slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Comunicazione di Maurizio Laini Segretario Generale Sindacato Pensionati CGIL di Bergamo PowerPoint Presentation
Download Presentation
Comunicazione di Maurizio Laini Segretario Generale Sindacato Pensionati CGIL di Bergamo

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 21

Comunicazione di Maurizio Laini Segretario Generale Sindacato Pensionati CGIL di Bergamo - PowerPoint PPT Presentation


  • 141 Views
  • Uploaded on

Convegno del Gruppo Consiliare DS Regione Lombardia Milano - 12 novembre 1999 : “ Gli anziani come risorsa, le risorse per gli anziani”. Comunicazione di Maurizio Laini Segretario Generale Sindacato Pensionati CGIL di Bergamo.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Comunicazione di Maurizio Laini Segretario Generale Sindacato Pensionati CGIL di Bergamo' - kail


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

Convegno

del Gruppo Consiliare DS

Regione Lombardia

Milano - 12 novembre 1999:

“Gli anziani come risorsa,

le risorse per gli anziani”

Comunicazione di

Maurizio Laini

Segretario Generale

Sindacato Pensionati CGIL

di Bergamo

slide2

In Italia la spesa media familiare di un ultrasessantenne (anno 1995) era di 2.467.746 e quella individuale di 1.163.725(Istat, Indagine Multiscopio)

  • Tra gli ultrasessantenni il 72,6% è proprietario dell’abitazione di residenza (Istat, Indagine Multiscopio).
  • E’ di 6 ore al giorno il “tempo libero” a disposizione di un over 65, al netto dei lavori domestici e di altre “attività necessarie”: 5 ore e 18 minuti per le donne; 7ore e 12 per gli uomini(Istat, 88-89)
  • Su 3.500.000 volontari, 350 mila in Italia sono anziani(Eurispes, Rapporto Italia 1999)
  • 4.300 mila anziani versano soldi a favore di un’associazione (Eurispes, Rapporto Italia 1999)
  • Di salute dichiarano di stare discretamente bene il 50,5% degli over 60; bene il 19,6% e molto bene il 3% (totale di chi dichiara di stare bene:73,1%) - (Istat, Indagine Multiscopio).
  • sopra i 60 anni il 50% fa l’amore 1 volta al mese

(negli >80 il 20%

70/80 il 50%

60/70 l’87% La Repubblica 22.11.98)

  • Vivono da soli il 10,3% dei maschi over 60 e il 31,4% delle donne. (Istat, Indagine Multiscopio).

SPOT

slide3

Le Università della terza età

nella legislazione regionale

slide4

Ddl sulle Università della Terza Età (n. 259 Senato) presentato da Ferdinando Di Orio (DS)e assegnato il 19 giugno 1996 alla Commissione P.I.

“… lo Stato promuove e valorizza, coordina e indirizza, il diritto degli adulti e degli anziani di accedere ad opportunità educative e formative lungo tutto l’arco della vita, per conseguire livelli superiori e più consapevoli nell’esercizio dei diritti, delle responsabilità e della solidarietà.

A tal fine lo Stato riconosce il valore culturale, educativo, formativo e sociale delle attività svolte dalle associazioni che, senza fini di lucro, e con denominazioni varie, quali università della terza età, università dell’età libera, o altre, ed in modo sistematico e programmatico si adoperano nel campo della educazione e formazione degli adulti e degli anziani attraverso corsi, conferenze, seminari, attività didattiche e formative di vario tipo.”

collocazione delle universit degli anziani nella mappa dei servizi territoriali
Collocazione delle Università degli anziani nella mappa dei servizi territoriali

SISTEMA FORMATIVO

TERRITORIALE ALLARGATO

educazione primaria

istruzione secondaria

formazione professionale

formazione ricorrente

educazione permanente

RETE DEI SERVIZI

TERRITORIALI

PER GLI ANZIANI

centri culturali anziani

centri ricreativi/diurni

servizi di assistenza domiciliare

servizi socio/sanitari integrati

servizi residenziali

UNIVERSITA’

DELLA

TERZA ETA’

cosa cercano i partecipanti
Cosa cercano i partecipanti?

totale donne

  • Socializzazione 21,5% 20,6%
  • Cultura 69,6% 70,3%
  • Entrambe 8,9% 9,1%

Totale Campione 1.853 1.562

Fonte Eurispes - Rapporto Italia 1999

cosa cercano i partecipanti2
Cosa cercano i partecipanti?

Conoscenza

2.505/3.964

63,2%

Abilità strumentali

615/3.964

15,5%

Socialità

727/3964

18,3%

Fonte Auptel 1994 - Elab. Spi Cgil Bg

universit della terza et in italia
Università della Terza Etàin Italia
  • In Italia 300
  • Nel mondo 3.000
  • Cittadini

che frequentano 150.000

  • Età 50/70 anni

(>70 anni: 15%)

Fonte Eurispes - Rapporto Italia 1999

universit terza et nel lazio anno 1993 fonte regione lazio
Università Terza Età nel Lazio (anno 1993), fonte Regione Lazio
  • numero dei corsi svolti: 712
  • numero complessivo delle ore di attività: 11.392
  • numero dei corsisti

coinvolti: 4.236

  • totale dei contributi

erogati: 250 milioni

natura giuridica delle universit della terza et in italia
Natura giuridica delle Università della Terza Età in Italia

Associazione culturale 86%

Pubblico 3,7%

Fondazione 2,7%

Cooperativa 1,8%

Sindacato 0,9%

Università statale 0%

Altro 4,6%

Fonte Auser/Auptel 1993 - Elaborazione Spi Cgil Bg

organismi nazionali di riferimento per le universit della terza et
Organismi nazionali di riferimento per le Università della Terza Età

Dal 1982, a Vicenza,

è struttura di coordinamento

che rispetta l’autonomia

delle diverse sedi

1- FederUni 44,3% (155)

2- Unitre 41,1% (144)

3- Auptel 14,6% (51)

Fonte Auser/Auptel 1994 - Elaborazione Spi Cgil Bg

Dal 1982, a Torino,

propone un modello

organizzativo e didattico

unici nelle diverse

sedi

Dal 1993, a Roma,

è un’associazione

di secondo livello legata

all’AUSER

le possibili chiavi di lettura del fenomeno
Le possibili chiavi di lettura del fenomeno
  • prevenzione
  • risarcimento
  • cultura
  • curiosità
  • socialità
  • Qualità della vita e dei bisogni
  • mobilità
  • gratuità
  • motivazioni
ma le universit della terza et sono anche
Ma le Università della Terza Età sono anche:
  • Bacini di risorse

per il volontariato

  • Ambiti di aggregazione
  • larga e di partecipazione
  • democratica
  • Luoghi di esercizio
  • della criticità e
  • della consapevolezza
slide19

EdAStrumentale(diploma, lavoro, abilità)

EdAGratuita(curiosità, cultura,interessi, hobbies…)

le responsabilit istituzionali
Le responsabilità istituzionali
  • L’ente locale titolare delle politiche EdA

ISTRUZIONE E CULTURA

SERVIZI SOCIALI

LAVORO E FORMAZIONE

  • La scuola oggi si candida a “convocaretavoli territorali dei soggetti EdA

Giovanni Berlinguer: Centri Territoriali di Educazione degli AdultiIn Lombardia: IRRSAE, progetto di ricerca/azione F.A.Re

in lombardia
In Lombardia

Serve una legge regionale

Che produca unavalorizzazione delruolo culturale esociale delle U.T.E.

Che collochi le U.T.E.in una quadro dell’EdA territorialecapace di definire il ruolo della regione,delle province e dei comuni