slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Università degli Studi “G. d’Annunzio” Chieti PowerPoint Presentation
Download Presentation
Università degli Studi “G. d’Annunzio” Chieti

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 14

Università degli Studi “G. d’Annunzio” Chieti - PowerPoint PPT Presentation


  • 234 Views
  • Uploaded on

Università degli Studi “G. d’Annunzio” Chieti. Corso di Psicologia Clinica Prof. Salvatore Sasso I test proiettivi: TAT(Thematic Apperception Test) a cura del prof. Salvatore Sasso e della dott.ssa Alessia Cardellini. Il T.A.T. (Thematic Apperception Test). Note.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Università degli Studi “G. d’Annunzio” Chieti' - herbst


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

Università degli Studi “G. d’Annunzio” Chieti

Corso di Psicologia Clinica

Prof. Salvatore Sasso

I test proiettivi:

TAT(Thematic Apperception Test)

a cura del prof. Salvatore Sasso e della dott.ssa Alessia Cardellini

il t a t

Il T.A.T.

(Thematic Apperception Test)

slide3
Note
  • La sua prima forma risale al ’35 ad opera di Murray (nel ‘43 fu pubblicata la forma definitiva)
  • le immagini corrispondono a foto, riproduzioni o illustrazioni, i cui significati sono ambigui
  • presupposto: un soggetto nell’inventare le storie si rifà alle proprie esperienze passate e, simbolicamente, esprime elementi inconsci
  • si chiede al soggetto di inventare una storia per ciascuna delle immagini che gli si presenta
  • la somministrazione viene fatta secondo 2 forme (A e B) in base all’età e alla cultura-istruzione del soggetto
figura simile a quelle usate come stimolo per il test di appercezione tematica tat
Figura simile a quelle usate come stimolo per il Test di Appercezione Tematica (TAT)

Esistono diverse variantidel TAT per classi di età, come quelle per i fanciulli (CAT- Children Apperception Test) o per gruppi etnici e culturali (come il Congo-TAT, Indu-TAT)

somministrazione
Somministrazione
  • Il TAT si somministra in 2 sedute
  • Le tavole totali sono 31, di cui una bianca(n°16)
  • alcune delle figure sono uguali per tutti i soggetti, altre sono diverse a seconda del sesso e dell’età (nn°3, 6, 7, 8, 13, 17):

M (male, uomo) -> per soggetti maschili sopra i 14 anni

F (female, donna) -> per “ femminili “ “ “

B (boy, ragazzo) -> per “ maschili fino a 14 anni

G (girl, ragazza) -> per “ femminili “ “ “

BM -> per tutti i soggetti di sesso maschile

GF -> per “ “ “ di “ femminili

BG -> per ragazzi e ragazze (sotto i 14 anni)

somministrazione1
Somministrazione
  • Forma A = per adolescenti e adulti di cultura/ intelligenza media
  • Forma B = per adolescenti e adulti di istruzione e intelligenza inferiore o malati di mente
  • Molti concedono al soggetto tutto il tempo di cui necessitano per inventare la storia, può essere importante ogni particolare ai fini diagnostici(Stern)
  • per altri storie troppo lunghe vanno interrotte(Murray)
  • storie troppo brevi vanno incoraggiate (non suggestionate)
  • consegna della n°16 (quella bianca)
interpretazione
Interpretazione
  • importanza dell’esperienza
  • analisi formale. Si ricava dall’espressione verbale del soggetto, l’elaborazione delle storie, la coerenza, il loro stile, l’utilizzo o l’omissione di parole, la costruzione delle frasi…
  • valutazione del contenuto. Dopo Murray ci sono circa 30 metodi
metodologie pi importanti
Metodologie (più importanti)
  • METODO DI MURRAY
    • forze intrinseche all’eroe (bisogni)
    • forze estrinseche derivanti dall’ambiente (pressioni)
  • METODO DI STERN
    • famiglia
    • amore, sessualità e matrimonio
    • rapporti sociali
    • lavoro e attività professionali
metodo di murray
METODO DI MURRAY
  • IMPULSI E SENTIMENTI DEL PROTAGONISTA

è importante riconoscere il protagonista nel quale di identifica il soggetto

    • quello che gli somiglia di più (per sesso, età,...)
    • descrizione dettagliata di sentimenti e azioni
    • il sogg. può identificarsi in 1 o più personaggi
    • BISOGNI PROFONDI LATENTI
      • Sottomissione
      • Desiderio di successo
      • Aggressività (emotiva, fisica e sociale/antisociale, distruttiva)
      • “ verso se stessi
metodo di murray1
Metodo di Murray
    • protezione
    • passività
    • dominanza
    • sesso
    • bisogni d’aiuto
  • STATI INTERIORI ED EMOTIVI
    • conflitti
    • modificazioni emotive
    • abbattimento

Ogni volta che queste variabili si presentano nelle

storie, Murray le valuta da 1 a 5 punti secondo:

intensità, durata, ripetizione e importanza delle trama

metodo di murray2
Metodo di Murray
  • FORZE DELL’AMBIENTE CHE ESERCITANO LA LORO PRESSIONE SUL PROTAGONISTA

valuta da 1 a 5 punti:

    • Socievolezza (associativa, emotiva)
    • Aggressività (emotiva, fisica e sociale/antisociale, distruttiva)
    • Tendenza al dominio (coercizione, restrizioni libertà, influenza- seduzione)
    • Bisogno d’aiuto
    • Rifiuto
    • Mancanza e perdita
    • Pericolo fisico (attivo, mancanza d’appoggio)
    • Ferite fisiche
interpretazione1
Interpretazione
  • analisi rapporti tra protagonista e ambiente
  • analisi dei temi più frequenti o eccezionali
  • analisi dei sentimenti, degli atteggiamenti positivi o negativi verso figure paterne e materne
  • Su tre livelli di personalità:
  • le tendenze represse
  • il pensiero intimo nozioni psicoanalitiche
  • il comportamento (conscio, preconscio, inconscio
metodo di stern
METODO DI STERN
  • metodo d’interpretazione più semplice
  • valutazione storie secondo elementi formali che secondo il contenuto
  • considera 4 aree di problematiche:
    • famiglia
    • amore, sessualità e matrimonio
    • rapporti sociali
    • lavoro e attività professionali
metodo di stern1
Metodo di Stern
  • Le storie vengono valutate secondo le seguenti tabelle:
    • Rapporto tra l’immagine e la storia
    • Legame tra i vari elementi tra loro
    • atteggiamento razionale
    • “ emotivo TAB A
    • Protagonisti
    • Situazioni
    • Conclusioni
    • Famiglia
    • Amore, sesso e matrimonio
    • lavoro e attività professionali TAB B
    • relazioni sociali
    • Eventuali altri problemi