slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Cambiamenti climatici governo del territorio Green Economy PowerPoint Presentation
Download Presentation
Cambiamenti climatici governo del territorio Green Economy

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 15

Cambiamenti climatici governo del territorio Green Economy - PowerPoint PPT Presentation


  • 128 Views
  • Uploaded on

Cambiamenti climatici governo del territorio Green Economy La semplificazione amministrativa per le Fonti Energetiche Rinnovabili. I partners di InterPares. Unione delle Province Italiane (TECLA) Unione delle Prefetture Greche Unione delle Contee Romene Partner tecnico Ecosistemi.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Cambiamenti climatici governo del territorio Green Economy' - ember


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

Cambiamenti climatici governo del territorio Green Economy

La semplificazione amministrativa per le Fonti Energetiche Rinnovabili

slide2

I partners di InterPares

Unione delle Province Italiane

(TECLA)

Unione delle Prefetture Greche

Unione delle Contee Romene

Partner tecnico Ecosistemi

slide3

Cosa si propone InterPares

La Provincia é il “bacino ottimale”per affrontare questi problemi, in termini di Pianificazione dello sviluppo delle energie rinnovabili

Conoscenza delle tematiche ambientali territoriali

Adeguatezza delle infrastrutture tecnologiche di rete

Proposta per la Semplificazione delle Procedure, che accompagnano una crescita sostenibile del settore delle energie rinnovabili, che tenga conto:

degli obiettivi di riduzione delle emissioni coerenti con l’obiettivo del +2°

della Strategia Europea Energia 2020

del Piano d’Azione per le Energie Rinnovabili

delle Linee Guida per la semplificazione del 18 settembre 2010

dei SEAP (Piani d’Azione per l’Energia Sostenibile) - Patto dei Sindaci

Su 110 solo 44 Province (di Emilia Romagna, Friuli VG, Lazio, Lombardia, Toscana, Trentino, Umbria) hanno le deleghe per il rilascio dell’Autorizzazione Unica, mentre nelle Contee (Romania) e le Prefetture (Grecia) il grado di decentramento delle funzioni amministrative é ancora basso

slide4

Motivi di interesse

INTERPARES si inserisce in una fase decisiva di evoluzione normativa

Direttiva 2009/28/CE

Settembre 2010 “Linee Guida Nazionali sulle Energie Rinnovabile” 21/09/2010

Novembre 2010 “ Schema di decreto sulle Energie Rinnovabili” 30/11/2010

Marzo 2011 Decreto “Rinnovabili “ del 01/04/11

slide5

Seminari multistakeholders:

i dati del GSE

  • A fine 2010, la potenza complessiva degli impianti fotovoltaici in esercizio è pari a 2.800M, poi aggiustata, nel fine febbraio 2011, si stima che la potenza complessiva possa essere giunta il valore di 3.000 MW.
  • Nel solo anno 2010, quindi, la nuova potenza fotovoltaica installata sarebbe pari a 1.850 MW, con un incremento del 60% rispetto alla potenza entrata in esercizio nell’anno precedente (711 MW).
  • A seguito della Legge 129/2010 (riconoscimento delle tariffe 2010 agli impianti fotovoltaici che entreranno in esercizio entro giugno 2011 purché abbiano comunicato la fine dei lavori entro il 31 dicembre 2010)
  • Sono inoltre pervenute al GSE oltre 50.000 comunicazioni cui corrisponderebbe una potenza dichiarata di quasi 4.000 MW(si tratta però di un dato da verificare : il GSE sta facendo tutte le verifiche opportune, anche mediante sopralluoghi sugli impianti).
  • Il GSE ha riferito che la potenza massima richiesta dal sistema elettrico italiano (16 luglio 2010) è stata di 56.425 MW
slide6

Dati Terna del 31/12/2010

richieste di connessione per Regione

slide7

I temi discussi nei seminari: le questioni nazionali e le proposte

PER LO SVILUPPO E IL SOSTEGNO DELLE RES:

1- Definire al più presto le quote di burden sharing al fine di riequilibrare la produzione regionale per ridurre gli squilibri e gli impatti ambientali soprattutto nelle Regioni che hanno già molti impianti istallati e/o in corso di autorizzazione.

2- Calibrare gli incentivi tra le diverse tecnologie per evitare di drogare il mercato (soprattutto per il fotovoltaico). Inoltre gli incentivi devono riguardare anche i biocarburanti (bioenergia) e il biogas (gli incentivi sul biogas ci sono ma solo se questo viene trasformato in energia elettrica)che sinora sono stati esclusi

3- Regolamentare il sistema degli incentivi in modo che gli incentivi decrescano al decresceredel costo di costruzione degli impianti.

7

slide8

I temi discussi nei seminari: le questioni nazionali e le proposte

4- Individuare soluzioni per la saturazione della rete elettrica: definire norme nazionali per evitare il fenomeno della “prenotazione della capacità di rete”, (open season proposto dall’Autorità per l’energia elettrica e il gas.) Auspicato lo sviluppo delle reti e delle smart grid.

5- Dare visibilità ai dati di capacità della rete elettrica e ai suoi punti critici: creazione di un Portale on line per gli operatori economici

6-Sviluppare il settore delle Biomasse e biogas: allineare le normative sui rifiuti; definire la normativa a livello nazionale per i distretti agro energetici; individuare criteri capaci di considerare le prestazioni ambientali degli impianti in un’ottica estesa di ciclo di vita (ad es. provenienza e di tracciabilità della materia prima)

7-Ridurre la dipendenza dalle importazioni di tecnologia: sostegno alla creazione di una filiera di produzione italiana

8-Promuovere e sostenere la formazione di personale qualificato per la pubblica amministrazione

8

slide9

I temi discussi nei seminari: i problemi a livello regionale e le proposte

PER LA ARMONIZZAZIONE DELLE PROCEDURE DI AUTORIZZAZIONE:

1- Completare il processo di delega alle Province, ma tenendo conto della loro capacità amministrativa ossia disponibilità di personale qualificato.

2- Uniformare le soglie massime di autorizzazione per il fotovoltaico a terra: le Regioni dovrebbero verificare la possibilità di estendere fino a 1MW la DIA o SCIA in base alla capacità amministrativa e tecnica dei comuni

3- Valutare la possibilità di applicazione di oneri istruttori per gli uffici competenti di Province e Comuni (le Linee guida prevedono al max 0.03% dell’investimento)

4- Aggiornare le procedure di Valutazione di impatto ambientale a livello regionale con norme semplificate per ogni tecnologia

5- Uniformare i criteri di individuazione delle aree non idonee a livello regionale tenendo anche conto del Piano Energetico Regionale; occorre verificare la “land capability”per minimizzare il consumo delle aree agricole ad elevata produttività.

9

slide10

I temi discussi nei seminari: i problemi a livello regionale e le proposte

6- Individuare le aree destinate allo sviluppo delle fonti di energia rinnovabile nei piani di governo del territorio; stabilire le soglie massime di utilizzazione del suolo per l’eolico e il fotovoltaico a terra in base alla carrying capacity dei territori; valutare gli impatti sulla trasformazione dell’uso dei suoli e del paesaggio

7- Armonizzare le procedure nelle diverse Regioni italiane:

a)ridurre la discrezionalità dei funzionari, fissando criteri di ammissibilità delle soluzioni tecniche progettuali, per ogni tipologia di impianto

b) predisporre una check-list unica della documentazione da allegare ai progetti

c) ridurre i tempi di comunicazione (con conseguente risparmio di carta): trasmissione della documentazione via posta certificata

10

slide11

I temi discussi nei seminari: i problemi a livello regionale e le proposte

d) definire procedure per le conferenze dei servizi unificate (quando vi siano più proponenti su aree contigue) alla presenza dei gestori di rete per concordare le soluzioni tecniche di connessione coordinate.

e) predisporre manuali tecnici per la progettazione degli impianti (uno per tecnologia) e per l’inserimento ambientale e paesaggistico

f) predisporre un manuale tecnico ad uso dei gestori di rete per la progettazione delle “soluzioni minime di connessione” a ridotto impatto ambientale

11

slide12

Il lavoro da avviare nelle fasi successive del progetto Interpares

A – Definizione dei criteri generali per la individuazione delle aree non idonee sulla base di valori condivisi tra le Regioni, per armonizzare la localizzazione degli impianti sul territorio nazionale e per ridurre gli impatti cumulativi

B – Costruzione di una “mappa decisionale” per ogni tipologia di impianto, condivisa tra tutte le Province, per uniformare le procedure garantendo tempi omogenei di autorizzazione degli impianti nelle diverse Regioni italiane

C – Definizione di un kit per lo sviluppo delle RES contenente tutti gli strumenti, i modelli e i supporti informatici per velocizzare le fasi di progettazione e presentazione dei progetti.

slide13

Sperimentazione delle proposte di semplificazione attraverso un gruppo pilota

Insieme alle Province che aderiscono al progetto Interpares (PROVINCIA DI BOLOGNA) si avvia la sperimentazione: un Accordo quadro sulla regolamentazione armonicadelle procedure di autorizzazione delle RESper stabilire delle soluzioni minime comuni su questi temi:

  • Attenta pianificazione territoriale attraverso il burden sharing
  • Personale qualificato e competenza degli enti
  • Soluzioni progettuali condivise - attraverso manuali tecnici che definiscono criteri minimi di ammissibilità - da applicare in maniera omogenea sul territorio nazionale.
  • Sviluppo tecnologico delle reti attraverso le smart grid
  • Giusto dosaggio degli incentivi statali- certificati verdi