slide1
Download
Skip this Video
Download Presentation
RUMOREDI FOGLIE

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 1

RUMOREDI FOGLIE - PowerPoint PPT Presentation


  • 99 Views
  • Uploaded on

RUMOREDI FOGLIE Benito Pugnaccio a quella fredda sera di due anni fa in cui dopo cinque anni di matrimonio lasciò la figlia di Alfredo Scaldaferro che alla brutta notizia si tolse la vita.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'RUMOREDI FOGLIE' - jeslyn


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1
RUMOREDI FOGLIE

Benito Pugnaccio a quella fredda sera di due anni fa in cui dopo cinque anni di matrimonio lasciò la figlia di Alfredo Scaldaferro che alla brutta notizia si tolse la vita.

Torniamo a quel freddo venerdì d‘autunno, gli alberi sono spogli le nuvole grigie invadono i cieli, gli unici rumori presenti nelle strade sono le foglie secche che vengono mosse dal vento.

Il signor Alfredo era in casa e come tutte le sere prima di andare prima di andare a letto osservava la foto della sua amata figlia ma quella sera, in quell’istante invece di andare a dormire si alzò, si recò nello scantinato e prese un bauletto, tirò fuori una custodia a forma quadrata, tornò di sopra e si mise il giubbotto, dei guanti e un cappello e prese una chiave e poi uscì di casa, entrò in macchina e silenziosamente guidò per tre isolati, poi si fermò davanti ad una grossa casa, spense il motore dell’auto, entrò nella proprietà sempre allo scuro e con la chiave aprì la porta nello stesso istante Benito era andato in cucina a bere un bicchiere di acqua ma non si accorse che dietro di lui un’ombra misteriosa si avvicinava finché non posò il bicchiere si giro e venne spinto contro il frigo bruscamente.

Benito aprì gli occhi e vide il suo ex suocero, non che collega, che sorrideva sopra di lui; poi tirò fuori una custodia contenente una vecchia collezione di coltelli e volontariamente li scaraventò sul corpo del Signor Benito, ormai senza vita.

Alfredo disse: questo è per mia figlia! E si allontanò scomparendo nell’ombra di quel freddo venerdì d’autunno.

Inserire testo

ad