Download
slide1 n.
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
La Domenica del... PowerPoint Presentation
Download Presentation
La Domenica del...

La Domenica del...

83 Views Download Presentation
Download Presentation

La Domenica del...

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. La Domenica del... Il mezzo è messaggio o il messaggio sta nel mezzo?

  2. Il tempo dello spazio Nel Rinascimento l'uso del tempo e dello spazio fu completamente cambiato dall'avvento della stampa. Quel cambiamento fu anche di ordine politico, in molti furono uccisi in conseguenza a questa rivoluzione. La formazione dello spazio nel Rinascimento era la visione del mondo come un teatro. Oggi la sparizione dello spazio vuole dire la sparizione dell'orizzontalità. Siamo arrivati al tempo istantaneo. Internet é una cosa immediata. Oggi é possibile collegarsi con tutti i database e avere tutte le informazioni necessarie. Si sviluppa una psicologia atemporale, aspaziale e connettiva. Il satellite é il nostro spazio mentale attuale, é l'ultimo limite dell'uomo, la frontiera.

  3. Televisione e Computer Tra televisione e computer c'é una storia erotica molto violenta. La tv é stata violentata. Ormai la guerra é finita, l'analogico sta per scomparire. La scoperta del calcolatore ha limitato la tv. L'interattività non é propria della televisione, il modello della tv é dell'informazione sulla produzione (rivoluzione industriale), é "one way". Nella telematica é invece l'utente che fa il prodotto. Per la tv la battaglia é finita....e perduta.

  4. Censura E' impossibile applicare qualsiasi forma di controllo digitale, sia politica che economica, alle reti. E' invece possibile lasciare Internet senza controllo e applicare forme di censura sulle reti private. Ad esempio posso pagare per non vedere pornografia. Dobbiamo lasciare al dominio privato questo tipo di servizio, la moralità di domani sarà un servizio a pagamento. Dobbiamo lasciare Internet libera nell'esprimere la sua naturale vocazione all'autorganizzazione, che é una forma d'intelligenza. Oggi c'é più intelligenza in rete che da qualsiasi altra parte.

  5. Per un pieno accesso alle nuove tecnologie ci si deve confrontare con tre problemi: • accesso tecnico. E' rilevante soprattutto per il collegamento alla linea telefonica che rimane un problema. Si deve lavorare per una comunicazione senza fili. • problema finanziario. Non si deve pagare per ogni telefonata. E'assurdo! Va riconosciuta una necessità sociale all'accesso telematico. Si pagherà quando si richiedono bande maggiori, ma l'accesso minimale deve essere garantito.

  6. Lavoro Nel futuro immediato il Governo e l'Industria daranno meno posti di lavoro. Ognuno si dovrà far carico del proprio futuro nel mondo del lavoro. Non saranno Governo e Industria a darci l'occupazione. Con l'affermarsi di Internet il prodotto principale sarà l'informazione, e tutti noi possiamo fare informazione. Ognuno di noi ha qualcosa da dire.

  7. Java Siamo in una situazione interessante perché abbiamo una memoria nuova come il database, di fatto una memoria globale. Il nuovo linguaggio Java modificherà il tipo di accesso al processing. Con Java potrò connettermi ad un super-computer con immense possibilità. Credo che cambierà anche il contenuto di Internet, da un contenuto di memoria si passerà ad un contenuto di creazione, di intelligenza.

  8. Stato digitale o repubblica elettronica? Lo Stato digitale a cui noi pensiamo non solo può fungere da regolatore, ma può anche rappresentare un’opportunità di cambiamento e di giustizia sociale. Un compito certo gravoso, ma indispensabile. Un compito su cui occorre necessariamente riflettere.

  9. Last but not least Una chicca attinta da Internet… Parla Bruno Gambarotta B ISOGNA RIVALUTARE Marshall Mc Luhan, aveva ragione lui, il mezzo è veramente il messaggio. Prendiamo il telefono cellulare; il messaggio che comunica chi lo esibisce è: "Sono un pirla". La Telecom, sensibile alla pirlaggine che per lei è una miniera inesauribile, ha istituto tre premi: il "Pirla d'oro, d'argento e di bronzo" per le telefonate che siano al contempo più inutili e più fastidiose per coloro che sono costretti a sentirle.