il sistema tributario in italia l.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Il Sistema tributario in Italia PowerPoint Presentation
Download Presentation
Il Sistema tributario in Italia

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 35

Il Sistema tributario in Italia - PowerPoint PPT Presentation


  • 970 Views
  • Uploaded on

1 Il Sistema tributario in Italia Le norme costituzionali rilevanti L’applicazione dei principi costituzionali Il sistema tributario italiano (nelle grandi linee) 1 Le norme costituzionali rilevanti

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Il Sistema tributario in Italia' - emily


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
il sistema tributario in italia

1

Il Sistema tributario in Italia

Le norme costituzionali rilevanti

L’applicazione dei principi costituzionali

Il sistema tributario italiano (nelle grandi linee)

le norme costituzionali rilevanti

1

Le norme costituzionali rilevanti
  • Art. 53 “Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva.

Il sistema tributario è informato a criteri di progressività”

  • Art. 23 “Nessuna prestazione personale o patrimoniale può essere imposta se non in base alla legge”
  • Art. 75 “Non è ammesso il referendum per le leggi tributarie…..” (referendum abrogativo)
  • Artt. 114 ss. (Regioni, Provincie, Comuni)
l applicazione dei principi costituzionali

1

L’applicazione dei principi costituzionali
  • I tributi servono a coprire spese pubbliche
    • sono destinati ad enti pubblici
    • gli enti pubblici agiscono in veste di autorità
    • l’azione amministrativa deve agire in base a principi di imparzialità, trasparenza, collaborazione (L. 212/2000 : “Lo Statuto del contribuente”)
  • La capacità contributiva è la capacità economica
    • I singoli contribuiscono secondo le proprie possibilità
l applicazione dei principi costituzionali4

1

L’applicazione dei principi costituzionali
  • Il sistema tributario tiene conto di criteri di progressività
  • In materia tributaria vige il principio della riserva di legge (leggi in senso formale, decreti legge, decreti legislativi)
    • È una riserva relativa: la norma deve individuare i soggetti passivi, il presupposto dell’ imposta (manifestazione di capacità contributiva cui si collega il prelievo),i criteri per la determinazione dell’ imponibile, l’aliquota, le sanzioni;
    • I dettagli possono essere stabiliti da atti normativi secondari (atti regolamentari) spesso delegati dal legislatore (modalità di dichiarazione, riscossione e accertamento dei tributi);
    • Se il regolamento non rispetta la legge o regola questioni che non gli erano state attribuite può essere disapplicato dal giudice tributario (limitatamente al caso deciso) o annullato erga omnes dal giudice amministrativo.
l applicazione dei principi costituzionali5

1

L’applicazione dei principi costituzionali
  • Le Regioni hanno costituzionalmentepotestà legislativa, ma in materia di legislazione concorrente:
    • I principi del sistema tributario devono discendere dalla legge statale
    • Le leggi regionali hanno funzione di coordinamento della finanza regionale e locale
  • Le Province e i Comuninon hanno costituzionalmente potestà legislativa, ma hanno spazio nella gestione di tributi locali (introdotti da leggi statali o regionali);
l applicazione dei principi costituzionali6

1

L’applicazione dei principi costituzionali
  • Le normative comunitarie non possono introdurre tributi nel singolo Paese , ma possono influenzarne le scelte di politica tributaria:
    • Il trattato istitutivo della Comunità Europea vieta le imposte doganali :
    • L’IVA è l’unica imposta generale sui consumi;

occorre una armonizzazione delle norme

    • I regolamenti comunitari sono direttamente esecutivi nel nostro ordinamento
    • Le direttive devono essere recepite negli ordinamenti nazionali (ma se le direttive sono molto dettagliate e non lasciano spazio alla discrezionalità, ed è scaduto il termine per il loro recepimento, è giurisprudenza costante della Corte di Giustizia affermarne la diretta applicabilità;
    • La giurisprudenza interna ed internazionale è costante nell’ affermare che: il giudice interno disapplica il diritto interno contrastante con quello comunitario; in caso di dubbio contrasto investe la corte di Giustizia Europea.

Le convenzioni internazionali devono essere ratificate da una legge interna

il sistema tributario italiano nelle grandi linee

1

Il sistema tributario italiano (nelle grandi linee)
  • Imposte, tasse e contributi
    • Imposte dirette
    • Imposte indirette
    • Tributi minori (tasse, contributi, tributi locali)
imposte dirette

1

Imposte dirette

Irpef

(Imposta sul reddito delle persone fisiche)

  • colpisce le persone fisiche,
  • imponibile è il reddito,
  • è personale (in quanto considera la situazione personale del contribuente prevedendo oneri deducibili e detraibili, detrazioni per familiari a carico, ecc.)
  • aliquote progressive per scaglioni.
imposte dirette9

1

Imposte dirette

Ires

(Imposta sul reddito delle società)

  • Colpisce le società di capitali
  • Imponibile è il reddito delle società
  • Aliquota proporzionale
imposte dirette10

1

Imposte dirette

Irap

(Imposta regionale sulle attività produttive)

  • Imposta locale sulle attività produttive (esercizio abituale di attività autonome)
  • Colpisce società (di capitali e di persone), enti pubblici e privati che esercitano principalmente attività commerciali, persone fisiche titolari di reddito d’impresa o di lavoro autonomo;
  • Imponibile è il valore della produzione (con criteri diversi a seconda dei soggetti)
  • Aliquota proporzionale
imposte dirette11

1

Imposte dirette

Ici

(Imposta Comunale sugli Immobili)

  • Imposta patrimoniale
  • Colpisce i possessori di immobili (a titolo di proprietà, leasing, usufrutto, uso, ecc. Sono esclusi l’inquilino, il nudo proprietario, il comodatario)
  • imponibile é il valore degli immobili (sulla prima casa dal 2008 non si paga l’ICI)
  • aliquota proporzionale
imposte indirette

1

Imposte indirette

Sui consumi

  • Iva (imposta sul valore aggiunto)
  • Imposte di fabbricazione (accise)

Sui trasferimenti di ricchezza

  • Imposta di registro
  • Imposta di successione e donazione
tributi minori

1

Tributi minori

Erariali

  • imposta di bollo
  • imposte ipotecarie e catastali
  • imposta sui trattenimenti
  • imposta sulle assicurazioni
  • tasse sulle concessioni governative
  • tasse sulle emissioni inquinanti
  • contributi di riciclaggio e di risanamento ambientale
tributi minori15

1

Tributi minori

Locali

  • Imposta comunale sulla pubblicità
  • Diritti sulle pubbliche affissioni
  • Tassa comunale sui rifiuti (Tarsu)
  • Canone per occupazione di spazi e aree pubbliche
  • Tassa per occupazione di spazi o aree pubbliche (alternativa ai canoni)
  • Diritto annuale CCIIAA
  • Canone per la raccolta e trattazione delle acque
  • Tributo speciale per il deposito in discarica dei rifiuti solidi
  • Imposta di scopo per la realizzazione di opere pubbliche
  • Imposta regionale sulle e missioni sonore degli aeromobili
  • Tasse sui veicoli
  • Imposta provinciale di trascrizione nel PRA
l amministrazione finanziaria

2

L’Amministrazione Finanziaria
  • Il Ministero dell’ Economia e delle Finanze
  • Le Agenzie fiscali
l amministrazione finanziaria17

2

L’Amministrazione Finanziaria
  • Il Ministero dell’ Economia e delle Finanze

percorso evolutivo:

dalMinistero delle Finanze

alleAgenzie

l amministrazione finanziaria18

2

L’Amministrazione Finanziaria

Ministero delle Finanze

  • Competenze (politiche e tecniche)
      • Scelte strategiche e organizzative
      • Gestione delle entrate
  • Criticità
      • Assoggettamento a norme rigide (di contabilità e di gestione)
      • scarsa flessibilità
      • frammentazione delle competenze
      • difficoltà nella gestione delle risorse
      • difficoltà nella valorizzazione delle persone

Ministero dell’ Economia e delle Finanze

  • Dipartimento delle Finanze
  • Dipartimento del Tesoro
l amministrazione finanziaria19

2

L’Amministrazione Finanziaria

Le Agenzie fiscali

Quali sono e cosa fanno le Agenzie

Agenzia delle Entrate

(gestisce le Imposte dirette e indirette e le altre entrate)

Agenzia delle Dogane

(gestisce i diritti doganali, le accise sulla produzione e consumi,

esclusi i tabacchi lavorati -di competenza dell’ Amministrazione dei Monopoli)

Agenzia del Territorio

(servizi di catasto, conservazione registri immobiliari,

osservatorio del mercato immobiliare)

Agenzia del Demanio

(amministra i beni immobili dello Stato, gestisce i beni confiscati)

l amministrazione finanziaria20

2

L’Amministrazione Finanziaria

Cosa sono le Agenzie

  • Enti con personalità giuridica di diritto pubblico
  • (dal 2003 l’Agenzia del Demanio è un Ente pubblico economico)
  • - Sono pubbliche Amministrazioni non statali
  • - Operano dal 1° gennaio 2001

Motivazione della loro istituzione

    • - Separare la gestione politica
    • (linee guida del Ministero) dalla gestione tecnico operativa (delle Agenzie)
  • - Poter utilizzare strumenti gestionali
  • (flessibilità e autonomia) per migliorare l’efficacia e l’efficienza del sistema fiscale
l amministrazione finanziaria21

2

L’Amministrazione Finanziaria

Le caratteristiche delle Agenzie

  • regole più flessibili (manageriali) rispetto a quelle ministeriali (burocratiche)
  • statuto proprio e propri regolamenti di amministrazione e di contabilità
  • autonomia organizzativa
  • (sui propri Uffici), gestionale (valutazione in base ad obiettivi e risultati);
  • autonomia contabile (bilancio proprio, non devono sottostare a controlli esterni)
  • autonomia finanziaria

hanno funzione pubblica, ma operano con regole gestionali di impronta privatistica

(gestione delle risorse umane: contratto separato da quello dei Ministeri)

l amministrazione finanziaria22

2

L’Amministrazione Finanziaria

I rapporti fra Agenzie e Ministero

  • La Convenzione triennale (con adeguamento annuale) fissa:

- Assegnazione di risorse ed obiettivi

- I servizi che le Agenzie devono fornire

- Le modalità di verifica dei risultati (ex post)

- L’Agenzia è autonoma ma responsabile

l agenzia delle entrate

3

L’Agenzia delle Entrate

Le due “missioni" dell’ Agenzia

La struttura organizzativa

l agenzia delle entrate24

3

L’Agenzia delle Entrate
  • Le due “missioni “ dell’ Agenzia
    • La logica del servizio
  • Ascoltare le richieste
  • Adeguare i servizi
  • Il cliente interno ed il cliente esterno
    • Il ruolo del cittadino
  • Il cittadino-suddito (contribuente)
  • Il cittadino fruitore di servizi (utente)
  • il cittadino che chiede i servizi (cliente)
l agenzia delle entrate25

3

L’Agenzia delle Entrate
  • Le due “missioni “ dell’ Agenzia
    • I due clienti dell’ Agenzia
  • Il cittadino (chiede servizi al singolo: assistenza, informazione,
  • rimborsi)
  • lo Stato (chiede servizi alla collettività dei cittadini: accertamento, contenzioso, riscossione)
    • La tax compliance e la coscienza fiscale
  • L’adempimento tributario spontaneo
  • La percezione del dovere fiscale
l agenzia delle entrate26

3

L’Agenzia delle Entrate
  • La struttura organizzativa
    • Le strutture centrali e periferiche
    • La coerenza fra la struttura organizzativa degli Uffici e le “missioni” dell’ Agenzia
  • Le attività esternalizzate
la struttura organizzativa

3

La struttura organizzativa
  • Le strutture centrali e periferiche
  • Gli organi dell’ Agenzia
  • Il Direttore (rappresenta l’Agenzia e la dirige)
  • Il Comitato di gestione (delibera lo Statuto, i Regolamenti,

i bilanci e gli altri atti che regolano

il funzionamento dell’ Agenzia)

  • Il Collegio dei Revisori dei conti (organo di controllo)
la struttura organizzativa28

3

La struttura organizzativa
  • Le strutture centrali e periferiche

Le Direzioni centrali e gli Uffici di staff

Le Direzioni regionali e provinciali

Gli Uffici locali, sezioni staccate e sportelli

I centri di assistenza multicanale (CAM)

I centri operativi di Venezia e Pescara

la struttura organizzativa29

3

La struttura organizzativa
  • La coerenza fra la struttura organizzativa degli Uffici
  • e le “missioni “ dell’ Agenzia
  • L’Area Servizi
  • L’ Area Controllo
  • L’ unità di Direzione e Segreteria
la struttura organizzativa30
La struttura organizzativa
  • Le attività esternalizzate
    • Riscossione spontanea delle imposte

(banche, Poste, pagamento per via telematica)

    • Riscossione coattiva (affidata a Equitalia spa > società a capitale Pubblico: Agenzia e Inps)
    • Trasmissione telematica delle dichiarazioni

(Caf - professionisti)

    • Gestione Anagrafe Tributaria (affidata a Sogei spa > società a capitale pubblico: Ministero Economia e Finanze)
le attivit degli uffici

4

Le attività degli Uffici
  • I principi organizzativi
  • Le attività di accertamento, contenzioso e riscossione
  • I servizi
le attivit degli uffici32

4

Le attività degli Uffici
  • I principi organizzativi

-integrazione delle attività per processi

- gli obiettivi ed i risultati

- la polivalenza

- il lavoro in team

le attivit degli uffici33

4

Le attività degli Uffici
  • Le attività di accertamento, contenzioso e riscossione

Accertamento

  • la liquidazione delle dichiarazioni
  • i controlli formali
  • i controlli sostanziali
  • l’accertamento con adesione
  • l’autotutela
le attivit degli uffici34

4

Le attività degli Uffici
  • Le attività di accertamento, contenzioso e riscossione
  • Contenzioso
  • Le Commissioni tributarie
  • La Corte di cassazione
  • La conciliazione giudiziale

Riscossione

  • L’autoliquidazione ed il versamento spontaneo
  • La riscossione coattiva
le attivit degli uffici35

4

Le attività degli Uffici
  • I SERVIZI
  • L’assistenza e le informazioni
  • Il tutoraggio
  • L’ interpello