slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Riepiloghiamo… PowerPoint Presentation
Download Presentation
Riepiloghiamo…

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 20

Riepiloghiamo… - PowerPoint PPT Presentation


  • 117 Views
  • Uploaded on

Riepiloghiamo…. N.B. Il periodo compreso tra 1878-1900 viene chiamato età umbertina …………… Il periodo compreso tra 1900-1914 è detto anche Belle époque ……. 1861…………………. Perché il Novecento è stato definito un secolo breve ?. 1861-1876…………….

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Riepiloghiamo…' - lars


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

Riepiloghiamo…

N.B.

Il periodo compreso

tra 1878-1900

viene chiamato

età umbertina……………

Il periodo compreso

tra 1900-1914

è detto anche

Belle époque……

1861………………….

Perché il Novecento è stato definito un secolo breve?

1861-1876…………….

Cosa accade in Italia tra il 1861 e il 1914?

STORIA CONTEMPORANEA:

1789-1989/2001

1876-1896………………

TEORIA DI HOBSBAWM:

La storia del ‘900 inizia nel 1914 e finisce nel 1991

1896-1900……………….

1900-1914……………….

slide2
1876-1896

. Industrializzazione/crisi agraria

. Imperialismo /corsaagli armamenti

. Patto con Austria e Germania…

. Protezionismo

Riepiloghiamo…

1861-1876

. Arretratezza culturale ed economica

. Suffragio censitario

. Liberismo

Qual era la situazione in Italia con la Destra Storica?

E con la Sinistra Storica?

slide3

Quando inizia la seconda rivoluzione industriale?

Quali Paesi sono coinvolti?

Quali fonti energetiche vengono sfruttate?

1880-1914

1870-1945

Italia, Germania,

USA, Giappone

Elettricità

Petrolio

Riepiloghiamo…

effetti della rivoluzione industriale 1880 1914
Effetti della rivoluzione industriale1880-1914
  • - globalizzazione del mercato
    • - investimenti e commercio estesi a tutto il globo
    • - depressione economica per le aree meno competitive(emigrazione transoceanica)
  • nuove politiche economiche degli stati occidentali:
  • - nuove gerarchie mondiali:
fenomeni caratterizzanti il trentennio 1870 1900
Fenomeni caratterizzanti il trentennio 1870-1900
  • Seconda rivoluzione industriale
  • Imperialismo e “politica di potenza” degli stati industrializzati
2 imperialismo e politica di potenza
2. Imperialismo e “politica di potenza”
  • - massima espansione del colonialismo europeo in Asia e in Africa
    • - le colonie servono per motivi:
    • - economici (acquisizione materie prime, smercio della produzione industriale,
    • investimenti a basso costo);
    • - ideologici (consenso interno, prestigio a livello internazionale)
    • - strategici (ridurre spazio altrui)
  • - saldatura tra classe politica e interessi finanziari
  • - competizione tra le nazioni
      • le nazioni industrializzate, in modo particolare quelle europee, e in
      • modo più aggressivo e marcato la Germania, cercano di ampliare
      • le proprie zone di penetrazione coloniale e influenza finanziaria,
      • usando tutte le risorse tecnologiche e militari di cui dispongono
le fasi del colonialismo imperialismo
Le fasi del Colonialismo/Imperialismo

PRIMA FASE

Dal 1492 alla seconda metà del Settecento

SECONDA FASE

Durante l’Ottocento

Spagna e Portogallo

Francia, Inghilterra e Germania

America

Africa

Lo sfruttamento commerciale precede la conquista militare e politica dei territori

La conquista militare e politica precede lo sfruttamento commerciale

la spartizione dell africa 1914
La spartizione dell’Africa (1914)

Italia

Libia (1912)

FR

Eritrea (1890)

GB

Etiopia (Abissinia)

GB

Somalia (1885; 1908)

FR

FR

GB

slide10
LA CRISI

DI FINE

SECOLO

ECONOMICA: il protezionismo danneggia l’economia del Sud mentre al Nord l’industria decolla

SOCIALE: molti, soprattutto meridionali, sono costretti a emigrare verso USA, Argentina, Brasile

POLITICA: a governare è una ristretta oligarchia di potenti…

slide11

1903-1914: GIOLITTI

OBIETTIVO ECONOMICO

Decollo industriale

PROGETTO

funzionale a

OBIETTIVO POLITICO

Consolidamento stato liberale

e democratizzazione della vita politica

in un contesto caratterizzato

da profonde trasformazioni socio-economiche

obiettivo politico
LA DEMOCRATIZZAZIONE

DELLA VITA POLITICA

1904: legislazione sociale…….

1906: nasce la Cgl……..

1912: suffragio universale maschile

LIBERALISMO

ideologia e movimento

politico

che rivendica

la libertà d'azione

dell'individuo

nella società

  • SOCIALISMO
  • Dottrina politica
  • nata a inizio ‘800
  • per eliminare le ingiustizie
  • sociali.
  • Secondo Marx bisognava,
  • attraverso la rivoluzione,
  • - abolire le classi
  • - abolire la proprietà privata
  • collettivizzare beni e risorse.
  • Il PSI viene fondato a Genova
  • nel 1892
  • da Turati e Bissolati.
  • Molti operai e contadini
  • rimasero anarchici

ANARCHIA

Concezione politica

nata a metà ‘800

che sostiene la libertà

degli individui contro

ogni forma di Stato

e di autorità precostituita

OBIETTIVO POLITICO
la politica del doppio volto
La politica del doppio volto

CLIENTELISMO

Pratica grazie alla quale una persona

che non avrebbe alcun titolo

per godere di risorse, benefici

o posti di prestigio nel panorama

politico-sociale,

li ottiene attraverso i favori

forniti da una o più persone

appartenenti ad un gruppo di potere.

Per questi favori Giolitti chiedeva, in cambio,

voti per il proprio partito.

  • Il modo di fare politica di Giolitti venne definito “del doppio volto”:
  • un volto aperto e democratico al Nord
  • un volto corrotto e senza scrupoli al Sud
  • Per quanto riguarda il Nord Giolitti:
  • non impedì gli scioperi ma fece in modo che si svolgessero sotto il controllo dell’autorità;
  • - migliorò le norme che riguardavano il lavoro.
  • Per quanto riguarda il Sud Giolitti:
  • - controllò le elezioni politiche facendo ricorso al clientelismo;
  • - talvolta usò la malavita per intimidire gli avversari.
  • Per questo modo di operare gli fu rivolto l’appellativo di MINISTRO DELLA MALAVITA (G. Salvemini).
la politica estera di giolitti
1911-1912:

per assecondare le richieste di industriali e banchieri…

guerra contro l’Impero turco per la conquista della Libia

Occupazione delle isole del Dodecaneso

La politica estera di Giolitti
slide17
Sai dove s’annida più florido il suol?Sai dove sorrida più magico il sol?Sul mar che ci lega coll’Africa d’or,la stella d’Italia ci addita un tesor.Tripoli, bel suol d’amore ...

Per motivare l’opinione pubblica italiana a sostenere l’occupazione della Libia – allora sotto sovranità turca – i giornali inventarono frottole e visioni paradisiache di quello che era uno “scatolone pieno di sabbia”.

slide19

LA GRANDE PROLETARIA SI E’ MOSSA

E’ l’incipit del discorso pubblico tenuto a Barga il 26 Novembre 1911, in cui il poeta esprime la sua entusiastica adesione all’impresa coloniale libica.

Ma nell’ideologia politica di Pascoli sono presenti anche motivi psicologici ed esistenziali. La difesa del nido familiare diventa qui esaltazione della famigliadi tutti gli italiani, la nazione, all’interno della quale non ha senso l’odio e la lottadi classe, ma occorre invece la cooperazione di tutti gli strati sociali nella comune

lotta contro le nazioni più ricche e più potenti.

La nazione proletaria può diventare potente. I contadini, ceto esaltato da Pascoli,saranno i protagonisti di questa epopea andando a formare le fila dell’esercito.L’umiliazione di intere generazioni costrette all’emigrazione sarà così riscattata.

La grande proletaria si è mossa.Prima ella mandava altrove i suoi lavoratori che in patria erano troppi e dovevano lavorare per troppo poco. Li mandava oltre Alpi e oltre mare a tagliare istmi, a forare monti, ad alzar terrapieni, a gettar moli, a scavar carbone, a scentar selve, a dissodare campi, a iniziare culture, a erigere edifizi, ad animare officine, a raccoglier sale, a scalpellar pietre; a fare tutto ciò che è più difficile e faticoso, e tutto ciò che è più umile e perciò più difficile ancora: ad aprire vie nell'inaccessibile, a costruire città, dove era la selva vergine, a piantar pometi, agrumeti, vigneti, dove era il deserto; e a pulire scarpe al canto della strada.Il mondo li aveva presi a opra, i lavoratori d'Italia; e più ne aveva bisogno, meno mostrava di averne, e li pagava poco e li trattava male e li stranomava. [...] Era una vergogna e un rischio farsi sentire a dir Si, come Dante, a dir Terra, come Colombo, a dir Avanti! come Garibaldi.Si diceva: - Dante? Ma voi siete un popolo d'analfabeti! Colombo? Ma la vostra è l'onorata società della camorra e della mano nera! Garibaldi? Ma il vostro esercito s'è fatto vincere e annientare da africani scalzi! Viva Menelik! [...]

slide20

Ma la grande Proletaria ha trovato luogo per loro: una vasta regione bagnata dal nostro mare, verso la quale guardano, come sentinelle avanzate, piccole isole nostre; verso la quale si protende impaziente la nostra isola grande; una vasta regione che già per opera dei nostri progenitori fu abbondevole d'acque e di messi, e verdeggiante d'alberi e giardini; e ora, da un pezzo, per l'inerzia di popolazioni nomadi e neghittose, è per gran parte un deserto

Là i lavoratori saranno, non l'opre, mal pagate mal pregiate mal nomate, degli stranieri, ma, nel senso più alto e forte delle parole, agricoltori sul suo, sul terreno della patria; non dovranno, il nome della patria, a forza, abiurarlo, ma apriranno vie, colteranno terre, deriveranno acque, costruiranno case, faranno porti, sempre vedendo in alto agitato dall'immenso palpito del mare nostro il nostro tricolore.E non saranno rifiutati, come merce avariata, al primo approdo; e non saranno espulsi, come masnadieri, alla prima loro protesta; e non saranno, al primo fallo d'un di loro, braccheggiati inseguiti accoppati tutti, come bestie feroci.Veglieranno su loro le leggi alle quali diedero il loro voto. Vivranno liberi e sereni su quella terra che sarà una continuazione della terra nativa, con frapposta la strada vicinale del mare. Troveranno, come in patria, ogni tratto le vestigia dei grandi antenati.Anche là è Roma.