitante lo è anche per lo studente.
  • L’ATEMPORALITÁ segnala il rischio che gli strumenti proposti rimangano sempre uguali indipendentemente dal tipo di apprendimento, dai risultati e dalle difficoltà dei cicli scolastici.
  • L’ASSENZA DI UN CONFRONTO SCUOLA-FAMIGLIA e ALUNNO determina una riduzione della partecipazione e della responsabilità del progetto.
  • Roberto Medeghini – Salò 2014
slide18

Aspetto emotivo e autoefficacia

Percezione di competenza, autovalutazione, ruolo nel gruppo classe.

Positive

Attenzione orientata verso strategie alternative con le quali si fa fronte all’insuccesso

Esperienze

Negative

Attenzione orientata alla passività

L’insuccesso viene attribuito a proprietà negative interne come la mancanza di ABILITÁ GENERALI ( non capisco, non sono intelligente): si definisce il processo di percdezione di scarsa efficacia e di autosvalutazione che conducono verso aspettative di nuovi insuccessi, al blocco motivazionale e alla passività.

Roberto Medeghini - Salò 2014

slide19

IL CLIMA DI CLASSE E IL SUO IMPATTO SULL’AMBITO EMOTIVO

“… Gli insegnanti hanno riferito di un difficile rapporto di . con la scuola: si è sempre opposto a che la classe venisse a conoscenza della sua particolare situazione e si erano venute a creare spiacevoli situazioni di conflittualità con i compagni di classe i quali lo consideravano non capace… Adesso, quando si cammina tra i banchi della classe e si controlla lo svolgimento delle attività, non appena ci si avvicina a L, il ragazzo si agita, si ritrae fisicamente tra le spalle, quasi a nascondersi, si guarda attorno preoccupato a controllare che cosa dicono i compagni…”. ( professore, 2^ scuola secondaria 1° grado)

Roberto Medeghini, Salò 2014

slide20

UNA NUOVA PROFESSIONALITÁ DOCENTE

  • Superare la cultura del “contenimento” delle difficoltà e dei disturbi per rivedere prassi didattiche e organizzazione della classe fondate sull’omogeneità;
  • essere consapevoli non solamente che ci sono dei problemi, ma nel pensarli in profondità;
  • da qui, una nuova epistemologia che superi il riferimento normativo delle differenze in termini di deficit per assumere le differenze come modi personali di proporsi nelle relazioni e nell’apprendimento;
  • costruire competenze psicopedagogiche orientate ai processi e alle modalità di apprendere e di relazionarsi degli alunni e degli studenti;
  • collocare i contenuti sull’asse dei concetti organizzatori, della complessità e dei processi;
  • uscire dalla delega agli specialisti per assumere la responsabilità dei progetti e degli interventi e costruire un terreno di confronto fra le diverse prospettive e i diversi linguaggi;
  • assumere un ruolo coeducativo che vada ad integrarsi con quello delle famiglie;
  • proporsi in una prospettiva di autovalutazione dell’inclusione presente in classe e nella scuola;
  • formarsi, uscendo dal ristretto limite del pensiero «esperto»;
  • formazione per tutti i docenti e non limitata a referenti…
  • RUOLO DEL DIRIGENTE
  • Roberto Medeghini, Salò 2014
slide21

La sfida attuale di un insegnamento non è solo quella di imparare a fare sempre meglio le stesse cose, ma, soprattutto, a pensarle e a farle diversamente.

Roberto Medeghini – Salò 2014

slide22

BIBLIOGRAFIA

AA.VV.( 1967). Lettera a una professoressa. Ed. Fiorentina : Firenze

Antonietti A. (1998), Psicologia dell’Apprendimento . Brescia: Ed. La scuola

Ausubel D.P. (1978). Educazione e processi cognitivi. Milano : Angeli.

Bronfenbrenner U. (1979), Ecologia dello sviluppo umano, Bolo­gna : Il Mulino,

Cadamuro A. (2004), Stili cognitivi e stili di apprendimento. Milano:Carocci Editore

Ghidoni E., Valenti A., et al (2012). La gestione della dislessia nelle scuole italiane. Dislessia vol. 9, n. 2, pp.188.202, Trento: Edizioni Erickson.

Medeghini R.(2005). Perché è così difficile imparare?: Brescia: Vannini Editrice.

Medeghini R et al. (2009). L’inclusione scolastica. Processi e strumenti di autoanalisi per la qualità inclusiva. Brescia: Vannini Editrice

Medeghini R. (2013), Medeghini R., Cosa può fare la scuola?, in Bianchi E.M., Rossi V. (a cura di), Così insegno. Un ponte tra la teoria e la pratica, Firenze: Libriliberi, pp.32-51

Medeghini R. (2013), Disability Studies. Trento: Erickson

Klingberg T. (2012). Cosa hanno in testa i nostri figli. Apprerndimento e memoria nello sviluppo del bambino. Milano : Salani Editore.

Miles T.R, Westcombe J. (2008), Musica e Dislessia. Aprire nuove porte. Milano: Rugginenti editore

Pennac D. (2008), Diario di scuola, Milano: Feltrinelli

Rivoltella C.P. (2012).Neurodidattica. Insegnare al cervello che apprende. Milano: Cortina Editore.

Stella G. (2000). Sviluppo cognitivo. Mondadori: Milano.

Vygotskij L.S. (1990). Pensiero e linguaggio. Bari: Laterza.