slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
(martedì 17-19h, MIS 3026) PowerPoint Presentation
Download Presentation
(martedì 17-19h, MIS 3026)

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 14

(martedì 17-19h, MIS 3026) - PowerPoint PPT Presentation


  • 137 Views
  • Uploaded on

AA 2013-2014 SA 2013 Prof . Uberto MOTTA Corso di storia letteraria moderna Roma nel Rinascimento. Raffaello e Castiglione. (martedì 17-19h, MIS 3026). Calendario. 1) 17 settembre 2) 24 settembre 3) 1 ottobre 4) 8 ottobre 5) 15 ottobre 6) 22 ottobre 7) 29 ottobre

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about '(martedì 17-19h, MIS 3026)' - gaille


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

AA 2013-2014 SA 2013Prof. Uberto MOTTACorso di storia letteraria modernaRoma nel Rinascimento. Raffaello e Castiglione

(martedì 17-19h, MIS 3026)

calendario
Calendario

1) 17 settembre

2) 24 settembre

3) 1 ottobre

4) 8 ottobre

5) 15 ottobre

6) 22 ottobre

7) 29 ottobre

8) 5 novembre

9) 12 novembre: la lezioni si terrà a PER II, aula B 130 (Giornata di studi italiani)

19 novembre: lezione sospesa – recupero: 19 dicembre

10) 26 novembre

11) 3 dicembre

12) 10 dicembre

13) 17 dicembre

14)GIOVEDÌ 19 dicembre, 17-19h (recupero del 19 novembre) MIS 3026

bibliografia
Bibliografia

Testi

B. Castiglione, Il libro del Cortegiano con una scelta delle opere minori, a cura di B. Maier, Torino, UTET, 1969.

Raffaello, Gli scritti, a cura di E. Camesascacon la coll. di G. Piazza, Milano, Rizzoli, 1993.

Lettera al Papa. Paolo Giustiniani e Pietro Quirini a Leone X, a cura di G. Bianchini, Modena, Artioli, 1995.

J. Shearman, Raphael in EarlyModernSources(1483-1602), New Haven-London, Yale Univ. Press, 2003.

F. P. Di Teodoro, Raffaello, Baldassar Castiglione e la lettera a Leone X, Bologna, Minerva, 2003.

Saggi

J.O’Malley, Rome and the Renaissance. Studies in Culture and Religion, London, VariorumReprints, 1981.

Letteratura italiana. Storia e geografia, L’età moderna, tomo I, Torino, Einaudi, 1988.

Laocoonte. Fama e stile, a cura di S. Settis, Roma, Donzelli, 1999.

M. Gattoni, Leone X e la geo-politica dello stato pontificio (1513-1521), Città del Vaticano, Archivio Segreto Vaticano, 2000.

Roma nel Rinascimento, a cura di A. Pinelli, Roma-Bari, Laterza, 2001.

Raphael. From Urbino to Rome, ed. by H. Chapman, T. henry and C. Plazzotta, London, National Gallery, 2004.

Villa Madama. Il sogno di Raffaello, a cura di C. Napoleone, Torino, Allemandi, 2007.

Metafore di un pontificato: Giulio II (1503-1513), a cura di F. Cantatore et alii, Roma, Roma nel Rinascimento, 2010.

Il Rinascimento a Roma. Nel segno di Michelangelo e Raffaello, a cura di M.G. Bernardini e M. Bussagli, Milano, Electa, 2011.

p bembo lettera a b dovizi da bibbiena roma 19 iv 1516
P. Bembo, Lettera a B. Dovizi da Bibbiena, Roma 19.IV.1516

Raphaello, il quale riverentemente vi si raccomanda, ha ritratto il nostro Thebaldeo tanto naturale che egli non è tanto simile a se stesso, quanto gli è quella pittura. Et io per me non vidi mai sembianza veruna più propria. Quello che ne dica e se ne tenga M. Antonio, V.S. può stimare da sé, e nel vero ha grandissima ragione. Il ritratto di M. Baldassar Castiglione, o quello della buona e da me sempre honorata memoria del S. Duca nostro, a cui doni Dio beatitudine, parrebbono di mano d’uno de’ garzoni di Raphaello, in quanto appartiene al rassomigliarsi, a comperatione di questo del Thebaldeo. Hora horahavendo io scritto sin qui, m’è sopragiuntoRaphaello, credo io come indovino che io di lui scrivessi, e dicemi che io aggiunga questo poco: cioè che gli mandiate le altre historie che s’hanno a dipingere nella vostra stufetta, cioè la scrittura delle historie, perciochè quelle che gli mandaste saranno fornite di dipingere questa settimana. Per Dio non è burla, che hora hora mi sopragiugne medesimamente M. Baldassar, il quale dice che io vi scriva che esso s’è risoluto di stare questa state a Roma per non guastare la sua buona usanza, massimamente volendo così M. Antonio Thebaldeo.

slide10

Antonio Tebaldi, detto il Tebaldeo, Rime

Se nel scriver a me fosse concessa

la excellenza che a voi ne la pittura,

non, Raphael, da me vostra figura

men che da voi la mia vedreste expressa,

ma più vivace assai, perché è sommessa 5

vostra arte a gli anni; vive la scrittura

di tanti antichi anchor: qual opra dura

di Zeusi o di Apelle? Ognuna ha il tempo oppressa.

Ma raro è chi ben scriva, e resta extinto,

se chiaro inchiostro no ’l consacra e honora, 10

il descritto più presto assai che il pinto.

Pur io dirò, viva il mio verso o mora,

che non in pinger sol avete vinto

la man di Zeusi, ma in donar anchora.

slide11

Antonio Tebaldi, detto il Tebaldeo, Rime

Castiglion mio, subitamente il nostro

(duolmi apportarvi un sì crudel affanno)

Raphael nel trigesimo terzo anno

abandonò questo terrestre chiostro.

Se il color per voi spese, voi l’inchiostro 5

per lui spendete, ché se pure avranno

l’opre sue fine, eterne esser potranno,

se scudo si faran del scriver vostro.

Non senza segni dal velfral si sciolse,

ché il gran palazzo, per sua man sì adorno 10

che par non ha, s’aperse e cader volse.

Per lui fe’ l’arte persa a noi ritorno,

e il dì che l’empia morte al mondo el tolse

l’ultimo fu de la pittura giorno.

raffaello logge vaticane ii piano 1518 19
Raffaello, Logge Vaticane, II piano, 1518-19

Marcantonio Michiel, Lettera a Antonio Marsilio, 11.IV.1520:

Et perché il Palazzo dil Pontefice questi giorni ha manazato ruina talmente che Sua Santità se ne è ito a stare nelle stanze di Monsignor Cibo, sono di quelli che dicono che non il peso de li portici sopraposti è stato di questo cagione, ma per fare prodigio che ’l suo ornatore havia a mancare.