slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Progetto formativo per passaggio a Capo Squadra dei VIGILI VOLONTARI del C.N.VV.F. in modalità E-LEARNING “Simone Me PowerPoint Presentation
Download Presentation
Progetto formativo per passaggio a Capo Squadra dei VIGILI VOLONTARI del C.N.VV.F. in modalità E-LEARNING “Simone Me

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 38

Progetto formativo per passaggio a Capo Squadra dei VIGILI VOLONTARI del C.N.VV.F. in modalità E-LEARNING “Simone Me - PowerPoint PPT Presentation


  • 112 Views
  • Uploaded on

Progetto formativo per passaggio a Capo Squadra dei VIGILI VOLONTARI del C.N.VV.F. in modalità E-LEARNING “Simone Messina e Cesare Bertocchi”. UN VIAGGIO OLTRE LE DISTANZE. ASPETTI ORGANIZZATIVI. dal…: “che vogliono questi?”. Settembre 2006. Un anno da raccontare.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Progetto formativo per passaggio a Capo Squadra dei VIGILI VOLONTARI del C.N.VV.F. in modalità E-LEARNING “Simone Me' - kami


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

Progetto formativo per

passaggio a Capo Squadra

dei VIGILI VOLONTARI del C.N.VV.F.

in modalità E-LEARNING

“Simone Messina e Cesare Bertocchi”

UN VIAGGIO OLTRE LE DISTANZE

dal che vogliono questi
dal…:“che vogliono questi?”

Settembre 2006

Un anno da raccontare

al PREMIO BASILE 2007 ed al PREMIO ALDO FABRIS 2008

Ottobre 2007 e Ottobre 2008

le distanze
Popolazioni ed “anime” diverse del C.N.VV.F (componente permanente e componente volontaria)

Metodologia innovativa

Disomogeneità territoriale

Disomogeneità anagrafica, esperienziale, culturale, professionale

Disomogeneità competenze informatiche

Disomogeneità dotazioni informatiche

Le distanze
i numeri
I numeri
  • discenti iscritti: 1011
  • durata: 14 settimane
  • moduli didattici: 5
  • classi virtuali: 39
  • sedi provinciali coinvolte: 47
  • sedi distaccate coinvolte: 180
i numeri1
I numeri
  • discenti risultati idonei: 795 (pari al 83% degli studenti frequentanti)
  • % dispersione alla frequenza: 17% degli iscritti
  • % abbandono – rinuncia durante il corso: 60 (pari al 6% degli iscritti)
slide7

Il percorso didattico

  • I contenuti, ridisegnati ad hoc per questo progetto, su cui si è svolta l’attività didattica sono stati organizzati in 5 moduli formativi, strategici per lo svolgimento del ruolo di Capo Squadra.
  • I moduli del progetto:
    • Le competenze comportamentali del Capo Squadra (durata: 2 settimane)
    • Il contesto organizzativo e normativo del Corpo Nazionale Vigili del Fuoco (durata: 2 settimane)
    • Le norme e i dispositivi di sicurezza (durata: 3 settimane)
    • Le competenze di strategia e tattica d’intervento (durata: 5 settimane)
    • Le competenze su costruzioni, dissesti e impianti tecnologici (durata: 2 settimane)
slide8

Gli attori del progetto

  • Team di progettazione metodologica (Area I DCF in collaborazione con Elidea – psicologi associati)
  • Team di progettisti di contenuti tecnici e comportamentali a livello nazionale (funzionari tecnici già tutor in corsi attuati dalla DCF provenienti da vari Comandi Provinciali)
  • Coordinamento didattico (funzionario direttivo in servizio presso l’Area I)
  • Team di consulenti informatici (Area I – DCF e Comando Torino)
  • Segreteria didattica (Area I – DCF)
  • Il team di supporto didattico (Elidea – psicologi associati)
  • Il team di esperti per i contenuti comportamentali ((Elidea – psicologi associati)
  • Il team di mentori (uno per ogni classe virtuale) per i contenuti tecnici (funzionari tecnici dei Comandi Provinciali)
  • I discenti – suddivisi in 39 “classi virtuali”
slide10

Il modello didattico

Lo schema generale di ogni singolo modulo ha previsto la seguente articolazione:

slide11

Valutazione

forum

Valutazione esercitazioni

Test di ingresso modulo

Questionario

di valutazione del modulo

Test di uscita

La valutazione del percorso

Per ogni modulo la valutazione ha previsto:

Sistema di valutazione

slide13

PERIODO

01 dic. 2006 - 20 apr. 2007

numero di pagine visitate

4.715.023

media giornaliera

33.678

picco massimo giornaliero

60.000

slide16

Una giornata tipo

media 1246

ore

slide17

Periodo

01 dic. 2006 - 20 apr. 2007

orario di picco giornaliero relativo alla fruizione della piattaforma

ore 21,00 - ore 24,00

slide18

Un Esempio

Inizio modulo 2

Fruizione lezioni

consegna esercitazioni

Modulo 1

Inizio modulo 2

Dicembre 2006

Gennaio 2007

giorno

slide19

PERIODO

01 dic. 2006 - 20 apr. 2007

orario di picco giornaliero relativo alla fruizione della piattaforma

ore 21,00 - ore 24,00

slide20

MESE DI DICEMBRE (comprensivo delle festività natalizie)

pagine visitate

844.860

periodo di ferie natalizie

24 DICEMBRE AL 7 GENNAIO

media giornaliera di pagine aperte

16.208

slide21

L’apprendimento

Confronto valori medi test entrata/uscita per modulo

I valori medi qui riportati indicano per ogni modulo un netto incremento nel superamento del test di uscita a confronto con i risultati dello stesso test svolto in entrata.

slide22

Questionario di gradimento:

media complessiva

riferita alle singole domande del questionario

Tutti gli aspetti indagati hanno ottenuto in media valutazioni superiori al punteggio 3, a dimostrazione dell’alto livello di gradimento conseguito

slide23

FORUM DI SERVIZIO

433“discussioni aperte” (periodo di corso)

Più di 7900messaggi inseriti

forum di servizio
L’esistenza di una vera e propria “comunità virtuale” è dato dai tanti messaggi di reciproco aiuto e condivisione che i partecipanti si sono scambiati principalmente attraverso il Forum di Servizio.

In particolare, oggetto di tali scambi sono stati:

Aspetti operativi e metodologici sullo svolgimento del corso (date, scadenze, modalità di invio dell’esercitazione, etc.)

Aspetti tecnico-informatici circa le procedure di utilizzo della piattaforma e di fruizione dei materiali didattici

Condivisione di informazioni circa i temi del corso, i colleghi, saluti e messaggi di benvenuto, auguri per le festività, incoraggiamento reciproco, etc.

Il ruolo del Vigile del Fuoco Volontario

Temi di interesse comune

Forum di servizio
la voce dei partecipanti
La voce dei partecipanti

Attraverso i Forum e le e - mail moltissimi partecipanti hanno manifestato il loro apprezzamento per questa iniziativa. I contributi più significativi hanno riguardato:

  • L’utilità dei contenuti trattati e la centratura pratica delle lezioni rispetto al ruolo del Capo Squadra;
  • L’opportunità di seguire il corso compatibilmente con il lavoro e gli impegni personali;
  • La sensazione positiva di essere sempre seguiti dal Coordinamento e dal Supporto Didattico e da Mentori disponibili
  • La riconferma della propria soddisfazione circa l’iniziativa, in alcuni casi evidenziando come con il tempo abbiano preso piacevolmente confidenza con il PC, riducendo le difficoltà di fruizione del percorso
  • la segnalazione della utilità del percorso didattico anche per i colleghi che non hanno partecipato
la comunit oltre il corso
La comunità “oltre il corso”

Dalla chiusura del percorso ad oggi sono state aperte

190 nuove discussioni,

il 95% delle quali attivate direttamente dai Volontari, con l’inserimento di

ben 3000 contributi in più

rispetto all’aprile del 2007… orientati a

Condivisione e Supporto nel tempo

slide35

Le ragioni del successo

Le ragioni del successo dell’iniziativa non risiedono tanto negli strumenti o nelle opportunità tecnologiche che ha sfruttato, quanto nel FORTE MANDATO ISTITUZIONALE E NELLA CENTRATURA SUI SISTEMI MOTIVAZIONALI delle persone coinvolte nel processo di apprendimento.

i punti di forza dell iniziativa
la presenza di un forte mandato istituzionale

la presenza di uno staff all’iniziativa coeso e motivato, continuamente orientato ad un ruolo di “problem solver”

l’omogeneità progettuale sia contenutistica che metodologica

la varietà degli strumenti didattici previsti dal percorso

la flessibilità delle modalità, dei luoghi e dei tempi di fruizione

un’organizzazione temporale sfidante, ma non opprimente

una costante attenzione a variabili di contenuto e di motivazione

la personalizzazione e la continuità delle comunicazioni e dei feedback

la continuità di presenza

la possibilità di confronto e socializzazione tra persone afferenti a realtà differenti e la creazione di una comunità virtuale orientata al supporto reciproco

la disomogeneità della popolazione e la diversificazione territoriale

il monitoraggio, il supporto e la stimolazione continua a distanza, con interventi anche di carattere ludico, da parte dello staff di progetto anche in periodi “festivi” o in orari non convenzionali di lavoro

un equilibrio ottimale tra la partecipazione ad orari “personalizzati” e i momenti di condivisione di gruppo

l’impegno e la qualità del personale docente

la potenzialità collegata alla formazione continua del personale

la credibilità della piattaforma in termini di tenuta ed agevolezza.

I punti di forza dell’iniziativa…
slide37

I riconoscimenti

PREMIO BASILE 2007:

I premio assoluto Sezione Progetti Formativi

PREMIO ALDO FABRIS 2008:

Menzione speciale Settore Pubbliche Amministrazioni

grazie
www.elidea.org

enrica.piermattei@elidea.org

GRAZIE!