Testo Unico sulla Sicurezza - PowerPoint PPT Presentation

testo unico sulla sicurezza n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Testo Unico sulla Sicurezza PowerPoint Presentation
Download Presentation
Testo Unico sulla Sicurezza

play fullscreen
1 / 76
Testo Unico sulla Sicurezza
158 Views
Download Presentation
fifi
Download Presentation

Testo Unico sulla Sicurezza

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. Sportello Sicurezza CGIL Genova Testo Unico sulla Sicurezza Una analisi del Testo Unico del Governo A scopo “didattico”

  2. La situazione ad oggi • Il 27 Ottobre 2004 il Governo ha incontrato 38 organizzazioni datoriali e sindacali per una prima illustrazione • Il18 Novembre il disegno di decreto per il T.U. è stato approvato in via preliminare dal Consiglio dei Ministri. • Il 25 Novembre il T.U. è stato discusso nell’ambito del Coordinamento delle Regioni • Data l’ulteriore proroga chiesta e ottenuta dal Governo, la legge dovrà essere varata entro il 30 Giugno 2005

  3. Quindi • Si tratta di interventi che incidono sulla intera legislazione in materia di sicurezza del lavoro dal dopoguerra ad oggi dato che il Governo non si è limitato a collezionare i testi, ma ha proceduto a modifiche spesso sostanziali rispetto ai testi vigenti • Ora dovrebbero aprirsi tardive consultazioni formali con le parti sociali, ma data la complessità della materia il cammino doveva essere inverso, cioè un confronto preventivo con tutti i soggetti che nella elaborazione e nella prassi quotidiana si occupano da anni di sicurezza sul lavoro. • Ora ogni sforzo deve essere fatto per ottenere una radicale modifica di questo testo

  4. Il Governo però aveva un’ottima ragione per procedere così … Cioè dare soddisfazione alla parte più retriva dell’imprenditoria italiana che sarà felice di leggere nella Relazione di Accompagnamento: “l’attuale quadro normativo ha concorso a determinare una scarsa propensione del sistema italiano ad uscire da una condizione di lavoro sommerso perché gli adempimenti sono tali e tanti che inducono all’elusione e al lavoro nero ... … Da ciò è derivato che, a tutt’oggi l’Italia insieme alla Grecia è il Paese con il più alto tasso di lavoro nero”

  5. La nostra risposta deve essere sia politica sia di merito Occorre quindi anche affrontare un attento esame del provvedimento articolo per articolo: • per informare in modo preciso i lavoratori • per aprire un confronto con le Regioni, con gli operatori della prevenzione, con le forze politiche di opposizione in modo da creare la rete di alleanze più vasta possibile su una questione vitale per i diritti dei lavoratori.

  6. Il contributo dello Sportello Sicurezza della CGIL di Genova • Quello che segue è il contributo a questo esame predisposto dallo Sportello Sicurezza della Camera del Lavoro di Genova. • Le nostre valutazioni hanno avuto un primo momento di verifica in una riunione regionale tenuta lo scorso 18 Novembre a cui hanno partecipato molti operatori UOPSAL • Abbiamo inoltre aggiornato le nostre valutazioni tenendo conto della nuova versione del testo, uscita dopo l’approvazione del Consiglio dei Ministri

  7. Ma attenzione! • Nonostante i nostri sforzi di accuratezza possono esserci errori di interpretazione e di valutazione • L’unica contromisura possibile è che ci segnaliate tutti i punti su cui i vostri pareri o valutazioni divergono, oltre che ovviamente eventuali errori materiali che possiate riscontrare.

  8. Infine L’impostazione che abbiamo dato al nostro contributo è essenzialmente didascalica Vi possono quindi essere cose ovvie e scontate per gli addetti ai lavori Lo scopo infatti è quello di fornire uno strumento per una informazione capillare alle nostre strutture Ovviamente ogni struttura può integrare o correggere il testo: in questo caso però vi chiediamo di evidenziare i cambiamenti apportati e di comunicarceli in modo da attivare un utile scambio di informazioni e pareri. Grazie a tutti

  9. Iniziamo l’esame: Titolo I del T.U.

  10. Campo di applicazione La relazione di accompagnamento afferma pomposamente che il campo di applicazione viene ampliato a tutte le figure del lavoro (esclusi i lavoratori domestici) In realtà era già così perché la 626 includeva i lavoratori con rapporto di lavoro “anche speciale” ed equiparava alla definizione di lavoratore anche figure quali gli utenti dei servizi di orientamento, soci lavoratori, partecipanti a corsi di formazione professionale in tirocinio presso le aziende …

  11. E’ stata la Legge 276 ad aver “ampliato” le tipologie di lavoro Ora queste vengono elencate una per una: lavoratori occasionali, che svolgono prestazioni di lavoro accessorio, assunti con contratti di inserimento, occupati in lavori socialmente utili, stagisti dei servizi di orientamento professionale, collaboratori coordinati e continuativi, lavoratori a progetto … Ma questo non costituisce affatto un ampliamento di diritti. Anzi, il contrario.

  12. Infatti tutte queste figure, al contrario di quel che prevede la 626, vengono escluse … … dal computo dei lavoratori da cui discendono “determinati obblighi” Ne consegue che nella pratica potranno risultare molto innalzate (a seconda delle diverse realtà aziendali): la soglia di 15 dipendenti per la riunione periodica, quelle che definiscono le tre classi di addetti da cui dipende il numero di RLS eleggibili … e molte altre che vi indicheremo volta per volta

  13. Definizioni (art. 5, lettera l) Anche una semplice definizione può essere pericolosissima. Ad esempio quella per cui il T.U. definisce “Norme di buona tecnica” le disposizioni legislative concernenti elementi di natura tecnica o costruttiva contenute in: • DPR 547/55 (prevenzione infortuni sul lavoro) • DPR 164/56 (prevenzione infortuni nelle costruzioni) • DPR 303/56 (norme generali per l’igiene del lavoro) • DPR 320,321, 322, 323 del 1956 (norme relative a lavoro sotterraneo, in cassoni ad aria compressa, nella cinematografia e tv, negli impianti telefonici)

  14. Vengono inoltre introdotte le “buone prassi” Cioè “soluzioni organizzative o procedurali coerenti con la normativa vigente e generalizzabili, che permettono di ottenere una riduzione dei rischi, miglioramenti delle condizioni di lavoro e in generale la promozione della salute sui luoghi di lavoro” … una cosa bella, sembrerebbe, ma …

  15. Cosa cambia? Cambia che la osservanza di buone tecniche e buone prassi non specificamente inserite negli articoli del TU o negli allegati non è obbligatoria, a meno che l’organo di vigilanza non emetta una “disposizione” ad hoc per quella specifica realtà lavorativa. Andiamo infatti a vedere l’art. 32

  16. Così scopriamo che: “Gli ispettori che effettuano attività di vigilanza impartiscono disposizioni esecutive ai fini dell’applicazione delle norme di buona tecnica e di buone prassi” Ma anche che: “Avverso a tale disposizione è ammesso ricorso entro 30 giorni all’autorità gerarchicamente superiore” !!!

  17. Quindi la stragrande maggioranza delle regole tecniche contenute nei decreti prima citati, che non è stata specificamente inserita negli articoli del TU o negli allegati, non è più obbligatoria, esigibile a priori; lo diventa solo dopo un provvedimento di tipo amministrativo, contestabile e ricorribile nel modo sopra visto

  18. Invece oggi Gli organi di vigilanza, a fronte della inosservanza delle norme tecniche contenute nei provvedimenti legislativi prima elencati possono usare lo strumento della prescrizionecioè impongono l’adeguamento alla norma entro il “tempo tecnicamente necessario” per sanare la situazione. In caso di mancato adempimento scattano le previste sanzioni penali, mentre in caso di ottemperanza, verificata necessariamente dall’organo di vigilanza, e a seguito del pagamento della sanzione pecuniaria, il reato si estingue

  19. Non siamo contro le buone prassi o le norme di buona tecnica, ma: Dovrebbero essere uno strumento per incoraggiare l’adozione di misure di precauzione che vadano oltre i minimi di legge e per adeguarsi rapidamente a prassi innovative senza attendere che vengano fissate a seguito di un controllo dell’organo di vigilanza e di un provvedimento amministrativo che è comunque discrezionale per l’organo di vigilanza Questo però ora avverrà per molte disposizioni dei DPR, anche per regole tecniche valide da 50 anni ed ora non più obbligatorie! Ma quali aziende si daranno virtuosamente da fare quando la legge gli consente di aspettare? I

  20. W la concretezza! Art. 6 L’articolo 6 (Misure generali di tutela) contiene, rispetto alla 626, una aggiunta tutt’altro che neutra: al principio generale di prevenzione di “eliminazione dei rischi e, ove ciò non sia possibile, alla loro riduzione al minimo” viene infatti aggiunto: “in relazione alle conoscenze acquisite in base al progresso tecnicosecondo le applicazioni tecnologiche generalmente praticate nel settore di attività dell’azienda o dell’unità produttiva”

  21. E’ evidente la differenza • Tra l’imperativo di ridurre comunque al minimo il rischio • E il fatto di condizionare questo obiettivo al fatto che le necessarie misure tecniche organizzative e procedurali siano “generalmente utilizzate” nei diversi settori e lavorazioni

  22. DVR: una perdita nell’Art. 7 L’articolo 7 prevede che “La scelta dei criteri di redazione del documento di valutazione del rischio è rimessa al datore di lavoro che vi provvede con criteri di semplicità, brevità e comprensibilità” Bene, essere brevi e chiari è un merito, ma è negativo che (per amor di brevità?) tra i contenuti che deve obbligatoriamente avere il Documento di Valutazione del Rischio non compaia più il“programma delle misure ritenute opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza” Come si fa a fare prevenzione senza impegnare le imprese in un cammino di miglioramento?

  23. Inoltre nelle aziende con meno di 50 dipendenti: Il DVR potrà essere redatto “In forma semplificata (?) sulla base di indicazioni fornite dagli Organismi Bilaterali (!)” La 626 prevedeva invece che linee guida e strumenti di semplificazione e aiuto alle piccole imprese fossero definiti dagli enti pubblici. Ora invece si lascia tutto agli Enti Bilaterali. Inoltre, ovviamente, quando si parla di dipendenti sappiamo di chi parliamo … tutti tranne i forzati della legge 30.

  24. L’importante è non uscire dal coro Art. 7 La 626 dice: “Il datore di lavoro aggiorna le misure di prevenzione in relazione ai mutamenti organizzativi e produttivi che hanno rilevanza in relazione alla salute e sicurezza sul lavoro o in relazione al grado di evoluzione della tecnica della prevenzione e della protezione” Il T.U. aggiunge: “secondo le applicazioni tecnologiche generalmente praticate nel settore di attività dell’azienda o della unità produttiva” L’innovazione è vivamente sconsigliata

  25. La catena delle responsabilità e la diversa posizione dei preposti – Art. 7 La 626 intitolava il suo articolo 4: “Obblighi del datore di lavoro, del dirigente e del preposto” Il T.U. invece scinde nettamentegli obblighi“dei datori di lavoro e dei dirigenti” (Art. 7) da quelli dei preposti (art. 8) a cui viene attribuito un profilo di responsabilità che si esprime solo nel controllo passivo del rispetto da parte dei lavoratori a loro sottoposti delle regole aziendali un ruolo di “cani da guardia”, su aspetti minimali(uso dei DPI, osservanza da parte dei lavoratori degli obblighi dei lavoratori medesimi e delle disposizioni aziendali, buon motivo per farne di meno, di disposizioni aziendali)

  26. In tale modo si spezza la catena complessiva delle responsabilità per cui a un dato concreto livello di potere in quella specifica organizzazione aziendale deve corrispondere un corrispondente livello di responsabilità in materia di sicurezza, e si infrange il principio della responsabilità incrociata tra le diverse figure gerarchiche che è un cardine per un’effettiva esigibilità di un precetto di legge Notare: sono state anche fortemente ridotte le sanzioni ai preposti

  27. A volte pare che non capiscano quello che scrivono o che scrivano per non farsi capire … Art. 7 La 626 dice: “il datore di lavoro tiene conto, nell’affidare i compiti ai lavoratori delle capacità e delle condizioni degli stessi in rapporto alla loro salute e alla sicurezza” C’è bisogno di spiegarlo? Si intende che non metterò uno che soffre di vertigini su un ponteggio, o uno che soffre di claustrfobia in un tunnel. Per la sicurezza sua e degli altri. Volete sapere come cambia?

  28. Cambia così: Il datore di lavoro “deve tenere conto, nell’affidare i compiti ai lavoratori, delle capacità degli stessi in materia di sicurezza e salute” ! Cercano esperti in sicurezza?

  29. Medico competenteArt. 7 Per il TU il datore di lavoro conserva l’obbligo di nominare il medico competente, ma non deve più “Richiedere l’osservanza da parte del medico competente degli obblighi previsti dal presente decreto informandolo sui processi e sui rischi connessi alla attività produttiva” Con la 626 questo obbligo era sanzionato penalmente Del resto, si tratta o no di una legge di “semplificazione” ?

  30. Questa è una modifica grave: Infatti ora, secondo il TU, solo il medico (e in più, un medico disinformato) sarà perseguibile per la mancata sorveglianza sanitaria. Viene così infranto il principio della responsabilità incrociata, che è un cardine per un’effettiva esigibilità di un precetto di legge. E si va verso una deresponsabilizzazione dei datori di lavoro sulle questioni sanitarie secondo una logica di scaricabarile.

  31. Dettagli rivelatori – Art. 9 Nella 626 c’è scritto: “I lavoratori contribuiscono, insieme al datore di lavoro, ai dirigenti e ai preposti, all’adempimento di tutti gli obblighi imposti dall’autorità competente o comunquenecessariper tutelare la sicurezza e la salute dei lavoratoridurante il lavoro” Nel T.U. c’è scritto “I lavoratori contribuiscono, insieme al datore di lavoro, ai dirigenti e ai preposti, all’adempimento degli obblighi previsti a tutela della sicurezza e della salute sui luoghi di lavoro” Le parti evidenziate in rosso scompaiono, infatti l’autorità competente non potrà imporre più granché! E i lavoratori, meno si nominano…

  32. Dettagli: compare un dovere - Art. 9 Nel T.U. viene scritto che “… i lavoratori devono … sottoporsi ai programmi di formazione e di addestramento organizzati dal datore di lavoro” Questa è una nuova formulazione, che non ha un corrispettivo nel 626. La formazione, da dovere del datore di lavoro e “diritto” del lavoratore, diventa un dovere anche per il lavoratore (pur se non sanzionato)

  33. Ma scompare una sanzione - Art. 9 Nel T.U.scompare la sanzione prevista dalla 626 per i lavoratori che rifiutano di sottoporsi ai controlli sanitaridilegge o comunque disposti dal medico competente La sanzione (di max di 1,2 milioni), rimarcava una cosa implicita ma molto semplice: la salute dei lavoratori è un interesse della collettività, da tutelare anche ad onta dei comportamenti negligenti dei singoli lavoratori Nel TU viceversa, e non a caso, questo dovere non ha una corrispettiva sanzione, quindi diventa meno esigibile aprendo la strada a scambi impropri: ad esempio si può far in modo di “convincere” i lavoratori a rifiutarsi formalmente di sottoporsi a visita, manlevando in tal modo anche quel povero capro espiatorio del medico competente….

  34. Estensione di campo: i lavoratori autonomi– Art. 9 Questa sarebbe una cosa buona se non fosse che l’estensione si limita all’obbligo d’uso dei DPI e alla sorveglianza sanitaria, senza alcuna forma di promozione e di sostegno

  35. Svolgimento diretto dei compiti di prevenzione e protezione da parte del datore di lavoro - Art. 17 Non solo ciò sarà possibile nelle aziende fino a 50 addetti (prima erano 30) Non solo il vero numero di lavoratori sarà ben superiore dato che dal computo sono stati esclusi tutti i rapporti precari e quindi in questa fattispecie rientreranno imprese di dimensioni non trascurabili, con una conseguente complessità di problemi di sicurezza Ma vengono alleggerite le dimostrazioni che il datore di lavoro deve dare in merito alla propria competenza e adeguatezza a svolgere questo compito. Ad esempio non vi è più l’obbligo di tenere a disposizione degli organi di vigilanza l’attestato della formazione svolta Quindi la grandissima maggioranza delle imprese italiane potrà fare a meno di rivolgersi ad una consulenza professionale

  36. Aziende sotto i 15 dipendenti: sparisce la riunione- Art. 18 Nelle aziende al di sotto dei 15 dipendenti c’era il diritto da parte del RLS di chiedere la convocazione di una apposita riunione in caso di significative variazioni delle condizioni di esposizione al rischio. Ora questa possibilità non c’è più. Inoltre i lavoratori effettivi possono essere ben di più dei 15 dipendenti “ufficiali”. Inoltre,e questo vale per tutti, scompare dagli argomenti della riunione periodica quello della idoneità dei mezzi di protezione individuale. (ex comma 2b Art. 11 della 626)

  37. Sorveglianza sanitaria: aggiunte pelose Art. 23 La sorveglianza sanitaria, dice la 626, comprende accertamenti preventivi intesi a constatare l’assenza di controindicazioni al lavoro cui i lavoratori sono destinati ai fini della valutazione della loro idoneità alla mansione specifica. … e Il T.U. aggiunge: “anche ai fini dell’assunzione” Anche se per le piccole e piccolissime imprese esiste un problema reale, questa aggiunta senza altre tutele e specificazioni apre la porta a possibili discriminazioni.

  38. Lapsus!!! – Capo VI Il titolo del Capo V nella 626 era: “Consultazione e partecipazione dei lavoratori” Ora, il corrispondente Capo VI è invece intitolato: “Consultazione e partecipazionedeidatori di lavoro” Solo un lapsus? D’accordo, ma Freud ci ha insegnato a tenerne conto!

  39. Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza – Art. 25 Nulla cambia rispetto alla elezione dei RLS. Nulla … tranne il fatto che il numero di dipendenti in base a cui si possono eleggere rispettivamente 1, 3 o 6 RLS se formalmente rimane invariato (15, 200, 1000 dipendenti), nella sostanza cambia parecchio, perché tutto l’esercito della Legge 30 non viene più conteggiato: fantasmi trasparenti.

  40. Una grave limitazione dei diritti del R.L.S. – Art. 26 In base alla 626 il R.L.S. accede ai luoghi di lavoro dove si svolgono le lavorazioni. Le modalità per l’esercizio di questa e delle altre sue funzioni sono stabilite dalla contrattazione collettiva. Punto. Ora il T.U. aggiunge: “nel rispetto delle esigenze produttive e previa informativa al datore di lavoro o al dirigente o preposto competente”

  41. La cosa è graveperché compito della legge è fissare il principio fondamentale del diritto dei lavoratori a controllare, tramite i loro rappresentanti, l’applicazione delle norme di prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali. Il che si fa accedendo ai luoghi di lavoro. E’ un diritto sancito dallo Statuto dei Lavoratori. Il come è materia di contrattazione, non di legge e non deve pregiudicare l’efficacia della azione di controllo

  42. Organismi bilaterali– Art. 27 Il T.U. prevede che: “Nelle aziende che occupano fino a 100 dipendenti, gli organismi bilaterali possono, a richiesta dei datori di lavoro, effettuare sopraluoghi finalizzati a verificare l’applicazione in azienda delle vigenti norme in materia di sicurezza e tutela della salute e rilasciare relativa certificazione” !!! E che: “Gli Organi di Vigilanza tengono conto di tali certificazioni ai fini della programmazione delle attività ispettive di vigilanza”

  43. Questa è una delle previsioni più evidentemente gravi e pericolose del T.U. Infatti agli Organismi Bilaterali viene attribuito un compito del tutto improprio di certificazione per cui non solo non vi sono né vi potranno mai essere le necessarie competenze, ma non vi è per definizione il necessario ruolo di terzietà. Contemporaneamente viene minato alla base il ruolo delle U.O.PSAL.

  44. Un’altra sparizione – Art. 28 sparisce l’obbligo, previsto dalla 626, di informare i lavoratorisu chi siano “Il responsabile del Servizio di prevenzione e protezione ed il medico competente”

  45. Organismi paritetici o Enti Bilaterali? – Art. 29 La 626 stabiliva che la formazione dei lavoratori e dei RLS doveva avvenire in collaborazione con gli “Organismi Paritetici”. Ora il termine, qui come in tutto il TU, è sostituito con quello di Enti Bilaterali. Ma non si tratta della stessa cosa. Per costituire un Organismo Paritetico basta un tavolo attorno a cui discutere. Un Ente Bilaterale implica invece una struttura formale ed economica complessa. E dove non esistono? E in attesa che vengano costituiti?

  46. Vigilanza– Art. 31 Tra i soggetti titolari di esercitare una azione di vigilanza sulla applicazione della legislazione in materia di sicurezza e salute il T.U. aggiunge seccamente “Le Direzioni Provinciali del Ministero del Lavoro e delle politiche sociali” Con quali compiti specifici? Con quali specifiche competenze? Questa disposizione crea un doppio binario di vigilanza su salute e sicurezza aumentando situazioni di conflitto e confusione di ruolo, mentre l’attuale funzione degli organi di vigilanza viene profondamente minata da tutto l’impianto della nuova legge.

  47. Coordinamento?Non serve più. - Art. 35 • Sparisce l’Art. 25 della 626 in base a cui il Governo doveva fornire criteri per assicurare omogeneità di comportamenti sul territorio nazionale nella applicazione delle disposizioni in materia di sicurezza • Sparisce l’Art. 27 della 626 che creava i Comitati Regionali di Coordinamento “Al fine di realizzare uniformità di interventi e il necessario raccordo con la Commissione Consultiva permanente nazionale” In effetti tutto il T.U. mette in atto un forte accentramento: che bisogno c’è più di assicurare omogeneità o di coordinare?

  48. La Commissione permanente nazionale viene ridimensionata - Art. 35 • Resta la Commissione permanente” creata a livello nazionale, ridimensionata nel numero e nella qualità dei componenti, e quel che più conta, nei compiti • Non realizza più una “relazione annuale” riguardante l’applicazione della normativa in materia di sicurezza • Non esamina più le problematiche evidenziate dai Comitati Regionali di Coordinamento (che infatti sono stati eliminati alla faccia del decentramento) • Non formula più proposte per lo sviluppo, il perfezionamento e il miglior coordinamento della legislazione vigente

  49. D’ora in poi la Commissione Nazionale si occuperà della determinazione e aggiornamento dei valori limite di esposizione, dell’aggiornamento delle norme di buona tecnica e di buona prassi, di “programmazione delle attività di promozione della salute e sicurezza”, e verrà “consultata” per: • Elaborazione di piani di azione annuali per la promozione di salute e sicurezza • Elaborazione di linee guida tecniche • Coordinamento delle attività a sostegno delle imprese da parte dell’INAIL e dell’ISPESL

  50. Lavori sotto tensione– Art. 58 Il T.U. dice “E’ vietato eseguire lavori sotto tensione” La 547/55 invece diceva: “E’ vietato eseguire lavori su elementi in tensione e nelle loro immediate vicinanze” Inoltre: ora il T.U. ammette che si possa derogareed operare con tensioni superiori ai 1000 Voltpurché i lavori siano effettuati da aziende autorizzate, il personale sia abilitato, ci sia uno specifico piano di intervento …