il palatino e la valle del colosseo n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Il Palatino e la valle del Colosseo PowerPoint Presentation
Download Presentation
Il Palatino e la valle del Colosseo

play fullscreen
1 / 18

Il Palatino e la valle del Colosseo

321 Views Download Presentation
Download Presentation

Il Palatino e la valle del Colosseo

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. Il Palatino e la valle del Colosseo Lorenzo Caruso, Andrea Castronuovo, Sofia Ciancio e Marta Conforti a.s. 2012-2013 Progetto della Prof.ssa Francesca Giani

  2. Dove si trova Il Colle Palatino e la valle del Colosseo sono situati nel cuore dell’antica Roma, tra Via dei Fori Imperiali e Via dei Cerchi.

  3. Ubicazione dei monumenti A B C D E A – Colosseo B – Arco di Costantino C – Domus Flavia D – Domus Augustana E – Stadio Palatino

  4. Come si raggiunge il Palatinodalla Scuola G. G. Belli a piedi: distanza 4,7 km

  5. Uso complessivo dell’area Il colle Palatino è il luogo dove è stata fondata Roma. Successivamente vi sono stati costruiti i palazzi imperiali, sia di rappresentanza che le residenze private. La valle del Colosseo, originariamente paludosa, fu poi bonificata. Ospita il più grande anfiteatro di Roma (Anfiteatro Flavio) e l’Arco di Costantino. Era quindi una zona frequentata dal popolo.

  6. Costruzione • La costruzione del Colosseo inizia sotto l’imperatore Vespasiano nel 69-79 d.C. e si conclude nell’80 d.C. sotto l’imperatore Tito. • È costruito con il travertino, il tufo e il calcestruzzo. • La struttura, costituita da volte e archi, risulta leggera e resistente e permette la realizzazione di edifici molto alti Il Colosseo (Anfiteatro Flavio) • È costituito da pilastri in blocchi, collegati daperni di metallo. • Ha pianta ellittica e misura 188 x 156 m. L’altezza massima è 49 m e poteva contenere fino a 50.000 spettatori. Il Colosseo

  7. Funzione • Aveva la funzione di anfiteatro, ospitava giochi e alcune volte anche rappresentazioni teatrali • I giochi comprendevano: • lotte tra animali Il Colosseo (Anfiteatro Flavio) • uccisione di condannati da parte di animali feroci o altri tipi di esecuzioni • combattimenti tragladiatori e tra gladiatori e bestieferoci Ricostruzione artistica del Colosseo

  8. Stato di conservazione • Ha resistito abbastanza bene fino ai nostri giorni, ma inevitabilmente il tempo ha lasciato dei segni evidenti. • Anche l’intervento degli uomini ne ha modificato l’aspetto. • Dopo il suo abbandono, nel corso dei secoli, molti perni sono stati rubati per essere riutilizzati. Questo ha causato i numerosi fori che si possono vedere sulla facciata esterna. • Oggi le sue condizioni di salute appaiono preoccupanti, visto che studi sulla sua struttura hanno evidenziato oltre 3.000 lesioni. Il Colosseo (Anfiteatro Flavio)

  9. Costruzione • L’arco di Costantino è stato eretto nell’epoca di Adriano e rimaneggiato successivamente per celebrare il trionfo dell’imperatore Costantino su Massenzio (312 d.C.). • Ha 3 fornici, ognuno dei quali ha un arco. Quello centrale è alto 11,45 m. Il monumento è alto 21 m, largo 25,7 m e profondo 7,40 m. • È costruito con marmi bianchi di diversa qualità, L’Arco di Costantino • mentre le sculture sono di marmo pavonazzetto. • Tutto l’arco è ricoperto di bassorilievi. Sulla facciata esterna sono raffigurate scene di guerra, in quella interna scene di pace. L’Arco di Costantino

  10. Funzione e Stato di Conservazione • L' arco di trionfo è un monumento tipico dell'architettura romana, simbolo di potere. • Sotto gli archi passavano cortei spettacolari: il generale vittorioso, salutato dalla folla in delirio, avanzava sul suo carro fino al Campidoglio, seguito dalle sue legioni che portavano le spoglie dei vinti. L’Arco di Costantino • Lo stato di conservazione del monumento è buono perché a differenza del Colosseo non ha subito gravi danneggiamenti, non è stato depredato e i suoi fregi sono ancora interi. Il trionfo di Tito e Vespasiano. Giulio Romano, 1537.

  11. Costruzione • Fatta costruire da Domiziano tra l’81 ed il 96 d.C. ad opera dell’Architetto Rabirio, la Domus Flavia occupa tutta la parte centrale del Palatino. • Si suppone che la copertura della Domus Flavia fosse costituita da un tetto displuviato (ovvero a due spioventi) con un soffitto ligneo a cassettoni. La Domus Flavia • Era costruita tutta in laterizio (ovvero in mattoni) ed era preceduta sul lato occidentale da un portico a colonne di marmo cipollino. Ricostruzione artistica della Domus Flavia

  12. Funzione e Stato di Conservazione • Era la parte pubblica e di rappresentanza del Palazzo imperiale dell’imperatore Domiziano. Purtroppo il cattivo stato di conservazione dell'ambiente rende difficile la ricostruzione sia delle decorazioni che dell’architettura. La Domus Flavia I resti della Domus Flavia

  13. Costruzione • I lavori di costruzione, diretti dall'architetto Rabirio, terminarono nel 92 d.C. Le sue dimensioni sono di circa 200m x 80m. La Domus Augustana è realizzata con i tipici mattoni romani. • È composta da pochi ambienti ma di grandi dimensioni. La costruzione era basata su due livelli. Al centro del peristilio inferiore si trova La Domus Augustana • una fontana con motivo a pelte (scudi di Amazzoni) contrapposte. • La facciata rivolta verso il Circo Massimo è costituita da una grande esedra colonnata. Il cortile interno del palazzo con la fontana

  14. Funzione e Stato di Conservazione • La Domus Augustana era la dimora privata dell’imperatore. • Non è in buono stato di conservazione: La Domus Augustana tutti i rivestimenti e le decorazioni dei muri sono andati perduti e molta parte del piano superiore è crollata, tanto che, in alcune parti, ne è stata difficile la ricostruzione. La Domus Augustana e lo Stadio visti dall’alto

  15. Costruzione • È un edificio a forma di circo, cioè un rettangolo molto allungato (circa metri 160 x 48) con uno dei lati minori curvo. • Alle due estremità sono poste delle piccole costruzioni semicircolari che nell'antichità potevano essere delle fontane. Lo Stadio Palatino • Il suo perimetro era costituito da un portico a due piani. • Al piano inferiore vi erano pilastri di mattoni rivestiti di marmo. Il piano superiore, era costituito da colonne di marmo. Ricostruzione artistica dello Stadio Palatino Ricostruzione artistica dello Stadio Palatino

  16. Funzione e Stato di Conservazione • Al centro del lato orientale vi è una grande tribuna a forma di emiciclo, che sembra fatta apposta per ospitare l'imperatore. La funzione dell'edificio era probabilmente quella di giardino e di maneggio insieme. Si dice che l'imperatore Eliogabalo vi abbia fatto trasportare una montagna di neve. Lo Stadio Palatino • Dello Stadio rimangono soltanto i basamenti delle colonne, mentre del piano superiore non rimane nulla. Lo Stadio Palatino visto dal lato Nord

  17. Le Fonti • Roma Segreta, www.romasegreta.it (14/02/2013) • Archeo Roma, www.archeoroma.com (5/01/2013, 17/01/2013) • Google Maps, maps.google.it (2/01/2013, 15/01/2013) • Ufficio del turismo, www.ufficiodelturismo.it (17/01/2013) • American Academy in Rome. http://aarome.idra.info (4/01/2013) • Wikipedia, it.wikipedia.org (5/01/2013) • Turismo Roma Capitale, www.turismoroma.it (6/01/2013) • Ministero per i Beni e le Attività Culturali, www.beniculturali.it (15/01/2013)

  18. Thank you Sofia Lorenzo Andrea Marta C.