un mondo pieno di dei arte e mito nell antichit romana l.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Un mondo pieno di dei: arte e mito nell’antichità romana. PowerPoint Presentation
Download Presentation
Un mondo pieno di dei: arte e mito nell’antichità romana.

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 6

Un mondo pieno di dei: arte e mito nell’antichità romana. - PowerPoint PPT Presentation


  • 203 Views
  • Uploaded on

Un mondo pieno di dei: arte e mito nell’antichità romana. I miti indicano la causa o l’origine (eziologia) di ciò che esiste nel mondo reale (A. Lang).

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

Un mondo pieno di dei: arte e mito nell’antichità romana.


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
un mondo pieno di dei arte e mito nell antichit romana
Un mondo pieno di dei: arte e mito nell’antichità romana.
  • I miti indicano la causa o l’origine (eziologia) di ciò che esiste nel mondo reale (A. Lang).
  • I miti si riferiscono a fenomeni cosmologici e metereologici e sono descrizioni ingenue della natura, che viene personificata e umanizzata (M. Muller).
  • I miti servono a spiegare antichi rituali che, con il trascorrere del tempo, sono apparsi privi di significato (J.G. Frazer).
  • I miti hanno lo scopo di rendere sopportabili, di «mediare» le contraddizioni esistenti tra il desiderio e la realtà, fra ciò che si può raggiungere e non si può raggiungere, fra l’individuo e la società (C.Lévi-Strauss).
la mitologia romana
La mitologia romana.
  • Gli dei romani si possono classificare in due gruppi: dei indigetes e dei novensiles.
  • I divi indigetes erano autoctoni:i Lari, che proteggevano i campi e la casa;Giano, che vegliava sulle porte e sui passaggi; Vesta, che custodiva il focolare; Cerere che si occupava della crescita del grano; Saturno che proteggeva la semina.
  • Giove, padre degli dei, era venerato per le sue indispensabili piogge e in quanto protettore delle attività militari ambientate al di fuori dei confini; Quirino era considerato il protettore delle milizie durante i periodi di pace; Marte era il dio della guerra e della gioventù.
  • Con il trascorrere del tempo risaltò in importanza l’Olimpo antropomorfico greco, che insieme alla filosofia ellenica portò al declino dei riti originari della Roma arcaica.
zeus giove
Zeus – Giove
  • Zeus, padre di tutti gli dei e signore dell’universo, era spesso soggetto a violente passioni e impeti di collera alternati a gesti di generosità.
  • L’immagine rappresenta Giove e Teti, Jean-Auguste Dominique Ingres (1811).
atena minerva
Atena - Minerva
  • Atena fu la dea delle arti femminili del tessere, filare, cucinare, ma anche dea della guerra: a differenza di Ares (Marte) non ebbe un carattere violento. Atena venne al mondo uscendo dalla testa di Zeus (Giove).
  • Atena, Museo dell’Acropoli (450c. a.C.) Atene.
afrodite venere
Afrodite - Venere
  • Afrodite fu la dea della bellezza e dell’amore. Ella fu moglie infedele di Efesto (Vulcano), ebbe una relazione con Ares (Marte), Adone e Anchise, da cui nacque Enea, destinato a fondare la civiltà dei Romani.
  • Naissance de Venus, William Bouguereau, 1879.
era giunone
Era - Giunone
  • Hera fece il suo ingresso nell’Olimpo come regina degli dei, acquisendo i medesimi diritti di sovranità del marito Zeus (Giove). Anche se si amavano, spesso nacquero tra i due liti furibonde, dato che Hera non giustificava le infedeltà del marito. Ella, invece, fu molto fedele, ma con un carattere dispotico, invadente e vendicativo.
  • Giove e Giunone sul monte Ida, James Barry (1741-1806).