avv daniela mainini presidente centro studi anticontraffazione n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Avv. Daniela Mainini Presidente Centro Studi Anticontraffazione PowerPoint Presentation
Download Presentation
Avv. Daniela Mainini Presidente Centro Studi Anticontraffazione

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 34

Avv. Daniela Mainini Presidente Centro Studi Anticontraffazione - PowerPoint PPT Presentation


  • 98 Views
  • Uploaded on

Avv. Daniela Mainini Presidente Centro Studi Anticontraffazione. CONTRAFFAZIONE e MADE IN: le tutele a seguito delle nuove normative Ancona, 24 novembre 2009. Centro Studi Anticontraffazione.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Avv. Daniela Mainini Presidente Centro Studi Anticontraffazione' - hiram-miles


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
avv daniela mainini presidente centro studi anticontraffazione

Avv. Daniela MaininiPresidente Centro Studi Anticontraffazione

CONTRAFFAZIONE e MADE IN:

le tutele a seguito delle nuove normative

Ancona, 24 novembre 2009

centro studi anticontraffazione
Centro Studi Anticontraffazione

Dipartimento del Centro Studi Grande Milano che si occupa esclusivamente della lotta alla contraffazione e che ha al suo interno un centro d’intervento anticontraffazione.

Opera sinergicamente con i rappresentanti delle istituzioni (Unione Europea, Ministeri, Regioni, Province e Comuni, Dogane, Guardia di Finanza, Uffici Brevetti e Marchi, Università, Enti Fieristici, Associazioni di Categoria ed imprese) per la lotta alla contraffazione.

scopi del centro studi anticontraffazione
Scopi del Centro Studi Anticontraffazione
  • Definire e sviluppare una politica comune per combattere la contraffazione, studiando e promuovendo ogni misura per assicurare le azioni più efficaci per combattere il fenomeno.
  • Costituire un centro di informazione per la lotta anticontraffazione.
  • Contribuire allo sviluppo ed al miglioramento della protezione dei diritti di proprietà industriale ed intellettuale mediante interventi, iniziative e proposte presso ogni Autorità.
  • Contribuire a sensibilizzare la pubblica opinione sui problemi della contraffazione.
  • Favorire la diffusione della protezione del progetto creativo, della realizzazione originale, dei prodotti autentici, in contrapposizione a qualsiasi forma di falso.
scopi del centro studi anticontraffazione1
Scopi del Centro Studi Anticontraffazione
  • Favorire gli scambi e il coordinamento tra i propri membri e migliorare le condizioni della lotta anti-contraffazione e definire strategie globali.
  • Rappresentare i propri membri nelle organizzazioni riguardanti la proprietà industriale e intellettuale.
  • Sollecitare inchieste e promuovere azioni comuni contro i contraffattori.
  • Promuovere la formazione del personale degli organismi Pubblici o Privati coinvolti nella repressione della contraffazione…. Omissis….
slide5
I fenomeni della Globalizzazione e della Delocalizzazione hanno minato le tradizionali fondamenta su cui si fondava il nostro Sistema Paese: INNOVAZIONE E CREATIVITÀ

Difendere la Proprietà Intellettuale significa proteggere la trave portante del Sistema Competitivo Italiano

la propriet intellettuale
La proprietà intellettuale

Proprietà Intellettuale

Proprietà Industriale

Diritto d’Autore

Opere creative

Letteratura

Pittura Fotografica

Cinema Teatro

Brevetti

Marchi

Modelli di Utilità

Disegni/Modelli

Software

Disegni/Modelli

slide7

La registrazione di marchi, brevetti e modelli:un presupposto fondamentale della tutela

le tutele
Le tutele

Quali?

doganale

civile

penale

tutela doganale
Tutela Doganale

Prima che la merce contraffatta giunga sul territorio e si polverizzi nei differenti canali commerciali

Regolamento comunitario 1383/03 applicabile dal 1° luglio 2004

tutela civile sezioni specializzate
Tutela civile (sezioni specializzate)

Competenza per territorio:

Bari Napoli

Bologna Palermo

Catania Roma

Firenze Torino

Genova Trieste

Milano Venezia

slide11

Tutela penaleLegge 23 luglio 2009, n.99

Marchi

Art. 473, 1° e 3° comma c.p.Art. 474 c.p.Art. 517 c.p. e Art. 517 ter c.p.

Modelli

Art. 473, 2° e 3° comma c.p.Art. 648 c.p.Art. 517 ter c.p.

Brevetti

Art. 473, 2° e 3° comma c.p.Art. 648 c.p. Art. 517 ter c.p.

art 473 c p nuova formulazione
Art. 473 c.p.: nuova formulazione

Art. 473, 1° e 3° co. c.p.

  • Primo comma: “Chiunque, potendo conoscere dell’esistenza del titolo di proprietà industriale, contraffà o altera marchi o segni distintivi, nazionali o esteri, di prodotti industriali, ovvero chiunque, senza essere concorso nella contraffazione o alterazione, fa uso di tali marchi o segni contraffatti o alterati, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da euro 2.500 a euro 25.000.”
  • Terzo comma: “I delitti previsti dai commi primo e secondo sono punibili a condizione che siano state osservate le norme delle leggi interne, dei regolamenti comunitari e delle convenzioni internazionali sulla tutela della proprietà intellettuale o industriale.”
art 473 c p le novit
Art.473 c.p.: le novità
  • Reclusione da sei mesi a tre anni e multa da euro 2.500 a 25.000 (Reclusione sino a tre anni e multa sino a euro 2.065)
  • Conoscenza dell’esistenza del titolo di Proprietà Industriale
art 474 c p nuova formulazione
Art. 474 c.p.: nuova formulazione

Primo comma: “Fuori dai casi di concorso nei reati previsti dall’Art. 473, chiunque introduce nel territorio dello Stato, al fine di trarne profitto, prodotti industriali con marchi o altri segni distintivi, nazionali o esteri, contraffatti o alterati è punito con la reclusione da uno a quattro anni e con la multa da euro 3.500 a euro 35.000.”

Secondo comma: “Fuori dai casi di concorso nella contraffazione, alterazione, introduzione nel territorio dello Stato, chiunque detiene per la vendita, pone in vendita o mette altrimenti in circolazione, al fine di trarne profitto, i prodotti di cui al primo comma, è punito con la reclusione sino a due anni e con la multa sino a euro 20.000.”

art 474 codice penale le novit
Art.474 codice penale: le novità
  • Reclusione da uno a quattro anni e con la multa da euro 3.500 a 35.000 (in precedenza reclusione sino a due anni e multa sino a euro 2.065)
  • Separazione delle condotte di “introduzione nel territorio dello stato” da quelle di “detenere per la vendita, porre in vendita o metterealtrimenti in circolazione” con sanzioni più gravi per la prima
slide16

Art.517 ter codice penale

  • (fabbricazione e commercio di beni realizzati usurpando titoli di Proprietà Industriale)
  • “Salva l’applicazione degli articoli 473 e 474 chiunque, potendo conoscere dell’esistenza del titolo di proprietà industriale, fabbrica o adopera industrialmente oggetti o altri beni realizzati usurpando un titolo di proprietà industriale o in violazione dello stesso è punito, a querela della persona offesa, con la reclusione sino a due anni e la multa sino a euro 20.000 .”
  • “Alla stessa pena soggiace chi, al fine di trarne profitto, introduce nel territorio dello Stato, detiene per la vendita, pone in vendita con offerta diretta ai consumatori, o mette comunque in circolazione i beni di cui al primo comma.”
art 517 ter codice penale le novit
Art.517 ter codice penale: le novità
  • Eliminazione dell’Art. 127, primo comma Codice Proprietà Intellettuale
  • Introduzione nuova fattispecie a tutela di marchi, modelli e brevetti a querela
slide18

Legge 23 luglio 2009, n.99 – Art.17

Sanzioni per l’acquirente

È punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da 100 euro fino a 7.000 euro l'acquirente finale che acquista a qualsiasi titolo cose che, per la loro qualità o per la condizione di chi le offre o per l'entità del prezzo, inducano a ritenere che siano state violate le norme in materia di origine e provenienza dei prodotti ed in materia di proprietà industriale. In ogni caso si procede alla confisca amministrativa delle cose di cui al presente comma. Restano ferme le norme di cui al decreto legislativo 9 aprile 2003, n. 70.

Salvo che il fatto costituisca reato qualora l’acquisto sia effettuato da un operatore commerciale o importatore o da qualunque altro soggetto diverso dall’acquirente finale, la sanzione amministrativa pecuniaria è stabilita da un minimo di 20.000 euro fino ad un milione di euro. Le sanzioni sono applicate ai sensi della legge 24 novembre 1981, n. 689. Fermo restando quanto previsto in ordine ai poteri di accertamento degli ufficiali e degli agenti di polizia giudiziaria dall’articolo 13 della citata legge n. 689 del 1981, all’accertamento delle violazioni provvedono, d’ufficio o su denunzia, gli organi di polizia amministrativa.

slide19

Made in

MARCHIO

Indicazione

di provenienza

Da nucleo

Imprenditoriale

(FIAT)

MADE IN

Indicazione

di provenienza

Da luogo

di fabbricazione

(Torino)

made in la marcatura di origine
Made in la marcatura di origine
  • suscita nel consumatore una serie di valori, caratteristiche, suggestioni
  • varia considerevolmente il valore del prodotto…
tipologie di indicazioni
Tipologie di indicazioni
  • Made in Italy
  • Designed or styled in Italy
  • Moda Italia
  • Marchio +
  • Italian Style by…
  • Italy
slide24

Definizioni

Falsa

indicazione

Stampigliatura Made in Italy su prodotti e merci non originari dall’Italia ai sensi della Normativa Europea sull’Origine

indicate l’origine e la provenienza estera dei prodotti e delle merci, ma con uso di segni, figure o quant’altro possa indurre il consumatore a ritenere che il prodotto o la merce sia di origine italiana

Fallace

indicazione

made in e norme a tutela
“Made in” e Norme a Tutela
  • Accordo di Madrid 14 aprile 1891sulla repressione delle false o ingannevoli indicazioni di provenienza
  • D.P.R. 26 febbraio 1968, n. 656
  • Art. 517 codice penale
  • Art. 4, comma 49, Legge 350/2003
  • Legge 80/2005 (Decreto Competitività)
  • Art. 16 Decreto Legge n. 135/2009
decreto legge 135 2009
Decreto Legge 135/2009

L’importazione e l’esportazione a fini di commercializzazione ovvero la commercializzazione dei prodotti recanti false o fallaci indicazioni di provenienza o di origine (L.80/05) costituisce reato ed è punita ai sensi dell’Art. 517 c.p.

Costituisce falsa indicazione la stampigliatura «made in Italy» su prodotti e merci non originari dall’Italia ai sensi della normativa europea sull’origine; costituisce fallace indicazione, anche qualora sia indicata l’origine e la provenienza estera dei prodotti o delle merci, l’uso di segni, figure, o quant’altro possa indurre il consumatore a ritenere che il prodotto o la merce sia di origine italiana incluso l’uso fallace o fuorviante di marchi aziendali ai sensi della disciplina sulle pratiche commerciali ingannevoli (Legge 296/06), fatto salvo quanto previsto dal comma 49 bis (D.L. 135/09).

slide27

La nuova normativaArt. 16, D.L. n. 135/2009

Qual è la definizione di fallace indicazione ai sensi del nuovo 49 bis riferita ai marchi?

L’uso del marchio, da parte del titolare o del licenziatario, con modalità tali da indurre il consumatore a ritenere che il prodotto o la merce sia di origine italiana ai sensi della normativa europea sull’origine, senza che gli stessi siano accompagnati da indicazioni precise ed evidenti sull’origine o provenienza estera o comunque sufficienti ad evitare qualsiasi fraintendimento del consumatore sull’effettiva origine del prodotto, ovvero senza essere accompagnati da attestazione, resa da parte del titolare o del licenziatario del marchio, circa le informazioni che, a sua cura, verranno rese in fase di commercializzazione sulla effettiva origine estera del prodotto. Il contravventore è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da euro 10.000 ad euro 250.000.”

made in italy e codice penale
“Made in Italy” e codice penale

Art. 517 codice penale nuova formulazione

Vendita di prodotti industriali con segni mendaci

“Chiunque pone in vendita o mette altrimenti in circolazione opere dell’ingegno o prodotti industriali, con nomi, marchi o segni distintivi nazionali od esteri, atti a indurre in inganno il compratore sull’origine, provenienza o qualità dell’opera o del prodotto, è punito, se il fatto non è preveduto come reato da altra disposizione di legge, con la reclusione fino a due anni e con la multa fino a 20.000 euro.”

legge 23 luglio 2009 n 99
Legge 23 luglio 2009, n.99
  • Art. 517 (pena aggravata da uno a due anni e non alternatività della multa)
  • Art. 517 quater (Contraffazione di indicazioni geografiche o denominazioni di origine dei prodotti agroalimentari)
  • Art. 517 quinquies (Circostanza attenuante)
  • Abrogazione dell’Art. 127 CPI, comma 1
  • Inclusione dei reati di contraffazione tra quelli che generano responsabilità per l’impresa ex D.Lgs. 8 giugno 2001, n. 231
  • Tutela 100% Made in Italy
slide30

Made in Italy e prodotti interamente italiani

D. L. 25 settembre 2009, n.135, comma 1

Si intende realizzato interamente in Italia il prodotto o la merce, classificabile come Made in Italy, ai sensi della normativa vigente, e per il quale il disegno, la progettazione, la lavorazione ed il confezionamento sono compiuti esclusivamente sul territorio italiano

slide31

100% Made in Italy

D. Lgs. 25 settembre 2009, n.135, comma 4

Chiunque fa uso di un’indicazione di vendita che presenti il prodotto come interamente realizzato in Italia, quale “100%Made in Italy”, “100% Italia”, “tutto italiano”, in qualunque lingua espressa o altra che sia analogamente idonea ad ingenerare nel consumatore la convinzione della realizzazione interamente in Italia del prodotto, ovvero segni o figure che inducano la medesima fallace convinzione, al di fuori dei presupposti previsti nei commi 1 e 2, è punito, ferme restando le diverse sanzioni applicabili sulla base della normativa vigente, con lepene previste dall’ Art. 517 c.p., aumentate di un terzo.

slide32

Conclusioni

  • Quando è possibile l’utilizzo della dicitura 100% Made in Italy o interamente realizzato in Italia?
  • È possibile utilizzare Made in Italy su prodotti non realizzati interamente in Italia?
  • Si configura la fallace indicazione nel caso di un marchio aziendale che possa indurre il consumatore a ritenere che sia italiano con l’indicazione che il prodotto sia stato realizzato all’estero?
slide34
Centro Studi Anticontraffazione

Avv. Daniela Mainini

Presidente

Via Corridoni, 4 - 20122 Milano

Tel. 02 5405 0210 - Fax 02 5413 9672

info@anticontraffazione.org

www.anticontraffazione.org