slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
1° Convegno nazionale sulla sicurezza stradale PowerPoint Presentation
Download Presentation
1° Convegno nazionale sulla sicurezza stradale

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 23

1° Convegno nazionale sulla sicurezza stradale - PowerPoint PPT Presentation


  • 309 Views
  • Uploaded on

1° Convegno nazionale sulla sicurezza stradale STATO ED EVOLUZIONE DELL’INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA STRUMENTI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA SICUREZZA VERSO IL 2010 Taranto, 29 marzo 2007. LE ESPERIENZE DELL’ UNIVERSITÀ DI NAPOLI FEDERICO II E DELL’

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

1° Convegno nazionale sulla sicurezza stradale


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
    Presentation Transcript
    1. 1° Convegno nazionale sulla sicurezza stradale STATO ED EVOLUZIONE DELL’INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA STRUMENTI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA SICUREZZA VERSO IL 2010 Taranto, 29 marzo 2007 LE ESPERIENZE DELL’ UNIVERSITÀ DI NAPOLI FEDERICO II E DELL’ AGENZIA REGIONALE CAMPANA PER LA SICUREZZA STRADALE (ARCSS) Prof. Ing. Marino de Luca Direttore del dipartimento di Ingegneria dei trasporti L. Tocchetti Università di Napoli Federico II Presidente ARCSS – Agenzia Regionale Campana Sicurezza stradale

    2. È una società mista (consortile per azioni) di cui fanno parte: la Regione Campania (52%) l’Università di Napoli Federico II (12%) l’Università di Salerno (12%) gli Automobil club delle cinque province campane (24%) costituita nell’aprile del 2003 – prima società di questo tipo in Italia – con lo scopo di promuovere, programmare, coordinare e realizzare attività nel settore della sicurezza stradale sul territorio regionale. ARCSS

    3. Monitoraggio: il Centro Regionale Integrato Sicurezza Stradale (CRISS) e il progetto “Muoversi in Campania” Interventi di messa in sicurezza delle strade: Programma “Strade Sicure” dell’Assessorato ai Trasporti della Regione Campania Sensibilizzazione: campagne e attività nelle scuole Formazione dei tecnici: Master per “Safety Mobility Manager” Le linee di azione di ARCSS

    4. Progetto inserito dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti tra i “PROGETTI STRATEGICI DI RILEVANZA NAZIONALE” Secondo programma di attuazione del P.N.S.S. Co-finanziato dalla Regione Campania Il progetto sarà ultimato entro il 2009. 1/1. CRISS

    5. Monitoraggio: rilevazione sistematica e rappresentazione dei dati di incidentalità per analizzare l’evoluzione del fenomeno e l’impatto degli interventi realizzati Osservatorio: rilevazione sistematica dei fattori comportamentali di rischio come il mancato utilizzo dei dispositivi di sicurezza, la guida in stato psico-fisico alterato, il mancato rispetto dei limiti di velocità…. Integrazione: acquisizione dei dati e delle informazioni sugli incidenti stradali disponibili presso i differenti soggetti (Forze di Polizia, Isvap, Aiscat, strutture sanitarie) 1/2. CRISSLe macro-funzioni del CRISS

    6. Architettura funzionale Regione Campania ARCSS Provincia SALERNO Provincia AVELLINO Provincia BENEVENTO Provincia CASERTA Provincia NAPOLI Grandi Comuni eraggruppamenti Comuni Carabinieri Polizia Stradale Comuni Carabinieri Polizia Stradale Comuni Carabinieri Polizia Stradale Comuni Carabinieri Polizia Stradale Comuni Carabinieri Polizia Stradale 1/3. CRISS

    7. 1/4. CRISS Competenze dei differenti livelli e risorse

    8. 2. MUOVERSI IN CAMPANIA • Sistema informativo integrato sulla mobilità realizzato dall’Assessorato ai Trasporti della Regione Campania e dall’ACI • Dotato di un proprio sistema di sensori e telecamere • ARCSS svolge il ruolo di supervisione e dispone dei dati rilevati

    9. Finanziamento - mediante procedure concorsuali - di interventi degli enti locali nel settore della sicurezza stradale Dal 2000, completate 6 procedure per circa 30 milioni di euro e 156 progetti L’ARCSS: - ha definito i bandi e individuato le azioni finanziabili - ha supportato la Regione Campania nella selezione dei progetti - ha monitorato la realizzazione degli interventi 3/1. PROGRAMMA STRADE SICUREProgettazione e realizzazione degli interventi prioritariRuolo dell’ARCSS

    10. 3/2. PROGRAMMA STRADE SICUREIngegneria – Controllo – SensibilizzazioneAttuazione del I e II programma PNSS • Piani provinciali della sicurezza stradale e Piani della sicurezza stradale urbana • Zone 30, percorsi pedonali, intersezioni e illuminazione • Centri per il monitoraggio dell’incidentalità e dei fattori di rischio • Uffici di polizia dedicati alla prevenzione e controllo: strumenti di rilevazione a distanza delle infrazioni • Strumenti per la registrazione dei parametri di incidenti sulle flotte del TPL • Informazione e sensibilizzazione nelle scuole

    11. 4/1. SENSIBILIZZAZIONEProgetti e piani di comunicazione • 2005 • 500.000 euro per ”Sicurezza Stradale: prendiamola sul serio”: tre spot video; tre spot audio; cinque soggetti per affissioni • Menzione al premio “Regionando 2005” • Premio speciale “Millecanali” • 2006 • 100.000 euro per una campagna in collaborazione con la Fondazione “Cannavaro-Ferrara” sull’uso del casco • 100.000 opuscoli distribuiti nelle scuole medie superiori della Provincia di Napoli

    12. Nel luglio 2003 l’ARCSS ha promosso la costituzione della Rete Regionale della Sicurezza Stradale con: Assessorato ai Trasporti della Regione Campania Compartimento di Polizia stradale Ufficio scolastico regionale Ufficio di coordinamento della Motorizzazione civile ACI regionale per la concertazione e realizzazione di specifiche attività di sensibilizzazione. In questo ambito sono stati realizzati circa 60 corsi per 2.000 docenti delle scuole della Campania. 4/2. SENSIBILIZZAZIONEAttività nelle scuole

    13. Dal luglio 2005 a febbraio 2006 è stato realizzato un corso di alta formazione per “Safety Mobility Manager” riservato a laureati in ingegneria e architettura: 20 partecipanti 500 ore di lezione Moduli dedicati a: Acquisizione ed elaborazione di dati sull’incidentalità Progettazione delle strade urbane e extraurbane Progettazione delle intersezioni Progettazione della segnaletica e dell’illuminazione stradale Road Safety Audit Applicazioni telematica per la sicurezza stradale 4/3. SENSIBILIZZAZIONEMaster per “Safety Mobility Manager”

    14. Articolazione dell’Università di Napoli Federico II nell’ambito della facoltà di Ingegneria Accoglie due settori scientifico-disciplinari - Sistemi di trasporto - Strade, ferrovie ed aeroporti Ne fanno parte 16 professori, 7 ricercatori, 13 dottorandi, 1 assegnista e 8 unità di personale tecnico-amministrativo IL DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DEI TRASPORTI

    15. Master in Ingegneria della Sicurezza Stradale presso il CERISDI – CEntro RIcerche e Studi Direzionali Corso di alta formazione per specialisti in sistemi di monitoraggio, controllo ed informazione per la gestione attiva della sicurezza autostradale Corsi di formazione di ricercatori industriali esperti nella sicurezza delle infrastrutture stradali e ferroviarie FORMAZIONE POST-LAUREAM

    16. “Linee guida per i piani della sicurezza stradale urbana”, in collaborazione con le Università di Roma Tor Vergata e Mediterranea di Reggio Calabria (circolare n.3698/2001 del Ministero LL.PP.) “Linee guida per l’analisi di sicurezza delle strade”, in collaborazione con le Università di Firenze e Palermo (circolare n.3699/2001 del Ministero LL.PP.) Definizione di modelli predittivi dell’incidentalità per rotatorie, strade extraurbane a carreggiata unica e autostrade METODI PER LA PROGETTAZIONE DELLA SICUREZZA STRADALE 1/2

    17. Gli “scenari di incidenti” per valutare l’incidentalità e selezionare interventi e priorità “Identification of hazard location and ranking of measures to improve safety on local rural roads” in collaborazione con l’Università di Catania (Project TREN-03-st-s07.31286) L’analisi benefici/costi per l’individuazione dei provvedimenti più efficaci ai fini del miglioramento della sicurezza in termini di riduzione di incidentalità METODI PER LA PROGETTAZIONE DELLA SICUREZZA STRADALE 2/2

    18. “Influenza della manutenzione delle sovrastrutture sulla sicurezza stradale”: PRIN in collaborazione con le Università della Calabria, di Catania, di Messina e il Politecnico di Torino Articolata in: effetti della manutenzione nelle condizioni di esercizio ordinario effetti della manutenzione nel periodo di costruzione SICUREZZA NEI CANTIERI STRADALI

    19. Modello di scelta del livello di prestazione delle barriere di sicurezza: numero e costo degli incidenti per fuoriuscita in funzione delle caratteristiche della strada, del traffico, dei fattori di pericolo e del livello di prestazione delle barriere di sicurezza Analisi benefici/costi per la scelta della barriera di sicurezza Simulazione numerica della collisione tra barriera e autocarri (software Abaqus ed LS-Dyna) Studio degli incidenti per fuoriuscita dei veicoli SICUREZZA E MARGINI STRADALI

    20. Individuazione dei fattori di incidentalità per le rotatorie urbane Effetti della segnaletica sull’incidentalità delle rotatorie Individuazione di un indice di sicurezza delle rotatorie in funzione del traffico, della geometria, della segnaletica, della pavimentazione e dell’ambiente stradale ROTATORIE

    21. “Sistema robotizzato di spegnimento incendi e monitoraggio ambientale permanente per gallerie stradali e ferroviarie”, in collaborazione con Stopfire S.p.A., Robogat S.r.l., Pomigliano Ambiente S.p.A. con fondi P.O.N. “Ricerca Scientifica, Sviluppo Tecnologico ed Alta Formazione” 2000/2006 “Valutazione del comportamento dell'utente in presenza di porte di accesso mediante l'impiego di tecnologie avanzate” Programma di Ricerca di Rilevante Interesse Nazionale 2006, in collaborazione con le Università di Palermo e Catania PROGETTI DI RICERCA IN CORSO 1/2

    22. “Valutazione e certificazione della sicurezza stradale con l’uso di un simulatore di guida” in collaborazione con TEST – Centro Regionale di Competenza Trasporti, sulla base di un protocollo d’intesa tra ACI Campania, ARCSS, Elasis, Motorizzazione civile (SIIT), Province della Campania, SAM, TEST, Università Federico II. PROGETTI DI RICERCA IN CORSO 2/2

    23. Ing. Nicola Pascale, direttore ARCSS Prof. ing. Luigi Biggiero, associato di Trasporti Prof. Ing. Ciro Caliendo, associato di Strade Ing. Francesco Capaldo, ricercatore di Strade Ing. Mauro D’Apuzzo, ricercatore di Strade Ing. Gianluca Dell’Acqua, ricercatore di Strade Prof. ing. Tommaso Esposito, ordinario di Strade Prof. ing. Ennio Cascetta, ordinario di Trasporti Prof. ing. Pietro Giannattasio, ordinario di Strade Prof. ing. Rodolfo Grossi, associato di Strade Prof. ing. Renato Lamberti, Ordinario di Strade Ing. Alfonso Montella, ricercatore di Strade Prof. ing. Bruno Montella, ordinario di Trasporti Prof. ing. Mariano Pernetti, associato di Strade I RICERCATORI DI ARCSS E UNIVERSITÀ