Download
le banche italiane dismissioni e condizioni per un ritorno franco lattanzi area studi capitalia n.
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
2° Incontro sulla strategia italiana verso l’America Latina. Roma, 19 ottobre 2006 PowerPoint Presentation
Download Presentation
2° Incontro sulla strategia italiana verso l’America Latina. Roma, 19 ottobre 2006

2° Incontro sulla strategia italiana verso l’America Latina. Roma, 19 ottobre 2006

125 Views Download Presentation
Download Presentation

2° Incontro sulla strategia italiana verso l’America Latina. Roma, 19 ottobre 2006

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. Le banche italiane. Dismissioni e condizioni per un ritornoFranco Lattanzi - Area Studi Capitalia 2° Incontro sulla strategia italiana verso l’America Latina. Roma, 19 ottobre 2006

  2. LE BANCHE ITALIANE IN AMERICA LATINA Cifre in milioni di US$ Le banche italiane. Dismissioni e condizioni per un ritorno

  3. L’Italia deve risalire molte posizioni Elaborazione Area Studi Capitalia su dati ABI-BRI marzo 2006, cifre in milioni di US$ Le banche italiane. Dismissioni e condizioni per un ritorno

  4. I MOTIVI DELLE DISMISSIONI • La ristrutturazione delle banche italiane ha focalizzato l’attenzione sul mercato interno. • Maggior avversione al rischio rispetto alle banche internazionali in una fase di tassi bassi. • Sono stati premiati i paesi a più alti tassi di crescita: Cina, India, Far Est e quelli in cui maggiore è la presenza di imprese italiane: Est Europa. • Il “default” argentino ha inciso più che in altri paesi sul risparmio gestito ed amministrato. • Era comunque presente una esigenza di ristrutturazione e di razionalizzazione della rete estera: si è colta l’occasione. Le banche italiane. Dismissioni e condizioni per un ritorno

  5. I TASSI DI CRESCITA PER MACRO-AREE: L’AMERICA LATINA È UN MERCATO INTERESSANTE. Le banche italiane. Dismissioni e condizioni per un ritorno

  6. Le previsioni sui flussi finanziari esteri. • I finanziamenti esteri privati netti verso l’ America Latina nel 2007 dovrebbero passare da 12,7 a 18,5 miliardi di dollari. • Gli Investimenti esteri diretti (IDE) nel 2007 ammonteranno a 46,6 miliardi di dollari. • Gli investimenti di portafoglio passeranno da 4,3 a 10,7 miliardi di dollari. (Fonte: Elaborazione Area Studi Capitalia su “World Economic Outlook” I.M.F. Settembre 2006) Le banche italiane. Dismissioni e condizioni per un ritorno

  7. La fine dei Brady Bonds. Fonte J.P. Morgan, marzo 2006 – cifre in miliardi di dollari Le banche italiane. Dismissioni e condizioni per un ritorno

  8. I MERCATI STANNO “RIPREZZANDO” IL RAPPORTO RISCHIO RENDIMENTO NEGLI “EMERGING MARKETS” • L’inversione della politica dei tassi e le mutate condizioni del mercato internazionale dei capitali stanno spingendo verso un “flight to quality”. • Ciò adegua il premio a rischio dei paesi emergenti verso condizioni più equilibrate, • Ma può creare forti situazioni di instabilità nelle valute e sui mercati mobiliari di alcuni fra questi paesi (crisi di maggio-giugno). • A differenza che in passato, il rischio non sembra generalizzato, ma concentrato su aree geografiche e su paesi che presentano da un lato forti squilibri commerciali e, dall’altro, maggior dipendenza dai finanziamenti esteri. Le banche italiane. Dismissioni e condizioni per un ritorno

  9. L’AMERICA LATINA APPARE MOLTO PIÙ RESISTENTE CHE IN PASSATO. • A livello di aree geografiche l’Asia sembra in massima parte immune da rischi immediati, anche se il “surriscaldamento” di alcune economie può nel medio termine porre problemi a uno sviluppo equilibrato. • Il Sud America, dopo le esperienze passate di “default” e le politiche di “riacquisto” del debito estero sembra sostanzialmente resistente, a meno che lo “slow down” americano non sia molto più forte del previsto. • La rischiosità sistemica sembra invece accentuarsi per alcuni paesi dell’Est Europa, Russia esclusa, dove tutti gli indicatori apparsi nelle crisi della prima parte del 2006, in altre aree, trovano riscontro. (Area Studi Capitalia “Emerging Markets Outlook & Forecast” ottobre 2006) Le banche italiane. Dismissioni e condizioni per un ritorno

  10. LA “STRATEGIA PER IL RITORNO”: IL CASO CAPITALIA Focus: • Assistenza all’internazionalizzazione delle imprese italiane. • Creazione di una rete di “banche locali corrispondenti”. • Favorire gli Investimenti Esteri diretti in Italia Le banche italiane. Dismissioni e condizioni per un ritorno

  11. CAPITALIA GROUP ECM/DCM TREASURY CAPITALIA INFORMATICA 100% CAPITALIA SOLUTIONS 100% • REAL ESTATE • PURCHASING • LOGISTICS FOREIGN BRANCHES CORPORATE BANKING WEALTH MANAGEMENT RETAIL AND COMMERCIAL BANKING Le banche italiane. Dismissioni e condizioni per un ritorno

  12. Mosca Londra Bruxelles Parigi Capitalia Luxembourg Francoforte Bucarest Pechino Madrid Istanbul New York Tokyo Tunisi Shanghai Beirut Hong Kong INDIA-Mumbai Singapore BRASILE-San Paolo LA RETE ESTERA LA RETE ESTERA Sedi Banca di Roma Prossime aperture Sussidiaria Uffici di Rappresentanza Banca di Roma Le banche italiane. Dismissioni e condizioni per un ritorno

  13. INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PMI: COSA OFFRIRE ALLE AZIENDE ESPORTATRICI SACE: CAQ BERS: TFP • Finexport • Sconto pro-solvendo • Credito Documentario: • Silent Confirmation • Star del Credere SACE • Factoring: • maturity • pro-soluto • Credito Documentario: • Conferma • L/G: • Bid Bond • Advance Payment Bond • Performance Bond • Retention Money Bond • Credito Documentario: • Smobilizzo impegni di pagamento • Attualizzazione • Sconto pro-soluto CREDITO ALL’EXPORT SACE: Polizza Fideiussione SACE Finanziamento Capitale Circolante • Credito Documentario: • Rifinanziamento Banca • Emittente SACE SACE: Working Capital Facility Buyer’s Credit Leasing Internazionale Sconto pro-soluto effetti Forfaiting BERS: TFP SACE: voltura di polizza SACE SACE Le banche italiane. Dismissioni e condizioni per un ritorno