slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Basi anatomiche del linguaggio PowerPoint Presentation
Download Presentation
Basi anatomiche del linguaggio

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 22

Basi anatomiche del linguaggio - PowerPoint PPT Presentation


  • 117 Views
  • Uploaded on

Basi anatomiche del linguaggio. Paul Broca (1824-1880). Carl Wernicke (1848-1904). Neuropsicologia cognitiva. Modelli di funzionamento dei processi cognitivi Modularità Universalità Trasparenza. Modularità.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Basi anatomiche del linguaggio' - ifama


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
neuropsicologia cognitiva
Neuropsicologia cognitiva

Modelli di funzionamento dei processi cognitivi

  • Modularità
  • Universalità
  • Trasparenza
modularit
Modularità
  • Una funzione cognitiva complessa è il risultato del funzionamento di una serie di sottosistemi indipendenti che possono essere interessati isolatamente
universalit
Universalità
  • La struttura della funzione cognitiva è universale (non vi sono variazioni individuali)
trasparenza
Trasparenza
  • Se una o più sottocomponenti del sistema sono compromesse le altre componenti lavorano normalmente in presenza, tuttavia, di possibili alterazioni dell’input
sistema semantico
Sistema semantico
  • Vi sono contenute le informazioni sul significato delle parole
  • Le informazioni sarebbero organizzate sulla base di categorie concettuali (animali, parti del corpo…)
sistema semantico1
Sistema semantico
  • All’interno di ogni categoria il significato di uno stimolo sarebbe dato da un insieme di tratti semantici (gatto:animale, domestico, 4 zampe, miagola…)
  • Relazione categoriale tra le parole (cane e gatto sono più vicini di tavolo e gatto)
componente lessicale
Componente lessicale
  • Frequenza d’uso (le parole ad alta frequenza vengono attivate più facilmente)
  • La struttura morfologica (la radice tavol è rappresentata separatamente dal suffisso o)
  • La classe grammaticale di appartenenza (sostantivi, aggettivi e verbi)
slide17

DEMENZA FRONTO-TEMPORALE (FTD)

  • Dopo AD, causa più comune di demenza corticale
  • Caratterizzata da atrofia focale lobare che in particolare interessa la corteccia frontale orbitobasale, la regione del polo temporale e l’amigdala.

Knopman et al. Neurology 1990

Brun et al. Dementia 1993

Ratnavalli et al. Neurology 2002

slide18

DEMENZA FRONTO-TEMPORALE (FTD)

Presentazione clinica:

Due principali patterns di presentazione clinica:

1) modificazioni graduali e progressive nel comportamento;

2) deficit graduali e progressivi di linguaggio.

slide19

Criteri diagnostici(Mckahn et al. 2001)

Presenza di deficit cognitivi o comportamentali manifestati da:

(a) modificazioni precoci e progressive nel comportamento caratterizzate da difficoltà nel modulare il comportamento, che producono spesso risposte o attività inappropriate;

(b) precoci e progressive modificazioni del linguaggio, caratterizzate da problemi di espressione o gravi difficoltà di denominazione e problemi nella comprensione;

(2) questi disturbi causano una compromissione significativa nella condotta sociale o lavorativa e rappresentano un significativo declino rispetto allo stato cognitivo precedente l’esordio dei sintomi;

(3) il decorso è caratterizzato da un esordio subdolo e da una progressiva compromissione delle funzioni cognitive;

(4) i disturbi non sono dovuti ad altre patol. del SNC (ad es. mal. cerebrovascolari), condizioni sistemiche (ad es. ipotiroidismo), o ad assunzione di farmaci od altre sostanze d’abuso;

(5) i deficit non si presentano durante una fase di delirium.

slide20

Varianti cliniche-sede predominante di atrofia

Variante frontale (fv- FTD)

• corteccia frontale bilaterale ventro-mesiale

• modificazioni progressive di personalità e comportamento con sindrome disesecutiva

Variante temporale (demenza semantica)

• polo temporale sinistro (o bilaterale)

• afasia fluente con erosione delle conoscenze semantiche

Afasia primaria progressiva

• Corteccia perisilviana sinistra

• afasia non fluente

Neary et al., 1998

afasia primaria progressiva criteri principali
Afasia primaria progressivacriteri principali
  • Esordio insidioso e progressione graduale
  • Linguaggio spontaneo non fluente
  • Agrammatismo, parafasie fonemiche e anomia

Criteri Lund e Manchester 1994

afasia primaria progressiva criteri di supporto
Afasia primaria progressivacriteri di supporto
  • Aprassia bucco facciale, balbuzie
  • Deficit di ripetizione
  • Alessia e agrafia
  • Precoce preservazione del significato delle parole
  • In fase finale mutismo

Criteri Lund e Manchester 1994