indagine su imprese e assicurazioni n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Indagine su imprese e assicurazioni PowerPoint Presentation
Download Presentation
Indagine su imprese e assicurazioni

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 27

Indagine su imprese e assicurazioni - PowerPoint PPT Presentation


  • 92 Views
  • Uploaded on

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati. Management summary_1. BACKGROUND E OBIETTIVI

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Indagine su imprese e assicurazioni' - eshe


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide2

Management summary_1

BACKGROUND E OBIETTIVI

Il Giornale delle Assicurazioni, in occasione del convegno “Assicurazioni e Sistema Italia” giunto alla sua 4a edizione, ha effettuato un’indagine presso un campione di piccole e medie imprese italiane (dai 15 ai 250 addetti) per raccogliere alcune informazioni sul rapporto con le imprese assicurative e sulla valutazione del sistema assicurativo italiano nel complesso.

METODOLOGIA

Field: 22-27 Aprile 2012.

Raccolta dati: interviste telefoniche CATI (Computer Aided Telephone Interviewing).

Target: il responsabile che intrattiene i rapporti con le assicurazioni per conto dell’azienda.

Campione: 200 casi. Quote per dimensione aziendale (50% 15-50 dipendenti e 50% da 51-250 dipendenti) e area geografica (50% al nord e 50% al centro-sud).

IL PROFILO DELLE AZIENDE INTERVISTATE

Oltre alle quote per dimensioni in termini di addetti e area geografica di localizzazione (definite a priori) emerge un profilo delle aziende intervistate caratterizzato da:

Una distribuzione per tipologia di attività con un presenza maggioritaria di aziende dei servizi (47,5% del totale), ma una buona rappresentanza di aziende industriali di produzione (37,6%). Minoritarie le aziende di distribuzione/commercializzazione (14,9%).

Un ruolo “elevato” dei responsabili aziendali intervistati che in oltre il 40% dei casi sono rappresentati dal titolare o AD/DG e in quasi il 40% dal Direttore Finanziario/Amministrativo. È significativo che in solo l’1% delle aziende è stato possibile intervistare un manager specializzato nella gestione del rischio (Risk Manager): una prova del livello poco avanzato delle piccole-medie imprese italiane nella gestione della tematica assicurativa.

slide3

Management summary_2

  • ASSICURAZIONI IN ESSERE ED ESIGENZE NON COPERTE
  • Il campione di piccole e medie imprese intervistato dichiara di avere in essere in media 4/5 tipologie di coperture assicurative. Se si analizza però il dato a livello di singolo rischio coperto si evidenzia che:
  • Soltanto due tipi di assicurazioni sono in essere presso la larga maggioranzadelle aziende (oltre il 75% del campione): si tratta di incendio e furto e di RC vs. terzi (le assicurazioni base più “elementari”).
  • Altri due tipi di assicurazioni sono state stipulate da circa il 50% del campione: guasti a macchinari/impianti e RC vs. prestatori d’opera;
  • Altri due tipi sono in essere presso circa un terzo (30% circa) del campione: infortuni/vita a dirigenti/dipendenti e RC professionale.
  • Tutte le altre tipologie di rischi sono state stipulata da una quota del campione molto inferiore (dal 20% in giù).
  • Nel complesso quindi un tasso di copertura del rischio piuttosto limitato e concentrato maggiormente sulle assicurazioni di base che anche il privato cittadino tende ad avere: quindi un approccio verso le assicurazioni poco business oriented.
  • Dal punto di vista del livello di copertura emerge una differenza significativa per dimensioni delle aziende: quelle piccole (15-50 addetti) dichiarano di avere in media 3,7 tipi di assicurazioni in essere, mentre quelle medie (51-250 addetti) arrivano a 5,6 tipi in media. In particolare le aziende di medie dimensioni stipulano in modo molto più frequente assicurazioni per RC vs. terzi, vs. prestatori d’opera, per difetto del prodotto ed RC professionale, oltre ad assicurazioni su interruzione di esercizio e sui crediti.
    • Il livello di maggiore complessità dei rapporti con le assicurazioni da parte delle medie imprese vs. quelle piccole si conferma anche da:
    • Il numero d’imprese assicurative con cui intrattengono rapporti: le imprese medie dichiarano 3 rapporti nel 26,3% dei casi vs. il 7,8% di quelli piccole che a loro volta dichiarano un solo rapporto nel 38% dei casi vs. il 14,1% di quelle medie.
    • Nell’utilizzo di un consulente/broker assicurativo: lo usa quasi l’80% delle medie imprese vs. il 54,4% di quelle piccole.
slide4

Management summary_3

A fronte di un utilizzo effettivo delle assicurazioni che possiamo quindi giudicare limitato e “basico” (giudizio tutto sommato da estendere anche alle medie imprese nonostante il numero maggiore di assicurazioni in essere e i rapporti più complessi con le assicurazioni), il giudizio sul livello di completezza della copertura del rischio da parte delle imprese intervistate è molto elevato (e significativamente senza differenza per dimensioni): pensa che la propria azienda sia coperta dal punto di vista assicurativo il 96% del campione (di cui il 33,7% completamente e il 62,4% abbastanza). Ovviamente occorrere interrogarsi sulla valenza di quel 60% e più che si dichiara abbastanza coperto: su un tema delicato come quello assicurativo essere “abbastanza” coperti potrebbe equivalere ad un’ammissione di “inadeguatezza”.

Tuttavia emerge senza dubbio una problematica culturale nei confronti delle assicurazioni: quasi il 75% del campione alla domanda su quale tipo di copertura assicurativa dovrebbe essere rafforzata da parte della propria azienda dichiara nessuna.

Il tipo di assicurazione su cui si pensa maggiormente di dover investire è quella sui crediti e sul furto/incendio citate da poco più del 5% del campione.

In sintesi parrebbe che le aziende intervistate si sentano nel complesso ottimamente coperte e non manifestino (se non in casi limitati) esigenze di rafforzamento delle proprie assicurazioni: come interpretare questo dato se non come prova di una cultura assicurativa poco sviluppata?

VALUTAZIONE DEL SISTEMA ASSICURATIVO ITALIANO

Il giudizio sui rapporti con le assicurazioni con cui hanno stipulato le polizze è, da parte delle aziende intervistate, estremamente positivo: il 93,1% si dichiara soddisfatto di cui il 24,3% completamente e il 68,8% abbastanza (c’è da chiedersi quanto hanno influenzato questa risposta sia la necessità psicologica di difendere le proprie scelte sia il fatto di non avere sperimentato ancora il livello di servizio in caso di evento).

Il giudizio è molto meno positivo se si chiede il livello di soddisfazione nei confronti del supporto che il sistema assicurativo italiano è in grado di dare alle imprese: è soddisfatto il 57,9%, ma solo il 5% lo è completamente e il 53% “solo” abbastanza.

slide5

Management summary_4

Questa parziale soddisfazione nei confronti del sistema assicurativo italiano nel suo complesso è motivata più da un’immagine complessiva non troppo positiva che da elementi concreti di insoddisfazione collegati al rapporto di servizio.

Lo provano i punti di debolezza del sistema assicurativo su cui si concentra il massimo accordo da parte delle aziende intervistate: a parte il fatto che le assicurazioni sono care (attributo con l’accordo più alto in assoluto) emergono tutti gli item legati all’immaginedel sistema assicurativo e al suo rapporto fiduciario con le imprese (ovvero contratti poco chiari, scarsa fiducia da parte delle aziende verso il sistema assicurativo, atteggiamento poco trasparente e collaborativo delle assicurazioni, rapporti complessi e burocratici).

Gli elementi di servizio ottengono un livello di accordo più basso (ad esempio tutti i temi relativi ai risarcimenti: tempi lunghi, procedure complesse ed entità solo parziale degli stessi).

Ovviamente la necessità di ottenere un risarcimento a fronte dell’accadimento di un rischio coperto è meno frequente e questo influenza senza dubbio il grado di accordo (ovvero l’importanza) attribuita ai problemi correlati; tuttavia le risposte sui punti di debolezza sintetizzano la situazione “culturale” arretrata delle imprese italiane verso le assicurazioni: a fronte di un utilizzo limitato e basico, la richiesta è quella di un rapporto diverso (più trasparente e semplificato) piuttosto che di un aumento della qualità dei servizi.

A riprova di questa situazione possiamo considerare i suggerimenti spontanei di miglioramento che le aziende intervistate formulano nei confronti del sistema assicurativo. Di nuovo maggiore trasparenza (citata dal 23,9% del campione), maggiore chiarezza (21,4%), capacità di seguire di più il cliente (10%), meno burocrazia (8%). Sopra a tutto prezzi più contenuti (40,8%).

Rispetto alla valutazione dei rapporti con le assicurazioni è da sottolineare una differenza per area geografica: le imprese del sud + isole sono nettamente meno soddisfatte dei propri rapporti con le imprese assicurative di cui sono clienti e inoltre manifestano un accordo in generale più elevato vs. i problemi del sistema assicurativo italiano ovvero ne hanno una percezione d’immagine più negativa(in questo affiancate anche dalle imprese del nord-est): evidentemente le assicurazioni in particolare al sud + isole, ma anche al nord est operano in modo meno efficace.

slide6

Management summary_5

Infine le previsioni per il futuro: il 45% delle imprese pensa che la spesa per assicurazioni nel prossimo futuro debba aumentare a fronte di un marginale 4,5% che la vede in diminuzione (il 50,5% prevede invece una stabilità). Però solo l’8,4% pensa ad un aumento marcato e il 36,6% prevede un aumento limitato.

È chiaro che si tratta in parte di una risposta politicamente corretta (per attribuire alla propria azienda un giusto livello di coinvolgimento verso un tema “importante”) e che non tutte le aziende che prevedono un aumento in realtà investiranno di più.

Tuttavia il fatto che, in una situazione di forte crisi economica, quasi la metà delle imprese intervistate preveda un aumento e che la quota di chi prevede una diminuzione sia minima, testimonia di una “potenziale” attenzione verso il tema e forse anche di un clima favorevole per provare a modificare l’approccio culturale verso le assicurazioni ovviamente a patto che tutte le componenti del rapporto, e in particolare il sistema assicurativo, mettano in campo energie, risorse ed iniziative concrete per farlo (a cominciare probabilmente da una revisione della politica dei prezzi, elemento di miglioramento nettamente più sentito).

slide7

Obiettivi/argomenti trattati

Nota metodologica

Profilo delle aziende intervistate

Assicurazioni in essere e esigenze non coperte

Valutazione del sistema assicurativo

slide8

Obiettivi/argomenti trattati

Nota metodologica

Profilo delle aziende intervistate

Assicurazioni in essere e esigenze non coperte

Valutazione del sistema assicurativo

slide9

Metodologia

  • Field: Aprile 2012
  • Raccolta dati: interviste CATI (Computer Aided Telephone Interviewing) a responsabili dei rapporti con le assicurazioni di piccole e medie imprese (da 15 dipendenti in su).
  • Target: interviste effettuate ad un responsabile che intrattiene i rapporti con le assicurazioni (titolare, dir. generale, dir. amministrativo, ecc.).
  • Quote per dimensione aziendale (50% 15-50 dipendenti e 50% oltre 50 dipendenti) e area geografica (50% al Nord e 50% al centro-sud).
  • Campione: 200 casi totali.
slide10

Obiettivi/argomenti trattati

Nota metodologica

Profilo delle aziende intervistate

Assicurazioni in essere e esigenze non coperte

Valutazione del sistema assicurativo

slide11

Dimensione e tipologia di azienda

Dimensioni aziendale (nr. addetti)

Tipologia

Base: totale campione 202 casi

slide12

Ruolo dell’intervistato all’interno dell’azienda

Ruolo ricoperto in azienda dall’intervistato

Base: totale campione 202 casi

slide13

Area geografica di localizzazione dell’azienda

Nord-est

22,8%

Nord-ovest

27,2%

Centro

29,7%

Sud + Isole

20,3%

Base: totale campione 202 casi

slide14

Obiettivi/argomenti trattati

Nota metodologica

Profilo delle aziende intervistate

Assicurazioni in essere e esigenze non coperte

Valutazione del sistema assicurativo

slide15

Tipi di assicurazioni stipulate dall’azienda

Q1 Per quali rischi la sua azienda ha attualmente delle assicurazioni? Consideri per cortesia tutte le diverse necessità di protezione: macchinari e impianti di produzione, dipendenti, merci, responsabilità civili, ecc.

Numero medio di tipi di assicurazioni stipulate: 4,6

Base: totale campione 202 casi

slide16

Assicurazioni stipulate per dimensione aziendale

Q1 Per quali rischi la sua azienda ha attualmente delle assicurazioni? Consideri per cortesia tutte le diverse necessità di protezione: macchinari e impianti di produzione, dipendenti, merci, responsabilità civili, ecc.

Numero medio di tipi di assicurazioni stipulate:

Piccole imprese: 3,7

Medie imprese: 5,6

Differenza statisticamente significativa al 99%

Base: totale campione, 103 casi piccole imprese e 99 casi medie imprese

slide17

Numero imprese d’assicurazione

con cui si intrattengono rapporti

Q2 Per le proprie esigenze assicurative la sua azienda ha in essere contratti con una o più imprese d’assicurazioni?

Base: totale campione 202 casi

Differenza statisticamente significativa al 99%

slide18

Utilizzo di un consulente assicurativo

Q3 Per le proprie esigenze assicurative la sua azienda utilizza anche un consulente o broker assicurativo?

Base: totale campione 202 casi

Differenza statisticamente significativa al 99%

slide19

Giudizio sulla copertura assicurativa

Q4 Quanto ritiene che la sua azienda sia coperta da un punto di vista assicurativo?

Media

Top 2 boxes : 96,0%

Top 2 boxes piccole imprese (15-50 addetti): 93,2%

Top 2 boxes medie imprese (51-250 addetti): 99,0%

Base: totale campione 202 casi

slide20

Miglioramenti auspicati per le coperture assicurative

Q5 In ogni caso, per quali tipi di rischi ritiene che la sua azienda dovrebbe migliorare la propria copertura assicurativa?

Nessuna differenza statisticamente significativa per dimensione dell’impresa

Base: totale campione 202 casi

slide21

Obiettivi/argomenti trattati

Nota metodologica

Profilo delle aziende intervistate

Assicurazioni in essere e esigenze non coperte

Valutazione del sistema assicurativo

slide22

Soddisfazione verso i rapporti con le assicurazioni

Q6 Quanto è soddisfatto dei rapporti della sua azienda con le imprese assicurative di cui siete clienti?

Media

Top 2 boxes: 93,1%

PERFORMANCE (Scala a 5 livelli)

% Top 2 boxes

≥80% MOLTO POSITIVA

70-79,9% POSITIVA

60-69,9% NEUTRA

50-59,9% NEGATIVA

≤50% MOLTO NEGATIVA

PERFORMANCE TOP BOX

% Top box

≥35% MOLTO POSITIVA

25-34,9% POSITIVA

15-24,9% NEUTRA

10-14,9% NEGATIVA

≤10% MOLTO NEGATIVA

Differenza statisticamente significativa al 99%

Base: totale campione 202 casi

slide23

Giudizio sul supporto fornito dal

sistema assicurativo italiano

Q7 In generale quanto ritiene che il sistema assicurativo italiano sia in grado di supportare efficacemente le aziende?

Media

Top 2 boxes: 57,9%

Nessuna differenza statisticamente significativa né per dimensione dell’impresa né per area geografica

PERFORMANCE (Scala a 5 livelli)

% Top 2 boxes

≥80% MOLTO POSITIVA

70-79,9% POSITIVA

60-69,9% NEUTRA

50-59,9% NEGATIVA

≤50% MOLTO NEGATIVA

PERFORMANCE TOP BOX

% Top box

≥35% MOLTO POSITIVA

25-34,9% POSITIVA

15-24,9% NEUTRA

10-14,9% NEGATIVA

≤10% MOLTO NEGATIVA

Base: totale campione 202 casi

slide24

Punti di debolezza del sistema assicurativo

Q8 Quanto è d’accordo sui seguenti punti di debolezza del sistema assicurativo italiano nei confronti delle imprese?

Media

(completamente d'accordo =5,

per niente d'accordo =1)

70%

25%

Base: totale campione 202 casi

Ordine decrescente per Top box

slide25

Punti di debolezza del sistema assicurativo:

Confronto fra aree geografiche

Ordine decrescente per Nord ovest

slide26

Andamento previsto per la spesa in assicurazioni

Q9 Nei prossimi 2-3 anni lei prevede che la spesa per le assicurazioni della sua azienda …

Media

Top 2 boxes: 45,0%

Base: totale campione 200 casi

slide27

Suggerimenti per migliorare il rapporto con le imprese

Q10 Se potesse dare un suggerimento alle assicurazioni italiane per migliorare il loro rapporto con le imprese che cosa consiglierebbe?