i sistemi di controllo nelle decisioni aziendali n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
I sistemi di controllo nelle decisioni aziendali PowerPoint Presentation
Download Presentation
I sistemi di controllo nelle decisioni aziendali

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 33

I sistemi di controllo nelle decisioni aziendali - PowerPoint PPT Presentation


  • 107 Views
  • Uploaded on

I sistemi di controllo nelle decisioni aziendali. L’obiettivo del sistema di controllo è quello di orientare il management alla guida dell’impresa e al raggiungimento degli obiettivi prefissati. Tale supporto può essere svolto sia a preventivo, sia durante la gestione che a consuntivo .

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'I sistemi di controllo nelle decisioni aziendali' - filomena


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide2
L’obiettivo del sistema di controllo è quello di orientare il management alla guida dell’impresa e al raggiungimento degli obiettivi prefissati.

Tale supporto può essere svolto sia a preventivo, sia durante la gestione che a consuntivo.

slide3
Per quanto riguarda il controllo a consuntivo e contemporaneo alla gestione, vanno rilevati due significativi strumenti di controllo.
  • Budgetary Control
  • Reporting
slide5
Il budget oltre ad essere un ottimo strumento di programmazione aziendale, è anche un ottimo strumento di controllo.
slide6
Il controllo budgetario è un metodo amministrativo che si basa sul budget come strumento per confrontare gli obiettivi conseguiti con quelli già prefissati dal budget stesso.
slide7
La verifica degli scostamenti nell’ambito del budget control deve essere frequente, in modo tale da poter definire tempestivamente le aree nelle quali si stanno verificando delle inefficienze.
slide8
Intervenire tempestivamente è fondamentale ed è necessario che all’interno dell’azienda ci sia un corretto sistema di comunicazione che perfezioni il coordinamento tra rilevazione degli scostamenti, determinazione delle azioni correttive e informazione agli organi interessati.
slide9
Analizzare gli scostamenti è importante, infatti, dalle motivazioni che hanno determinato deviazioni dal budget scaturiscono diverse decisioni che possono essere:
slide10
Modifica degli obiettivi per il budget ancora da svolgere

Si verifica quando si accerta che gli obiettivi posti alla base del budget non sono più realizzabili per cause che possono essere imputate a cambiamenti repentini e inaspettati delle condizioni operative, oppure a prefissati obiettivi troppo ambiziosi. In questo caso la soluzione migliore è riformulare il budget per il periodo successivo.

slide11
Correzione delle modalità di svolgimento dell’attività futura

Si presenta quando gli obiettivi del budget sono perfettamente validi, quindi gli scostamenti del periodo vengono attribuiti all’inefficienza dell’azienda, oppure a temporanei mutamenti delle condizioni di mercato.

Il management dovrà intervenire per evitare il ripetersi delle deviazioni.

slide12
Vantaggi e limiti del

budgetary control

slide13
Vantaggi
  • Abitua il management a controllare costantemente e a prevedere tutte le possibili alternative prima di prendere una decisione.
  • Permette un maggiore coordinamento dei vari comparti aziendali.
  • Presuppone il coinvolgimento di tutte le risorse umane, materiali e finanziarie.
  • Permette di individuare le inefficienze settoriali.
  • Consente di effettuare le opportune verifiche e correzioni.
slide14
Limiti
  • Costante utilizzo di elaboratori automatici.
slide15

PROGRAMMAZIONE

FASE OPERATIVA

Operazioni previste

Operazioni effettive

FEED BACK APERTO

FEED BACK CHIUSO

.

BUDGET

CONTABILITA’

ANALITICA

CONTABILITA’

GENERALE

Dati standard

Dati standard

Confronto

SISTEMA DI

REPORTING

Analisi scostamenti

Interventi correttivi

Definizione obiettivi

figura 1

slide17
È un importante strumento informativo di contabilità direzionale che, tramite il confronto dei dati standard con quelli effettivi, permette di valutare i risultati in modo da decidere su come intervenire, se ridefinire gli obiettivi o se effettuare interventi correttivi.
slide18
Definizione

Il sistema di Reporting è l’insieme dei rapporti di gestione redatti da coloro cui è stato assegnato un budget di responsabilità, per consentire la valutazione dei risultati e l’attuazione dell’analisi degli scostamenti.

slide19
Le fasi
  • confronto tra budget e consuntivo;
  • scomposizione degli scostamenti;
  • individuazione cause e responsabilità;
  • individuazione correzioni (figura 2).
slide20

PIANIFICAZIONE

definizione degli obiettivi

strategici in medio-lungo

termine e delle azioni

per conseguirli

.

CONTROLLO

dei risultati conseguiti

rispetto a quanto pianificato

e programmato

PROGRAMMAZIONE

definizione degli obiettivi

di breve termine e delle azioni

per conseguirli

AZIONE

rivedere

figura 2

slide21
I Report devono avere la stessa struttura del budget per permettere la valutazione degli scostamenti.

Il Report è caratterizzato da diversi elementi, quali:

  • contenuto
  • forma
  • frequenza
slide22
Il contenuto costituisce il volume e la natura dei dati che devono essere contenuti nel rapporto di gestione.
  • dati preventivi, consuntivi ed eventuali scostamenti;
  • le cause degli scostamenti;
  • gli interventi adottati in precedenza.
slide23
Le modalità attraverso le quali vengono esposti i dati costituisce la forma. Essa deve garantire la chiarezza e la leggibilità dei Report.
slide24
La frequenza non deve essere né eccessiva, per non caricare eccessivamente la direzione, né saltuaria in modo da rendere tempestivo qualsiasi intervento si rendesse necessario.
slide25
Le caratteristiche di un buon Report
  • tempestività nel trasmettere i rapporti;
  • semplicità, chiarezza e precisione;
  • standardizzazione della forma.
slide26
SCOSTAMENTO DEI COSTI DIRETTI

I costi diretti sono quelli di quei fattori produttivi che vengono direttamente imputati alla produzione. Per questi fattori il costo standard unitario è dato dallo standard fisico per il prezzo standard. Dato che lo scostamento è dato dalla differenza tra costo preventivo a budget e costo effettivo, lo scostamento complessivo può essere scisso in:

  • scostamento di volume (rep. produzione);
  • scostamento di quantità (rep. produzione);
  • scostamento di prezzo (mercato).
slide27
Anche quando lo scostamento complessivo è pari a zero, è necessario scorporare gli scostamenti parziali, in quanto a volte si possono riscontrare delle compensazioni tra scostamenti positivi e scostamenti negativi.
slide28
SCOSTAMENTO NEI COSTI INDIRETTI

I costi indiretti sono quelli che non possono essere imputati in modo oggettivo alle singole unità prodotte.

L’analisi degli scostamenti globali nei costi indiretti si riduce alla differenza tra i costi indiretti a budget e i costi indiretti a consuntivo, senza effettuare alcuna scomposizione.

slide29
SCOSTAMENTO NEI RICAVI

Anche l’analisi dei ricavi ricopre un ruolo fondamentale all’interno di un’impresa che vuole controllare costantemente la propria redditività. Lo scostamento complessivo viene determinato facendo la differenza tra ricavi effettivi e ricavi standard.

slide30
L’analisi risulta strutturata in maniera diversa a seconda che l’azienda sia mono-prodotto o multi-prodotto.
slide31
In caso di azienda mono-prodotto lo scostamento complessivo può essere diviso in due parti:
  • scostamento di volume;
  • scostamento di prezzo.
slide32
Nel caso di imprese multi-prodotto, dobbiamo considerare il mix di prodotti, ossia la composizione della produzione venduta espressa come percentuale delle vendite complessive.
slide33
Motivi del possibile fallimento della programmazione e controllo
  • Mancato utilizzo delle informazioni
  • Conflitto organizzativo tra reparti