protezione promozione e sostegno dell allattamento al seno in emilia romagna n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Protezione, promozione e sostegno dell’allattamento al seno in Emilia-Romagna PowerPoint Presentation
Download Presentation
Protezione, promozione e sostegno dell’allattamento al seno in Emilia-Romagna

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 22

Protezione, promozione e sostegno dell’allattamento al seno in Emilia-Romagna - PowerPoint PPT Presentation


  • 211 Views
  • Uploaded on

Protezione, promozione e sostegno dell’allattamento al seno in Emilia-Romagna. Antonio Brambilla Responsabile Servizio assistenza distrettuale Direzione Generale sanità e politiche sociali. Promozione e sostegno dell’allattamento al seno. Allattamento al seno :

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Protezione, promozione e sostegno dell’allattamento al seno in Emilia-Romagna' - garfield


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
protezione promozione e sostegno dell allattamento al seno in emilia romagna

Protezione, promozione e sostegno dell’allattamento al seno in Emilia-Romagna

Antonio Brambilla

Responsabile Servizio assistenza distrettuale

Direzione Generale sanità e politiche sociali

promozione e sostegno dell allattamento al seno
Promozione e sostegno dell’allattamento al seno

Allattamento al seno:

  • costituisce una delle pratiche di salute più semplici, a basso costo e di sicura efficacia
  • rappresenta la scelta alimentare d’elezione durante i primi mesi di vita, sia per rinforzare il legame psico-affettivo tra madre e bambino, sia per i migliori risultati in termini di salute
promozione e sostegno dell allattamento al seno1
Promozione e sostegno dell’allattamento al seno
  • L.R. n. 26 dell’11 agosto 1998
  • Piano sanitario regionale 1999-2001: programma speciale “Salute donna”
  • D.G.R. n. 309/2000“Assistenza distrettuale. Approvazione linee guida di attuazione del Piano sanitario regionale 1999-2001”
  • Legge 34/96: Programma Regionale finalizzato all’attivazione, alla gestione ed alla riorganizzazione dei consultori
  • Circolare n. 10 del 28/4/2005
  • 1° Piano sociale e sanitario regionale 2008-2010
promozione e sostegno dell allattamento al seno2
Promozione e sostegno dell’allattamento al seno
  • L.R. n. 26 dell’11 agosto 1998 “Norme per il parto nelle strutture ospedaliere, nelle case di maternità e a domicilio”:

Art. 9, comma 2

la Regione Emilia-Romagna si impegna a promuovere la pratica dell’allattamento al seno tramite la corretta informazione e sensibilizzazione della donna in gravidanza e l’avvicinamento immediato, a tal fine, della madre e del neonato fin dal parto

promozione e sostegno dell allattamento al seno3
Promozione e sostegno dell’allattamento al seno
  • Piano sanitario regionale 1999-2001: contiene il programma speciale “Salute donna” che, con un approccio di genere, ripropone i principali filoni di intervento, riletti alla luce dei mutamenti sociali, con attenzione particolare ai temi connessi al percorso nascita, anche in applicazione della L.R. 26/1998.
promozione e sostegno dell allattamento al seno4
Promozione e sostegno dell’allattamento al seno
  • Delibera di Giunta regionale n. 309/2000“Assistenza distrettuale. Approvazione linee guida di attuazione del Piano sanitario regionale 1999-2001”

ha posto la promozione ed il sostegno dell’allattamento al seno come obiettivo di salute

promozione e sostegno dell allattamento al seno5
Promozione e sostegno dell’allattamento al seno
  • Legge 34/96: Programma Regionale finalizzato all’attivazione, alla gestione ed alla riorganizzazione dei consultori

progetto “Promuovere azioni per realizzare l’umanizzazione del parto”: promuovere l’allattamento al seno nonché pratiche di assistenza di provata efficacia alla gravidanza, al parto e al neonato sano dimesso precocemente (finanziato con D.G.R. n.2464/1999)

promozione e sostegno dell allattamento al seno6
Promozione e sostegno dell’allattamento al seno
  • Circolare n. 10 del 28/4/2005: “Promozione e tutela dell’allattamento al seno e indicazioni circa l’approvvigionamento dei sostituti del latte materno” affinché le Aziende si attivino per vigilare ed adottare misure volte ad evitare ogni possibile induzione dell’allattamento artificiale.
promozione e sostegno dell allattamento al seno7
Promozione e sostegno dell’allattamento al seno
  • 1° Piano sociale e sanitario regionale 2008-2010

rilancia tra gli obiettivi strategici la qualità dell’assistenza nel percorso nascitae indica l’area materno-infantile tra i percorsi assistenziali ad elevata integrazione

d g r n 533 2008 direttiva alle aziende sanitarie in merito al programma percorso nascita
D.G.R. n. 533/2008“Direttiva alle aziende sanitarie in merito al programma percorso nascita”

ha fornito alle Aziende sanitarie le linee di indirizzo relative a tutte le fasi di assistenza del percorso nascita, compreso il sostegno all’allattamento al seno sulla base dei lavori della Commissione tecnico scientifica regionale, istituita ai sensi della L.R. 26/1998 :

obiettivo 6 della D.G.R. 533/2008: “Attuare interventi di supporto alla relazione madre-bambino e di promozione e sostegno dell’allattamento al seno”

slide11
Obiettivo 6 “Attuare interventi di supporto alla relazione madre-bambino e di promozione e sostegno dell’allattamento al seno”

Obiettivi specifici:

  • migliorare il tasso di allattamento al seno
  • diffondere l’implementazione delle raccomandazioni a tutte le Aziende sanitarie della regione, secondo la metodologia prevista dal manuale e sulla base delle sperimentazioni attuate

Adesione al Piano regionale di Prevenzione 2006-2008 per l’attuazione delle sperimentazioni:

D.G.R. n.1332/2006, n. 2003/2007 e n. 2085/2008 “Approvazione del progetto di continuità del percorso nascita con particolare riferimento al puerperio. Assegnazione ad Aziende sanitarie ed ospedaliere della regione di apposito finanziamento”

slide12
Obiettivo 6 “Attuare interventi di supporto alla relazione madre-bambino e di promozione e sostegno dell’allattamento al seno”
slide13
Obiettivo 6 “Attuare interventi di supporto alla relazione madre-bambino e di promozione e sostegno dell’allattamento al seno”

Implementazione delle raccomandazioni con uno stato di avanzamento diversificato da parte delle AUSL di Piacenza, Reggio Emilia, Modena, Ferrara e Forlì e delle Aziende Ospedaliere di Reggio Emilia, Modena e Ferrara

monitoraggio dell allattamento al seno ricerca prevalenza anni 1996 2008
Monitoraggio dell’allattamento al seno: Ricerca prevalenza, anni 1996-2008
  • 5° edizione della ricerca patrocinata dall’Assessorato alle Politiche per la salute della Regione Emilia-Romagna e curata dal Servizio Assistenza distrettuale, medicina generale, pianificazione e sviluppo dei servizi sanitari in collaborazione con l’AssociazionePediatria di Comunità (A.Pe.C.)
  • fa parte dei flussi informativi regionali, tra cui il CeDAP (Certificato di assistenza al parto), che hanno l’obiettivo di rilevare in modo omogeneo e condiviso le informazioni standardizzate su tutto il territorio regionale
monitoraggio dell allattamento al seno la ricerca di prevalenza anni 1996 2008
Monitoraggio dell’allattamento al seno: La ricerca di prevalenza, anni 1996-2008
  • Si inserisce all’interno degli strumenti di monitoraggio del percorso nascita regionale e in particolare degli interventi di promozione dell’allattamento
  • È coerente con le Linee di indirizzo nazionali sulla protezione, la promozione e il sostegno dell’allattamento al seno e con la funzione di promozione di modalità omogenee di raccolta dei dati del Comitato Nazionale Multisettoriale per l’allattamento al seno (istituito con D.M. 15 aprile 2008, rappresentante regionale prof.ssa Paola Dallacasa)
obiettivi della ricerca
Obiettivi della Ricerca
  • Dall’analisi dei dati alle criticità su cui intervenire:

La ricerca mira ad acquisire informazioni epidemiologiche sulla realtà regionale e locale, per consentire confronti e valutazioni che favoriscano la cultura e il sostegno dell’allattamento al seno.

adesione della regione alla campagna nazionale genitoripi d g r n 172 2008 e n 2086 2008
Adesione della Regione alla Campagna nazionale Genitoripiù(D.G.R. n. 172/2008 e n. 2086/2008)
  • Nel questionario della ricerca anno 2008 sono stati inseriti nuovi item relativi a due determinanti di salute compresi nella Campagna nazionale :
  • la protezione del/della bambino/a dal fumo passivo post natale
  • l’utilizzo di mezzi di protezione in auto
slide21

LE 7 AZIONI

  • L’assunzione di adeguate quantità di acido folico nel periodo periconcezionale
  • L’astensione dal fumo di sigaretta durante la gravidanza e nei luoghi frequentati dal bambino
  • L’allattamento al seno esclusivo nei primi sei mesi di vita.
  • Laposizione supina nel sonno nel primo anno di vita
  • L’utilizzo di appropriati mezzi di protezione per il trasporto del bambino in automobile
  • Fare tutte levaccinazioni
  • La lettura ad alta voce ai bambini già dal 1° anno di vita
ringraziamenti
Ringraziamenti

Per la ricerca:

  • Chiara Cuoghi e Simona Di Mario per la pianificazione del progetto e degli strumenti della ricerca, l’elaborazione e l’analisi dei dati
  • Il Personale sanitario deputato alle vaccinazionidell’infanzia delle AUSL della Regione per la compilazione dei questionari
  • I Referenti distrettualidella Pediatria di Comunità per la raccolta dei questionari

Per la partecipazione al Piano regionale di Prevenzione 2006-2008:

  • I gruppi multidisciplinari delle AUSL di Piacenza, Reggio Emilia, Modena, Ferrara e Forlì e delle Aziende Ospedaliere di Reggio Emilia, Modena e Ferrara per la realizzazione del piano di implementazione per il sostegno dell’allattamento al seno