l unione europea dall unione doganale al mercato interno n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
L’Unione Europea dall’Unione doganale al mercato interno PowerPoint Presentation
Download Presentation
L’Unione Europea dall’Unione doganale al mercato interno

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 71

L’Unione Europea dall’Unione doganale al mercato interno - PowerPoint PPT Presentation


  • 191 Views
  • Uploaded on

L’Unione Europea dall’Unione doganale al mercato interno. Globalizzazione e regionalizzazione dei flussi commerciali. Quanto è regionalizzato il commercio ? Le tre grandi aree (Nord America, Giappone e Asia sud-orientale, e UE) hanno un’alta percentuale di commercio intra-area .

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'L’Unione Europea dall’Unione doganale al mercato interno' - ghazi


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
globalizzazione e regionalizzazione dei flussi commerciali
Globalizzazione e regionalizzazione dei flussi commerciali

Quanto è regionalizzato il commercio? Le tre grandi aree (Nord America, Giappone e Asia sud-orientale, e UE) hanno un’alta percentuale di commercio intra-area.

Mentre il processo di regionalizzazione in Europa, era partito già con la CEE per poi rafforzarsi negli anni ‘80 con l’Atto Unico Europeo, oggi assistiamo a un’ondata di regionalismo globale più intensa che in passato (NAFTA in America Settentrionale, Mercosur in America Meridionale e ora anche nel blocco asiatico (Asean)).

slide3

Regionalizzazione del commercio nelle tre aree economiche più industrializzate:

In percentuale del esportazioni e importazioni totali.

slide4
Quote delle esportazioni intra-regionali tra I paesi appartenenti a uno stesso accordo di scambio regionale (%)
regionalizzazione e globalizzazione
Regionalizzazione e globalizzazione

La rilevanza dei blocchi regionali è segnalata con forza anche dai recenti rapporti del World Bank. Si segnala in particolare il passaggio all’interno di questi blocchi (pur diversissimi l’uno dall’altro nella loro configurazione e nei loro scopi) non solo della eliminazione delle barriere al commercio, ma la creazione di meccanismi comuni per eliminare le barriere invisibili, facilitare i flussi di IDE intra-area, ecc.

regionalizzazione e globalizzazione1
Regionalizzazione e globalizzazione

Il dibattito se questa regionalizzazione sia alternativa o complementare al sistema di liberalizzazione multilaterale non ha raggiunto conclusioni definitive. Sembrerebbe però chiaro che il sistema multilaterale regolato oggi dall’OMC, non sia in grado di operare il medesimo passaggio a forme di integrazione più approfondita.

regionalizzazione e globalizzazione2
Regionalizzazione e globalizzazione

Integrazione europea. L’Atto Unico e l’Unione monetaria sembrano parte di un programma di preparazione alla globalizzazione.

Vedi ondata di fusioni, dalla fine degli anni ’80 in poi, che rafforza le imprese più forti, in tutti i campi, spingendo molte imprese europee a investire negli USA.

regionalizzazione e globalizzazione3
Regionalizzazione e globalizzazione

NAFTA (area di libero scambio fra USA/Canada e Messico creata nel 1994) – tra il 1993 e il 2000 il commercio estero Usa con i partner cresce del doppio che con il resto del mondo, da 300 a 650 miliardi di $. Flussi di IDE USA e canadesi in Messico. L’economia messicana si rafforza. Trasferimenti di manodopera esclusi da NAFTA.

Mercosur (Argentina e Brasile, con Uruguay e Paraguay nasce nel 1994). Negli anni 1990 il commercio intra-area cresce di 5 volte e sale dal 8% al 25% del commercio totale dei paesi membri. Il Mercosur diventa l’area più appetibile per IDE nei paesi in via di sviluppo, con circa 20 miliardi di $ in entrata ogni anno.

regionalizzazione asiatica
Regionalizzazione asiatica

Non esiste in Asia lo stesso tipo di costruzione istituzionale e di trattato che ha governato la regionalizzazione in Europa e in America del Nord. Vi sono varie organizzazioni regionali, come l’APEC, l’ASEAN, ma manca una direzione di progresso univoco. Questo dipende anche dal fatto che esistono vari paesi che aspirano a una leadership regionale o sub-regionale, quali India, Cina, Giappone e Usa.

I paesi asiatici appartenenti all’ASEAN, Brunei, Indonesia, Malaysia, Filippine, Singapore, Thailandia, Vietnam, Laos, Cambogia, Myanmar hanno dato vita a un processo di liberalizzazione per creare una area di libero scambio,l’AFTA. Nel 2002 la Cina ha firmato un accordo per eliminare le barriere reciproche entro 10 anni.

la creazione delle comunit europee
La creazione delle Comunità europee
  • I primi trattati: CECA e CEE.
  • L’Unione doganale e la PAC negli anni 1960.
  • La Gran Bretagna e il processo di integrazione. Aderisce alla CEE nel 1973 insieme a Danimarca e Irlanda.
  • Crisi e nuovi sviluppi degli anni 1970: il problema dell’inflazione e la necessità di politiche economiche efficaci. La creazione dello SME.
slide12

Trattato CEE

Alla base del Trattato CEE del 1958, dell’Atto unico del 1987 e dei Trattati successivi, vi è lo sviluppo della integrazione “orizzontale”, e cioè la liberalizzazione degli scambi interni all’Unione accompagnato dalla costruzione di una tariffa esterna comune e di una politica commerciale comune nei confronti dei paesi terzi.

Si è parlato di “Mercato Comune”, e più in particolare di una unione doganale, poiché tale era il primo obbiettivo del Trattato CEE, poi di “Mercato interno” e, infine, di “Mercato unico”.

Nel Trattato CEE il “Mercato comune” costituiva un elemento di grande importanza. Gli veniva affidato il ruolo di promuovere i fini ultimi della Comunità (sviluppo economico, l’espansione, l’avvicinamento fra gli Stati membri).

trattato cee
Trattato CEE

Nel titolo 1 e 3 del Trattato CEE venivano iscritte le cosiddette “quattro libertà”, i principi su sui si regge il Mercato unico europeo: a) la libera circolazione delle merci; b) la libera circolazione dei lavoratori e il diritto di stabilimento; c) la libera circolazione dei servizi; d) la libera circolazione dei capitali. Il titolo 2, invece, era dedicato alla politica agricola comune (PAC), una politica di settore anch’essa da considerarsi pilastro del processo di integrazione, ma costruita su principi molto diversi: e cioè dirigismo, protezione, compensazioni ai produttori

il mercato comune
Il mercato comune
  • Il mercato comune era costruito su una Unione Doganale, la libera circolazione dei fattori di produzione
  • Politiche comuni nel campo della agricoltura, dei trasporti, delle relazioni commerciali con i paesi terzi e della concorrenza.
  • Per l’Unione doganale era previsto un calendario. Per le altre misure tutto era lasciato alla attuazione del trattato.
  • Non erano previste competenze in campo monetario e fiscale.
slide15
Nella prima fase la priorità spettò all’unione doganale. Per la progressiva abolizione dei dazi doganali applicati ai prodotti industriali il Trattato CEE fissò un periodo di 12 anni, estendibili fino a 15, articolato in tre distinte tappe.

Venne fissato anche un calendario per l’ eliminazione dei contingenti che regolavano ancora una parte dei commerci reciproci fra i Sei stati membri.

La prima riduzione dei dazi reciproci ebbe luogo il 1 gennaio 1959, per una entità modesta del 10%. Si decise, poi, di accelerare il ritmo di riduzione dei dazi, in modo di anticipare di 18 mesi il termine del periodo transitorio. L’unione doganale entrava, pertanto, in vigore il 1 luglio 1968.

Parallelamente all’abolizione delle barriere doganali, si avvicinarono progressivamente fra di loro i dazi doganali esterni, fino a raggiungere una tariffa doganale comune, che veniva contemporaneamente abbassata in seguito agli accordi negoziati in sede GATT. (vedi in particolare il Kennedy Round 1964-67).

Trattato CEE e Unione Doganale

slide16
Già al tempo della firma dei Trattati di Roma si era evidenziato un nesso commerciale molto stretto fra i sei paesi firmatari, al cui centro si situava la RFT (Repubblica Federale Tedesca), che in virtù della sua straordinaria ripresa post-bellica si era imposta come primo partner commerciale di ciascuno degli altri paesi membri.

Trattato CEE - Effetti dell’Unione Doganale

Vi fu un ampio dibattito se la creazione dell’ Unione Doganale generasse creazione o diversionedi traffici. Nel Trattato non mancavano aspetti di cautela protezionistica, dettata da interessi settoriali, e questo sia all’interno del mercato comune, per cui valevano molte clausole di eccezione, che all’esterno, nel dazio doganale esterno, per la cui fissazione non si seguì la strada del minimo comune denominatore.

[i] (Tsoukalis, 2005 16)

slide17
Il discorso era ben diverso per i prodotti agricoli, essendo la PAC disegnata con l’intento esplicito di costituire un mercato protetto e privilegiato per i produttori dei Sei.

Va sottolineato lo scarso progresso effettuato, in questa fase, dalla liberalizzazione dei servizi all’interno dei Sei, e ancora di più a livello internazionale, in quanto essi non vennero inclusi nelle trattative del GATT.

Anche al livello della liberalizzazione dei capitali i progressi furono molto limitati, rimanendo le disposizioni diverse da Stato a Stato, con forti limitazioni alla mobilità imposte da alcuni Stati membri.

I limiti della CEE

la conferenza dell aja dicembre 1969
La Conferenza dell’Aja (dicembre 1969)

Lanciate tre politiche:

  • A) Completamento. (Risorse proprie, IVA, aggiustamenti alla PAC)
  • B) Approfondimento. (Cooperazione politica e tentativo fallito di Unione monetaria)
  • C) Allargamento. Trattative con GB, Irlanda e Danimarca.

Il mutamento del clima economico rallenta il processo di integrazione

la conferenza dell aja allargamento
La Conferenza dell’Aja: allargamento
  • Si aprono i negoziati con la GB (giugno 1970).
  • Punti chiave: rapporti con il Commonwealth, adesione britannica alla PAC, e contributo della GB al budget CE.
  • La posizione GB è più debole e il premier Heath è un convinto europeista. La GB deve accettare “l’acquis communautaire”.
  • Importante vertice fra Pompidou e Heath (maggio 1971) suggella il negoziato.
  • La soluzione più controversa è quella del contributo della GB al budget, che contribuisce una obbiettiva sperequazione e sarà rinegoziato in seguito.
  • Processo di ratifica in GB, ha successo solo perché l’ala europeista del partito laburista appoggia Heath.
l economia europea negli anni 1970
L’economia europea negli anni 1970
  • Il rialzo dei prezzi del petrolio del 1973 causa scatenante di processi già in corso
  • Rallenta la crescita
  • Forti oscillazioni cicliche
  • Alti tassi di inflazione
  • Instabilità monetaria
  • Calano i tassi di profitto delle imprese
anni 70 lo scenario dell integrazione economica
Anni ‘70: lo scenario dell’integrazione economica
  • Difficoltà nei rapporti economici USA-Europa. Fluttuazione dei cambi.
  • Integrazione e disintegrazione nel Mercato Comune. Penetrazione crescente di prodotti giapponesi e delle tigri asiatiche.
  • Misure protezioniste: cartelli internazionali, e restrizioni volontarie all’export. Proliferano le barriere invisibili. Crisi industriali e ristrutturazioni.
momenti dell integrazione europea negli anni settanta
Momenti dell’integrazione europea negli anni Settanta
  • Allargamento della Comunità, da 6 a 9. Sviluppi nella politica regionale, industriale e sociale.
  • Dal tentativo fallito di Unione Monetaria alla creazione dello Sme (1979)
  • Istituzionalizzazione del Consiglio Europeo (Vertice dei capi di Stato e di Governo)
  • Elezione diretta del Parlamento Europeo (giugno 1979)
l economia europea dopo il grande boom analisi e interpretazioni
L’Economia europea dopo il grande boom: analisi e interpretazioni

Come si spiega la fine del grande boom?

  • Il grande boom come esperienza irripetibile
  • Le politiche economiche keynesiane sotto accusa
  • Si parla di “Eurosclerosi”
  • Il problema della disoccupazione
  • Nuove politiche economiche liberiste: il ritorno al mercato: privatizzazione, deregulation, flessibilità
l economia europea negli anni 1980
L’Economia europea negli anni 1980
  • Il secondo shock petrolifero (Opec 1979)
  • Recessione (1980-1982).
  • Ripresa della crescita dal 1983.
  • Processi di ristrutturazione industriale.
  • Crescita degli investimenti e dell’esportazione.
  • Politiche economiche restrittive e contenimento dell’inflazione.
la crisi dell europa dell inizio degli anni 1980
La crisi dell’Europa dell’inizio degli anni 1980
  • Fallimento dei progetti per l’unificazione politica.
  • Le oscillazioni della Francia di Mitterand
  • La Thatcher e la controversia sul budget
  • L’allargamento mediterraneo: difficili negoziati con Grecia, Spagna, Portogallo.
  • Recessione economica, protezionismo, sfide concorrenziali provocano un contraccolpo: rimettendo in moto il processo di liberalizzazione
la thatcher e la controversia sul budget
La Thatcher e la controversia sul budget
  • Nel 1979 vincono i Conservatori con un programma di radicale liberismo e di nazionalismo britannico.
  • La GB era il settimo paese per reddito pro-capite ma il secondo contribuente alle finanze della Comunità. Nel 1979 il 75% delle spese comunitarie erano devolute alla PAC, di cui la GB beneficiava pochissimo.
  • Diplomazia molto aggressiva della Thatcher fin dal primo vertice di Dublino, in cui parlò per 4 ore sempre sullo stesso tema “I want my money back”.
  • 1980- accetta un rimborso temporaneo per due anni.
  • La GB pone con forza il problema della riforma della PAC. Prime, modeste, correzioni alla PAC introdotte nel 1983.
  • Soluzione raggiunta nel 1984 con un rimborso permanente pari a 2/3 del contributo GB alle casse CEE.
l allargamento mediterraneo difficili negoziati con grecia spagna portogallo
L’allargamento mediterraneo: difficili negoziati con Grecia, Spagna, Portogallo.
  • I tre paesi escono da una lunga esperienza di regimi di destra-autoritari. L’adesione alla CEE vista come ancoraggio democratico.
  • Paesi con basso PIL pro-capite, con un settore agricolo esteso (16% del Pil in Grecia, 10% in Spagna) e inefficiente (di sussistenza), che rischia di gonfiare i sussidi PAC. Timori dei paesi membri di dover elargire ingenti risorse.
  • Gli agricoltori italiani e francesi temono la concorrenza di prodotti mediterranei soprattutto dalla Spagna.
  • Si teme una forte migrazione di lavoratori disoccupati verso gli altri paesi della CEE.
  • Settore industriale protetto e inefficiente. Alti tassi di inflazione e monete instabili.
l allargamento mediterraneo difficili negoziati con grecia spagna portogallo1
L’allargamento mediterraneo: difficili negoziati con Grecia, Spagna, Portogallo
  • Grecia: primo paese a fare richiesta di adesione (1977) e primo paese a firmare il trattato di adesione (1979). Diventa il 10° paese membro nel 1981.
  • Spagna e Portogallo firmano nel 1985 e divengono membri nel 1986.
  • Periodi di transizione. Paesi iberici: 7 anni per l’abolizione delle barriere, 7 e 10 anni per il pieno ingresso nella PAC; 7 anni per la libera circolazione dei lavoratori.
  • L’adesione alla CEE costituisce un fattore di sviluppo molto forte soprattutto per la Spagna negli anni 1980 e 1990.
slide34

Verso il mercato interno

- Frammentazione del mercato – barriere invisibili ↓

Perdita di competitività

- Convergenza nelle politiche economiche degli stati membri

Il programma liberista- thatcheriano.

- Imprese in Europa → joint ventures

Fusioni e acquisizioni

+ collaborazione in R&D.

Ruolo di stimolo del European Round Table

Programma ESPRIT.

slide35

Il Libro bianco del 1985

Ostacoli per il completamento del Mercato interno:

A – Barriere tariffarie

B – Barriere fiscali

C – Standard tecnici differenti

D – Appalti delle p. amministrazioni

E – Mancata liberalizzazione dei servizi

slide36
Alle origini di questo processo, c’era l’urgenza di:

affrontare la competizione globale,

superare il frazionamento dei mercati europei,

raggiungere e sostenere economie di scala in alcune produzioni di massa,

assecondare la spinta verso fusioni transfrontaliere e gli investimenti delle imprese multinazionali

Si tentava così di rimettere in moto il meccanismo della crescita che si era arrestato negli anni 1970 e non accennava a riprendere nella prima parte del decennio seguente.

Fu un programma ispirato da una convergenza verso concetti economici liberisti, promossi in Europa dal governo britannico della Thatcher, ma adottati in varia misura da quasi tutti i paesi della Comunità/Unione e sostenuti attivamente dalle maggiori imprese multinazionali europee e dalle organizzazioni imprenditoriali.

L’Atto unico europeo del 1987

slide37

All’approvazione dell’Atto unico europeo si arrivò attraverso un complesso negoziato intergovernativo, in cui il ruolo essenziale fu svolto da Francia, Gran Bretagna e Germania.L’elemento centrale dell’accordo fu l’assunzione del Libro bianco sul completamento del Mercato interno, opera del commissario Lord Cockfield, che elencava 300 misure da prendere durante la vita di due successive Commissioni, entro la fine del 1992.

L’Atto unico europeo del 1987

slide38

Consiglio di Milano decide a maggioranza

Conferenza Intergovernativa

↓ Approvato l’Atto Unico Europeo

Entra in vigore l’Atto Unico Europeo

Giugno 1985

Settembre 1985

Dicembre 1985

1 Luglio1987

slide39

Atto Unico Europeo

  • A – Completamento del Mercato Interno – entro il 1992
  • 300 misure da prendere per eliminare le barriere invisibili
  • ↓ ↓
  • Principio di mutuo riconoscimento
  • Liberalizzazione dei servizi
  • Liberalizzazione dei movimenti di capitali.
  • Prevista una conferenza intergovernativa in caso di necessari ulteriori sviluppi in campo economico e monetario (porterà all’Unione Economica e monetaria)
atto unico europeo
Atto Unico Europeo
  • B – Si allarga il campo di azione della CEE abbracciando
  • Politiche sociali miglioramento dell’ambiente di lavoro e tutela di salute e sicurezza dei lavoratori
  • Ricerca e sviluppo
  • Misure ambientali: principio di responsabilità degli inquinatori
  • Politica di coesione regionale rafforzata (porterà alla riforma dei Fondi Strutturali del 1988)
atto unico europeo riforme istituzionali
Atto Unico Europeo: riforme istituzionali
  • Reintrodotto il voto a maggioranza qualificata nel Consiglio per tutte le materie del Mercato interno, tranne misure fiscali, e questioni del lavoro. Si pone termine alla paralisi iniziata con il compromesso di Lussemburgo del 1966.
  • La Commissione riprende ruolo di iniziativa.
  • Aumento dei poteri del Parlamento Europeo: “procedura di cooperazione” e «di parere conforme», in casi di atti rilevanti.
l atto unico
L’Atto Unico

L’Atto Unico introduceva rispetto a “mercato comune”, la definizione di “mercato interno”, che viene definito come “uno spazio senza frontiere interne, nel quale è assicurata la libera circolazione delle merci, delle persone, dei servizi e dei capitali”.

La nozione di mercato interno è più ampia di quella di mercato comune poiché i principi delle quattro libertà fondamentali vengono integrati e arricchiti con nuove competenze attribuite alla Comunità e con una più larga visione degli scopi perseguiti.

l atto unico1
L’Atto Unico

L’Atto Unico traeva forza dalla simbologia della scadenza del 31 dicembre 1992, entro cui sarebbero dovute essere abolite tutte le barriere rimanenti, vuoi fisiche, tecniche, e fiscali, al pieno funzionamento del mercato unico.

Dal 1993 in poi il discorso pubblico a livello dell’Unione cambiava: si ritornava al concetto dilibertà – libertà di movimento di persone, di beni, di servizi, di capitali oltre che diritto di accesso, e mercato aperti e trasparenti per appalti pubblici, energia, legge societaria, protezione dei consumatori e altro. In questa accezione più ampia la legislazione sul mercato interno riguardava circa l’80% dell’interno corpo della direttive comunitarie.

barriere e mutuo riconoscimento
Barriere e Mutuo riconoscimento

Sono 3 le categorie principali in cui il Libro bianco ha diviso le rimanenti barriere: quelle di ordine

fisico;

tecnico;

fiscale.

Il programma di riforma europeo venne concepito secondo criteri nuovi, antiburocratici, quali il principio del mutuo riconoscimento (scaturito dalla sentenza della Corte di giustizia Cassis de Dijon nel 1979), e cioè l’accettazione, in linea di massima, da parte di ogni singolo paese, dei prodotti riconosciuti come legali negli altri stati comunitari. Il principio consente di evitare o snellire il processo di armonizzazione fra le diverse legislazioni nazionali.

Valorizzava, quindi, il cosiddetto principio di sussidiarietà.

barriere fisiche
Barriere fisiche

Comprende essenzialmente tutti i controlli di frontiera che erano rimasti nonostante fosse stata istituita l’unione doganale nel luglio del 1968.

Alcuni di essi erano il risultato di buchi venutisi ad aprire nella politica commerciale comune.

Un esempio era la sopravvivenza di restrizioni quantitative nazionali su vari prodotti importati dal Giappone, per i quali di volta in volta era necessaria l’applicazione di controlli di frontiera intra-CEE per verificare la provenienza delle merci.

Vedi anche le restrizioni quantitative CEE su alcuni prodotti importati da paesi terzi quali materiali tessili e abbigliamento nel contesto dei vari accordi multifibre (MFA) e come i prodotti siderurgici per i quali, durante la crisi del 1980-85, venne stabilito un regime di quote.

La PAC costituiva un’altra importante ragione per la sussistenza delle barriere fisiche.

barriere fisiche risultati dell aue
Barriere fisiche: risultati dell’AUE
  • Forte azione di semplificazione e di armonizzazione dei controlli alle frontiere con abolizione di formalità doganali alle frontiere. Sono state aboliti circa 60 milioni di formulari doganali e una riduzione dell’85% delle operazioni di transito. Molti controlli si effettuano invece sulle merci nei luoghi di partenza
barriere tecniche
Barriere tecniche

Le differenti regolamentazioni tecniche, che hanno un valore vincolante in ciascun paese, e gli standard, che sono codificazioni volontariamente concordate, scritte da organismi di standardizzazione nazionali e considerati indicatori di qualità, erano stati per lungo tempo considerati i principali fattori di frammentazione nel mercato UE

Erano particolarmente importanti in settori specifici quali le attrezzature meccaniche e elettriche o il settore del trasporto merci.

Possono anche essere un mezzo di protezione coperto, per quanto molto efficace, contro i produttori stranieri.

Azioni prese: La Commissione ha incoraggiato la normazione e certificazione degli standard a organizzazioni internazionali riconosciute dalla Comunità.

  • A
eliminazione delle barriere
Eliminazione delle barriere

Il Libro bianco puntava a una maggiore trasparenza e all’allargamento delle concorrenza ai quattro settori che erano stati esclusi dalle precedenti direttive CEE, e cioè acqua, energia, trasporti e telecomunicazioni.

Un aspetto importante della politica di concorrenza CEE ha a che fare con gli aiuti statali. L’articolo 92 del Trattato di Roma contiene una proibizione generica di simili aiuti, per le distorsioni prodotte nella concorrenza intra CEE. Il Libro bianco ha messo in luce la necessità di una più rigorosa applicazione in questo ambito.

barriere fiscali
Barriere fiscali

Le distorsioni derivanti dalla diversità dei sistemi fiscali costituiscono da sempre un nodo problematico della teoria dell’integrazione economica, e ciò trovò un puntuale riconoscimento nelle normative previste dal Trattato di Roma sull’argomento.

Il punto di maggior rilievo era la tassazione indiretta e i suoi effetti sull’assegnazione delle risorse all’interno di un’unione doganale o di un mercato comune.

La CEE è riuscita a sostituire differenti imposte sul giro d’affari con un singolo sistema di tassazione indiretta ovverosia l’IVA.

L’applicazione del principio di destinazione aumentò tuttavia la necessità di controlli fiscali di frontiera e di compensazioni fiscali di confine. Il Libro bianco si proponeva esattamente di porre fine a questo. Lo scopo finale era tassare le vendite oltre confineallo stesso identico modo di quelle interne ad un paese.

il consiglio europeo di hannover 1988
Il consiglio Europeo di Hannover (1988)
  • Liberalizzazione dei capitali (effettiva al 1990)
  • Esame dei progressi sul Mercato Interno e diffusione Rapporto Cecchini:
    • Stima effetti completamento Mercato Interno: più 7% del PIL e 5 milioni posti di lavoro.
  • Si stabilisce un Comitato Delors per fare un rapporto sull’Unione Monetaria.
slide51

Il quoziente di realizzazione delle misure previste nel Libro bianco fu molto elevato, se si pensa che alla fine del 1992 restavano da adottare dal Consiglio dei Ministri solo quindici misure. Gran parte di esse erano adottate sotto forma di direttive comunitarie, le quali per essere efficaci richiedevano di essere attuate dagli Stati membri con propria legislazione. A partire dal 1992 il processo di integrazione entrava in una nuova fase, caratterizzata dal Trattato sull’Unione Europea, che indicava l’obiettivo dell’ Unione monetaria. Pochi anni dopo, nel 1997, si arrivò a stipulare il Trattato di Amsterdam, seguito poi, nel 2001, da quello di Nizza - trattati che oltre ad alcune riforme istituzionali allargavano le competenze comunitarie per esempio nel campo dell’ambiente e delle politiche sociali.

Il 1992 e oltre

la commissione e gli anni 90
La Commissione e gli anni ‘90

Il vento di innovazione che soffiava sull’economia mondiale all’inizio degli anni ’90 non colse impreparata la sola Germania, ma l’intero continente. Un primo segnale, che poi si è rivelato effimero, era venuto dal Giappone con i suoi metodi di produzione altamente innovativi.

La sfida venuta dagli Stati Uniti, basata su innovazione, flessibilità nella gestione delle imprese e un forte sistema finanziario, è invece duratura.

Come se non bastasse, l’economia europea è stata presa a tenaglia fra il dinamismo americano e la novità costituita da paesi emergenti asiatici capaci di coniugare bassi costi e alta propensione ad assorbire tecnologia.

riforme degli anni 90
Riforme degli anni ’90

Perissich ( già Direttore Generale della Commissione) afferma:

“Avevamo una chiave inglese nel cervello. A scanso di equivoci è bene precisare che avevamo da tempo abbandonato ogni velleità di politica industriale alla ‘francese’; eravamo convinti che il rafforzamento dell’industria europea dovesse essere realizzato con gli strumenti della concorrenza e del mercato.

Ci era invece sfuggito fino a che punto la trasformazione in atto fosse trainata dai servizi; si sarebbero dovuti guardare con più attenzione gli Stati Uniti.

Per fare un esempio, si pensava ancora che la sfida informatica si chiamasse IBM, senza vedere la crescita di Microsoft.”

liberalizzazioni negli anni 90
Liberalizzazioni negli anni ‘90

Mentre per i prodotti industriali si era riusciti a convincere i Governi a far cadere praticamente tutte le barriere residue, mancava ancora un vero consenso sulla liberalizzazione dei servizi. Un progresso fondamentale era stato realizzato: la liberalizzazione dei movimenti di capitali.

Alcune direttive importanti erano state adottate in materia di banche e assicurazioni; qualche successo era stato ottenuto anche per aprire brecce nel muro corporativo che protegge le professioni.

L’osso più duro era rappresentato dalle cosiddette utilities, cioè dalle società che gestivano, spesso in regime di monopolio e di proprietà statale, servizi di pubblica utilità come l’energia o le telecomunicazioni. Un passo importante era stato compiuto estendendo anche a queste imprese gli obblighi di apertura degli appalti.

la commissione e gli anni 901
La Commissione e gli anni ‘90

La risposta della Commissione alle trasformazioni intervenute nell’economia mondiale è quindi stata parziale e in alcuni casi tardiva, ma non priva di risultati concreti.

“C’era anche un ostacolo di grande peso: il vento che soffiava dall’Atlantico e dal Pacifico poneva in primo piano i problemi della fiscalità, del mercato del lavoro e dei sistemi previdenziali dove si annidavano alcune delle principali rigidità dell’economia europea. Affrontare questi temi in comune, date le profonde differenze tra i vari paesi, avrebbe richiesto una guida politica, bel oltre le forze della Commissione.” (Perissich)

allargamento a quindici
Allargamento a Quindici
  • 30 marzo 1994: si concludono i negoziati per l’adesione di Austria, Svezia, Finlandia e Norvegia.
  • 24-25 giugno 1994: Consiglio europeo di Corfù. Firmati gli atti di adesione.
  • 28 novembre 1994: Referendum Norvegese da esito negativo. Austria, Svezia e Finlandia approvano l’adesione.
  • I nuovi Paesi membri ad alto reddito procapite diventano contribuenti netti alle finanze dell’UE.
allargamento ai paesi ex comunisti le premesse
Allargamento ai paesi ex comunisti: le premesse.
  • Dal 1989 l’UE
      • Elargisce aiuti attraverso la Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo
      • Programma Phare per l’assistenza tecnica e scientifica (istruzione-formazione; infrastrutture; piccole imprese)
      • Accordi di associazione con singoli paesi dell’Est: graduale liberalizzazione del commercio con i mercati dell’Unione, tranne l’agricoltura.
      • Una volta applicati gli accordi le nuove democrazie erano libere di fare domanda per entrare nell’Unione. In coda c’erano già la Turchia (dal 1987), Malta e Cipro (dal 1990)
allargamento ai paesi ex comunisti le premesse1
Allargamento ai paesi ex comunisti: le premesse.
  • Criteri di Copenhagen (giugno 1993):
    • Tre principi chiave per essere ammessi nell’UE:

a) stabili istituzioni democratiche; rispetto per la legge e i diritti umani e i diritti delle minoranze

b) economia di mercato funzionante tale da poter sopravvivere alla competizione in un mercato come l’UE

c) assunzione degli obblighi dell’appartenenza e di rispetto dei Trattati dell’Unione. Questo viene dettagliato in un Libro Bianco in 23 capitoli della Commissione che fissa i criteri per l’adeguamento dei paesi dell’Europa Orientale alla legislazione dell’UE.

  • Domande di adesione:
    • 1994: Ungheria e Polonia
    • 1995: Romania, Slovacchia, Lettonia
    • 1996: Estonia, Lituania, Repubblica Ceca,Slovenia, Bulgaria
allargamento all est
Allargamento all’est
  • 16 aprile 2003: firmati i Trattati di adesione di 10 paesi che entrano a far parte della Comunità il 1 maggio 2004.
  • Per altri 2 paesi: Bulgaria e Romania l’ingresso nell’Unione il 1 gennaio 2007.
  • Nuovi paesi membri: i tre paesi Baltici, Polonia, Ungheria, Rep. Ceca, Slovacchia, Slovenia, Cipro e Malta.
il mercato interno un bilancio provvisorio
Il mercato interno: un bilancio provvisorio

Risultati positivi: nella circolazione delle merci.

Per la circolazione delle persone: importanti gli accordi di Schengen del 1995 e il riconoscimento di alcune qualifiche professionali. Il grado di mobilità interna all’UE rimane basso.

Apertura molto parziale nel mercato degli appalti pubblici.

Il sistema finanziario rimane scarsamente integrato, nonostante la moneta unica.

Anche il mercato dei servizi (banche assicurazioni, trasporti, poste, telecom., energia) rimane scarsamente integrato e organizzato su base nazionale. Scarsa concorrenza e scarso commercio intra-area. E’ stato rifiutato in questo caso il principio del riconoscimento del paese di origine.

il mercato interno un bilancio provvisorio1
Il mercato interno: un bilancio provvisorio
  • Difficile isolare l’impatto delle liberalizzazioni (incomplete) da tanti altri fattori: vedi globalizzazione, crisi, allargamento ecc.
  • Aumento degli scambi intra-area in beni e in IDE.
  • Aumento delle fusioni e acquisizioni fra imprese comunitarie
  • Effetti positivi sembrano esserci stati sulla crescita, sulla occupazione e sul contenimento dell’inflazione
la dichiarazione di lisbona
La Dichiarazione di Lisbona

Si tratta di un testo adottato solennemente dal Consiglio europeo nel 2000; contiene un insieme di obiettivi molto giusti, che rispondono al consenso prevalente su ciò che l’Europa dovrebbe fare, ma è privo degli strumenti operativi per renderlo vincolante e quindi credibile.

A Lisbona fu deciso di rendere entro il 2010 l’economia europea la più competitiva del pianeta.

principali partners commerciali dell ue 15 media 1999 2001
- Principali partners commerciali dell’UE-15(media 1999-2001)

(b) Importazioni

(a) Esportazioni

slide67

-Esportazioni di manufatti e servizi dell’UE-15 e dei 10 nuovi membri come percentuale del PIL.

gruppi di lavoro
Gruppi di lavoro
  • 1)La Cina può continuare a crescere al ritmo degli ultimi venti anni e con quali conseguenze sulla economia globale?
  • 2) L’UE e la crisi finanziaria dal 2008 a oggi. Effetti economiche e politiche.
  • 3) Quanto e come ha beneficiato e/o potrà beneficiare l’UE dall’allargamento a 25 e poi a 27 stati avvenuto nell’ultimo decennio?