slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Human Performance Lab, S.S.MAPEI, Castellanza, Italy PowerPoint Presentation
Download Presentation
Human Performance Lab, S.S.MAPEI, Castellanza, Italy

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 23

Human Performance Lab, S.S.MAPEI, Castellanza, Italy - PowerPoint PPT Presentation


  • 124 Views
  • Uploaded on

XI° CONGRESSO NAZIONALE - A. I. P. A. C. L’influenza delle esercitazioni tecnico/tattiche sull’aspetto condizionale Firenze 17 Maggio 2004 - Centro Affari Piazza Adua 2 Firenze. Partitelle a tema: variabili che influenzano l’intensità e la ripetibilità del carico interno (risultati preliminari).

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Human Performance Lab, S.S.MAPEI, Castellanza, Italy' - gitel


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

XI° CONGRESSO NAZIONALE - A. I. P. A. C.

L’influenza delle esercitazioni tecnico/tattiche sull’aspetto condizionale

Firenze 17 Maggio 2004 - Centro Affari Piazza Adua 2 Firenze

Partitelle a tema:variabili che influenzano l’intensità e la ripetibilità del carico interno(risultati preliminari)

E.Rampinini, A. Sassi, R. Sassi*, D. Carlomagno e FM Impellizzeri

Human Performance Lab, S.S.MAPEI, Castellanza, Italy

*, Preparatore atletico professionista, London, England

slide2

Intensità e

indicazioni tecnico

Intensità e

dimensioni campo

Variabilità e

intensità

Variabilità e

ruolo tattico

Ripetibilità

stimolo

Conclusioni

INTRODUZIONE

  • E’ noto che il livello di condizione aerobica è molto importante nel calcio

(relazione VO2max e classifica finale, livello agonistico della squadra e distanza percorsa in una partita; Bangsbo e Lindquist 1992, Wisslof e altri 1998, Krustrup e altri 2003, Smaros 1980 e Apor 1988)

  • Alcuni autori hanno sottolineato l’importanza di utilizzare esercitazioni specifiche (partitelle) nell’allenamento del calciatore

(Importanza di riprodurre il pattern delle attività che si svolgono in partita e di utilizzare gli stessi gruppi muscolari che si utilizzano durante la competizione; Bangsbo 1994 e 1998, Drust e altri 2000 e Balsom 1996)

slide3

Intensità e

indicazioni tecnico

Intensità e

dimensioni campo

Variabilità e

intensità

Variabilità e

ruolo tattico

Ripetibilità

stimolo

Conclusioni

INTRODUZIONE

DOPO AVER ESEGUITO ALCUNI “PILOT STUDY” CON SQUADRE PROFESSIONISTICHE ITALIANE E INGLESI ABBIAMO DEFINITO IL DESIGN DI QUESTO STUDIO.

SCOPI DELLO STUDIO

  • Verificare l’effetto delle indicazioni del tecnico sull’intensità delle partitelle.
  • Verificare l’effetto delle dimensioni del campo sull’intensità delle partitelle.
  • Verificare la relazione esistente tra la variabilità dello stimolo in un gruppo e l’intensità dello stimolo stesso.
  • Verificare l’influenza del ruolo tattico sulla variabilità dell’intensità sostenuta da un gruppo di giocatori.
  • Verificare la ripetibilità dello stimolo in esercitazioni specifiche quali le partitelle.
slide4

Intensità e

indicazioni tecnico

Intensità e

dimensioni campo

Variabilità e

intensità

Variabilità e

ruolo tattico

Ripetibilità

stimolo

Conclusioni

INTRODUZIONE

METODI

25 Calciatori dilettanti appartenenti alla stessa squadra

Partitelle con porticine: 3vs3, 4vs4, 5vs5 e 6vs6

Ogni partitella è stata eseguita in tre campi di dimensioni diverse:

3vs3: 25 m x 25 m ± 5 m

4vs4: 30 m x 30 m ± 5 m

5vs5: 35 m x 35 m ± 5 m

6vs6: 40 m x 40 m ± 5 m

Ogni partitella è stata eseguita con e senza indicazioni da parte del tecnico

senza: palla rimessa immediatamente in gioco dai tecnici

con: palla rimessa immediatamente in gioco dai tecnici, incitazioni (pressiamo, ripartiamo, muoviamoci…), gol valido con tutta la squadra oltre la metà campo

Ogni partitella è stata ripetuta due volte per verificare la ripetibilità dell’intensità dell’esercitazione

slide5

Intensità e

indicazioni tecnico

Intensità e

dimensioni campo

Variabilità e

intensità

Variabilità e

ruolo tattico

Ripetibilità

stimolo

Conclusioni

INTRODUZIONE

  • VARIABILI MISURATE
  • Frequenza cardiaca (espressa in % della FCmax)
  • Percezione dello sforzo (RPE-CR10)
  • Acido lattico accumulato alla fine dell’esercitazione

STATO DELLA RACCOLTA DATI

  • Delle 48 esercitazioni che compongono lo studio:
    • 40 esercitazioni eseguite e dati elaborati (83%)
    • 6 esercitazioni eseguite ma dati da elaborare (13%)
    • 2 esercitazioni da eseguire e dati da elaborare (4%)
slide6

Intensità e

dimensioni campo

Intruduzione

Variabilità e

intensità

Variabilità e

ruolo tattico

Ripetibilità

stimolo

Conclusioni

INTENSITA’ E

INDICAZIONI TECNICO

(+3.6%)

(+3.5%)

(+3.3%)

(+3.3%)

N = 18

*; indica una differenza significativa con p<0.05

slide7

Intensità e

dimensioni campo

Intruduzione

Variabilità e

intensità

Variabilità e

ruolo tattico

Ripetibilità

stimolo

Conclusioni

INTENSITA’ E

INDICAZIONI TECNICO

(+25%)

(+18%)

(+18%)

(+24%)

N = 20

*; indica una differenza significativa con p<0.05

slide8

Intensità e

dimensioni campo

Intruduzione

Variabilità e

intensità

Variabilità e

ruolo tattico

Ripetibilità

stimolo

Conclusioni

INTENSITA’ E

INDICAZIONI TECNICO

(+42%)

(+34%)

(+30%)

(+40%)

N = 14

*; indica una differenza significativa con p<0.05

slide9

Intensità e

Indicazioni tecnico

Intruduzione

Variabilità e

intensità

Variabilità e

ruolo tattico

Ripetibilità

stimolo

Conclusioni

INTENSITA’ E

DIMENSIONI CAMPO

(+3.6%)

N = 18

*; indica una differenza significativa con p<0.05 nel 3vs3

utilizzando un campo piccolo e uno grande

slide10

Intensità e

Indicazioni tecnico

Intruduzione

Variabilità e

intensità

Variabilità e

ruolo tattico

Ripetibilità

stimolo

Conclusioni

INTENSITA’ E

DIMENSIONI CAMPO

(+5.0%)

N = 20

*; indica una differenza significativa con p<0.05 nel 3vs3

utilizzando un campo piccolo e uno grande

slide11

Intensità e

Indicazioni tecnico

Intruduzione

Variabilità e

intensità

Variabilità e

ruolo tattico

Ripetibilità

stimolo

Conclusioni

INTENSITA’ E

DIMENSIONI CAMPO

(+23%)

N = 14

*; indica una differenza significativa con p<0.05 nel 3vs3

utilizzando un campo piccolo e uno grande

slide12

Intensità e

Indicazioni tecnico

Intruduzione

Intensità e

dimensioni campo

Variabilità e

ruolo tattico

Ripetibilità

stimolo

Conclusioni

VARIABILITA’ E

INTENSITA’

Relazione tra l’intensità dell’esercitazione e la variabilità intersoggettiva (rappresentata dal coefficiente di variazione) in esercitazioni con la palla.

(Miles et al., 1993; Hoff et al., 2002 ; Aroso et al., 2003; Rampinini et al., 2003 ; Sassi et al., 2003)

slide13

Intensità e

Indicazioni tecnico

Intruduzione

Intensità e

dimensioni campo

Variabilità e

ruolo tattico

Ripetibilità

stimolo

Conclusioni

VARIABILITA’ E

INTENSITA’

Relazione tra l’intensità dell’esercitazione e la variabilità intersoggettiva (rappresentata dal coefficiente di variazione) in esercitazioni con la palla.

(Dati di questo studio)

slide14

Intensità e

Indicazioni tecnico

Intruduzione

Intensità e

dimensioni campo

Variabilità e

ruolo tattico

Ripetibilità

stimolo

Conclusioni

VARIABILITA’ E

INTENSITA’

Relazione tra l’intensità dell’esercitazione e la variabilità intersoggettiva (rappresentata dal coefficiente di variazione) in esercitazioni con la palla.

(Dati di questo studio)

slide15

Intensità e

Indicazioni tecnico

Intruduzione

Intensità e

dimensioni campo

Variabilità e

ruolo tattico

Ripetibilità

stimolo

Conclusioni

VARIABILITA’ E

INTENSITA’

Relazione tra l’intensità dell’esercitazione e la variabilità intersoggettiva (rappresentata dal coefficiente di variazione) in esercitazioni con la palla.

(Dati di questo studio)

slide16

Intensità e

Indicazioni tecnico

Intruduzione

Intensità e

dimensioni campo

Variabilità e

intensità

Ripetibilità

stimolo

Conclusioni

VARIABILITA’ E

RUOLO TATTICO

(+2.7%)

N = 18

*; indica una differenza significativa con p<0.05 nell’intesità

di esercizio sostenuta tra i centrocampisti e i difensori centrali

slide17

Intensità e

Indicazioni tecnico

Intruduzione

Intensità e

dimensioni campo

Variabilità e

intensità

Variabilità e

ruolo tattico

Conclusioni

RIPETIBILITA’

STIMOLO

Bland e Altman plot %FCmax 6vs6 e 3vs3

Possibili differenze tra

sedute di allenamento

diverse (esempio):

6vs6 (± 10)

Da 90 a 70 (%FCmax)

3vs3 (± 5)

Da 85 a 95 (%FCmax)

slide18

Intensità e

Indicazioni tecnico

Intruduzione

Intensità e

dimensioni campo

Variabilità e

intensità

Variabilità e

ruolo tattico

Conclusioni

RIPETIBILITA’

STIMOLO

Bland e Altman plot RPE 6vs6 e 3vs3

Possibili differenze tra

sedute di allenamento

diverse (esempio):

6vs6 (± 2.6)

Da 7.5 a 2.5 (CR10)

3vs3 (± 1.4)

Da 9.5 a 6.5 (CR10)

slide19

Intensità e

Indicazioni tecnico

Intruduzione

Intensità e

dimensioni campo

Variabilità e

intensità

Variabilità e

ruolo tattico

Conclusioni

RIPETIBILITA’

STIMOLO

Bland e Altman plot Lattato 6vs6 e 3vs3

Possibili differenze tra

sedute di allenamento

Diverse (esempio):

6vs6 (± 1.8)

Da 1.5 a 5.1 (mmol/l)

3vs3 (± 1.2)

Da 5.0 a 7.4 (mmol/l)

slide20

Intensità e

Indicazioni tecnico

Intruduzione

Intensità e

dimensioni campo

Variabilità e

intensità

Variabilità e

ruolo tattico

Ripetibilità

stimolo

CONCLUSIONI

  • Intensità e indicazioni tecnico
  • Oltre che al numero di giocatori coinvolti, esiste un importante effetto delle regole e delle indicazioni date dal tecnico durante l’esecuzione delle partitelle sull’intensità che i calciatori sostengono durante le esercitazioni.
  • (RPE: ~21%)
  • (%FCmax: ~3.5%)
  • (LA: ~36%)

2) Intensità e dimensioni del campo

Nelle partitelle in cui è coinvolto un numero ridotto di calciatori (3vs3 e 4vs4) esiste un effetto delle dimensioni del campo sull’intensità delle esercitazioni che non è invece misurabile nel 5vs5 e nel 6vs6.

(RPE: ~5%, %FCmax ~3.6%, LA ~23%)

slide21

Intensità e

Indicazioni tecnico

Intruduzione

Intensità e

dimensioni campo

Variabilità e

intensità

Variabilità e

ruolo tattico

Ripetibilità

stimolo

CONCLUSIONI

3) Variabilità e intensità

Tanto maggiore è l’intensità delle esercitazioni tanto maggiore è l’omogeneità con cui il gruppo lavora da un punto di vista del carico aerobico (stimolo più uniforme sul gruppo)ma non dal punto di vista anaerobico.

(RPE vs CV r=0.70 p<0.01)

(%FCmax vs CV r=0.74 p<0.01)

(LA vs CV r=0.24 ns)

4) Variabilità e ruolo tattico

Nelle partitelle in cui è coinvolto un numero maggiore di atleti (5vs5 e 6vs6), le attitudini tattiche influenzano l’intensità delle esercitazioni.

(Centrocampisti vs Difensori: ~2.5% FCmax)

slide22

Intensità e

Indicazioni tecnico

Intruduzione

Intensità e

dimensioni campo

Variabilità e

intensità

Variabilità e

ruolo tattico

Ripetibilità

stimolo

CONCLUSIONI

5) Ripetibilità dello stimolo

Nelle esercitazioni in cui è coinvolto un minor numero di atleti e l’intensità delle stesse è alta, si riscontra una minor differenza di carico di lavoro sostenuto dai singoli da seduta a seduta

Lo stesso carico di lavoro risulta essere meno ripetibile in partite con un numero di giocatori coinvolto maggiore e una intensità di lavoro minore.

(6vs6: RPE ±2.6, %FCmax ±10, LA ±1.8) (3vs3: RPE ±1.4, %FCmax ±5, LA ±1.2)

slide23

Intensità e

Indicazioni tecnico

Intruduzione

Intensità e

dimensioni campo

Variabilità e

intensità

Variabilità e

ruolo tattico

Ripetibilità

stimolo

CONCLUSIONI

CONSIDERAZIONI PRATICHE

ADOTTANDO LE GIUSTE STRATEGIE E PRECAUZIONI E’ POSSIBILE RAGGIUNGERE DELLE INTENSITA’ DI ESERCIZIO NELLE PARTITELLE SIMILI A QUELLE DEL LAVORO AD ALTA INTENSITA’ SVOLTO A SECCO, ANCHE SE E’ NECESSARIO UN CONTINUO CONTROLLO DEL CARICO DI ALLENAMENTO CUI E’ STATO SOTTOPOSTO L’ATLETA.