slide1 l.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
da una esigenza di semplificazione in materia di tenuta dei documenti di lavoro. PowerPoint Presentation
Download Presentation
da una esigenza di semplificazione in materia di tenuta dei documenti di lavoro.

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 35

da una esigenza di semplificazione in materia di tenuta dei documenti di lavoro. - PowerPoint PPT Presentation


  • 128 Views
  • Uploaded on

Libro Unico del Lavoro. nasce. art. 39 e 40. da una esigenza di semplificazione in materia di tenuta dei documenti di lavoro. . Gestione. legge. del. I CARDINI. n. 133. Personale. La tenuta. Il luogo. Edizione:SMA. 2008. L'esibizione. La conservazione.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'da una esigenza di semplificazione in materia di tenuta dei documenti di lavoro.' - galeno


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

Libro Unico

del Lavoro

nasce

art. 39 e 40

da una esigenza di semplificazione

in materia di tenuta dei documenti

di lavoro.

Gestione

legge

del

I CARDINI

n. 133

Personale

La tenuta

Il luogo

Edizione:SMA

2008

L'esibizione

La conservazione

slide2

i libri paga e matricola e gli altri libri

obbligatori dell'impresa

sostituiti

dal “ libro unico del lavoro “

istituito con gli articoli:

39 - Adempimenti di natura formale nella gestione dei rapporti di lavoro

40 - Tenuta dei documenti di lavoro ed altri adempimenti formali

del decreto-legge n. 112/2008 (convertito con legge 6 agosto 2008, n. 133)

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali – circ. n. 20/21.08.2008

Nota: INAIL 25.08.2008 – 6792

SMA

libro unico del lavoro
Libro unico del lavoro:

Vidimazione - precisazioni

Il decreto ministeriale di attuazione del “ Libro unico del lavoro “ individua l'Inail come unico ente preposto ad effettuare la vidimazione, anche nel caso quindi dei datori di lavoro che provvedevano alla vidimazione presso altri Istituti (es. i datori di lavoro agricoli presso l'Inps).

A tale riguardo, è stato

inoltrato quesito sia da

INAIL

INPS

Tale operatività allo stato è

impossibile per l’Istituto che

non possiede una Banca dati

di detti soggetti.

Direzione Generale per l’attività ispettiva

del Ministero del lavoro, della

salute e delle politiche sociali

Apposite istruzioni verranno impartite sull’argomento una volta acquisito il parere dal

competente Ministero, al quale è stata rappresentata anche l’opportunità di mantenere

l’attuale sistema di vidimazione presso L’INPS (datori di lavoro agricoli) e presso l’IPSEMA

(datori di lavoro marittimi) durante il periodo transitorio (fino al periodo di paga relativo

al mese di dicembre 2008 e, quindi fino al 16 gennaio 2009).

Nota: INAIL 04.09.2008 - 6992

SMA

libro unico del lavoro4
Libro unico del lavoro

all'istituzione del libro sono tutti i datori di lavoro privati

di qualsiasi settore, compresi i datori di lavoro agricoli, quelli dello spettacolo,

dell'autotrasporto e marittimi, con la sola eccezione dei datori di lavoro

domestici, che devono iscrivervi tutti i lavoratori subordinati, i collaboratori

coordinati e continuativi (con o senza progetto) e gli associati in partecipazione

con apporto lavorativo.

Soggetti obbligati

ad alcun obbligo in tema di tenuta del libro unico le società cooperative di produzione e lavoro (salvo che non istituiscano specifici rapporti di lavoro subordinato al proprio interno), l'impresa familiare per il lavoro del coniuge, dei figli e degli altri parenti o affini (con o senza retribuzione), le società e le ditte individuali del commercio che non occupino dipendenti.

Non sono soggetti

le pubbliche amministrazioni, che provvedono alle registrazioni con i cedolini o ruoli di paga, elaborati per ciascun dipendente.

Esentate

SMA

libro unico del lavoro la tenuta
Libro unico del lavoro: la tenuta

Sono tre le modalità indicate per tenere il “ Libro unico del lavoro “

La prima prevede la stampa meccanografica su fogli mobili a ciclo continuo:

ogni pagina deve essere numerata e il libro deve essere vidimato, prima di

essere messo in uso, dall'INAIL; in alternativa, può essere numerato e vidimato

durante la stampa da soggetti autorizzati dall'INAIL.

1

La seconda prevede la stampa laser: è però necessaria l'autorizzazione

preventiva dell'INAIL.

2

La terza prevede l'elaborazione su supporti magnetici o a elaborazione

automatica dei dati: in questo caso, non sono necessarie autorizzazione

né vidimazione, ma occorre comunicare la messa in uso alla DPL.

3

Il datore di lavoro è tenuto ad istituire e tenere un ed unico libro, anche

in presenza di più posizioni assicurative e previdenziali in ambito

aziendale o di più sedi di lavoro, sebbene stabili ed organizzate.

Nota: INAIL 10.09.2008 - 7095

SMA

sono tre le modalit indicate per tenere il libro unico del lavoro
Sono tre le modalità indicate per tenere il libro unico del lavoro:

1 - Elaborazione e stampa meccanografica su fogli mobili a ciclo continuo

  • con preventiva numerazione dei fogli mobili e vidimazione a cura delle
  • Sedi INAIL.

In tale caso, il Libro unico del lavoro, prima di essere messo in uso, deve essere

numerato in ogni pagina e vidimato presso una qualsiasi Sede dell’Istituto dai

Funzionari a ciò incaricati.

  • con numerazione e vidimazione effettuata, dai soggetti autorizzati dall’INAIL,
  • in sede di stampa del modulo continuo

In tali casi gli Utenti (datori di lavoro, consulenti del lavoro, professionisti e gli altri

soggetti abilitati) debbono presentare all’INAIL una richiesta di autorizzazione in

fase di stampa tipografica del tracciato dei moduli da utilizzare.

A decorrere dal 16 Gennaio 2009 (termine di scadenza del regime transitorio),

la vidimazione del Libro unico del lavoro va registrata in procedura Gestione

Rapporto assicurativo (GRA) esclusivamente con riferimento al “Codice Cliente”

e non più alla posizione assicurativa Territoriale (PAT), secondo le istruzioni

tecniche che verranno impartite con successiva nota.

SMA

sono tre le modalit indicate per tenere il libro unico del lavoro7
Sono tre le modalità indicate per tenere il libro unico del lavoro:

2 - “ STAMPA LASER “

Per questo sistema di tenuta del libro unico del lavoro, è prevista una iniziale

richiesta di autorizzazione alla vidimazione in fase di stampa.

  • Tutti i soggetti autorizzati alla vidimazione in fase di stampa laser sono tenuti
  • al rispetto delle seguenti condizioni:
  • la stampa del tracciato deve essere conforme al fac-simile autorizzato;
  • il programma di elaborazione deve prevedere la data e l’ora di stampa di
  • ogni foglio;
  • su ogni foglio devono, inoltre, essere riportati il numero progressivo della
  • pagina, il numero di autorizzazione attribuito, la data di autorizzazione
  • e il codice della Sede INAIL che ha rilasciato l’autorizzazione.

Rispetto ai previgenti adempimenti viene meno l’obbligo di produrre

il prospetto riepilogativo mensile delle retribuzioni, nonché l’obbligo

di inoltrare alla Sede INAIL, entro il 31 marzo dell’anno successivo

a quello di riferimento, detto prospetto riepilogativo.

SMA

sono tre le modalit indicate per tenere il libro unico del lavoro8
Sono tre le modalità indicate per tenere il libro unico del lavoro:

2 - “ STAMPA LASER “

Notifica provvedimento

autorizzazione

Modello richiesta

di autorizzazione

SMA

sono tre le modalit indicate per tenere il libro unico del lavoro9
Sono tre le modalità indicate per tenere il libro unico del lavoro:

3 - “ Supporti magnetici e sistemi di elaborazione automatica dei dati “

Il Libro unico del lavoro può essere tenuto con modalità informatiche e

precisamente:

  • su supporti magnetici, a condizione che ogni singola scrittura costituisca documento
  • informatico e sia collegata alle registrazioni in precedenza effettuate.
  • Il documento informatico deve avere la forma di documento statico non modificabile
  • e deve essere emesso, al fine di garantirne l’attestazione della data, l’autenticità e
  • l’integrità, con l’apposizione del riferimento temporale e della firma digitale.
  • con sistemi di elaborazione automaticadei dati che garantiscono la consultabilità
  • dei dati in ogni momento, l’inalterabilità e l’integrità dei dati, nonché la sequenzialità
  • cronologica delle operazioni eseguite, nel rispetto delle regole tecniche stabilite dal
  • Codice dell’Amministrazione digitale.

Queste modalità informatiche di tenuta del Libro unico del lavoro sono

sottratte all’obbligo di vidimazione e di autorizzazione da parte dell’INAIL.

Prevista la comunicazione alla DPL prima della messa in uso.

SMA

libro unico del lavoro10
Libro unico del lavoro
  • Nome e cognome
  • Codice fiscale
  • Qualifica e livello di inquadramento
  • Retribuzione base
  • Anzianità di servizio
  • Posizione assicurativa e previdenziale
  • Somme e valori erogati dal datore di lavoro, compresi i rimborsospese
  • Trattenute effettuate a qualsiasi titolo
  • Le somme erogate a titolo di premio o per prestazioni di lavoro straordinario
  • devono essere indicate specificamente
  • Il calendario delle presenze con l’evidenza delle ore di straordinario, le assenze
  • a qualsiasi titolo anche se non retribuite
  • Per i lavoratori a domicilio dovranno essere evidenziate data e ora di consegna
  • e riconsegna del lavoro e descrizione dello stesso e specifica annotazione della
  • quantità e qualità del lavoro eseguito.

Le registrazioni

Le scritturazioni obbligatorie sul libro unico del lavoro devono avvenire per ciascun mese di

riferimento, entro il giorno 16 del mese successivo, possono essere oggetto di registrazione

differita i soli dati variabili retributivi.

SMA

libro unico del lavoro11
Libro unico del lavoro

I dati sono gli stessi già contenuti

in un normale cedolino paga

quelli anagrafici

le somme in danaro o in natura

le relative trattenute

un calendario delle presenze, da cui

risulti, per ogni giorno, il numero di

ore di lavoro (o la presenza per i

mensilizzati) e di assenze effettuate

da ciascun lavoratore subordinato.

Il “ Libro unico del lavoro ” ha la funzione di

documentare ad ogni singolo lavoratore lo stato

effettivo del proprio rapporto di lavoro e agli

organi di vigilanza lo stato occupazionale dell'impresa.

SMA

slide12
Libro unico del lavoro:Gestione della numerazione unitaria per consulenti del lavoro e soggetti autorizzati

I consulenti del lavoro, i professionisti e gli altri soggetti di cui all'art. 1,

commi 1 e 4, della legge 11 gennaio 1979, n. 12, che siano autorizzati ad

adottare un sistema di numerazione unitaria del libro unico del lavoro

per i datori di lavoro assistiti devono:

a) ottenere delega scritta da ogni datore di lavoro, anche inserita nella

lettera di incarico o documento equipollente;

b) inviare, in via telematica, al l'INAIL con la prima richiesta di

autorizzazione, un elenco dei suddetti datori di lavoro e del codice

fiscale dei medesimi;

c) dare comunicazione, in via telematica, all'Inail, entro 30 giorni

dall'evento, della avvenuta acquisizione di un nuovo datore di lavoro

e della interruzione di assistenza nei confronti di uno dei datori di

lavoro già comunicati ai sensi della precedente lettera b).

SMA

libro unico del lavoro13
Libro unico del lavoro:

Luogo

Il libro unico è conservato presso la sede legale del datore di lavoro o,

in alternativa, presso lo studio dei consulenti del lavoro o degli altri

professionisti abilitati o presso la sede dei servizi e dei centri di

assistenza delle associazioni di categoria delle imprese artigiane e delle

altre piccole imprese anche cooperative.

L'esibizione

Il datore di lavoro deve esibire tempestivamente il libro unico agli organi

di vigilanza nel luogo in cui si esegue il lavoro, se si tratta di sede stabile

di lavoro, anche a mezzo fax o posta elettronica. Per le attività mobili o

itineranti, il datore che detiene il libro presso la sede legale lo deve esibire

entro il termine assegnato dagli organi di vigilanza.

SMA

libro unico del lavoro14
Libro unico del lavoro:

“ Obbligo di conservazione “

Il datore di lavoro ha l'obbligo di conservare il libro unico del lavoro

per la durata di cinque anni dalla data dell'ultima registrazione e di

custodirlo nel rispetto del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196,

in materia di protezione dei dati personali.

L'obbligo di cui al comma 1 è esteso ai libri obbligatori in materia di

lavoro dismessi in seguito all'entrata in vigore della semplificazione

di cui all'articolo 39 del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112 e alle

disposizioni del presente decreto.

SMA

libro unico del lavoro15
Libro unico del lavoro

“ Il regime transitorio “

In via transitoria, a decorrere dal 18 agosto 2008 e fino al periodo di paga

relativo al mese di dicembre 2008 e quindi fino al 16 gennaio 2009, i datori

di lavoro possono adempiere agli obblighi di istituzione e tenuta del Libro

unico del lavoro attraverso la corretta e regolare tenuta del libro paga e

presenze, secondo le disposizioni attuali.

A decorrere dal 18 agosto 2008, le Sedi territoriali dell’Istituto

non debbono più vidimare il libro matricola, in quanto abrogato.

Pertanto, durante il periodo transitorio, le Sedi dell’Istituto provvedono,

per tutte le aziende che ne facciano richiesta (comprese quelle di nuova

Istituzione), alla vidimazione del libro paga e presenze.

Nota: INAIL 19.09.2008 - 7357

SMA

assunzione lavoratore modalit
Assunzione lavoratore - modalità

Dal 1° marzo 2008 è obbligatoria la trasmissione delle comunicazioni per

via informatica ovvero mediante i servizi informatici messi a disposizione,

con standard omogenei, dalle Regioni e Province Autonome (DM 30.10.07).

L'elenco dei servizi informatici e le modalità di accreditamento di ciascun

sistema sono reperibili alla sezione del sito dedicata www.lavoro.gov.it/co.

I soggetti obbligati devono effettuare la comunicazione di assunzione,

previo accreditamento al sistema informatico di competenza

(quello della Regione ove è ubicata la sede di lavoro),

attraverso i moduli di comunicazione

Unificato-Lav, Unificato-Somm

e Unificato Urg.

La comunicazione data attraverso i sistemi informatici viene protocollata e

contrassegnata da un codice univoco, è valida ai fini dell’obbligo di comunicazione

e non deve essere seguita dalla trasmissione di alcun documento cartaceo.

SMA

assunzione lavoratore oggetto
Assunzione lavoratore - oggetto

L'obbligo di comunicazione vige nel caso di instaurazione

di (DL 510/1996, art. 9 bis, convertito dalla L. 608/1996, c. 2,

modificato da 296/2006, art. 1, comma 1180):

  • rapporto di lavoro subordinato
  • collaborazione coordinata e continuativa, anche nella modalità
  • del lavoro a progetto
  • rapporto di lavoro con un socio lavoratore di cooperativa
  • associazione in partecipazione con apporto lavorativo
  • tirocinio di formazione e orientamento finalizzato all'inserimento
  • lavorativo e ogni altro tipo di esperienza assimilabile
assunzione lavoratore accentramento
Assunzione lavoratore - accentramento

La procedura di accentramento delle comunicazioni consente ai datori di lavoro

e ai soggetti abilitati, che operano su due o più regioni, di utilizzare un solo

Sistema informatico regionale per l'invio delle comunicazioni obbligatorie,

indipendentemente dal numero di sedi di lavoro gestite a livello nazionale.

Possono chiedere l'accentramento:

i datori di lavoro, che hanno sedi di lavoro ubicate in territori regionali diversi,

hanno la possibilità di accentrare l‘invio delle comunicazioni presso uno dei

servizi informatici ove è ubicata una delle sedi di lavoro;

i soggetti abilitati possono effettuare tutte le comunicazioni attraverso il servizio

informatico regionale ove è ubicata la sede legale

le agenzie di somministrazione possono accentrare l'invio delle comunicazioni

attraverso un unico servizio informatico regionale, individuato tra quelli dove

è ubicata una delle loro sedi operative

L'accentramento non è consentito per le comunicazioni inerenti il contratto di apprendistato (che deve essere effettuata secondo le modalità previste da ciascuna Regione di competenza) e soggetti obbligati e abilitati che operano anche nella Provincia Autonoma di Bolzano, in quanto la Provincia non ha ancora aderito alla norma.

SMA

assunzione lavoratore efficacia
Assunzione lavoratore - efficacia

Le comunicazioni sono valide ai fini dell'assolvimento

degli obblighi di comunicazione nei confronti di:

  • Direzione regionale e provinciale del lavoro
  • Inps
  • Inail
  • altre forme previdenziali sostitutive o esclusive
  • Prefettura, in caso di assunzione e cessazione dei rapporti di lavoro
  • con lavoratori extracomunitari, ai sensi del TU n. 286/1998, art. 22, c. 7,
  • come modificato dalla L. 189/2002 e dal Dpr 39/1999

In caso di assunzione di un cittadino extracomunitario regolarmente soggiornante

in Italia è necessario trasmettere il nuovo contratto di soggiorno allo Sportello Unico,

al fine di attestare la condizione alloggiativa e la responsabilità del pagamento delle

spese di rientro in patria del lavoratore (Circolare 29 gennaio 2008 n. 465)

SMA

assunzione lavoratore edile ulteriori adempimenti
Assunzione lavoratore edile – ulteriori adempimenti

Dal 1° ottobre 2006 permane l'obbligo, per il datore di lavoro edile,

di munire i lavoratori, compresi gli autonomi, di tesserino di riconoscimento

completo di generalità, nominativo del datore di lavoro e fotografia

del lavoratore; il tesserino deve essere esposto da ogni lavoratore

(Legge 248/2006, art. 36 bis comma 3 e 4).

Le imprese edili con meno di 10 dipendenti possono ovviare a tale

norma annotando giornalmente le generalità dei lavoratori,

compresi quelli autonomi, su un apposito registro di cantiere,

vidimato dalla D.P.L. del lavoro territorialmente competente;

tale registro dovrà essere conservato sul luogo di lavoro.

SMA

assunzione lavoratore termine
Assunzione lavoratore - termine

La comunicazione deve essere effettuata entro il giorno antecedente

a quello di instaurazione dei relativi rapporti.

Il termine di comunicazione scade alle ore 24 del giorno antecedente a

quello dell'effettiva instaurazione del rapporto di lavoro ( circ. 07.01.2007)

In deroga sono ammesse due ipotesi

(Circolare ministeriale 14 febbraio 2007)

assunzione d'urgenza connessa ad esigenze produttive: la comunicazione può

essere effettuata entro cinque giorni dall'instaurazione del rapporto di lavoro,

salvo l'invio, entro il giorno antecedente, della comunicazione sintetica

provvisoria contenente la data di inizio della prestazione, le generalità del

Lavoratore e del Datore Lavoro

1

assunzione per causa di forza maggiore: quando l'evento è di natura

imprevedibile tale da essere impossibile la previsione nel giorno precedente e

improcrastinabile l'assunzione. In questo caso non vi è l'obbligo di una

comunicazione preventiva sintetica, ma occorre procedere nel primo giorno

utile successivo all'assunzione

2

SMA

sistema informatico in tilt
Sistema informatico in “ Tilt “

assunzioni

In caso di malfunzionamento, il soggetto obbligato può adempiere all’obbligo

inviando, nei termini di legge, una comunicazione d’urgenza utilizzando il

modulo Unificato Urg ad un numero fax server nazionale (848 800 131).

Permane l’obbligo di effettuare la comunicazione

completa per via telematica entro il primo giorno utile.

L’ipotesi di malfunzionamento può riguardare:

1

Il servizio informatico al quale il soggetto abilitato è registrato

2

Oppure il temporaneo non funzionamento del sistema informatico

di quest’ultimo.

Nel primo caso l’anomalia dovrà essere attestata

dall’amministrazione ricevente.

Mentre nel secondo dovrà essere cura dell’utente

interessato documentar le cause del non funzionamento.

SMA

nuova dichiarazione di assunzione
Nuova dichiarazione di assunzione

All'atto dell'assunzione, i datori di lavoro pubblici

e privati sono tenuti a consegnare ai lavoratori:

  • copia delle scritturazioni effettuate nel libro unico del lavoro
  • (D.L. 25 giugno 2008, n. 112, art. 39, c. 5, convertito in Legge n. 133
  • del 6 agosto 2008; D.M. 9 luglio 2008)
  • copia della comunicazione di instaurazione del rapporto di lavoro
  • (D.Lgs n. 181/2000, art. 4-bis, c. 2, come modificato dal D.L. 112/2008,
  • art. 40, c. 2)

Consegnando copia della comunicazione il datore di lavoro adempie anche l'obbligo di

informazione su alcuni elementi del contratto (D. Lgs. n. 152 del 26 maggio 1997).

L'obbligo si intende assolto nel caso in cui il D.L. consegni al lavoratore, prima dell'inizio

delle attività lavorativa, copia del contratto individuale di lavoro che contenga anche tutte

le informazioni dovute ai sensi del D.Lgs. 152/1997 (D.L. 112/08, art. 40, comma 2).

Non sussiste più l'obbligo di tenere il libretto di lavoro del lavoratore assunto, poiché

il D. Lgs. n. 297/2002 ha abrogato la legge che lo istituiva (Legge 10 gennaio 1935, n. 112).

SMA

nuova dichiarazione di assunzione24
… nuova dichiarazione di assunzione

La nuova disciplina comporta

anche un'importante conseguenza

sulla lotta al lavoro sommerso:

essendo venuto meno l'obbligo di tenere il libro

matricola e di iscrivere preventivamente, prima

dell'immissione al lavoro, i lavoratori occupati

nei documenti di lavoro,

il personale ispettivo dovrà fondare l'accertamento della sussistenza di un

impiego lavorativo in nero solo sulla effettuazione della comunicazione

obbligatoria di instaurazione del rapporto di lavoro previsto dalla L. 296/2006.

In caso di ispezione, i funzionari preposti inviteranno il datore di lavoro a fornire

prova della avvenuta comunicazione obbligatoria preventiva di instaurazione del

rapporto di lavoro, e successivamente l'esibizione del libro unico del lavoro.

SMA

denuncia nominativa soci collaboratori coadiuvanti artigiani e non artigiani
Denuncia nominativa soci, collaboratori, coadiuvanti artigiani e non artigiani
  • I datori di lavoro, anche artigiani, che intendono impiegare:
  • collaboratori e coadiuvanti delle imprese familiari
  • coadiuvanti delle imprese commerciali
  • soci lavoratori di attività commerciale e di imprese in forma societaria

sono tenuti, prima dell'inizio del rapporto di lavoro, alla denuncia

nominativa all'INAIL, qualora gli stessi rapporti di lavoro non

siano oggetto della comunicazione preventiva di cui all'art. 9-bis,

c. 2, del decreto-legge 1° ottobre 1996, n. 510.

Al momento la denuncia nominativa

può essere presentata a mezzo fax

L'obbligo della denuncia nominativa decorre dal 18.08.2008 (DM 9.07.08). 

Nota: INAIL 25.08.2008 - 6793

SMA

slide26

Denuncia nominativaassicurati

soci

collaboratori

coadiuvanti artigiani

e non artigiani

SMA

nuove modalit di ispezione
Nuove modalità di ispezione

La nuova ispezione si concentrerà su tre distinti momenti:

L’accesso ispettivo in cui l’obiettivo unico ed esclusivo è la tutela

del lavoro regolare e sicuro, quindi al contrasto al lavoro sommerso

e a quello illegale;

a)

b)

Le verifiche postume, le quali completeranno l’ispezione mediante

gli esami e le analisi documentali;

La definizione dell’accertamento, momento focale e culminante

dell’attività ispettiva nel quale si determina la notificazione

dell’illecito amministrativo.

c)

Particolare rilievo assume il “ primo accesso “ per il quale il Ministero del lavoro

emanerà a breve apposito modello universale di verbale e per il quale, pertanto,

verranno dettate apposite istruzioni.

Nota: INAIL 08.09.2008 - 7081

SMA

l organo di vigilanza
L’Organo di vigilanza

All’accesso nel luogo di lavoro

l’Ispettore

PROVVEDE

all’acquisizione delle informazioni da

parte dei soggetti trovati intenti al lavoro

REDIGE

Un “ VERBALE DI PRIMO ACCESSO ISPETTIVO “

nel quale identifica, anche con documento di identità, i lavoratori;

indica le mansioni, operazioni e attività svolte; dà conto di eventuali

modalità e/o utilizzo di dispositivi individuali di sicurezza (DPI).

SMA

l organo di vigilanza29
… L’Organo di vigilanza

l’Ispettore

INVITA

il Datore di Lavoro a provare l’avvenuta

comunicazione di instaurazione del

rapporto di lavoro

CHIEDE

Al Datore di Lavoro o al Consulente del lavoro

o Al Servizio di Associazione di Categoria

l’esibizione del “ Libro unico del lavoro “

post regime transitorio - altrimenti libro matricola e paga

Se i lavoratori risultano occupati in assenza di comunicazione preventiva,

non vi è annotazione nel “ Libro unico del lavoro “, né è possibile rilevare

da altri adempimenti obbligatori precedenti la volontà di non occultare

i rapporti di lavoro, si “ CONTESTA “ l’illecito impiego sommerso e

sussistendone le condizioni si sospende l’attività dell’impresa

SMA

sanzioni libro unico del lavoro
Sanzioni - libro unico del lavoro
  • La Legge 133/2008 specifica che sono oggetto di sanzione le omesse e infedeli
  • registrazioni che direttamente comportano un disvalore ai fini retributivi,
  • previdenziali (contributivi e assicurativi) o fiscali relativamente al singolo
  • rapporto di lavoro, ovvero un occultamento ai fini legali: si tratta di due distinte
  • ipotesi di violazione:
  • una di tipo omissivo (i dati non sono stati registrati);
  • una di tipo commissivo (i dati sono registrati non corrispondenti al vero).
  • A integrare la condotta concorre l’omissione o l’infedeltà nella registrazione
  • di uno qualsiasi dei dati che abbiano riflesso immediato sugli aspetti legati
  • alla retribuzione o al trattamento fiscale o previdenziale del rapporto di lavoro,
  • senza che la violazione possa ritenersi realizzata per ciascun dato omesso o
  • infedelmente trascritto.
  • La sanzione pecuniaria amministrativa è distinta in base alla gravità della
  • condotta, sulla scorta del numero di lavoratori interessati dalle omesse o infedeli registrazioni sostanziali:
  • fino a dieci lavoratori l’importo della sanzione da da 150 a 1.500 euro;
  • da undici lavoratori in su va da 500 a 3.000 euro.

SMA

sanzioni libro unico del lavoro31
… sanzioni - libro unico del lavoro

Competenti a constatare e contestare gli illeciti Amministrativi relativi agli obblighi di istituzione, tenuta, registrazione, esibizione e conservazione del Libro unico del lavoro, nonché alla conseguente irrogazione delle sanzione pecuniarie amministrative, sono tutti gli Organi di Vigilanza che effettuano accertamenti in materia di lavoro e previdenza sociale.

Il datore di lavoro non può essere punito per gli errori

di carattere meramente materiale o formale e per le omesse registrazioni che non incidono sui trattamenti retributivi, previdenziali o fiscali.

Non sono punibili le condotte dovute ad incertezze interpretative

su modifiche legislative, amministrative o contrattuali ….…o per

la difficoltà di individuare correttamente la natura delle prestazioni

di lavoro rese (es. straordinari giornalieri e settimanali)

SMA

slide34

… sanzioni - libro unico del lavoro

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali – 30.10.2008

Nota: INAIL 03.11.2008 - 8362

SMA

riferimenti normativi

I contenuti del presente lavoro ha una valenza unicamente informativa: fanno fede soltanto i testi di legge pubblicati nella G.U.

Riferimenti normativi

Decreto legge 25 giugno 2008 , n. 112 convertito con modificazioni nella

Legge n. 133/2008

Art. 39 - Adempimenti di natura formale nella gestione dei rapporti di lavoro

DM 30 ottobre 2002

“ Modalità applicative per la tenuta dei libri paga e matricola “

Legge 15 marzo 1997, n. 59

Art. 15 comma 2, prevede che gli atti, i dati ed i documenti formati dalla pubblica

amministrazione e dai privati, con strumenti informatici o telematici, nonché la loro

archiviazione o trasmissione con strumenti informatici o telematici, siano validi e

rilevanti a tutti gli effetti di legge;

Legge 11 gennaio 1979 n. 12

Art. 1 - Esercizio della professione di consulente del lavoro

Legge 30 aprile 1969, n. 153

Art. 42 – conservazione dei libri matricola e paga

DPR n. 1124 del 30 giugno 1965

artt. 20,21,25,e 26 (istituzione libri paga e matricola

Realizzato da:

Cav. Rag. MARCELLO SANTOPIETRO

Funzionario Vigilanza Ispettiva I.N.A.I.L. – Caserta