slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Inno PowerPoint Presentation
Download Presentation
Inno

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 10

Inno - PowerPoint PPT Presentation


  • 127 Views
  • Uploaded on

15 LUGLIO 2014 MARTEDÌ - XV SETTIMANA DEL TEMPO ORDINARIO SAN BONAVENTURA Vescovo e Dottore della Chiesa UFFICIO DELLE LETTURE.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Inno' - keola


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

15 LUGLIO 2014 MARTEDÌ - XV SETTIMANA DEL TEMPO ORDINARIO SAN BONAVENTURA Vescovo e Dottore della Chiesa UFFICIO DELLE LETTURE

Ascoltate oggi la sua voce: †« Non indurite il cuore, * come a Merìba, come nel giorno di Massa nel deserto,dove mi tentarono i vostri padri: *mi misero alla prova pur avendo visto le mie opere.Per quarant'anni mi disgustai di quella generazione † e dissi: Sono un popolo dal cuore traviato, * non conoscono le mie vie;perciò ho giurato nel mio sdegno: * Non entreranno nel luogo del mio riposo ». Gloria al Padre e al Figlio * e allo Spirito Santo.  Come era nel principio, e ora e sempre, * nei secoli dei secoli. Amen.

Antifona Venite, adoriamo il pastore supremo, Cristo Signore.

INVITATORIOV. Signore, apri le mie labbraR. e la mia bocca proclami la tua lode.AntifonaVenite, adoriamo il pastore supremo,Cristo Signore.

SALMO 94  Invito a lodare DioEsortandovi a vicenda ogni giorno, finché dura « quest'oggi » (Eb 3,13).Venite, applaudiamo al Signore, * acclamiamo alla roccia della nostra salvezza. Accostiamoci a lui per rendergli grazie, * a lui acclamiamo con canti di gioia.Poiché grande Dio è il Signore, * grande re sopra tutti gli dèi. Nella sua mano sono gli abissi della terra, * sono sue le vette dei monti. Suo è il mare, egli l'ha fatto, * le sue mani hanno plasmato la terra.Venite, prostràti adoriamo, * in ginocchio davanti al Signore che ci ha creati. Egli è il nostro Dio, e noi il popolo del suo pascolo, * il gregge che egli conduce.

slide2

Inno

Frumento di Cristo noi siamo,cresciuto nel sole di Dio,nell'acqua del fonte impastati,segnati dal crisma divino.In pane trasformaci, o Padre,per il sacramento di pace:un Pane, uno Spirito, un Corpo,la Chiesa una santa, o Signore.O Cristo, pastore glorioso,a te la potenza e l'onorecol Padre e lo Spirito Santonei secoli dei secoli. Amen.

slide3

Ai derelitti Dio fa abitare una casa, †fa uscire con gioia i prigionieri; *solo i ribelli abbandona in arida terra. Dio, quando uscivi davanti al tuo popolo, * quando camminavi per il deserto, tremò la terra, stillarono i cieli davanti al Dio del Sinai, * davanti a Dio, il Dio di Israele. Pioggia abbondante riversavi, o Dio, *rinvigorivi la tua eredità esausta. E il tuo popolo abitò il paese *che nel tuo amore, o Dio, preparasti al misero.Gloria al Padre e al Figlio *e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre, *nei secoli dei secoli. Amen.1^ AntifonaSorga Dio, e i suoi nemici fuggono lontano.

1^ AntifonaSorga Dio, e i suoi nemici fuggono lontano.SALMO 67, 2-11 (I) L'ingresso trionfale del SignoreAscendendo in cielo ha portato con sé i prigionieri, ha distribuito doni agli uomini. Colui che discese è lo stesso che anche ascese al di sopra di tutti i cieli, per riempire tutte le cose (Ef 4, 8. 10).Sorga Dio, i suoi nemici si disperdano *e fuggano davanti a lui quelli che lo odiano. Come si disperde il fumo, tu li disperdi; †come fonde la cera di fronte al fuoco, *periscano gli empi davanti a Dio. I giusti invece si rallegrino, †esultino davanti a Dio *e cantino di gioia. Cantate a Dio, inneggiate al suo nome, *spianate la strada a chi cavalca le nubi: «Signore» è il suo nome, *gioite davanti a lui. Padre degli orfani e difensore delle vedove *è Dio nella sua santa dimora. 

slide4

Benedetto il Signore sempre; *ha cura di noi il Dio della salvezza. Il nostro Dio è un Dio che salva; *il Signore Dio libera dalla morte. 

Sì, Dio schiaccerà il capo dei suoi nemici, *la testa altera di chi percorre la via del delitto. Ha detto il Signore:«Da Basan li farò tornare, *li farò tornare dagli abissi del mare, perché il tuo piede si bagni nel sangue, *e la lingua dei tuoi cani riceva la sua parte tra i nemici».Gloria al Padre e al Figlio *e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre, *nei secoli dei secoli. Amen.2^ AntifonaIl nostro Dio è un Dio che salva,è lui che ci libera dalla morte.

2^ AntifonaIl nostro Dio è un Dio che salva,è lui che ci libera dalla morte.SALMO 67, 12-24 (II) Il Signore annunzia una notizia, *le messaggere di vittoria sono grande schiera: «Fuggono i re, fuggono gli eserciti, *anche le donne si dividono il bottino. Mentre voi dormite tra gli ovili, †splendono d'argento le ali della colomba, *le sue piume di riflessi d'oro». Quando disperdeva i re l'Onnipotente, *nevicava sullo Zalmon. Monte di Dio, il monte di Basan, *monte dalle alte cime, il monte di Basan. Perché invidiate, o monti dalle alte cime, †il monte che Dio ha scelto a sua dimora? *Il Signore lo abiterà per sempre. I carri di Dio sono migliaia e migliaia: *il Signore viene dal Sinai nel santuario. Sei salito in alto conducendo prigionieri, †hai ricevuto uomini in tributo: * anche i ribelli abiteranno presso il Signore Dio. 

slide5

Regni della terra, cantate a Dio, *cantate inni al Signore; egli nei cieli cavalca, nei cieli eterni, *ecco, tuona con voce potente. Riconoscete a Dio la sua potenza, †la sua maestà su Israele, *la sua potenza sopra le nubi. Terribile sei, Dio, dal tuo santuario; †il Dio d'Israele dà forza e vigore al suo popolo, * sia benedetto Dio.Gloria al Padre e al Figlio *e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre, *nei secoli dei secoli. Amen.3^ AntifonaCantate a Dio, popoli del mondo,cantate inni al Signore.

3^ AntifonaCantate a Dio, popoli del mondo,cantate inni al Signore.SALMO 67, 25-36 (III)

Appare il tuo corteo, Dio, *il corteo del mio Dio, del mio re, nel santuario. Precedono i cantori, † seguono ultimi i citaredi, *in mezzo le fanciulle che battono cembali. «Benedite Dio nelle vostre assemblee, *benedite il Signore, voi della stirpe di Israele». Ecco, Beniamino, il più giovane, †guida i capi di Giuda nelle loro schiere, *i capi di Zàbulon, i capi di Nèftali. Dispiega, Dio, la tua potenza, *conferma, Dio, quanto hai fatto per noi. Per il tuo tempio, in Gerusalemme, *a te i re porteranno doni. Minaccia la belva dei canneti, †il branco dei tori con i vitelli dei popoli: *si prostrino portando verghe d'argento; 

disperdi i popoli che amano la guerra. †Verranno i grandi dall'Egitto, *l'Etiopia tenderà le mani a Dio. 

slide6

V. Ascolterò la parola del Signore: R. egli parla di pace al suo popolo. Prima Lettura: Dal primo libro dei Re 19, 1-9a. 11-21Il Signore si manifesta a Elia

Gli fu detto: «Esci e fermati sul monte alla presenza del Signore». Ecco, il Signore passò. Ci fu un vento impetuoso e gagliardo da spaccare i monti e spezzare le rocce davanti al Signore, ma il Signore non era nel vento. Dopo il vento ci fu un terremoto, ma il Signore non era nel terremoto. Dopo il terremoto ci fu un fuoco, ma il Signore non era nel fuoco. Dopo il fuoco ci fu il mormorio di un vento leggero. Come l'udì, Elia si coprì il volto con il mantello, uscì e si fermò all'ingresso della caverna. Ed ecco, sentì una voce che gli diceva: «Che fai qui, Elia?».

In quei giorni Acab riferì a Gezabele ciò che Elia aveva fatto e che aveva ucciso di spada tutti i profeti. Gezabele inviò un messaggero a Elia per dirgli: «Gli dèi mi facciano questo e anche di peggio, se domani a quest'ora non avrò reso te come uno di quelli». Elia, impaurito, si alzò e se ne andò per salvarsi. Giunse a Bersabea di Giuda. Là fece sostare il suo ragazzo. Egli si inoltrò nel deserto una giornata di cammino e andò a sedersi sotto un ginepro. Desideroso di morire, disse: «Ora basta, Signore! Prendi la mia vita, perché io non sono migliore dei miei padri». Si coricò e si addormentò sotto il ginepro. Allora, ecco un angelo lo toccò e gli disse: «Alzati e mangia!». Egli guardò e vide vicino alla sua testa una focaccia cotta su pietre roventi e un orcio d'acqua. Mangiò e bevve, quindi tornò a coricarsi. Venne di nuovo l'angelo del Signore, lo toccò e gli disse: «Su mangia, perché è troppo lungo per te il cammino». Si alzò, mangiò e bevve. Con la forza datagli da quel cibo, camminò per quaranta giorni e quaranta notti fino al monte di Dio, l'Oreb. Ivi entrò in una caverna per passarvi la notte, quand'ecco il Signore gli disse: «Che fai qui, Elia?».

slide7

Prima Lettura: Dal primo libro dei Re 19, 1-9a. 11-21Il Signore si manifesta a Elia

Elia disse: «Va' e torna, perché sai bene che cosa ho fatto di te». Allontanatosi da lui, Eliseo prese un paio di buoi e li uccise; con gli attrezzi per arare ne fece cuocere la carne e la diede alla gente, perché la mangiasse. Quindi si alzò e seguì Elia, entrando al suo servizio. Responsorio R. Disse il Signore a Mosè: quando passerà la mia gloria, io ti porrò nella cavità della rupe e ti coprirò con la mano finché sarò passato, * perché nessuno può vedere Dio e restare vivo. V. Dio nessuno l'ha mai visto: il Figlio unigenito, che è nel seno del Padre, lo ha rivelato, R. perché nessuno può vedere Dio e restare vivo.

Egli rispose: «Sono pieno di zelo per il Signore, Dio degli eserciti, poiché gli Israeliti hanno abbandonato la tua alleanza, hanno demolito i tuoi altari, hanno ucciso di spada i tuoi profeti. Sono rimasto solo ed essi tentano di togliermi la vita». Il Signore gli disse: «Su, ritorna sui tuoi passi verso il deserto di Damasco; giunto là, ungerai Cazael come re di Aram. Poi ungerai Ieu, figlio di Nimsi, come re di Israele e ungerai Eliseo figlio di Safat, di Abel-Mecola, come profeta al tuo posto. Se uno scamperà dalla spada di Cazael, lo ucciderà Ieu; se uno scamperà dalla spada di Ieu, lo ucciderà Eliseo. Io poi mi sono risparmiato in Israele settemila persone, quanti non hanno piegato le ginocchia a Baal e quanti non l'hanno baciato con la bocca». Partito di lì, Elia incontrò Eliseo figlio di Safat. Costui arava con dodici paia di buoi davanti a sé, mentre egli stesso guidava il decimosecondo. Elia, passandogli vicino, gli gettò addosso il suo mantello. Quegli lasciò i buoi e corse dietro a Elia, dicendogli: «Andrò a baciare mio padre e mia madre, poi ti seguirò».

slide8

Seconda Lettura: Dall'opuscolo «Itinerario della mente a Dio» di san Bonaventura, vescovo (Cap. 7,1.2.4.6; Opera omnia, 5,312-313)La mistica sapienza rivelata mediante lo Spirito Santo

Cristo è la via e la porta. Cristo è la scala e il veicolo. E il propiziatorio collocato sopra l'arca di Dio (cfr. Es 26,34). È «il mistero nascosto da secoli» (Ef 3,9). Chi si rivolge a questo propiziatorio con dedizione assoluta, e fissa lo sguardo sul crocifisso Signore mediante la fede, la speranza, la carità, la devozione, l'ammirazione, l'esultanza, la stima, la lode e il giubilo del cuore, fa con lui la Pasqua, cioè il passaggio; attraversa con la verga della croce il Mare Rosso, uscendo dall'Egitto per inoltrarsi nel deserto. Qui gusta la manna nascosta, riposa con Cristo nella tomba come morto esteriormente, ma sente, tuttavia, per quanto lo consenta la condizione di viatori, ciò che in croce fu detto al buon ladrone, tanto vicino a Cristo con l'amore: «Oggi sarai con me nel paradiso!» (Lc 23,43).Ma perché questo passaggio sia perfetto, è necessario che, sospesa l'attività intellettuale, ogni affetto del cuore sia integralmente trasformato e trasferito in Dio.

È questo un fatto mistico e straordinario che nessuno conosce se non chi lo riceve. Lo riceve solo chi lo desidera, non lo desidera se non colui che viene infiammato dal fuoco dello Spirito Santo, che Cristo ha portato in terra. Ecco perché l'Apostolo afferma che questa mistica sapienza è rivelata dallo Spirito Santo.

slide9

Seconda Lettura: Dall'opuscolo «Itinerario della mente a Dio» di san Bonaventura, vescovo (Cap. 7,1.2.4.6; Opera omnia, 5,312-313)La mistica sapienza rivelata mediante lo Spirito Santo

Passiamo con Cristo crocifisso, «da questo mondo al Padre», perché, dopo averlo visto, possiamo dire con Filippo «questo ci basta» (Gv 14,8); ascoltiamo con Paolo: «Ti basta la mia grazia» (2Cor 12,9); rallegriamoci con Davide, dicendo: «Vengono meno la mia carne e il mio cuore; ma la roccia del mio cuore è Dio, è Dio la mia sorte per sempre» (Sal 72,26). «Benedetto il Signore, Dio d'Israele da sempre e per sempre. Tutto il popolo dica: Amen» (Sal 105,48).Responsorio R. Chi osserva i comandamenti, rimane in Dio, e Dio è in lui. * E questa è la prova: lo Spirito che ci ha dato. V. Il Signore ha creato la sapienza, l'ha diffusa su ogni vivente, e la dona a quanti lo amano. R. E questa è la prova: lo Spirito che ci ha dato.

Se poi vuoi sapere come avvenga tutto ciò, interroga la grazia, non la scienza, il desiderio non l'intelletto, il sospiro della preghiera non la brama del leggere, lo sposo non il maestro, Dio non l'uomo, la caligine non la chiarezza, non la luce ma il fuoco che infiamma tutto l'essere e lo inabissa in Dio con la sua soavissima unzione e con gli affetti più ardenti.Ora questo fuoco è Dio e questa fornace si trova nella santa Gerusalemme; ed è Cristo che li accende col calore della sua ardentissima passione. Lo può percepire solo colui che dice: L'anima mia ha preferito essere sospesa in croce e le mie ossa hanno prescelto la morte! (cfr. Gb 7,15).Chi ama tale morte, può vedere Dio, perché rimane pur vero che: «Nessun uomo può vedermi e restar vivo» (Es 33,20). Moriamo dunque ed entriamo in questa caligine; facciamo tacere le sollecitudini, le concupiscenze e le fantasie.

slide10

OrazioneO Dio onnipotente, guarda a noi tuoi fedeli riuniti nel ricordo della nascita al cielo del vescovo san Bonaventura, e fa' che siamo illuminati dalla sua sapienza e stimolati dal suo serafico ardore. Per Cristo nostro Signore. Amen.Benediciamo il Signore.R. Rendiamo grazie a Dio.