slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Introduzione alla linguistica testuale. Analisi di testi disciplinari e apprendimento integrato lingua-contenuto PowerPoint Presentation
Download Presentation
Introduzione alla linguistica testuale. Analisi di testi disciplinari e apprendimento integrato lingua-contenuto

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 27

Introduzione alla linguistica testuale. Analisi di testi disciplinari e apprendimento integrato lingua-contenuto - PowerPoint PPT Presentation


  • 399 Views
  • Uploaded on

Introduzione alla linguistica testuale. Analisi di testi disciplinari e apprendimento integrato lingua-contenuto. Elisa Bianchi 22 e 29 aprile 2008 Complesso Concetto Marchesi - Pisa. Panoramica dei contenuti. Definizione di linguistica testuale.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

Introduzione alla linguistica testuale. Analisi di testi disciplinari e apprendimento integrato lingua-contenuto


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

Introduzione alla linguistica testuale. Analisi di testi disciplinari e apprendimento integrato lingua-contenuto

Elisa Bianchi

22 e 29 aprile 2008

Complesso Concetto Marchesi - Pisa

panoramica dei contenuti
Panoramica dei contenuti
  • Definizione di linguistica testuale.
  • Approccio alla diversità ed utilizzo dei testi semplificati: una riflessione sugli elementi critici.

2. I testi semplificati

- Perché usarli?

- Che cosa sono?

- Quali sono le loro caratteristiche?

- Come usarli?

3. Esercitazione in classe sui testi semplificati

linguistica testuale
Linguistica testuale
  • La linguistica testuale studia il testo (scritto e orale) come unità di comunicazione, e ne analizza le caratteristiche micro- e macro-linguistiche.

Si occupa in particolare della coerenza e della coesione di un testo, della sua struttura informativa e delle caratteristiche pragmatiche e intertestuali.

slide4
La linguistica testuale si occupa quindi anche di classificare i testi sulla base di caratteristiche ricorrenti, e di individuare quindi le principali tipologie testuali.
un esempio di classificazione dei tipi testuali
Un esempio di classificazione dei tipi testuali
  • Descrizione
  • Narrazione
  • Esposizione/Informazione
  • Argomentazione
  • Istruzione
esempio di descrizione
Esempio di descrizione

“Paese contraddistinto dall'offerta di grandi tradizioni culturali, ideale per vacanze insolite, il Senegal offre un’immagine di Africa autentica le cui genti fiere e bellissime, e i loro coloratissimi mercati, non potranno che affascinarvi e stupirvi. Splendide spiagge dorate, immense savane e foreste di giganteschi baobab renderanno il vostro viaggio indimenticabile.”

esempio di narrazione
Esempio di narrazione
  • Ancora tensioni per la fiaccola olimpica. La polizia indonesiana ha disperso una manifestazione a sostegno del popolo tibetano a Giakarta qualche ora prima dell'inizio del tour della fiamma dei Giochi nell'arcipelago, sottoposto a strette misure di sicurezza.

Appena tre ore prima che avesse inizio la staffetta olimpica in programma alle 14 locali di oggi, le 8 del mattino in Italia, la polizia indonesiana ha infatti caricato un gruppo di attivisti per i diritti umani che protestavano contro la Cina all'esterno dello stadio nazionale 'Gelora Bung Karno' della capitale, teatro principale della cerimonia. Almeno nove le persone arrestate e portate via dagli agenti per essere sottoposte a interrogatorio: compreso uno straniero, a quanto pare di nazionalità olandese, che è stato trattenuto. La maggior parte dei suoi compagni sono invece stati rilasciati poco dopo. "Niente diritti umani, niente Giochi!" e "Un popolo unito sarà invincibile!", cantavano in coro i dimostranti, finché i poliziotti in borghese non li hanno sopraffatti.

da www.repubblica.it, 22 aprile 2008

esempio di esposizione informazione
Esempio di esposizione/informazione

“Lo studio, così com’è richiesto in ambito scolastico, si definisce come attività di lettura attenta e selettiva, finalizzata alla comprensione, memorizzazione e uso di conoscenze nell’esecuzione di un compito. Esso indica lo sforzo deliberato dell’allievo per imparare, al fine di raggiungere un determinato obiettivo: scrivere una relazione, rispondere a delle domande, e comprende un pattern complesso di abilità che si affinano a contatto con testi prevalentemente espositivi. Di questa definizione giova mettere in risalto l’aspetto strategico, in cui i processi del ricordo e della comprensione si integrano con la dimensione del controllo esecutivo, ossia con il carattere intenzionale dell’attività.”

Da L. Cisotto, Didattica del testo. Processi e competenze, Roma, Carocci, 2006, p. 189

esempio di argomentazione
Esempio di argomentazione

“Da sempre il linguaggio umano abbonda di luoghi comuni, ma nella modernità dominata dalla tecnica e dalle specializzazioni il luogo comune sembra l’unico modo per capirsi, per esprimersi. Prendete i calciatori famosi: sono ricchi, eleganti, smaliziati, ma non sanno parlare, le loro interviste procedono faticosamente per luoghi comuni del tipo: “quel che conta è il gruppo”, “dobbiamo crederci”, “la voglia di vincere”, “non mollare mai”.

G. Bocca, “L’antitaliano” (L’Espresso 3 aprile 08)

esempio di istruzione
Esempio di istruzione

Lasagne al forno

  • Preparate la sfoglia base. Passate poi a preparare il sugo: pulite e tritate la cipolla, la carota, il sedano e l'aglio; tritate anche il prosciutto.
  • In un tegame fate rosolare la salsiccia con dell'olio,quindi unite il trito di verdure ed il prosciutto e mescolando lasciate ammorbidire. Prima che prendano colore aggiungete la polpa macinata e fate colorire uniformemente; bagnate con il vino, lasciate evaporare, quindi unite il pomodoro, l'alloro, le spezie ed il sale.
coerenza e coesione del testo
Coerenza e coesione del testo

a. Coerenza del testo: “adeguatezza del testo alla situazione extralinguistica in cui viene prodotto”

  • Coesione: “Legami grammaticali e semantici tra le parole che li costituiscono”. “Fili linguistici del testo”. Gli elementi della coesione sono quindi:

i. Anafore (ellissi, nomi pieni, pronomi  catene anaforiche)

ii. Accordi (es. persona, tempo, genere ecc…)

iii. Parentele di significato tra le parole.

l accessibilit del testo
L’accessibilità del testo

a. Comprensibilità: ha a che fare con le caratteristiche linguistiche del testo (organizzazione logico-concettuale, contenuto e aspetto qualitativo)

b. Leggibilità: aspetto quantitativo del testo

i. Grandezza del carattere, colore e forme del testo

ii. Interesse che il lettore ha nei confronti del testo

iii. Stile del testo: lunghezza delle frasi, lunghezza delle parole, rapporto tra totale delle parole e parole diverse. La leggibilità può essere espressa attraverso un indice numerico, detto appunto indice di leggibilità. Molto utilizzato in Italia è l’indice di leggibilità GULPEASE, basato sul numero delle lettere e sul grado di scolarizzazione del lettore.

i testi scolastici
I testi scolastici
  • A quale tipo appartengono?
  • Quali sono le loro caratteristiche?
gli aspetti caratteristici dei testi scolastici
Gli aspetti caratteristici dei testi scolastici
  • Alta densità informativa.
  • Fa riferimento ad una microlingua, cioè a un linguaggio specialistico (o settoriale).
  • Spersonalizzazione e atemporalità:
    • Forme impersonali (si osserva, si constata)
    • Forme passive con eliminazione del complemento d’agente
    • Presente indicativo come tempo generico.
  • Sintassi complessa (frasi incidentali, molte subordinate esplicite e implicite)
slide15
Presenza di molti elementi impliciti (conoscenze già acquisite, conoscenze enciclopediche)
  • Aspetti paratestuali specifici
    • Associazione testo – immagine
    • Glosse a margine
    • Strumenti di evidenziazione di termini e concetti chiave
    • Schede contestualizzate
l importanza dei connettivi
L’importanza dei connettivi
  • Logici e di causa-effetto (poiché, allora, quindi, dunque, dato che…)
  • Avversativi (Ma, d’altra parte, tuttavia, mentre, invece…)
  • Temporali (quando, dopo che, poi…)
  • Metatestuali (in primo luogo, innanzitutto, in conclusione, insomma…)
l analisi del lessico il vocabolario di base della lingua italiana
L’analisi del lessico: il Vocabolario di Base della Lingua Italiana

Elenco di lemmi elaborato prevalentemente secondo criteri statistici. Esso rappresenta la porzione della lingua italiana usata e compresa dalla maggior parte di coloro che parlano italiano.

La scelta dei lemmi è stata fatta in base ai primi 5.000 lemmi del Lessico Italiano di Frequenza (LIF) [Bortolini et a. 1972] (ridotti a circa 4.750 dopo averne verificato la comprensibilità), integrati con un insieme di lemmi determinati per altre vie.

il vdb si suddivide in 3 parti
Il VdB si suddivide in 3 parti
  • Vocabolario fondamentale
  • Vocabolario di alto uso
  • Vocabolario di alta disponibilità
vocabolario fondamentale
Vocabolario fondamentale

I primi 1.991 lemmi del LIF. Sono i lemmi più frequenti in assoluto della nostra lingua.

Es. mangiare, bere, casa, per, con, bello, bene ecc….

vocabolario di alto uso
Vocabolario di alto uso
  • I successivi 2.750 lemmi dell'insieme preso dal LIF. Sono lemmi ancora molto frequenti, anche se molto meno di quelli del vocabolario fondamentale.
  • Es. Pianeta, eventuale, fase, formazione ecc…
vocabolario di alta disponibilit
Vocabolario di alta disponibilità
  • 2.337 lemmi determinati in vario modo, soprattutto con dizionari dell'italiano comune. L'integrazione è stata necessaria perché il LIF è il risultato dello spoglio di testi scritti, ed è ormai dimostrato che vi è in tutte le lingue un insieme di lemmi che, pur essendo quasi del tutto assenti nella lingua scritta, sono a tutti noti. Per esempio, lemmi come , abbronzare, forchetta, pepe, ecc.
definizione di testo semplificato
Definizione di testo semplificato
  • Testo scritto, disciplinare o narrativo, caratterizzato da un alto grado di comprensibilità e leggibilità, costruito secondo precisi criteri di organizzazione delle informazioni e di formulazione delle frasi, che ha come obiettivo quello di favorire l’apprendimento di una serie di contenuti.
  • Il testo semplificato cerca di prescindere dalla competenza linguistica che sarebbe necessaria per comprendere contenuti analoghi in un testo non semplificato.
criteri per la semplificazione testuale
Criteri per la semplificazione testuale
  • Le informazioni sono ordinate in senso logico e cronologico;
  • Le frasi sono brevi (20-25 parole) e gli articoli in media non superano le 100 parole;
  • Si usano quasi esclusivamente frasi coordinate;
  • Nella scelta delle parole si usa solo il vocabolario di base e si fornisce la spiegazione delle parole che non rientrano in esso;
slide24
Le parole chiave vengono ripetute, evitando i sinonimi e facendo un uso molto limitato dei pronomi;
  • Nella costruzione sintattica della frase si rispetta l’ordine SVO (Soggetto, Verbo, Oggetto)
  • I verbi vengono per lo più usati nei modi finiti e nella forma attiva;
slide25
Si evitano le personificazioni, ad esempio “il Senato” diventa “i Senatori”;
  • Non si usano le forme impersonali;
  • Il titolo e le immagini sono utilizzati come rinforzo per la comprensione del testo.
e i testi semplificati
E i testi semplificati?

La riflessione sui testi semplificati, che è un discorso per molti versi di natura micro-linguistica, ha a che fare con la valutazione della diversità, e conseguentemente con la sua gestione all’interno dell’intervento didattico. Utilizzare un testo semplificato significa diversificare gli strumenti di accesso alla conoscenza, in relazione alle competenze linguistiche e cognitive dell’alunno straniero, ma pone alcune delicate questioni, che sono ancora oggi oggetto di dibattito.

quali questioni
Quali questioni?

Impoverimento dell’input linguistico

  • Impoverimento dei contenuti
  • Conseguente diversità degli strumenti di valutazione
  • Problema generale dell’educazione linguistica anche degli alunni italiani:
    • Difficoltà di lettura
    • Difficoltà di lessico
    • Morfosintassi
    • “I nuovi italiani” (l’italiano di internet, degli sms, nuove scritture tachigrafiche ecc…)