slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Il Cannabidiolo nelle epilessie farmaco-resistenti infantili PowerPoint Presentation
Download Presentation
Il Cannabidiolo nelle epilessie farmaco-resistenti infantili

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 12

Il Cannabidiolo nelle epilessie farmaco-resistenti infantili - PowerPoint PPT Presentation


  • 276 Views
  • Uploaded on

Il Cannabidiolo nelle epilessie farmaco-resistenti infantili. Pelliccia Andrea e Romano Angela Ospedale Sant’Andrea, II Facoltà di Medicina – Università “La Sapienza” di Roma Grassi Gianpaolo Istituto Sperimentale per le Colture Industriali SOP di Rovigo Crocchiolo Paolo

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

Il Cannabidiolo nelle epilessie farmaco-resistenti infantili


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

Il Cannabidiolo nelle epilessie

farmaco-resistenti infantili

PellicciaAndrea e Romano Angela

Ospedale Sant’Andrea, II Facoltà di Medicina – Università “La Sapienza” di Roma

Grassi Gianpaolo

Istituto Sperimentale per le Colture Industriali

SOP di Rovigo

Crocchiolo Paolo

Presidente del comitato scientifico nazionale

del Forum Droghe

epilessie
Epilessie

Sindromi caratterizzate dalla tendenza al ripetersi di manifestazioni involontarie, impreviste ed imprevedibili (crisi), motorie o sensoriali, con o senza perdita di coscienza, di sicura origine cerebrale, che insorgono in benessere

Hanno elevata incidenza nella popolazione (1:100)

Nonostante la terapia farmacologica o chirurgica permangono attive nel 30% dei casi

slide3

Cenni storici

  • 2737 a.C. in Oriente (Cina)
  • 1839 O’Shaughnessy: prime documentazioni sull’efficacia anticonvulsivante (in Occidente)
  • XIX secolo: adottata ufficialmente come farmaco antiemetico, analgesico ed anticonvulsivante
  • 1941: cancellata dalla farmacopea americana perché considerata droga come oppio e cocaina
  • 1966: un gruppo di ricercatori israeliani isola e sintetizza il delta-9-tetraidrocannabinolo (THC)
slide4

Studi sull’efficacia anticonvulsivante

della Cannabis

  • Turkanis et al. (1979): studio in cui ipotizza che
  • il CBD aumenta la soglia dell’after-discharge e
  • delle convulsioni, soprattutto a livello limbico,
  • senza effetti collaterali
  • Consroe et al. (1987): studi su ratti confermano
  • l’efficacia anticonvulsivante del CBD
  • Drysdale et al. (2003): sostiene l’efficacia del CBD
  • nell’epilessia
  • Lorenz (2004): efficacia del 9-THC in bambini con epilessia
slide5

Neurofisiologia dei cannabinoidi

  • Sono chimicamente terpenoidi, molecole non polari.
  • Agiscono a livello di 2 differenti recettori:
  • recettori CB1: localizzati principalmente a livello
  • dei gangli della base, nel sistema limbico, nel cervelletto e,
  • in misura minore, in varie aree della corteccia cerebrale,
  • recettori CB2: recettori periferici, dal ruolo ancora incerto.
  • Il ligando endogeno è l’arachidonil-etanolamide, chiamata
  • anandamide che significa in sanscrito beatitudine eterna.
  • La distribuzione dei recettori dei cannabinoidi nel cervello
  • suggerisce per gli endocannabinoidi un ruolo fisiologico nel
  • controllo del movimento e della percezione, nella regolazione
  • degli stati emotivi simile e complementare a quella esercitata
  • dalle endorfine sia a livello centrale che periferico, nei
  • processi d’apprendimento e della memoria.
slide7

Primi casi clinici trattati con CBD in Italia

1) Bambina di 11 anni con Sindrome di Lennox-Gastaut

altamente farmaco-resistente. Le è stato somministrato

CBD, in soluzione oleosa al 2.5%, fino a 20 gtt/die.

Efficacia: riduzione della frequenza e dell’intensità delle

crisi, miglioramento della vigilanza, del tono posturale e

del linguaggio.

2) Ragazzo di 17 anni con Sindrome di Lennox-Gastaut

altamente farmaco-resistente. Gli è stato somministrato

CBD, in soluzione oleosa al 2.5%, fino a 30 gtt/die.

Efficacia: lieve miglioramento delle crisi e discreto

miglioramento dell’attenzione e del comportamento.

slide8

OBIETTIVI DELLO STUDIO

1) Verificare, in un gruppo di bambini e adolescenti affetti da forme di epilessia con elevata resistenza ai tradizionali farmaci antiepilettici, le potenzialità anticonvulsivanti del CBD.

2) Verificare la tollerabilità della sostanza e la sua efficacia sulle capacità attentive e sul tono posturale.

quali le cause del drop out
Quali le cause del DROP-OUT?

l

1) Scarsa efficacia anticonvulsiva

2) Eccessivo costo della terapia

slide12

Proposte di lavoro:Proposte di lavoro1) Collaborazione con gruppi di ricerca internazionale2) Sensibilizzazione del Governo Italiano per ottenere la possibilità di sperimentare l’uso terapeutico dei cannabinoidi