la diga sul menta
Download
Skip this Video
Download Presentation
La Diga sul Menta

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 22

La Diga sul Menta - PowerPoint PPT Presentation


  • 156 Views
  • Uploaded on

UNIVERSITÀ DELLA CALABRIA. La Diga sul Menta. Dipartimento di Ecologia – Università della Calabria. Storia di uno Studio di Valutazione di Impatto Ambientale.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'La Diga sul Menta' - kapila


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
la diga sul menta
UNIVERSITÀ DELLA CALABRIA

La Diga sulMenta

Dipartimento di Ecologia – Università della Calabria

Storia di uno Studio di Valutazione di Impatto Ambientale

slide2
Uno degli ultimi atti della “Cassa del Mezzogiorno” è stato quello di finanziare il progetto della Diga sul T. Menta in Aspromonte come soluzione al bisogno di acqua potabile della fascia costiera meridionale della Calabria che comprendeva una ventina di comuni fra i quali Reggio di Calabria.
slide3
Il Torrente Menta è un piccolo torrente che nasce nel cuore dell’Aspromonte e si getta nella fiumara Amendolea.

Foto: Mara Cagnin

slide4
Il progetto prevedeva tre fasi

I Fase: costruzione della Diga sul T. Menta

II-III Fase: captazione da altri bacini (Amendolea, Aposcipo, Ferraina)

slide5
L’invaso del T. Menta, una volta terminato, dovrebbe contenere fino a un massimo di 19 milioni di metri cubi di acqua potabile.
slide6
Simulazione del paesaggio al termine dei lavori

La diga, alta 90 metri è costruita con materiale sciolto prelevato sul posto

slide8
Nello stesso anno è iniziato anche lo Studio di Impatto Ambientale che ha coinvolto, fra l’altro, botanici e zoologi.

Il Progetto infatti riguardava in parte il Parco Nazionale della Calabria-area Aspromonte che si estendeva allora solo per circa 3000 ha.

Su questa collina verrà costruito il cantiere principale.

Foto: Mara Cagnin

slide9
Gruppo di lavoroStudio di Impatto Ambientale Diga T. Menta -1989

Progetto: ELC-Electroconsult Milano

Risorse biologiche: coordinatore F. Dessì-Fulgheri3

Fauna: G. Aloise 1, E. Balletto, P. Brandmayr 1, M. Cagnin 1, C. Giacoma 6, A. Marconato 4, T. Mingozzi 1, P. Mirabelli 1, P. Cortone 1, S. Salviati 4, R. Pizzolotto 1, S. Tripepi 1, F. Rossi 1, G. Reggiani 5, G. Andreoli 5,

Vegetazione: F. Pedrotti 2, C. Cortini-Pedrotti 2, R. Venanzoni 2, R. Canullo 2

Clima: G. Frega 1, F. Macchione 1

Paesaggio: F. Dessì-Fulgheri3

1- Università della Calabria 2- Università di Camerino 3- Università di Firenze

4- Università di Padova 5- Università di Roma 6- Università di Torino

slide11
Settembre 1986: il materiale che formerà il corpo della diga viene raccolto in sito con una speciale attrezzatura

Foto: Mara Cagnin

slide12
Lo Studio di Valutazione di Impatto Ambientale (V.I.A.) del Menta è forse il primo studio di questo tipo in Italia. La normativa CEE del 1985, che obbliga al VIA per vari tipologie di opere di grande interesse, viene infatti recepita in Italia con legge del 1988.

Diga sul Menta: settembre 1986

Foto: Mara Cagnin

slide13
Risorse Biologiche

Censimento delle risorse botaniche

Censimento delle risorse faunistiche

Carta della vegetazione

Carta delle zoocenosi

Valutazione valore botanico

Valutazione valore faunistico

Carta della sensibilità delle risorse botaniche

Carta della sensibilità delle risorse faunistiche

CLIMA

Carta sensibilità complessiva

PAESAGGIO

Lo Studio delle Risorse Biologiche si è svolto attraverso la redazione di varie carte che analizzano le risorse botaniche e faunistiche di tutta l’area del vecchio Parco Nazionale.

Confronto fra gli interventi previsti e in atto, Matrice di Impatto

Conclusioni, proposte di minimizzazione e interventi correttivi

Viene svolta anche un’analisi per prevedere gli eventuali mutamenti del clima locale prodotti dall’invaso del Menta e l’influenza sul paesaggio.

slide14
Questa mappa descriveva la distribuzione delle zoocenosi (comunità animali) e di alcune specie guida o di particolare interesse come il Driomio (Dryomys nitedula) e la farfalla Parnassius apollo trovati per la prima volta in Aspromonte nell’area dell’ex Parco Nazionale

da Brandmayr et al, 1996

slide15
Carta del valore botanico

Carta del valore faunistico

I dati dei censimenti di piante e animali sono stati elaborati mediante vari indici e il valore dell’area è stato riportato sulla mappa del Parco Aspromonte mediante una griglia di 500 metri di lato

Da: Relazione ELC 1989

slide16
da Brandmayr et al, 1996

Lo Studio di Impatto Ambientale è stato consegnato nel 1989.

Poiché le opere previste dal progetto Diga del Menta insistono su alcune delle zone di maggior pregio naturalistico del Parco sono stati proposti degli interventi per contenere il più possibile gli impatti sull’ambiente

slide17
Alcuni degli interventi proposti sono stati:

1) Ampliamento dell’area del Parco Nazionale della Calabria-Area Aspromonte che comprenda i bacini del Menta e dell’Aposcipo

2) Mitigazione dei parametri di artificialità della diga con ricoprimento arboreo e arbustivo o mimetico dei versanti

3) Conservazione della vegetazione sulla fascia dei massimi livelli del serbatoio

4) Miglioramento dell’armonia visuale delle altre opere mediante impiego di materiali adeguati e schermi di vegetazione locale

slide18
Nel 1998 il progetto è stato ridimensionato: è rimasta la sola Diga del Menta, mentre le prese e i serbatoi sui Torrenti Aposcipo, Ferraina e S.Leo sono state eliminate.

Sono state aggiunte piccole prese più a valle nei torrenti Vizanola e Catacino.

Il Parco dell’Aspromonte ora ha un’estensione di circa 80.000 ha e comprende interamente le opere del progetto del Menta

slide19
Stato dei lavori

Diga del Menta: Settembre 2008

Foto: Pietro Brandmayr

slide20
Stato dei lavori

Diga del Menta: Settembre 2008

Foto: Pietro Brandmayr

Foto: Pietro Brandmayr

slide21
Bibliografia

AAVV. 1989. Acquedotto sul Menta. Studio per la Valutazione dell’Impatto Ambientale. Risorse Biologiche. ELC-Electroconsult Milano.

CAGNIN M. 1990. Le risorse biologiche nello studio di impatto ambientale della diga sul T. Menta (Aspromonte). In: Influenze sull'ambiente di un invaso artificiale (a cura di G. Frega). Quaderni di idrotecnica. Editoriale Bios, Cosenza: 63-83.

BRANDMAYR P., CAGNIN M., MINGOZZI T., PIZZOLOTTO R. (1996) Map of zoocoenoses and evaluation for the Menta river dam in Aspromonte (Calabria, Italy). Z. Ökologie u. Naturschutz, 5:15-28.

slide22
UNIVERSITÀ DELLA CALABRIA

Dipartimento di Ecologia – Università della Calabria

Mara Cagnin

Pietro Brandmayr

Sezione Zoocenosi

Dipartimento di Ecologia

Università della Calabria

ad